Tutte le domande

QUESITO:

Quale fra le due seguenti affermazioni è corretta da un punto di vista grammaticale?
Fai il saggio e TRANNE vantaggio.
Fai il saggio e TRAINE vantaggio.

 

RISPOSTA:

La forma verbale corretta √®¬†traine, formata da¬†trai¬†seconda persona singolare dell’imperativo del verbo¬†trarre, e¬†ne, particella pronominale che in questo caso pu√≤ essere parafrasata con ‘da questo comportamento’. La forma¬†tranne¬†(che coincide con la preposizione¬†tranne¬†‘eccetto’) non fa parte della coniugazione di questo verbo; non bisogna, quindi, confondersi con gli imperativi di altri verbi correttamente formati con il raddoppiamento della¬†n¬†di¬†ne:¬†danne¬†(da¬†dare),¬†fanne¬†(da¬†fare),¬†dinne¬†(da¬†dire),¬†vanne¬†(da¬†andare), stanne (da stare).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi grammaticale, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Perché a volte l’articolo si concorda con l’aggettivo (ovvero con la parola che lo segue)? Ad esempio: il tuo amico invece di lo tuo amico, l’ultimo compito da fare invece di il ultimo compito da fare. Si concorda così per evitare la cacofonia?

 

RISPOSTA:

Bisogna distinguere tra l’accordo, che regola la scelta del genere e del numero dell’articolo, e l’armonizzazione della catena fonica, che regola la scelta della forma dell’articolo. L’articolo concorda sempre con il nome; infatti, nei suoi esempi,¬†il¬†e¬†l’¬†sono maschili singolari perch√©¬†amico¬†e¬†compito¬†sono nomi maschili singolari. La forma dell’articolo, poi, cambia a seconda dell’iniziale della parola subito successiva per facilitare la pronuncia dell’intera espressione che contiene l’articolo. L’articolo determinativo maschile singolare, per esempio, ha tre forme:¬†il,¬†lo,¬†l’, ognuna selezionata in base all’iniziale della parola successiva nella frase. Come lei stesso ha notato, del resto, la forma dell’articolo cambia anche se l’articolo √® seguito direttamente dal nome (l’amico, ma¬†il compito); in questo caso, infatti, il nome √® non solo la testa che governa l’accordo, ma anche la parola subito successiva all’articolo.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

In una discussione, un mio caro amico mi indica che Рa suo dire Рtaciamo è una possibile versione alternativa, ma corretta, di tacciamo.
Ogni riferimento che ho trovato sembra smentirlo. Tuttavia, a sostegno della sua ipotesi mi segnala una pagina di Wikipedia. In effetti la voce taciamo è riportata, anche se priva della relativa pagina grammaticale.
Cos√¨ c’√® rimasto il dubbio che possa esistere un uso grammaticalmente corretto, e non relegato a questioni dialettali o di usanze regionali tra i parlanti.

 

RISPOSTA:

La forma¬†tacciamo¬†√® quella sicuramente corretta, anche se¬†taciamo¬†esiste: i pochi verbi in¬†cere¬†(tacere,¬†giacere,¬†(s)piacere…) hanno una radice che cambia (polimorfica) a seconda della desinenza. In fiorentino antico, e da l√¨ in italiano, la consonante prepalatale si rafforza se si trova dopo vocale e davanti a [j], ovvero al suono della i¬†seguita da un’altra vocale (o semivocalica). Per questo¬†taccio,¬†tacciamo,¬†tacciono,¬†taccia,¬†tacciano, ma¬†taci¬†(qui la¬†i¬†√® una vocale, non una semivocale, perch√© non √® seguita da un’altra vocale),¬†tacete,¬†tacere¬†ecc. Le radici polimorfiche sono facilmente soggette a processi analogici; i parlanti, cio√®, spesso adattano le forme minoritarie, per quanto etimologicamente corrette, a quelle maggioritarie, pure corrette, ma derivate da trafile di formazione diverse. Proprio un processo analogico √® quello che ha creato¬†taciamo¬†sulla base del modello maggioritario¬†tac¬†rispetto a quello minoritario¬†tacc-. Si noti che il participio passato¬†taciuto¬†non ha la consonante rafforzata perch√© nasce gi√† come forma analogica (in latino era¬†tacitus) modellata sulla maggioranza dei participi passati dei verbi della seconda coniugazione (creduto,¬†cresciuto,¬†voluto…).
Il processo di adattamento pu√≤ avere successo nel tempo e, effettivamente, creare forme nuove;¬†taciamo¬†(ma anche¬†piaciamo¬†e¬†giaciamo) oggi esistono, ma per queste parole il processo √®¬†in fieri, come testimonia l’atteggiamento dei vocabolari: il GRADIT, che √® aperto all’uso vivo, riporta¬†taciamo¬†accanto a¬†tacciamo¬†(e¬†piaciamo¬†accanto a¬†piacciamo,¬†giaciamo¬†accanto a¬†giacciamo); lo Zingarelli e il Treccani, invece, pur essendo vocabolari dell‚Äôuso, non registrano affatto la variante. In conclusione, attualmente la forma¬†taciamo¬†√® percepita come scorretta, quindi va evitata anche in contesti informali, specie se scritti; in futuro, per√≤, √® probabile che diventi comune accanto a¬†tacciamo¬†e, addirittura, che la sostituisca.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Vorrei chiedere come si divide in sillabe la parola ‚Äúspirituale‚ÄĚ, perch√© a mio avviso nella parola si verifica un dittongo, mentre molti dizionari riportano come corretta la divisione ‚Äúspi-ri-tu-a-le‚ÄĚ.

 

RISPOSTA:

Nella parola spirituale si verifica uno iato perch√© la u primo elemento del gruppo ua √® una vocale e non una semiconsonante (quindi si pronuncia autonomamente rispetto alla a). Come lei osserva, i principali dizionari concordano sulla divisione in sillabe spi-ri-tu-√†-le. Il problema pu√≤ emergere sulle parole in cui la coppia ua √® atona come in spiritualit√† o spiritualista; in questi casi √® difficile dire con certezza se si tratti di dittongo o iato. I dizionari, infatti, divergono sulla divisione in sillabe di queste parole: alcuni applicano il criterio dell’analogia, per cui se nella parola spirituale si verifica uno iato anche in spiritualista si avr√† uno iato, quindi spi-ri-tu-a-l√¨-sta; altri, invece, considerano la sequenza atona un dittongo ascendente, quindi spi-ri-tua-li-t√†.
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Si scrive: “Un bel e solido palazzo” oppure: “Un bello e solido palazzo”? Ovviamente √® preferibile scrivere: “Un palazzo bello e solido”. Ma dovendo scegliere, in questo caso, tra bel e bello, quale si fa preferire?

 

RISPOSTA:

Bel e bello seguono gli stessi criteri degli articoli il e lo. In questo caso, davanti a vocale, pu√≤ avvenire l’elisione di bello; avremo quindi “Un bell’e solido palazzo”.

Raphael Merida

Parole chiave: Aggettivo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

Non so se esista una regola precisa per quanto riguarda l’uso dell’apostrofo in casi come quello che segue: “Hai visto le due sorelle?” “S√¨, le ho viste ieri”. Si potrebbe anche scrivere con l’apostrofo: “S√¨, l’ho viste ieri”? Sono corrette entrambe le forme?

L’elisione degli articoli e dei pronomi √® da evitare quando questi sono plurali: l’amica, ma non l’amiche; l’ho visto, ma non l’ho visti. Impossibile √® l’elisione di gli, perch√© in una sequenza come gl’alberi il nesso -gl- sarebbe pronunciato come in glabro.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

Nella parola saggio, -ggi- può essere considerato un trigramma composto dal digramma -gg- + -i- muta?

Le doppie non sono mai menzionate negli elenchi dei digrammi perch√© rappresentano non fonemi determinati, ma varianti rafforzate di altri fonemi. Non sarebbe, per√≤, del tutto scorretto considerarle comunque digrammi, al pari dei digrammi che rappresentano fonemi scempi. Seguendo il primo criterio, -ggi- in saggio, ovvero, foneticamente, [d í:] o [dd í], √® la variante rafforzata del fonema [d í]; seguendo il secondo, √® un trigramma che rappresenta il fonema [d í:], distinto da [d í]. In entrambi i casi, il grafema -i- in questa parola non corrisponde a un fonema, ma serve a distinguere il suono palatale da quello velare (che si avrebbe in saggo); il termine tecnico per definire questa funzione della -i- √® diacritica o (segno) diacritico. Di solito, inoltre, non si dice che la -i- √® muta perch√© in altre parole rappresenta una semivocale (cambio) o una vocale a tutti gli effetti (farmacia); diversamente, l’-h- √® detta muta perch√© in italiano non ha mai un suono (per approfondimenti si veda qui).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Scritto-parlato-mediato
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Riguardo il suo ultimo intervento (‚Äú√ą bastato a/per e topicalizzazioni‚ÄĚ) mi √® quasi tutto chiaro.

L’unica cosa che non mi √® totalmente chiara √® quella che riguarda la topicalizzazione.

Secondo me: Per esempio, con un complemento di fine o proposizione finale anteposta, quest’ultimo/a √® topicalizzato/a e invece l’elemento focalizzato/marcato all’interno della frase √® il soggetto posposto (“impegno”) ed √® l√¨ che cade la tonica:

  1. a) Cosa √® bastato a raggiungere l’obiettivo/ al raggiungimento dell’obiettivo?
  2. b) A raggiungere l’obiettivo/al raggiungimento dell’obiettivo √® bastato il sano impegno.

Invece quando il complemento di fine o proposizione finale viene posposto/a (piuttosto che anteposto/a) diventa l’elemento focalizzato/marcato (cio√®, vi cade la tonica) e di conseguenza il soggetto (“impegno”) non ha particolare rilievo nella frase:

  1. c) L’impegno a cosa √® bastato?
  2. d) L’impegno √® bastato a raggiungere l’obiettivo/al raggiungimento dell’obiettivo.

Era questo che intendevo parlando di focalizzazione.

Sono corrette le mie considerazioni?

 

RISPOSTA:

S√¨, le sue considerazioni ora sono corrette. Dalla sua precedente domanda sembrava considerare focalizzato quanto si trovasse preposto al verbo o alla reggente, mentre in quei casi di tratta di topicalizzazioni. Bench√© la terminologia sui fenomeni di sintassi marcata talora oscilli lievemente (non tutti danno a focus lo stesso significato), di norma ci√≤ che √® focalizzato ha maggiore salienza fonica (non soltanto accentuativa), ha maggior rilievo informativo, veicola un‚Äôinformazione nuova e talora contrastata e riguarda il comment (o rema) o una sua parte. Di norma si trova sul lato destro degli enunciati, tranne casi specifici in cui viene anticipato, ma con forte rilievo prosodico: per es., ¬ęLUI devi incolpare, non me!¬Ľ. Quanto √® topicalizzato, all‚Äôopposto, ha funzione di topic (o tema), √® dato, ha intonazione ascendente-sospensiva, non saliente, si trova di norma sul lato sinistro degli enunciati.

Fabio Rossi

Parole chiave: Sintassi marcata, Tema e rema
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Quali e quante sono le forme ormai cristallizzate che risulterebbero fuori norma se impiegate senza la ‚Äúd‚ÄĚ eufonica, a parte ad esempio, ad eccezione, ad ogni buon conto?

 

RISPOSTA:

Non esiste una norma precisa che regoli l‚Äôuso della d eufonica. Per esempio, alcune delle locuzioni da lei citate possono scriversi legittimamente senza la d eufonica: a eccezione di e a ogni buon conto (cos√¨ sono riportate anche nei principali vocabolari dell‚Äôuso). Una delle rarissime eccezioni in cui la d eufonica √® quasi sempre presente per via della sua specificit√† √® la locuzione ad esempio, divenuta a tutti gli effetti una formula (insieme a per esempio). Tuttavia, potremmo trovare la locuzione a esempio in una frase tipo: ‚ÄúLa pazienza di Luca viene sempre portata a esempio di virt√Ļ da imitare‚ÄĚ.

In generale, la d eufonica, che in realt√† √® etimologica perch√© risalente a un d o a un t latini in ad, et o aut (da cui a, e, o), ha goduto nel corso del tempo di una certa elasticit√†: molto usata nella lingua antica, ridotta nell‚Äôitaliano moderno. Secondo il linguista Bruno Migliorini, l‚Äôuso della d eufonica dovrebbe essere limitato ai casi di incontro della stessa vocale come in ad Alberto, ed ecco ecc., ma anche in esempi come questi, per via della flessibilit√† dell‚Äôitaliano contemporaneo nei confronti dello iato (cio√® l‚Äôincontro di due vocali di due sillabe diverse), si potrebbe omette la d come in ‚ÄúHo chiesto a Luca e Erica‚ÄĚ.

Insomma, l’uso della d eufonica non ha regole precise ma cammina costantemente con l’evoluzione della lingua e la sensibilità di chi parla o scrive.

Di seguito suggeriamo alcuni casi in cui l’aggiunta di una d sarebbe sconveniente (1 e 2) o da evitare (3 e 4):

 

  1. quando la presenza di una d appesantisce la catena fonica e la vocale della parola successiva √® seguita da d come in ‚Äúedicole ed editoriali‚ÄĚ;
  2. in frasi come ‚Äúsi dice ubbidire od obbedire‚ÄĚ perch√© la presenza della d dopo la vocale o risulterebbe ormai rara e antiquata.
  3. prima di un inciso: ‚ÄúHo chiesto a Luca di uscire ed, ogni volta, risponde di no‚ÄĚ;
  4. davanti alla‚Äôh aspirata di parole o nomi stranieri: ‚ÄúCase ed hotel‚ÄĚ o ‚ÄúSabine ed Halil‚ÄĚ.

 

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Vi propongo un dubbio di punteggiatura riguardante il titolo di un libro: “Ultima fermata Parma”. Mi chiedo se fra fermata e Parma sia preferibile collocare due punti oppure una virgola.

 

RISPOSTA:

I titoli come quello da lei proposto sono frasi nominali; l’assenza di un verbo rende difficilmente applicabili le comuni regole sintattiche, comprese quelle sulla punteggiatura, e configura la frase come un enunciato, unit√† comunicativa in cui emergono le esigenze testuali, legate alla segnalazione del ruolo informativo dei costituenti. Nel caso specifico Ultima fermata rappresenta il tema, o topic, dell’enunciato, mentre Parma ne √® il rema, o comment; in altre parole, nell’enunciato viene introdotto un elemento, il topic, intorno al quale viene aggiunta un’informazione, il comment. La distinzione tra topic e comment nel parlato √® affidata a una pausa, tipicamente accompagnata da un’intonazione specifica per l’uno e l’altro costituente: il topic sar√† pronunciato con un andamento prosodico verso l’acuto sulla sillaba tonica, subito prima della pausa, quindi il rema avr√† un’intonazione conclusiva. In questo quadro le soluzioni interpuntive sono varie: √® possibile non inserire alcun segno, lasciando che la distinzione emerga da s√© nella lettura, oppure si possono inserire una virgola o i due punti. Con la virgola si segnala soltanto la separazione, presentando il comment come aggiunto al topic; con i due punti si suggerisce un dettaglio in pi√Ļ (che tutto sommato √® ricavabile anche con la virgola, ma con un piccolo sforzo interpretativo del lettore), cio√® che il comment veicola una spiegazione, una chiave di lettura del valore del topic. Ovviamente con questa soluzione lo scrivente sottolinea che il lettore abbia bisogno di questo tipo di istruzione, quindi lo invita apertamente a riconoscere il rapporto tra i costituenti come carico di un implicito da scoprire.

Si può, infine, usare anche il punto fermo, con la conseguenza di creare due enunciati, quindi di dare la funzione di comment a entrambi i costituenti.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Fossato è un derivato di fosso? Maggiordomo può essere considerato un nome composto? Nomi come Patty o Dany sono nomi alterati?

 

RISPOSTA:

Tra fossato e fosso c’√® un rapporto non di derivazione del primo dal secondo, ma di comune provenienza quasi dallo stesso verbo: fossato √® un nome primitivo, che continua direttamente il latino FOSSATUM, a sua volta participio perfetto del verbo FOSSARE ‘scavare’ (variante intensiva del verbo FODERE ‘scavare’); fosso √® un’evoluzione di fossa, a sua volta participio perfetto (al neutro plurale) proprio del verbo FODERE.

Anche maggiordomo, adattamento del latino MAIOR DOMUS ‘capo della casa’, √® una parola primitiva. In generale, le parole formate per derivazione o composizione in altre lingue (prime tra tutte il latino e il francese) e successivamente entrate in italiano sono, dal punto di vista dell’italiano, primitive.

Il processo di alterazione pu√≤ riguardare anche i nomi propri (Sergione, Annuccia, Giorgino…); in particolare, i nomi propri modificati con suffissi diminutivi o vezzeggiativi sono definiti ipocoristici. Gli esempi da lei portati, per√≤, sono formati con procedimenti diversi dall’alterazione: il primo √® a tutti gli effetti un nome proprio non alterato (non √® possibile, infatti, risalire a una base; se fosse Patrizia l’esito sarebbe Patri o Patry), di origine inglese; il secondo √® l’esito di un accorciamento (lo stesso processo che, per esempio, forma auto da automobile) da Daniele o Daniela. Si noti che l’accorciamento darebbe come risultato Dani: la forma Dany √® influenzata in generale dal modello dei nomi inglesi, in cui una -i finale √® sempre -y (e forse anche dal nome Danny, inglese come Patty).

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Ho sempre utilizzato la parola latina ius premettendo ad essa l’articolo lo, probabilmente influenzata da casi analoghi (lo Ione di Platone). Mi accade per√≤ di leggere il ius su un manuale. Quale dei due articoli (il/lo) costituisce la forma corretta?

 

RISPOSTA:

Senza dubbio alcuno lo ius. Infatti, anche volendo appigliarsi alla pronuncia (forse) non semiconsonantica, ma vocalica, della i prevocalica, l’articolo mai sarebbe il, ma semmai l’: l’imbuto. E infatti l’ius (così come l’iena, per la iena) è possibile, sebbene minoritario e arcaico.

Fabio Rossi

Parole chiave: Articolo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Potrebbe gentilmente chiarirmi un dubbio riguardo all’uso della vocale I nel digramma GN? I verbi impegniamo, bagniamo, insegniamo si scrivono con la I?

Potrebbe inoltre dirmi come fare la divisione in sillabe delle stesse parole?

 

RISPOSTA:

Le forme verbali da lei segnalate si scrivono con la i, alla prima persona del presente indicativo e congiuntivo, perché la i fa parte della desinenza verbale (-iamo), non della radice (e infatti i verbi sono impegnare, bagnare, insegnare ecc., senza i). Diciamo amiamo, non *amamo. Naturalmente la i si scrive ma non si pronuncia, perché viene assorbita dalla pronuncia palatale del nesso GN. La divisione in sillabe è la seguente: im-pe-gnia-mo; ba-gnia-mo; in-se-gnia-mo.

Fabio Rossi

Parole chiave: Analisi grammaticale, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

E’ risaputo che l’imperativo di “dire” √® di’( con l’apostrofo) in quanto ci troviamo di fronte al troncamento di “dici”. Questo “dici” da dove esce? √ą forse una espressione italiana arcaica?

 

RISPOSTA:

No, in italiano, di ieri e di oggi, l’imperativo del verbo¬†dire, che deriva da¬†dic¬†(e non¬†dice) latino, √® sempre stato¬†di’¬†(scritto con varie grafie, sebbene oggi l’unica standard sia quella apostrofata). Dunque¬†dici¬†NON √® apocope dell’italiano¬†dici, che non esiste (o quanto meno non √® contemplato dal sistema verbale dell’italiano standard)!¬†Dici, pure attestato in italiano (substandard) di ieri e di oggi pu√≤ avere varie spiegazioni (ogni errore, o se preferisce ogni alternativa substandard, ha una sua spiegazione, cio√® una sua regola, o pi√Ļ d’una):

  1. √® un tratto dialettale: in Sicilia, molti, quasi tutti, dicono¬†dici, come imperativo, perch√© c’√® nel loro dialetto. Lo stesso dicasi per il napoletano. E’ insomma un tratto di italiano regionale.
  2. Pu√≤ essere un’erronea ricostruzione della forma¬†di’, avvertita come apocope da¬†dici¬†(che per√≤, come gi√† detto, non √® apocope dall’italiano, bens√¨ dal latino¬†dic, che perde solo la¬†c, non¬†ce/ci, che non esistono).
  3. Erronea estensione analogica degli imperativi delle altre forme verbali: dunque¬†dici¬†come¬†leggi,¬†prendi¬†ecc., uguali alle seconde persone dell’indicativo.
  4. Dici¬†pu√≤ anche essere, in certi contesti,¬†un’estensione dell’indicativo usato come imperativo (cio√® il cosiddetto indicativo iussivo): “Ora la finisci e mi porti i compiti” (anzich√© “Finiscila e portami i compiti”). Ovviamente, se fosse questo il caso (per es. “ora mi dici tutta la verit√†”),¬†dici¬†non sarebbe un errore.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Quale affermazione delle seguenti è corretta?
Piantare in asso.
Piantare in Nasso.
Io penso tutte e due.
La prima si riferisce al gioco della carte.
(l‚Äôasso come carta che in molti giochi ha valore ‚Äúuno‚ÄĚ)
La seconda alla mitologia greca

 

RISPOSTA:

L’unica forma corretta √® “piantare in asso”, che ha per√≤ un’etimologia che non ha nulla a che vedere col gioco delle carte. Essa infatti deriva dal mito di Arianna piantata “in Nasso” da Bacco. L’espressione √® state reinterpretata popolarmente, mediante erronea segmentazione di parole,¬†in nasso > in asso. Oggi, tuttavia, la forma originaria ha del tutto perso il suo valore idiomatico, che √® rimasto soltanto proprio della seconda (cio√® quella originariamente sbagliata).
Quindi, concludendo, oggi NON si pu√≤ dire “piantare in Nasso”, MA si pu√≤ dire SOLO “piantare in asso”, sebbene l’origine della seconda espressione sia la prima. L’etimologia spiega l’origine delle parole MA NON ne giustifica l’uso odierno. Se cos√¨ fosse, oggi il significato di¬†casa¬†sarebbe “baracca” e il significato di¬†duomo¬†sarebbe “casa”, perch√© questi ultimi, in effetti, erano i significati delle antiche parole latine¬†casa¬†e¬†domum. Le parole e le frasi cambiano, come cambiano i loro significati.

Fabio Rossi

Parole chiave: Etimologia
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Nella penultima strofa della poesia che riporto qui sotto, ho usato il futuro semplice andrò mentre il verbo precedente è al presente. Lo ritenete corretto o sarebbe meglio usare anche lì il presente? 

“…e¬†domani, speriamo bene, /¬†comincio: andr√≤ a bottega /¬†da un certo Verrocchio…”.

 

RISPOSTA:

L’alternanza¬†comincio¬†/¬†andr√≤¬†√® possibile: pu√≤ essere giustificata da una sfumatura semantica intesa dall’autore, da ragioni fonetiche o entrambe le cose insieme.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Retorica, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Gradirei sapere perch√© il plurale della parola¬†assassinio¬†risulta essere assassinii, mentre il plurale della parola¬†guscio¬†o¬†della parola¬†occhio¬†risulta essere (almeno da quello che ho avuto modo di notare in alcuni scritti)¬†gusci¬†e¬†occhi, anzich√©¬†guscii¬†e¬†occhii. Vorrei sapere se¬†c’√® una regola in proposito.

 

RISPOSTA:

Nell’italiano contemporaneo i nomi che al singolare finiscono in¬†-io¬†al plurale mantengono la¬†i¬†se essa √®¬†accentata (addio¬†>¬†addii), la perdono se non √® accentata (occhio¬†>¬†occhi). Le forme¬†occhii,¬†guscii,¬†bivii¬†ecc., rispettose della forma della parola, ma non del suono, visto che la sequenza¬†ii¬†del plurale si pronuncia come un’unica¬†i,¬†sono attestate fino a met√† Novecento, per poi divenire rare o essere completamente abbandonate.
La¬†i¬†non accentata del singolare si mantiene al plurale nella parola¬†assassinio¬†soltanto per distinguere nello scritto questo nome dall’omofono (nonch√© omografo)¬†assassini, plurale di¬†assassino. Si noti che questa motivazione √® molto debole, infatti il plurale¬†assassini¬†per¬†assassinio¬†√® anche possibile, cos√¨ come il plurale¬†omicidi¬†per¬†omicidio¬†√® pi√Ļ comune di¬†omicidii, a dispetto dell’esistenza dell’omofono e omografo¬†omicidi, plurale di¬†omicida.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Storia della lingua
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Quali delle seguenti frasi, è corretta da un punto di vista grammaticale?
Non ci ho voglia
Non c’ho voglia
Non ciò voglia
 

 

RISPOSTA:

“Non ci ho voglia” e “Non c‚Äôho voglia” sono entrambe corrette, sebbene entrambe informali (la seconda pi√Ļ della prima) e adatte pi√Ļ al parlato che allo scritto, per via della presenza del¬†ci¬†attualizzante, rispetto al pi√Ļ formale “Non ho voglia”. La seconda, inoltre, genere problemi di pronuncia, poich√©, per la mancanza di una vocale palatale, indurrebbe l’erronea pronuncia “k√≤”.
“Non ci√≤ voglia” √® un grave errore, perch√© confonde “ci ho” con il pronome “ci√≤”, solo per via del fatto che la pronuncia delle due forme √® identica. Naturalmente la forma “non ci√≤ voglia” non ha alcun senso e dunque √® annoverabile tra le forme di italiano popolare, oppure di interlingua, ovvero una forma tipica di chi non conosce bene o affatto la lingua italiana.

Fabio Rossi

Parole chiave: Registri
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Con la parola stivali si usa quelli o quegli, belli o begli?
Ad esempio questa affermazione √® corretta? “Ho visto dei begli stivali. Penso proprio che prender√≤ quegli”.

 

RISPOSTA:

Tutti i nomi che cominciano per¬†s¬†seguita da altra consonante (comunemente detta¬†s¬†impura) richiedono l’articolo determinativo¬†lo¬†/¬†gli, quindi anche gli aggettivi¬†quello¬†/¬†quegli¬†e¬†bello¬†/¬†begli. Il sintagma corretto, pertanto, √®¬†begli stivali. Il pronome¬†quello¬†non √® toccato da questa regola: esso presenta soltanto le forme¬†quello¬†/¬†quella¬†/¬†quelli¬†/¬†quelle. Nella sua frase, quindi, dovr√† scrivere¬†prender√≤ quelli. Si badi che anche l’aggettivo¬†bello¬†torna alla sua forma base se non √® seguito da un nome iniziante per¬†s¬†impura; per esempio: “Belli¬†quegli stivali!”¬†(e non *”Begli quegli stivali!”).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 2
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

“Entro stasera bisogna che il capoufficio mi chiami/mi abbia chiamato.”
“Entro stasera bisognerebbe che il capoufficio mi chiamasse/mi avesse chiamato.”
Se le due varianti proposte per ognuna delle frasi sono corrette, domando:
le forme verbali in questi casi sono riconducibili alla consecutio (abbia chiamato e avesse chiamato sono rispettivamente anteriori a bisogna e bisognerebbe), oppure indicano il grado di probabilit√† dell’evento (abbia chiamato e avessi chiamato sono meno probabili rispetto a chiami e chiamasse)?

 

RISPOSTA:

Il verbo¬†bisognare¬†(e analoghi:¬†√® necessario,¬†richiesto¬†ecc.) regge una completiva che ha due marche di subordinazione: il connettivo¬†che¬†(talora omesso) e il congiuntivo, che nel registro meno formale pu√≤ tranquillamente sempre essere sostituito dall‚Äôindicativo. Il congiuntivo, pertanto, retaggio di antiche reggenze latine, serve a indicare la subordinazione e non il grado di eventualit√† (come erroneamente detto dalle grammatiche), tranne in alcuni ovvi casi come il periodo ipotetico ecc. (ma su questo trover√† ampia documentazione nel nostro archivio delle risposte DICO digitando la parola¬†congiuntivo). La completiva retta da¬†bisogna¬†non ha bisogno (scusi il gioco di parole) di specificare finemente il tempo dell‚Äôazione rispetto alla reggente; in altre parole, da adesso (momento dell‚Äôenunciazione, ovvero di chi dice¬†bisogna) a quando l‚Äôenunciatore/trice ritiene che ‚Äúbisogni‚ÄĚ, l‚Äôazione si esprime di norma al presente (o all‚Äôimperfetto in dipendenza da¬†bisognava). Oltretutto, nel suo esempio, l‚Äôazione della chiamata non √® anteriore, bens√¨ posteriore alla reggente (bisogna adesso), ma √® semmai anteriore rispetto alla circostanza posta dallo/a stesso/a enunciatore/trice (entro stasera). Motivo per cui, a maggior ragione, non c‚Äô√® alcun bisogno di utilizzare il passato (mi abbia chiamato¬†/¬†mi avesse chiamato), n√© c‚Äôentra nulla l‚Äôeventualit√†; come ripeto, infatti, il congiuntivo √® richiesto (nello stile formale) come marca di subordinazione, non come indicazione di eventualit√† (bisogna, oltretutto, esprime la necessit√† non certo l‚Äôeventualit√†, sebbene non sia certo se la persona chiami o no). Quindi, la¬†consecutio temporum¬†non richiede affatto il passato e l‚Äôazione espressa al presente (o all‚Äôimperfetto) rappresenta l‚Äôalternativa migliore. Possiamo dunque dire che l‚Äôalternativa¬†mi¬†abbia / avesse chiamato sia¬†(o √®) scorretta? Non direi: con la lingua si pu√≤ fare quasi tutto quel che si vuole e pertanto se un/a parlante sente l‚Äôesigenza di esprimere l‚Äôazione come anteriore vuol dire che la lingua gli/le consente di farlo, per√≤ mi sento di affermare che la soluzione al passato / trapassato sia / √® meno appropriata, soprattutto a un contesto formale.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Ho un dubbio a proposito della divisione in sillabe di parole che presentano le vocali ui o iu.
Sui-no o su-i-no? Re-sti-tui-re o re-sti-tu-i-re?
In particolar modo, se la vocale accentata è la seconda ho trovato pareri discordanti.
Quindi, dittongo o iato?

 

RISPOSTA:

In entrambi i casi da lei proposti si tratta di uno iato, perché la u primo elemento della coppia ui è una vocale, e non una semivocale (quindi si pronuncia autonomamente rispetto alla i). Per questa ragione la divisione in sillabe sarà su-i-no e re-sti-tu-i-re. 
Fabio Ruggiano
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Mi sembra che¬†gran¬†e¬†grande¬†siano quasi sempre interscambiabili, sia al maschile che al femminile. Esempi:¬†un gran silenzio¬†e¬†un grande silenzio;¬†una gran donna¬†e¬†una grande donna. Ovviamente, davanti ad una vocale si dir√†¬†un¬†grand’uomo, con la¬†d¬†prima dell’apostrofo e non¬†un gran uomo. Idem al femminile:¬†una grand’italiana. Ma con la¬†z¬†e la cosiddetta¬†s¬†impura come la mettiamo? Ho¬†letto recentemente su un quotidiano:¬†un gran spavento. Non si dovrebbe dire e scrivere¬†un grande spavento? E con la z, non penso si possa dire¬†una gran¬†zuppa¬†e¬†un gran zio. Ma allora dovrebbe essere sbagliato anche¬†un gran¬†spavento

 

RISPOSTA:

La risposta “Grande / gran / grand’” dell’archivio di DICO risponde quasi pienamente a questa domanda. Aggiungo qui che nell’Italia settentrionale √® del tutto comune l’uso di gran¬†in tutti i contesti, anche davanti a consonanti implicate (come la¬†s¬†impura), non contemplato nell’italiano standard. Non mi sorprenderebbe, pertanto, che l’esempio da lei letto sia opera di uno scrivente di provenienza settentrionale.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Aggettivo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Nello studio della grammatica di nostra figlia ci siamo imbattuti un una¬†discrepanza tra due libri di testo sull’argomento dei trigrammi che sono quindi a¬†chiedervi di dirimere.
La prima domanda è quindi se i trigrammi siano da considerarsi due o quattro.
Inoltre:
1) in “Grammatica Pratica” di E. Sergio √® scritto che¬†ci¬†e¬†gi¬†seguiti da¬†a,¬†e, o, u sono digrammi. Quindi¬†specie,¬†cieco,¬†cielo,¬†societ√†,¬†superficie,¬†braciere,¬†panciera,¬†grattacielo,¬†igiene¬†e derivati,¬†effigie¬†sono da considerarsi correttamente digrammi?¬†
2) Nella stessa grammatica viene illustrato il caso di sciatore e fruscio e evidenziando che non si tratta di trigrammi. Sono quindi da considerarsi digrammi?
3) In “Datti una Regola” di E. Zordan c’√® una nota sia per i digrammi che per i trigrammi: “nei gruppi¬†ci,¬†gi¬†seguiti da vocali, la¬†i¬†serve solo da segno grafico per rendere dolci i suoni¬†c¬†e¬†g“. Per segno grafico si intende segno diacritico? Ovvero nei digrammi e trigrammi¬†i¬†ed¬†h¬†sono sempre segni diacritici?

 

RISPOSTA:

I trigrammi in italiano sono 2, gli (come in aglio) e sci (come in sciocco). I digrammi, invece, sono sette: gl davanti a i (figli); gn davanti a vocale (compagno); ch davanti a e e i (chiedere); gh davanti a e e i (margherita); sc davanti a e e i (scena); ci davanti a a, o, u (camicia); gi davanti a a, o, u (valigia). Il caso dei gruppi ci e gi seguiti da e è oggetto di dibattito, perché qui la i non corrisponde a un fonema né ha funzione diacritica; continuiamo a scriverla soltanto per mantenere la somiglianza grafica delle parole con la loro base etimologica (ad esempio effigie < effigiem, panciera < pancia + -iera, camicie < camicia ecc.). Se eliminiamo questa i il suono della parola non cambia affatto (infatti alcune di queste parole si possono scrivere anche senza i, come pancera o effige). Effettivamente, però, anche in questo caso abbiamo due grafemi (c + i e g + i) che rappresentano un unico fonema, quindi possiamo considerarli digrammi.
Chi¬†e¬†ghi¬†non sono trigrammi, ma l’unione di due digrammi,¬†ch¬†e¬†gh, con la vocale (o la semivocale)¬†i. Si noti, infatti, che in¬†aglio¬†e¬†sciocco¬†i gruppi di grafemi¬†gli¬†e¬†sci¬†rappresentano ognuno un unico suono, mentre in¬†chiedere¬†e¬†ghiro¬†i gruppi¬†chi¬†e¬†ghi¬†rappresentano due suoni, rispettivamente¬†ch-i¬†e¬†gh-i.¬†
La¬†i¬†segno diacritico (o segno grafico, cio√® senza valore fonetico) √® quella che serve a indicare che il grafema precedente deve essere pronunciato come palatale (o dolce) e non come velare (o duro). Per esempio nella parola¬†sciatto¬†la¬†i¬†indica che il fonema corrispondente al digramma¬†sc¬†√® palatale. Dal momento che il grafema¬†i¬†√® funzionale alla pronuncia del digramma¬†sc¬†lo consideriamo un tutt’uno con esso, per cui otteniamo il trigramma¬†sci. Se in questa parola togliamo il grafema¬†i¬†otteniamo una parola diversa,¬†scatto, nella quale abbiamo¬†due fonemi distinti, quello corrispondente al grafema¬†s¬†e quello corrispondente al grafema¬†c¬†velare (oltre agli altri che completano la parola). La¬†i¬†√® un segno diacritico nei digrammi¬†ci¬†e¬†gi¬†e nei trigrammi; ha, invece,¬†valore fonetico, cio√® corrisponde a un fonema autonomo, quando √® accentata (come in¬†fruscio, in cui abbiamo il digramma¬†sc¬†seguito dal fonema corrispondente a¬†i)¬†oppure quando non √® preceduta da¬†sc,¬†c,¬†g¬†o¬†gl¬†(attivit√†). La parola¬†sciare¬†√® un caso isolato, perch√© non si pronuncia¬†sci√†re, quindi con il trigramma¬†sci, ma quasi¬†sc√¨√†re, con la¬†i¬†autonoma. Per capire meglio questa particolarit√† basta confrontare la pronuncia di¬†sciare¬†con quella di¬†sciara¬†(‘la scia della lava depositata sui fianchi di un vulcano’), in cui¬†sci¬†√® un trigramma.
Anche l’h¬†√® un segno diacritico, che indica il contrario della¬†i, ovvero che il fonema precedente deve essere pronunciato come velare e non come palatale.¬†In italiano l’h¬†non ha mai valore fonetico (√® “muta”), ma¬†pu√≤ servire 1. come segno diacritico; 2. a distinguere graficamente due parole omofone (ad esempio¬†ha¬†e¬†a); a rappresentare una particolare emissione della voce nelle onomatopee¬†ah!,¬†oh!¬†e simili.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Navigando su internet mi sono imbattuto quasi per caso nel concetto di “vocali sonore aspirate” (alla voce wikipedia di “sonorizzazione aspirata”). Potrei chiederle gentilmente se si tratta di un errore (si sa il grado di attendibilit√† di wikipedia…) oppure se √® qualcosa che riguarda lingue particolari.¬†

Alla voce predetta ci si limita a dire che “le vocali sonore aspirate sono scritte.¬†Secondo me si intendeva dire vocali sonore mute (in francese esistono).

Vorrei inoltre chiederle alcune conferme in tema di parole con le doppie: è esatto dire che le doppie sono allungamenti delle consonanti o delle vocali di durata variabile (non quindi necessariamente con raddoppio della sonorità), anche a seconda del grado di intensità che si vuole dare di volta in volta alla parola utilizzata? La finalità delle doppie qual è, quella di creare nuove combinazione per nuove parole? 

Infine, esistono dati (anche per approssimazione ovviamente) circa il numero di parole  italiano con le doppie?

 

RISPOSTA:

La voce di Wikipedia sembra, in questo caso, un mezzo disastro (altre voci sono ben fatte, ma questa no), perch√© usa il termine tecnico¬†sonorizzazione¬†in due accezioni differenti: da un lato, nel senso noto in fonologia (√® sonoro ci√≤ che mette in vibrazione le corde vocali, sordo ci√≤ che non le fa vibrare); dall’altro, come termine (impreciso) della versione vulgata della fonetica articolatoria che indica pi√Ļ o meno ‘ci√≤ che √® udibile‚Äô, cio√® udibile anche se sussurrato e con notevole passaggio di aria. Lo stesso dicasi per¬†aspirato, usato in modo contraddittorio. √ą chiaro che tra i due significati ci sia un ampio margine di sovrapposizione: ci√≤ che √® udibile deve, in certo qual modo, produrre vibrazione delle corde. Ma non necessariamente, in realt√†: anche un soffio √® udibile, ma non per questo √® sonoro (cio√® non provoca vibrazione delle corde vocali): da qui l’uso incoerente o oscillante dei termini¬†sonoro¬†e¬†aspirato¬†in questo articolo di Wikipedia.

Il disastro diventa massimo quando l‚Äôarticolo invoca un’inconsistente “vocale sonora aspirata”. Se √® vocale, √® per forza sonora (in fonetica, ma non in ortografia, come dir√≤ tra un secondo) e se √® aspirata non √® solo vocale, ma ha almeno una testa o una coda consonantica, per es. un fonema glottidale (come nelle numerose lingue che contengono consonanti aspirate) o di altra natura. Come se pronunciassi “ha” con una forte aspirazione iniziale: √® chiaro che ad essere aspirata non sarebbe la vocale, ma la consonante che la precede (non certo in italiano, dove la¬†h¬†√® sempre muta, cio√® si scrive ma non si pronuncia).

Nulla di tutto questo ha a che vedere con le mute, che è un concetto che Рper es. nel francese la e non accentata, o nella h italiana Рha a che vedere con la grafia e con la pronuncia: cioè alcuni segni di scrivono (per retaggio grafico del passato) ma NON si pronunciano (o si neutralizzano nella pronuncia come schwa, nel caso della e in certe parole e in certe pronunce del francese odierno e del passato, ma con modalità differenti nelle diverse epoche).

Insomma: un conto √® l’aspirazione (che non ha a che vedere con le vocali ma con le consonanti), un conto l’essere muto (problema grafico e fonetico insieme), un conto la sonorit√† (che riguarda la vibrazione, rispetto alla non vibrazione, delle corde vocali), e un altro conto ancora √® la pronuncia sussurrata o sfiatata o altro, che riguarda unicamente una modalit√† di articolazione pertinente alla fonetica e non (salvo eccezioni di certe lingue) alla fonologia. Per un esempio di pronuncia sibilata (o aspirata, come erroneamente definita nell’articolo) immagini quando lei sussurra una frase per non essere sentito da tutti.

Inoltre, quando Wikipedia scrive “le vocali ecc. sono scritte ecc.” intende dire: ‘si scrivono in alfabetico fonetico come [a] [e] ecc.’, ma, ancora una volta, sbaglia, perch√© se sono veramente aspirate si scrivono (sempre in alfabeto fonetico) diversamente e presuppongono prima (o pi√Ļ raramente dopo) della vocale stessa un elemento consonantico (se trattasi di un fonema, nelle lingue che posseggono fonemi aspirati: quali le glottidali o anche le fricative), oppure un fono (se trattasi di mera articolazione priva di ricaduta semantica) comunque di natura aspirata (glottidale ecc.).

Per quanto riguarda le doppie:¬†consonante doppia = consonante lunga (o meglio intensa) e conseguentemente vocale breve della medesima sillaba; prendiamo¬†papa / pappa: in¬†pappa¬†non √® soltanto la¬†p¬†a essere pi√Ļ lunga, ma anche la prima¬†a¬†a essere pi√Ļ breve. Viceversa per le cosiddette scempie (che in fonetica si definiscono tenui).

Non tiriamo in ballo la sonorit√†, che riguarda la vibrazione delle corde vocali: esistono doppie sia nelle sorde (tt) sia nelle sonore (dd). Forse lei intende dire¬† ‘allungamento del suono’: questo √® vero talora. Ma nelle sorde si ha allungamento di un non suono: provi a pronunciare¬†tatto¬†e¬†daddo: scoprir√† che in¬†tatto¬†tra la¬†a¬†e la¬†o¬†le sue corde vocali non vibrano (basta toccarsi il pomo d’Adamo con un dito) e dunque c’√® una pausa (pi√Ļ lunga che in¬†tato), mentre in¬†daddo¬†vibrano (meno a lungo che in¬†dado) e infatti sentir√† un pizzicorino sul dito che sta toccando il pomo d’Adamo. Non confonda sonoro con suono (come faceva Wikipedia!).

Sì, infine, la finalità delle doppie è creare nuove parole: pala / palla ecc.

Sicuramente esistono strumenti elettronici in grado di rilevare la statistica delle parole con doppie in italiano: non ho un riferimento preciso, ma provi a cercare online. Ormai la statistica applicata alla linguistica √® una disciplina assai consolidata, da decenni. Basterebbe anche, con un dizionario elettronico che consenta una ricerca nel solo campo lemma, chiedere quanti lemmi contengono¬†bb, quanti¬†cc,¬†dd¬†ecc. per tutte le consonanti doppie. Facendo la somma, si otterrebbe il numero dei lemmi con doppie in italiano, presumibilmente assai elevato, almeno un quarto del totale dei lemmi in italiano, che, secondo i dizionari pi√Ļ ricchi, sono almeno 250 mila, sebbene i pi√Ļ frequenti non siano pi√Ļ di diecimila.

Naturalmente possono esistere anche parole con doppie vocali, o vocali lunghe, ma occorre distinguere tra quelle che si pronunciano lunghe pur non essendo scritte due volte, quelle che invece sono scritte due volte (come certe interiezioni: aah), quelle che sono scritte due volte per motivi lessicali, morfologici, retaggi etimologici ecc. (zoo, studii, maree ecc.).

N√© nelle consonanti n√© nelle vocali, infine, il piano grafico va confuso con quello fonetico, n√© quello fonetico (tutti i suoni) con quello fonologico (solo i suoni pertinenti, cio√® quelli che, se tolti o aggiunti, determinano un nuovo significato:¬†papa / pappa). Non tutto ci√≤ che si scrive raddoppiato si pronuncia due volte e inoltre, in modo pressoch√© sistematico (tranne che nei casi delle due vocali morfologiche:¬†marea / maree¬†e simili), un grafema doppio non corrisponde a un suono doppio, ma, semmai (laddove la lingua lo preveda) a un fonema pi√Ļ lungo (rispetto a quello scritto come non doppio, o scempio). E viceversa: taluni segni si scrivono come scempi ma si pronunciano come lunghi: da Firenze (inclusa) in gi√Ļ¬†grazie¬†si pronuncia indubitabilmente come¬†grazzie¬†(o¬†grazzzzzie!), sebbene la scrizione con due o pi√Ļ zeta sia un gravissimo errore di ortografia.

Insomma la fonetica, l‚Äôetimologia, i rapporti tra grafia e pronuncia di vocali e consonanti semplici o doppie ci porta lontanissimo e non possiamo esaurirlo qui. Inoltre, bisognerebbe tener conto delle differenze tra le varie lingue: in talune, come l‚Äôitaliano, la lunghezza consonantica √® fonologicamente pi√Ļ pertinente di quella vocalica, in altre, come l‚Äôinglese, accade l‚Äôopposto, in francese le doppie consonanti esistono solo graficamente ma non hanno alcuna pertinenza fonologica ecc. ecc.

 

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Perché il superlativo simpaticissimo si forma cosi? Se largo  >  larghissimo, perché non si forma simpatichissimo?

 

RISPOSTA:

Le consonanti velari (la¬†c¬†di¬†casa¬†e la¬†g¬†di¬†gatto) a volte vengono a trovarsi davanti a¬†e¬†o a¬†i¬†a causa della flessione o della derivazione. Quando questo succede ci sono due possibilit√†: che si mantenga il suono, modificando la grafia (inserendo una¬†h¬†tra la consonante e la vocale), o che si mantenga la grafia, modificando il suono (le consonanti velari diventano palatali). Un esempio del primo tipo √® il plurale dei nomi e degli aggettivi che al singolare finiscono in¬†-co,¬†-ca,¬†-go,¬†-ga:¬†teca¬†>¬†teche,¬†bongo¬†>¬†bonghi,¬†largo¬†>¬†larghi¬†(e quindi anche¬†largo¬†>¬†larghissimo).¬†Un esempio del secondo tipo √® l’alternanza¬†vinco¬†/¬†vinci¬†nel verbo¬†vincere¬†(ma anche¬†simpatico¬†>¬†simpaticissimo).
Il criterio secondo cui si mantiene il suono o la grafia non √® preciso; quasi sempre, se la parola di base √® piana (cio√® ha l’accento sulla penultima sillaba) nella flessione o nella derivazione si mantiene il suono (larghi¬†e¬†larghissimo,¬†teche,¬†antichi), se, invece, la parola √® sdrucciola (cio√® ha l’accento sulla terzultima sillaba) si mantiene la grafia (simpatico¬†>¬†simpatici¬†e¬†simpaticissmo). Un’eccezione a questa regola √®¬†amico¬†>¬†amici¬†(non¬†amichi). Tra i verbi, se l’infinito √® piano si mantiene il suono (legare¬†>¬†io lego,¬†tu leghi), se l’infinito √®¬†sdrucciolo si mantiene la grafia (oltre a¬†vincere¬†ricordiamo¬†spingere¬†>¬†io spingo,¬†tu spingi).¬†
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Leggo quanto scrive un politico di un contesto provinciale: “Sono stato bravo nel scegliere le persone …”. Credo che sia uno strafalcione. La¬†regola della cosiddetta¬†s¬†impura vale anche davanti ai verbi. Quindi:¬†nello scegliere. Concorda?

 

RISPOSTA:

Certamente: la regola ha un’origine fonetica, quindi si applica a prescindere dalle categorie lessicali.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

La¬†lettera¬†w¬†fa parte dell’alfabeto italiano oppure √® una lettera a parte di¬†origine straniera?¬†

 

RISPOSTA:

Precisiamo innanzitutto che¬†w¬†√® un grafema, cio√® un simbolo che corrisponde a un suono o¬†fonema. Questa precisazione serve perch√© alcuni grafemi, tra cui anche questo, corrispondono a pi√Ļ di un fonema. Il termine¬†lettera, invece, confonde il valore grafico con quello fonetico.
Il grafema¬†w¬†non fa parte dell‚Äôalfabeto italiano, che comprende solo 21 grafemi, ma rientra nell‚Äôalfabeto latino moderno. Fu inventato dagli scrittori anglosassoni del Medioevo per distinguere la¬†u¬†vocale dalla¬†u¬†semiconsonante (quella dell’inglese¬†whisky) o consonante¬†(quella del tedesco¬†wafer). ¬†
Nell‚Äôalfabeto latino classico, infatti, il grafema¬†u¬†(maiuscolo¬†V)¬†aveva allo stesso tempo il valore consonantico della¬†v, quello vocalico della¬†u¬†e quello semiconsonantico della¬†u¬†di¬†whisky; quindi si potevano avere parole come¬†uult¬†(=¬†vult¬†‘lui / lei vuole’).
In italiano,¬†a partire dal XVI secolo il grafema¬†u¬†si stabilizz√≤ con il valore vocalico (luce) e semivocalico / semiconsonantico (uomo); il grafema¬†v¬†con quello di consonante (vino).¬†La¬†w, invece, non fu accolta, ma rimase appannaggio delle lingue germaniche, che pure usano lo stesso alfabeto neolatino di base dell’italiano.¬†
Il grafema w fu introdotto molto tempo dopo per poter scrivere alcuni nomi e parole inglesi o tedeschi (Washington, weltanschauung) e si pronuncia, di solito, come nella lingua di origine del termine, quindi u semiconsonante per parole di origine inglese e v per parole di origine tedesca.
Fabio Ruggiano
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Quali sono gli unici sistemi (o l’unico sistema) che ha¬†corrispondenza biunivoca tra foni e grafemi?

 

RISPOSTA:

Le lingue sono tendenzialmente pi√Ļ o meno trasparenti dal punto di vista fonologico (tra quelle pi√Ļ trasparenti ci sono l’italiano, lo spagnolo e il tedesco) e nessuna¬†lingua naturale √® totalmente trasparente. Totalmente trasparente √® l’esperanto, la lingua artificiale creata nell’Ottocento da¬†Ludwik Lejzer Zamenhof.
Esiste, inoltre, l’IPA (International Phonetic Alphabet),¬†un sistema di simboli che rappresentano in modo univoco tutti i foni potenzialmente producibili dal sistema fonatorio umano. In questo senso, l’IPA pu√≤ essere considerato l’unico sistema che presenta un rapporto uno a uno tra simbolo grafico e fono. I¬†simboli dell’IPA possono essere definiti grafemi, in quanto ognuno rappresenta in modo grafico un fono, che a sua volta √® codificato come fonema in una o pi√Ļ lingue.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Ho letto nell’enciclopedia Treccani online: “Nei casi in cui √® seguito dalla vocale ‚ÄĻi‚Äļ, ma non √®¬†preceduto da ‚ÄĻn‚Äļ, il nesso ‚ÄĻgl‚Äļ pu√≤ essere pronunciato [gl] oppure come laterale¬†palatale [ é] (di grado intenso se intervocalica, come nella quasi totalit√† dei casi) a¬†seconda della posizione e del contesto di parola.
Che cosa significa contesto di parola?

 

RISPOSTA:

L’espressione indica i fonemi, ovvero i suoni, che si trovano intorno, prima e dopo,¬†a quello considerato, che possono modificarlo per approssimazione, provocando per esempio assimilazione o dissimilazione.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Sono il segretario di una Associazione nazionale di professionisti di una¬†disciplina del benessere denominata Wa… Il nome √® un¬†marchio registrato, ma identifica ormai comunemente la nostra professione e¬†disciplina. Stiamo realizzando il nuovo logo dell’associazione sotto il quale dobbiamo¬†usare la parola¬†Professionisti¬†e¬†Wa…¬†√ą¬†stato proposto¬†Professionisti del¬†Wa…, ma alcuni lo ritengono grammaticalmente scorretto perch√© prima di un nome¬†proprio, come ritengono essere¬†Wa…, andrebbe semmai la preposizione¬†di.¬†Suggeriscono, quindi,¬†Professionisti di Wa…¬†Altri invece ritengono¬†Wa…¬†il nome comune¬†della disciplina e utilizzerebbero senza problemi la preposizione articolata.¬†
Anche l’articolo da utilizzare crea dubbi. Dobbiamo scrivere¬†il Wa…¬†o¬†lo Wa…?

 

RISPOSTA:

Il nome della disciplina dovrebbe essere allineato con altri nomi di sport come¬†calcio,¬†tennis,¬†aquagym¬†ecc. Dovrebbe, quindi, essere comune, non proprio. Detto questo, ricordiamo che anche i nomi comuni singolari, che¬†di norma sono preceduti da un articolo, possono non avere l’articolo; ma solo ad alcune condizioni. Rimanendo nell’ambito dei nomi di sport, notiamo che essi sono spesso senza articolo quando sono preceduti dalle preposizioni¬†di¬†o¬†da, a loro volta rette da alcuni nomi o aggettivi (esperto di calcio,¬†tifoso di calcio,¬†squadra di calcio,¬†scarpette da calcio…).¬†La caduta dell’articolo si pu√≤ avere anche dopo¬†a¬†retta da alcuni verbi:¬†giocare a calcio.
Dopo¬†professionisti di¬†di solito l’articolo √® mantenuto (professionisti del calcio,¬†del tennis,¬†della pallavolo); molto forte, per√≤, √® l’attrazione di¬†esperti di, che, invece, di solito non ha l’articolo (esperti di calcio): ne deriva la possibilit√† di scegliere liberamente tra le due varianti, considerando, per√≤, che quella con l’articolo √® la pi√Ļ regolare.
L’articolo da scegliere √® anche una questione aperta. In italiano il suono [w] (corrispondente alla vocale¬†u¬†seguita da un’altra vocale) √® preceduto da¬†lo, che, per√≤, √® sempre apostrofato:¬†l’uomo,¬†l’uovo¬†(molto innaturale¬†lo uomo¬†ecc.). Davanti alle parole straniere inizianti per¬†w, per√≤, √® invalsa l’abitudine di usare¬†il¬†(il w√ľrstel,¬†il wasabi), sebbene il suono della lettera¬†w¬†coincida perfettamente con [w]. Paradossalmente, la scelta pi√Ļ corretta,¬†l’w-, √® percepita come scorretta dalla maggioranza dei parlanti, che propende per¬†il w-¬†(ma¬†l’u-). Chiaramente, la ragione per cui i parlanti non accettano¬†l’wasabi¬†√® che graficamente il nome comincia per consonante (sebbene foneticamente, che √® ci√≤ che conta, cominci per vocale). A dimostrazione di questo, il nome di un gruppo musicale famoso qualche anno fa,¬†One direction, era quasi sempre preceduto da¬†gli, sebbene¬†one¬†si pronunci [wa-] (come¬†wasabi).
In conclusione, il mio consiglio √®¬†professionisti del Watsu¬ģ, ma tutte le altre opzioni sono pi√Ļ o meno valide.¬†
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome, Preposizione
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Le seguenti parole usate come sostantivi sono invariabili (cioè hanno la forma plurale e la terminazione non cambia col mutare del numero) o ammettono solo il singolare? Se sono variabili e si usa il plurale, quale terminazione hanno:
domani¬†‘il giorno seguente, il giorno dopo’; ‘il futuro, l’avvenire’;¬†
dopo¬†‘ci√≤ che accadr√† poi; l’avvenire, il futuro’;
eden¬†‘il paradiso terrestre’; luogo o condizione di pace e di felicit√†’;
ginseng¬†‘pianta erbacea perenne della famiglia delle Araliacee’;
io¬†‘la propria persona’;
iris¬†‘giaggiolo’;
mais¬†‘ganturco’;
mammut¬†‘elefante preistorico’;
marcia¬†‘materia purulenta, pus’;
masut,¬†mazut¬†‘residuo della distillazione dei petroli greggi’;
megahertz¬†‘unit√† di misura della frequenza’;
meno ‘la cosa minore, la parte minore; segno di valori negativi e dell’operazione della sottrazione’.
Quale articolo indeterminativo bisogna usare davanti a pneumatico e iota? Nei vari dizionari della lingua italiana ho trovato: non capire un / una iota; non valere uno / una iota; un / uno pneumatico.

 

RISPOSTA:

‚ÄčCome regola generale, i sostantivi che finiscono per consonante sono invariabili (e molto spesso maschili). Quindi¬†un ginseng¬†/¬†molti ginseng,¬†un megahertz¬†/¬†molti megahertz. Questa regola si intreccia con il significato dei sostantivi, che a volte esclude l’uso plurale. Questo √® il caso di¬†eden, che indica un luogo unico, difficilmente immaginabile al plurale.¬†√ą il caso anche di¬†mais, che non √® usato al plurale perch√© indica un prodotto considerato complessivamente (come¬†mais¬†si comportano i sostantivi che indicano sostanze:¬†acqua,¬†sale,¬†mercurio…).
Le parole del suo elenco che non sono sostantivi, ma avverbi (domani,¬†meno,¬†dopo) o¬†pronomi (io), quando sono usati con la funzione di sostantivi non ammettono il plurale, se non in casi molto rari (“I domani di ieri” √® un romanzo di Ali B√©cheur del 2019). In questi casi, comunque, sono invariabili.
Infine, il termine¬†marcia¬†‘pus’ (antiquato e di bassissimo uso) non si usa al plurale perch√© indica una sostanza.
Per quanto riguarda gli articoli da scegliere, il nome¬†pneumatico¬†va considerato come¬†psicologo, quindi¬†uno pneumatico. Negli ultimi decenni si √®, per√≤, diffuso nell’uso¬†un pneumatico, e oggi entrambe le soluzioni sono accettabili (ma¬†uno pneumatico¬†√® pi√Ļ corretta).¬†Iota¬†pu√≤ essere considerato sia maschile sia femminile; inoltre¬†un iota,¬†uno iota,¬†una iota¬†(raro¬†un’iota)¬†sono tutte soluzioni corrette, perch√© il suono [j], corrispondente a una¬†i¬†seguita da una vocale, √® a met√† strada tra una vocale e una consonante.¬†Oggi sono pi√Ļ comuni¬†uno iota¬†e¬†una iota¬†(ma si consideri che questa parola √® rara). Nell’espressione¬†non capire un iota¬†si conserva il modo di scrivere pi√Ļ comune in passato¬†(si pu√≤ comunque dire¬†non capire uno / una iota), visto che l’espressione √® antiquata; oggi si preferisce dire¬†non capire un’acca¬†oppure¬†non capire un tubo.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Un’amica mi ha fatto venire un dubbio: il caso √® diverso dal classico¬†bell’e¬†buono¬†in quanto ci siamo chiesti quale sia la forma corretta tra¬†un bel e ricco libro¬†(forma da lei sostenuta) e¬†un bello e ricco libro¬†(forma da me sostenuta).

 

RISPOSTA:

‚ÄčIl vincitore della sfida √® lei (ma si tratta di una mezza vittoria):¬†bello¬†e¬†bel¬†si comportano come¬†lo¬†e¬†il¬†se sono seguiti direttamente dal nome a cui si riferiscono;¬†quindi¬†bello sguardo¬†(come¬†lo sguardo),¬†bello zoccolo,¬†bello arcobaleno¬†(o meglio¬†bell’arcobaleno), ma¬†bel canto¬†(come¬†il canto),¬†bel discorso¬†ecc. Nella sua espressione,¬†bello¬†non √® seguito direttamente dal nome, ma l’elisione (bell’)¬†√® comunque preferita davanti a vocale¬†(√® quel che succede in¬†bell’e buono), mentre l’apocope (bel)¬†non √® giustificata.¬†Un¬†bello e ricco libro, quindi,¬†√® possibile, ma oggi √®¬†sfavorita rispetto a¬†bell’e ricco. Se vogliamo¬†mantenere¬†bello¬†nella sua forma piena,¬†dobbiamo farlo uscire¬†dall’orbita del nome, posponendolo a questo:¬†un libro bello e ricco.¬†
La forma apocopata¬†bel¬†√® soggetta a restrizioni ancora maggiori se √® seguita da un elemento diverso dal nome¬†(perch√© si perde il rispecchiamento con l’articolo). Un caso come¬†un¬†bel ma stupido ragazzo¬†√® da scartare in favore di¬†un ragazzo bello ma stupido¬†(meno felice¬†un bello ma stupido ragazzo): anche qui l’aggettivo posposto al nome a cui si riferisce si libera dal paragone con l’articolo e non √® pi√Ļ soggetto all’apocope.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Aggettivo, Articolo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Ho difficoltà a capire le sigle e gli acronimi. Gli acronimi sono quasi sempre sigle e si leggono per esteso. Mi sono chiesto: come mai STA si legge distaccato, visto che è un nome leggibile? Non dovrebbe essere un acronimo? Queste parole sono da considerare acronimi? As, us, mi, ez, arm e gil. Queste, invece, no? ASH,USC,UGL, UGN.
Se scrivessi un nickname strambo del tipo¬†ngnmlo, si potrebbe tranquillamente leggere, nonostante le posizioni delle consonanti sballate? Inoltre, l’acronimo¬†Ngnmlo¬†non √® leggibile di vera regola per via dell’eccesso di consonanti?¬†Ngenmlo¬†e¬†Nginmlo¬†invece s√¨? Una sigla senza puntini non si potrebbe confondere con un nome? Per esempio, se scrivessi¬†MLIC, una persona non potrebbe pensare che possa essere una sigla e quindi pronunciarlo¬†distaccato e non come un nome (sempre il caso del nickname).
Il numero di consonanti che possono stare insieme √® 3? In italiano ci sono dei criteri¬†per capire se una consonante pu√≤ stare con un’altra?¬†Cso¬†√® impronunciabile perch√©¬†cs¬†√® all’inizio, questo vale anche per la¬†n¬†iniziale seguita da consonante.¬†Ci sono coppie di consonanti che a fine di parola sono pronunciabili (tipo¬†ans,¬†asl,¬†ing)¬†¬†e coppie che non lo sono (amd,¬†azt¬†ecc.). Come riconoscerle?

RISPOSTA:

Gli acronimi, o sigle, possono essere costituiti sia da singole lettere, ciascuna corrispondente all’iniziale di una parola (USA, ONU ecc.), sia da sillabe, sia da altri insiemi di lettere, sillabe, parti di parola e parole intere talora imprevedibili (per es. Confcommercio = Confederazione del Commercio). Il fatto che un acronimo venga letto una lettera alla volta, oppure come fosse una parola autonoma (come USA, ONU ecc.) è anch’esso poco prevedibile e dipende sostanzialmente da tre fattori: la facile (o difficile) leggibilità dell’insieme delle componenti (agevole in STA, decisamente scarsa in CGIL), la frequenza (e dunque la facile riconoscibilità) dell’acronimo, la possibilità di equivoci con omofoni: in effetti, se STA può essere confuso con la terza persona del verbo stare, sarebbe meglio pronunciarlo Esse Ti A.
Anche l’uso maiuscolo o minuscolo delle componenti è imprevedibile: di solito, se un acronimo è d’uso molto comune, può essere scritto con la sola prima lettera maiuscola e le altre minuscole (Usa, Onu), ma le versione con tutte le lettere maiuscole è comunque sempre adeguata (USA, ONU).
Anche il fatto che un acronimo si scriva con o senza puntini √® difficilmente prevedibile: in angloamericano, in cui si abusa di acronimi, raramente le componenti dell’acronimo sono separate da puntini, in italiano di solito si usano i puntini per gli acronimi meno frequenti, non si usano per quelli pi√Ļ frequenti, ma, come ribadisco, non c’√® una regola ferrea.
Tutti quelli da Lei citati possono essere considerati acronimi, se sono effettivamente sigle, cio√® se a ciascuna lettera, o gruppo di lettere, corrisponde un nome proprio o comune. Se rientra in quest’ultima tipologia, anche quello da lei proposto (Ngnmlo) potrebbe essere un acronimo, sebbene non possa essere pronunciato come parola se non a costo di notevoli forzature fonetiche: potrebbe, per esempio, essere pronunciato come¬†Ngenmlo¬†o¬†Nginmlo.
MLIC¬†pu√≤ essere facilmente pronunciato sia lettera per lettera, sia come parola autonoma, ma, ripeto, √® un acronimo solo a condizione che le lettere, o i gruppi di lettere, che lo costituiscano siano associate a singole parole: per esempio (inventato),¬†Misura Lineare Cubana¬†(o mille altri significati reali che quest’acronimo ha in inglese, come appurer√† facilmente¬†on line). Se si vuole evitare l‚Äôequivoco tra acronimo e nomignolo, allora √® bene chiarire sempre il valore dell’acronimo, per esempio sciogliendone il significato tra parentesi.
Le consonanti possono essere tre o quattro di seguito, se una √®¬†r¬†o¬†l, che resistono meglio di altre alla pronuncia non appoggiata a vocali. Per cui, per es., si pronuncia bene¬†ARST, ma per il suo¬†Ngnmlo¬†√® necessario un appoggio vocalico, magari realizzato diversamente rispetto a quanto proposto da me: che so,¬†gnemmelo¬†sarebbe carino, ancorch√© un po’ infedele.
La casistica fonetica italiana √® in realt√† molto complessa e controversa. Per un prospetto completo si invita a consultare manuali di fonetica specializzati, quali quelli di Marina Nespor, Luciano Canepari o Pietro Maturi, tra gli altri. Va detto per√≤ che le restrizioni fonetiche delle parole italiane possono essere infrante dagli acronimi pronunciati come fossero una parola. Per esempio, nessuna parola italiana pu√≤ terminare nella sequenza affricata pi√Ļ occlusiva, per esempio¬†azt, ma nulla vieta che l‚Äôacronimo¬†azt¬†venga pronunciato come se fosse una parola.¬†
Sarebbe bene non abusare di acronimi (sempre che non siano sciolti tra parentesi, come appena detto), a meno che non usuali e comprensibili ai pi√Ļ, se non si vuole escludere gli interlocutori. Sar√† capitato anche a Lei, come a ciascuno di noi, immagino, di sentirsi frustrato, parlando specialmente con angloamericani, nel sentire una raffica di acronimi di cui ignorava il significato.
Fabio Rossi
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Se esistesse un’interruzione con la¬†c¬†seguita o preceduta dall’h¬†non cambierebbe il suono dolce della¬†c? Mi √® venuto questo dubbio per 2 motivi: se la¬†c¬†√® in fine di parola (hhhc) √® dura e anche quando √® seguita da una consonante (cccch). Quelle fra parentesi sono le ipotesi che secondo me sono sbagliate.
Nelle interiezioni l’h¬†divide il suono delle vocali (Ahahah)? Allunga il suono della vocale che la precede o che le sta davanti (hhhhhe,¬†ohhh,¬†ehhhhi)? Le cose che ho elencato delle interiezioni non riguardano le parole?
In pezzi di parola e acronimi, nel caso dei dittonghi e trittonghi, l’h¬†cambierebbe il suono?:¬†ghn,¬†ghli,¬†glhi,¬†hgli,¬†gliho,¬†shci. La¬†c¬†quando √® da sola viene considerata pi√Ļ come affricativa? Un esempio √®:¬†c’ho.
Le parole composte seguono una regola di lettura diversa da una parola normale? Un esempio di parola composta è scioglilingua e un esempio di parola è glicemia. Il suono della gli in glicemia è duro mentre in scioglilingua è diverso. Le parole composte si pronunciano separatamente?
Una parola composta potrebbe perdere la sua validità in quanto parola composta se si aggiungessero accenti, doppie oppure delle h sparse in modo casuale: sscioglilingua, scíoglilingua, scioglilinguà, scioghlilingua, scioglilihngua?
Nel caso di¬†hascisconore¬†si rischia la pronuncia sbagliata per quanto riguarda le parole composte, ma questo a cosa √® dovuto?¬†Hashishonore, invece, √® pi√Ļ fattibile perch√© √® una parola straniera riconoscibile? Le parole composte con le parole straniere talvolta possono essere complicate per via della riconoscibilit√† del termine? Per esempio le parole inglesi:¬†I,¬†me,¬†a¬†e¬†do. Le parole composte seguono uno schema (nome+nome, aggettivo+aggettivo ecc.) oppure le parole possono essere messe a caso (nome+articolo). Le parole composte si potrebbero fare con qualsiasi tipo di parola: Interiezioni, nomi di persona, cognomi ecc.? Sono sempre composte da 2 parole? Le parole macedonia con i casi tipo¬†hascisc¬†non si potrebbero creare? Potrebbero coesistere le parole composte e le parole normali? Es:¬†liberamente¬†(√® un avverbio, ma non si potrebbe creare un composto¬†libera+mente?). Se esistesse una parola come¬†ascisconore¬†sarebbe assolutamente infattibile fare un composto come¬†ascisc+onore?

 

RISPOSTA:

Non esistono regole, ma solo consuetudini e analogie, sulla pronuncia di pezzi di parola (quali acronimi o parole inventate o sezioni pi√Ļ o meno riconducibili a parti di parola esistente). Comunemente, se una parola inventata, o un pezzo di parola, o un acronimo, finisce per¬†c¬†(nessuna parola italiana esistente finora pu√≤ finire per¬†c), la¬†c¬†si pronuncia come velare, e non come affricata, perch√© la pronuncia velare √® quella meno marcata, per cos√¨ dire, cio√® quella pi√Ļ comune, dal momento che le affricate (come la¬†c¬†di¬†cena¬†e la¬†g¬†di¬†gelo, per intenderci) sono fonemi rarissimi, nelle lingue del mondo, e infatti l‚Äôitaliano √® una delle poche lingue a possederle nel proprio apparato fonologico.
Per quanto riguarda le interiezioni e gli ideofoni (cio√® parole che indicano rumori), anche qui val pi√Ļ la convenzione, la consuetudine e l‚Äôanalogia che la regola fonetica (inesistente). E dunque, l‚Äôh¬†di solito non modifica la pronuncia n√© delle vocali n√© delle consonanti cui si accompagna, con la parziale eccezione per la¬†c¬†e la¬†g, per analogia con le parole italiane: dunque¬†ch¬†e¬†gh¬†non possono che pronunciarsi, almeno in italiano, come velari. Anche¬†hc¬†e¬†hg¬†si pronuncerebbero come velari, sia per il mutismo della¬†h¬†sia per quanto appena detto sulla pronuncia non marcata delle velari. Per quanto riguarda le vocali, una parziale deroga al mutismo della¬†h¬†si ha nell‚Äôinteriezione (o ideofono) che riproduce la risata, che da taluni (ma non necessariamente) viene pronunciata con una serie di¬†a¬†separate da aspirazione:¬†ahahahah. L‚Äôallungamento vocalico delle interiezioni non √®, di solito, segnalato dalla presenza o meno della¬†h, bens√¨ dal valore pragmatico, e dunque dal contesto d‚Äôuso, di quell‚Äôinteriezione. E infatti, bench√© molte (non tutte) le interiezioni siano presenti nella gran parte dei dizionari, non v‚Äô√® un accordo perfetto sulla loro grafia: chi scrive¬†hm, chi¬†mh, chi¬†hmh, chi¬†hmm¬†ecc. Dicevo che √® il contesto d‚Äôuso, pi√Ļ che la grafia, a segnalare la lunghezza vocalica (di norma non graficamente segnalata, in italiano, eccezion fatta per alcune interiezioni, per l‚Äôappunto, e con notevoli oscillazioni da autore ad autore). E dunque, anche per l‚Äôah¬†di meraviglia, per esempio, e anche a parit√† di scrittura (ah), ci sar√† un caso come: ‚ÄúAh, che spavento!‚ÄĚ (che si pronuncia con una a breve) e un altro caso come ‚ÄúAh, qui ti volevo! Lo vedi che avevo ragione io?!‚ÄĚ, che si pronuncia con una¬†a¬†molto allungata.
D‚Äôaltra parte, √® possibile che talora lo scrivente senta l‚Äôesigenza di segnalare graficamente (o con l‚Äôh¬†o con la duplicazione della vocale) il diverso valore pragmatico, e dunque anche la diversa pronuncia, delle interiezioni, distinguendo, per es., tra¬†ehi¬†e¬†eeeeehi, o¬†hhhhei¬†o in altro modo ancora. Se, nella letteratura tradizionale, si tendeva a non ripetere stesse serie di grafemi per pi√Ļ di due volte, l‚Äôeffervescenza grafica, e talora grafomane, incoraggiata dai nuovi media ha immesso in italiano (anche in letteratura) talune interiezioni fatte anche di lunghe serie di vocali e/o di¬†h. Se accetta un consiglio, il troppo stroppia sempre, e il ricorso a questi mezzucci grafici √® considerato, da taluni linguisti superciliosi come chi le scrive, un modo di scrivere assai¬†cheap.
La prima parte della domanda sui pezzi di parola e gli acronimi non ha senso, perché MANCA una regola fonetica per la pronuncia delle parole inventate, dei pezzi di parola, degli acronimi, quindi i casi da lei elencati possono pronunciarsi come si vuole. Per quanto riguarda la seconda parte della domanda, la pronuncia affricata (affricativa non esiste, esistono le fricative, ma sono un’altra cosa) della c isolata in c’ho è la classica eccezione che conferma la regola della pronuncia velare di c in isolamento. In effetti, dato che la grafia c’ho (non a caso da taluni contestata e riflettente un caso di lingua parlata trascritta) contrassegna la caduta della i per elisione, allora lì la pronuncia permane quella affricata, come se la i rimanesse: ci ho.
La pronuncia dei composti non cambia, di norma, rispetto a quella delle parole componenti, tranne, talvolta, per questioni di accento (nel senso che tende a perdersi, anche come accento secondario, quello del primo elemento) o di raddoppiamento fonosintattico: per esempio, caffè + latte = caffellatte; così + che = cosicché.
Nel caso di¬†scioglilingua, la pronuncia √® quella normale, con¬†l¬†palatale, della parola¬†sciogli.¬†√ą semmai¬†glicemia¬†l’eccezione (come¬†glicine¬†e altre), nel senso che la pronuncia non palatale del nesso¬†gl dipende dal fatto che quella parola deriva dal greco, lingua in cui la laterale palatale non esisteva (su quest‚Äôargomento pu√≤ vedere la FAQ Pronuncia di Gliaca dell‚Äôarchivio di DICO).
Bench√© l‚Äôitaliano, a differenza dell‚Äôinglese, sia una lingua che segue l‚Äôordine determinato + determinante, sono numerosi i composti (soprattutto dal greco o dall‚Äôinglese) che seguono l‚Äôordine inverso: agopuntura, psicoterapia ecc., motivo per cui anche hashishonore nel significato di ‚Äėonore dell‚Äôhashish‚Äô potrebbe andar bene.
Dopodich√© √® ovvio che le parole non possano esser messe a caso, n√© in italiano n√© in inglese n√© in nessuna altra lingua, direi, ed √® altres√¨ chiaro che bisognerebbe tentare di evitare ambiguit√† di pronuncia e di senso. La libert√† di scelta delle componenti di un composto √® lasciata, un po‚Äô come la pronuncia, al buon senso, anche qui tentando di evitare ambiguit√†: eviterei, per esempio, l‚Äôuso delle interiezioni nei composti, e forse anche l‚Äôuso degli articoli, nei limiti del possibile. Composti con nomi propri sono possibili, anche qui entro i limiti del buon senso e della comprensibilit√†. Per es., cos√¨ come era comune, anni fa, il D‚ÄôAlema-pensiero, oggi sarebbe possibile il Salvini-pensiero (ammesso che esista…), che tra l‚Äôaltro segue l‚Äôordine determinante + determinato.
Su¬†libera mente¬†inteso come ‚Äúqualcosa che libera la mente‚ÄĚ, ci hanno gi√† pensato in molti prima di Lei, come scoprir√†¬†on line.
Fabio Rossi
Raphael Merida

Parole chiave: Interiezione, Neologismi
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:
So che in italiano le singole lettere vengono pronunciate come quando si dice l’alfabeto: la b¬†(‘bi’), la¬†c¬†(‘ci’), la¬†f¬†(‘effe’). In alcuni casi ho dei dubbi: la¬†c¬†si¬†pronuncia ‘c’; ma non dovrebbe essere accompagnata dalla¬†i?. La pronuncia alfabetica¬†riguarda anche i digrammi e trigrammi: la¬†gl¬†(‘gi elle’), la¬†gn¬†(‘gi enne’), la¬†ch¬†(‘ci¬†acca’), la¬†gli¬†(‘gi elle i’). Come mai anche i digrammi si pronunciano separatamente?

 

RISPOSTA:

‚ÄčIl concetto di¬†lettera¬†√® ambiguo, perch√© pu√≤ riferirsi a un oggetto fonetico, il fonema, e a uno grafico, il grafema. Ricordiamo che le lingue nascono parlate, quindi sono composte prima di tutto dai fonemi, i suoni che i parlanti di una determinata lingua riconoscono come distinti e autonomi. I grafemi sono tentativi di “tradurre” i suoni in segni grafici, per dare un corpo visibile ai suoni, in modo da poterli scrivere.¬†
L’alfabeto di una lingua √® fatto di grafemi, che sono tipicamente in numero minore rispetto ai fonemi propri di quella lingua. Questo avviene perch√© alcuni grafemi sono usati per rappresentare pi√Ļ di un fonema (ad esempio in italiano¬†c¬†rappresenta¬†sia il fonema / ß/, come in¬†cena,¬†sia il fonema /k/, come in¬†cane) e alcuni fonemi mancano del tutto (ad esempio in italiano /…≤/ di¬†gnocco¬†non √® rappresentato nell’alfabeto, ma √® rappresentato dal digramma¬†gn). Si noti che lo stesso fonema pu√≤ essere rappresentato in modo diverso negli alfabeti di lingue diverse: √® il caso, per esempio, proprio di /…≤/, che in spagnolo √® presente nell’alfabeto con il segno¬†√Ī.
Una volta creato l’alfabeto, i grafemi divengono nomi comuni, quindi si pone il problema del genere da attribuire loro. Alcuni sono stati nella storia stabilmente femminili, perch√© terminanti per¬†-a:¬†a,¬†zeta,¬†acca; gli altri hanno sempre oscillato tra il maschile e il femminile fino a pochi decenni fa (si pensi all’espressione idiomatica¬†mettere i puntini sulle i, nota anche nella variante¬†mettere i puntini sugli i), per fissarsi generalmente sul femminile negli ultimi tempi (ma in realt√† ancora oggi sono accettabili entrambi i generi, e le lettere dell’alfabeto greco sono considerate maschili). Tale oscillazione √® dovuta alla possibilit√† di sottintendere, accanto al nome del grafema, tanto¬†segno¬†quanto, appunto,¬†lettera.
L’alfabeto, dunque, √® una costruzione altamente convenzionale, soggetta a molte spinte analogiche. Non devono stupire, pertanto, alcune incongruenze al suo interno, come la mancanza di alcuni suoni, la confusione di pi√Ļ suoni in un solo segno, e persino la mancanza di alcuni segni che pure si usano nella lingua (nell’alfabeto italiano, per esempio, mancano¬†j,¬†k,¬†x,¬†y,¬†w).¬†¬†
Per quanto riguarda la pronuncia dei nomi dei grafemi, le consonanti necessitano di una vocale di appoggio, visto che, come √® noto, le consonanti “suonano”, cio√® producono un suono, solamente quando sono accompagnate da una vocale. La vocale di appoggio nella storia dell’italiano √® stata inizialmente la¬†e, ma poi i parlanti hanno preferito la¬†i¬†(probabilmente perch√© √® la vocale percepita come la pi√Ļ debole). Ci sono alcune eccezioni, dovute all’intento di evitare potenziali confusioni:¬†effe,¬†emme,¬†enne¬†per esempio, non sono¬†fi,¬†mi,¬†ni¬†per evitare la confusione con le omonime lettere dell’alfabeto greco. Questo, per√≤, non ha indotto a cambiare il nome della¬†p¬†(identico al¬†pi greco)¬†in *eppe.¬†Acca¬†ha un’etimologia incerta,¬†elle¬†e¬†esse¬†servono a evitare la confusione con¬†li¬†e¬†si,¬†erre¬†probabilmente √® nato per evitare un nesso difficile da pronunciare:¬†il ri.¬†
‚ÄčDovendo scrivere il nome di una consonante, si pu√≤ scegliere se riportare il singolo grafema, ad esempio¬†p, oppure rappresentare fedelmente la pronuncia, segnando anche la vocale di appoggio, ad esempio¬†pi. Tradizionalmente, per√≤, questo secondo modo √® riservato alle lettere dell’alfabeto greco, per distinguerle dai grafemi latini, che si scrivono da soli.
I digrammi si possono pronunciare riportando la rappresentazione grafica al fonema corrispondente, oppure scandendo le componenti grafiche separatamente. La prima soluzione ha il difetto di risultare molto artificiosa, perch√© bisogna evitare di pronunciare la vocale di appoggio, altrimenti si crea un trigramma. Siccome questo √® impossibile, si deve optare per la sostituzione della¬†i¬†con la vocale […ô], detta¬†schwa, inesistente nel repertorio dell’italiano standard (ma esistente in molti dialetti). I trigrammi¬†gli¬†e¬†sci¬†sono pi√Ļ facili da pronunciare foneticamente, perch√© contengono la vocale¬†i¬†alla fine.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Storia della lingua
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Perch√© secondo i pi√Ļ si dovrebbe dire “vado al mare” e non “vado a mare”?

 

RISPOSTA:

Andare al mare significa “andare in una localit√† che si trova nei pressi del mare”. Se ci si trova in citt√†, e si va verso una localit√† del genere, allora si sta andando al mare; se, invece, ci si trova gi√† in spiaggia, e semplicemente ci si avvicina al mare, non si sta andando al mare, ma piuttosto in acqua.

La forma “(andare) a mare” sembra essere non standard, ma diffusa solamente nel Sud Italia. Tra le ragioni che hanno portato alla sua diffusione possiamo immaginare che essa funzioni da compromesso tra al mare e in acqua nel caso in cui ci si trovi in una localit√† marittima o balneare, ma non in prossimit√† del mare, e ci si stia dirigendo verso il mare. Questa condizione √® tipica, ma non esclusiva, del Meridione (nella Liguria di Ponente esiste l’espressione “andare a spiaggia”, che sembra rispondere alla stessa esigenza di rappresentare la condizione di andare al mare pur essendo gi√† molto vicini ad esso); su “andare a mare” deve aver influito anche il fenomeno linguistico dell’assimilazione, marcatamente meridionale, per cui al mare si pronuncia [am’mare] e da qui viene reinterpretato nello scritto come a mare.

A mare non √® del tutto estraneo all’italiano: √® accettato nello standard in pochissimi casi, come “buttare/buttarsi a mare”, “tuffarsi a mare” e simili; oppure nel senso di ‘sul mare’, come in “porta a mare”, usato da Guicciardini, “tira vento di greco a mare” (D’Annunzio), “passeggiata a mare”; e in alcuni toponimi, non a caso quasi tutti meridionali, Praia a Mare, Castello a Mare, ma anche Gatteo a Mare e, nell’Ottocento, Bologna a Mare, italianizzazione di Boulogne-sur-Mer.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Perch√© quando¬†scriviamo un testo (in questo caso non intendo su un supporto digitale) non¬†utilizziamo mai l’accento grave, ma su quelle parole per cui √® prevista¬†l’accentazione inseriamo solo quello acuto? Si pu√≤ considerare grammaticalmente¬†corretto o dovremmo essere a conoscenza di quei vocaboli che per natura portano l’uno¬†o l’altro accento?

 

RISPOSTA:

L’accento √® un tratto grafico piuttosto trascurato nella prassi della lingua. Per varie ragioni, che vanno dalla scarsa visibilit√† del corpo del segno alla limitata presenza del segno nel sistema, esso tende a essere omesso in scritti poco formali (nei testi dialogici elettronicamente mediati, ad esempio) e rappresenta uno dei tratti pi√Ļ problematici dell’apprendimento dell’ortografia. Stando cos√¨ le cose, l’insegnamento scolastico tralascia quasi sempre l’argomento della distinzione tra accento grave e acuto, limitandosi a trattare l’accento in generale. Per questo motivo, gli scriventi adottano normalmente un unico tratto, che pu√≤ coincidere con l’accento grave (dall’alto verso il basso, corrispondente a una vocale aperta), quello acuto (dal basso verso l’alto, corrispondente a una vocale chiusa), nessuno dei due (per esempio un segno piatto, oppure un quasi-apostrofo), o alternativamente l’uno o l’altro dei segni, senza la consapevolezza della differenza.¬†√ą¬†ovviamente pi√Ļ corretto differenziare i due accenti, anche se comunemente non si fa (e, bisogna dirlo, dal punto di vista fonologico cambia poco).
Alcune regole di base: in italiano l’accento grafico si segna solamente quando cade alla fine della parola. L’accento in fine di parola √® quasi sempre grave.¬†Se la parola finisce in¬†a,¬†i,¬†u, per convenzione si segna sempre l’accento grave (alcune case editrici preferiscono l’accento acuto per la¬†i¬†e la¬†u, che sono, effettivamente, vocali chiuse).¬†Se la parola finisce in¬†o, ha sempre l’accento grave, perch√© la¬†o¬†√® sempre aperta in fine di parola.¬†Se la parola finisce¬†in¬†e,¬†hanno l’accento acuto solamente¬†n√©,¬†s√©, i composti di¬†che¬†(perch√©,¬†nonch√©,¬†bench√©…), la terza persona singolare del passato remoto di alcuni verbi della seconda coniugazione (abbatt√©,¬†perd√©,¬†pot√©)¬†e poche altre parole (nontiscordardim√©).¬†Per togliersi il dubbio √® sempre bene consultare il dizionario.¬†
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Mi trovo a dover descrivere due fenomeni opposti: in un caso il¬†nome Apollonia viene storpiato in Polonia e immagino si tratti di aferesi. In¬†un altro caso il cognome Gizziello viene storpiato in Egizziello. C’√® un nome¬†tecnico per indicare tale fenomeno?

 

RISPOSTA:

Il primo fenomeno √® definibile come af√®resi, mentre il secondo, l’aggiunta di un fonema o di una sillaba non etimologici all’inizio di una parola, come pr√≤stesi. La prostesi pi√Ļ comune in italiano consiste nell’aggiunta di una i- eufonica prima di parole inizianti con s- seguita da consonante, quando siano precedute da parole che finiscono per consonante, per facilitare la lettura del gruppo, ad esempio: per iscritto, per ischerzo, in istrada . Oggi questo fenomeno √® percepito come artificioso e antiquato ed √® , pertanto, evitato. In alcune parole √® avvenuta l’aggiunta di una a- sempre per rendere la pronuncia meno faticosa, cos√¨ dal latino vulturem √® derivato avvoltoio . Questo √® il contrario di quanto √® successo in altri nomi che hanno subito l’aferesi (perch√© la prima lettera √® stata interpretata come un articolo determinativo o parte di esso), ad esempio rena dal latino arenam, avello da labellum, usignolo da lusciniolum ecc.

I casi da lei proposti sono dei veri e propri storpiamenti, probabilmente intenzionali e a scopo ironico, influenzati dall’assonanza dei cognomi con aggettivi di nazionalit√†.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Io lavoro all’universit√† e malgrado la mia, diciamo cos√¨, buona conoscenza dell’italiano, mi trovo a chiedere sempre: ma come devo scrivere:¬†l’8 aprile,¬†l’1 aprile,¬†lo 08¬†o¬†lo 01?¬†O √® meglio scrivere¬†il 1¬į¬†o¬†scriverlo in lettere? Inoltre,¬†si scrive¬†dall’1¬†o¬†dallo 01?
E poi¬†conseguente¬†o¬†consequente?¬†Io ho scritto¬†conseguente¬†perch√® da una azione primaria dovrebbero seguirne altre…¬†consequenziali¬†(o¬†conseguenziali?). Sono giuste tutte e due?

 

RISPOSTA:

Tutti dubbi pi√Ļ che legittimi, stia pur tranquillo/a, e condivisi dalla gran parte degli italiani, anche colti, per via del fatto che certe cose non vengono (quasi) mai spiegate dalle grammatiche, oppure perch√© l‚Äôitaliano √® pi√Ļ elastico (e dunque ammette pi√Ļ soluzioni) di quanto comunemente si creda. Rispondiamo con ordine a tutte le sue domande.
1) Decisamente meglio l’8, l’11 ecc. La soluzione con lo zero davanti è tipicamente burocratica e da riservarsi a quei formulari che pretendono due cifre per ogni numero: 04/05/15 per il 4 maggio del 2015, per intenderci.
2) Se per√≤ il giorno del mese √® il primo (nella scrittura distesa, meglio scrivere i numeri a lettere, piuttosto che in cifre, ma nelle date secche, e nei formulari burocratici, la scrittura in cifre √® obbligatoria), allora sarebbe meglio scrivere ‚Äú1¬į maggio‚ÄĚ, piuttosto che ‚Äú1 maggio‚ÄĚ, e pronunciare ‚Äúprimo maggio‚ÄĚ (o giugno ecc.) piuttosto che ‚Äúuno maggio‚ÄĚ. Questo per via della consuetudine antica (conservatasi quasi soltanto per il primo giorno di ogni mese) di intendere il numero del giorno come numero ordinale (primo, secondo ecc., sottinteso giorno) e non cardinale. Comunque, anticamente, si utilizzavano per le date anche i numeri cardinali, ma li si introduceva con gli articoli: per es., ‚Äúli 22 di aprile‚ÄĚ. Sottinteso: giorni. Naturalmente,¬†li¬†√® un articolo arcaico, oggi non pi√Ļ possibile, anche se rimasto disponibile nei soliti formulari burocratici: es. Messina, li… Dato che √® articolo e non avverbio di luogo, la forma con l‚Äôaccento (pure talora attestata) √® erronea: Messina, l√¨… Erronea perch√©, come ripeto, non si tratta di un avverbio di luogo.
3) Si dice e si scrive ‚Äúdal 2 all‚Äô8‚ÄĚ, ‚Äúdal 1¬į al 10 luglio‚ÄĚ e simili. Ovviamente, se il formulario impone sia l‚Äôarticolo sia lo zero iniziale, l‚Äôunica forma corretta non pu√≤ che essere ‚Äúdallo 01 allo 08‚ÄĚ, anche se, come ripeto, √® brutto (sia a vedersi scritto, sia a sentirsi pronunciato) e burocratico. Meglio sempre senza zero.
4) Seguente e conseguente si scrivono con la g in quanto derivano direttamente dall’italiano, come participi presenti del verbo seguire. Invece consequenziale è ripreso dalla forma latina consequentia, e per questo si scrive con la q. Si tratta comunque, all’origine, sempre di eredi del verbo latino sequi. Tuttavia, quando la parola che ne è derivata in italiano ha avuto una trafila etimologica popolare, vale a dire di uso ininterrotto dall’antichità fino ad oggi, con tutti gli inevitabili cambiamenti fonetici, la q si è trasformata (tecnicamente, sonorizzata) in g, come in conseguenza, seguire ecc. Quando, invece, la parola che ne è derivata ha seguito una trafila dotta, recuperando cioè artificiosamente l’antica forma latina, la q si è mantenuta: sequenza, consequenziale. Spessissimo, dalla medesima forma latina, derivano diverse forme italiane (dette allotropi) con esiti fonetici diversi. Per es., dal latino vitium derivano tanto l’italiano vizio, quanto l’italiano vezzo. Da radium derivano radio, razzo e raggio ecc. ecc.
Fabio Rossi
 

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 1
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Si scrive “ai bei e dolci momenti”, “ai begli e dolci momenti”, oppure “ai belli e dolci momenti”?

 

RISPOSTA:

L’alternanza tra bel¬†e¬†bello¬†e, al plurale, tra¬†bei¬†e¬†begli,¬†segue gli stessi criteri di quella tra gli articoli¬†il¬†e¬†lo¬†e¬†i¬†e¬†gli;¬†quindi¬†bel¬†e¬†bei¬†davanti a consonante semplice o consonante diversa da¬†s¬†seguita da¬†r¬†o¬†l¬†(bel plenilunio¬†ma¬†bello sguardo),¬†bello¬†e¬†begli¬†davanti a vocale,¬†s¬†seguita da altra consonante (la cosiddetta¬†s impura),¬†n¬†palatale,¬†z,¬†x¬†(begli gnocchi,¬†begli zoccoli,¬†bello xilofono) e¬†gruppi consonantici vari,¬†ps-,¬†pn-¬†ecc. Davanti a vocale,¬†bello¬†√® spesso eliso:¬†bell’amico; al plurale, invece, l’elisione √® vietata:¬†*begl’amici.
Belli¬†√® una variante di¬†begli¬†che si usa solamente quando √® alla fine della frase o, se la frase continua, quando √® posposto al nome a cui si riferisce: “E c’era il sole¬†e avevi gli occhi belli. Lui ti baci√≤ le labbra ed i capelli” cantava Fabrizio De Andr√© nella¬†Canzone di Marinella; “I regali belli sono quelli fatti con il cuore”, “Quest’anno i fuochi d’artificio sono stati i pi√Ļ belli di sempre”. Si usa anche quando √® sostantivato: “Ma davvero i belli guadagnano di pi√Ļ” (ilsole24ore.it, 9 luglio 2018).
Nel suo esempio, quindi, la forma corretta √® “Ai begli e dolci momenti”, perch√©¬†begli¬†√® seguito da¬†e. Non bisogna farsi ingannare dal fatto che l’aggettivo sia riferito a¬†momenti, che, cominciando per consonante, richiederebbe¬†bei: quello che conta nella scelta tra¬†bei¬†e¬†begli¬†(esattamente come nella scelta tra¬†i¬†e¬†gli)¬†√® l’iniziale della parola successiva.
Se invertissimo l’ordine delle parole, potremmo avere “Ai dolci e bei momenti”, “Ai momenti belli e dolci” e altre combinazioni.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 2
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Le tre frasi sotto indicate sono accettabili ed equivalenti?
1. Ho deciso di acquistare due regali: uno per Francesca, uno per Letizia.
2. Ho deciso di acquistare due regali: uno per Francesca, l’altro per Letizia.
3. Ho deciso di acquistare due regali: l’uno per Francesca, l’altro per Letizia.
Colgo l‚Äôoccasione per domandare ‚Äď a prescindere dagli esempi proposti ‚Äď se, in¬†generale, l’apostrofo per il pronome¬†uno¬†all’interno dei correlativi¬†l’un(o)‚Ķ l’altro¬†e relativi plurali sia obbligatorio o facoltativo.

 

RIPOSTA:

‚ÄčLe tre frasi sono valide e tutto sommato equivalenti. Volendo individuare una sfumatura semantica specifica, possiamo sottolineare che la 1 mette sullo stesso piano i due elementi correlati, mentre la 2 e la 3 distinguono tra un elemento che √®¬†uno¬†e uno che¬†l’altro, come se quest’ultimo fosse in subordine rispetto al primo. Per quanto riguarda l’articolo determinativo prima del pronome¬†uno, dal momento che ci sono solo due elementi in campo la sua presenza √® legittima, ma non necessaria, perch√© non pu√≤ esserci che un solo¬†uno¬†autodeterminato: se, invece, gli elementi correlati fossero tre o pi√Ļ, ovviamente l’articolo non potrebbe essere usato. In quel caso le opzioni sarebbero: “Ho deciso di acquistare tre regali: uno per Francesca, uno per Letizia, uno per Maria”; “Ho deciso di acquistare tre regali: uno per Francesca, uno per Letizia, un altro per Maria”;¬†“Ho deciso di acquistare tre regali: uno per Francesca, un altro per Letizia, un altro per Maria”.
Se la sua seconda domanda riguarda l’elisione dell’articolo determinativo, la risposta √® che, in generale, l’elisione non sia obbligatoria, ma sia talmente comune da essere obbligatoria di fatto (molto strano sarebbe¬†lo uno). Se, invece, la domanda riguarda il troncamento di¬†un(o), questo √® obbligatorio¬†nel sintagma, tipico della lingua del diritto,¬†l’un caso: “L’integrazione probatoria avverr√†, quindi,¬†nell’un caso, nelle forme del giudizio abbreviato e, nell’altro, in¬†quelle del giudizio direttissimo” (da una sentenza della Corte costituzionale).¬†√ą facoltativo, ma fortemente atteso, nel sintagma¬†l’un l’altro: “Si salutarono l’un l’altro”.¬†√ą, per il resto,¬†vietato, anche con lo stesso sintagma¬†l’un l’altro¬†se i due termini correlati sono separati:¬†“Si salutarono l’uno con un sorriso, l’altro no”. Oscillante il comportamento di¬†l’un contro l’altro¬†/¬†l’uno contro l’altro, che dovrebbe prendere la forma normale senza troncamento, ma sul quale pesa il famoso verso manzoniano,¬†risuonante nelle orecchie di tutti gli italiani,¬†“L’un contro l’altro armato”, frutto della “licenza poetica”.
Ricordo, comunque, che il troncamento di¬†un(o)¬†rifiuta l’inserimento dell’apostrofo.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Ho sempre problemi con le doppie. Come posso fare?
Grazie

 

RISPOSTA:

I suoi sono problemi pi√Ļ che legittimi, vista l‚Äôimpossibilit√† a ricondurre la grafia delle doppie (o geminate) a una serie di regole semplici e sempre valide. Questo √® stato a lungo un punto debole della norma dell‚Äôitaliano scritto e ancora oggi molti parlanti sono incerti su alcuni casi, per via della discrepanza tra il parlato e lo scritto, perch√© non sempre a un suono rafforzato corrisponde un grafema raddoppiato. I casi problematici sono tanti e, in assenza di un rimedio certo, il primo consiglio che possiamo dare √® allenarsi costantemente alla scrittura e alla lettura, non avendo mai timore o vergogna a usare il dizionario.
Per il resto, possiamo solamente accennare ai fenomeni principali alla base delle incongruenze tra il parlato e lo scritto, e suggerire alcuni accorgimenti pratici. Prima di tutto, osserviamo che le geminate possono occorrere solo tra due vocali o se precedute da una vocale e seguite da r o l (occorrere, attrito, applausi): non è, infatti, possibile raddoppiare una consonante che si trova tra due consonanti (contratto) o tra una vocale e una consonante diversa da r o l (vescovo).
Molte parole che la maggior parte dei parlanti italiani pronunciano con una consonante rafforzata a cui corrisponde un solo grafema (che comunemente √® chiamato¬†lettera) sono latinismi (detti anche¬†parole dotte), ovvero prestiti dal latino, che mantengono, in tutto o in parte, la forma grafica che avevano originariamente (un po’ come i prestiti dall’inglese, che nello scritto si mantengono inalterati, o cambiano di poco, mentre nel parlato si adattano quasi del tutto alla fonetica italiana). Un esempio di latinismo √®¬†vizio¬†(dal latino Vń¨Tń¨UM), che, infatti, da Firenze in gi√Ļ si pronuncia¬†*vizzio. In italiano, i fonemi (o suoni) /ts/ e /dz/, che corrispondono entrambi al grafema¬†z, sono sempre rafforzati quando si trovano tra due vocali, ma se la parola in cui uno dei due occorre √® un latinismo, al fonema rafforzato corrisponde un solo grafema. Per questo motivo abbiamo parole popolari, nelle quali la grafia rispecchia la fonetica, come¬†azzoppare,¬†carrozza,¬†corazza,¬†piazza,¬†pazzia,¬†puzza,¬†spazzare¬†ecc., e latinismi come¬†armistizio,¬†ospizio,¬†abbreviazione,¬†razione,¬†sodalizio,¬†inezia,¬†spezia¬†ecc. Purtroppo, essere consapevoli dell‚Äôesistenza dei latinismi non √® utile nella pratica; non ci consente, cio√®, di prevedere se un fonema si scriva scempio o raddoppiato. Un utile accorgimento, molto noto, √® scrivere sempre scempia la¬†z¬†del suffisso¬†-zione¬†(tipico dei latinismi), ma anche quella della terminazione¬†-zio,¬†-zia,¬†-zie¬†con la¬†i¬†non accentata (ozio,¬†screzio,¬†amicizia,¬†calvizie) e comunque la¬†z¬†seguita dalla¬†i¬†non accentata, a sua volta seguita da un‚Äôaltra vocale (come in¬†prezioso¬†e¬†preziario, anche se alla base c‚Äô√®¬†prezzo). Se la¬†z¬†√® seguita da¬†i¬†accentata le cose si complicano, perch√© abbiamo le parole popolari¬†pazzia¬†e¬†razzia, e le parole dotte¬†abbazia¬†(anche¬†abazia),¬†democrazia¬†e tutti i derivati da¬†-crazia¬†(burocrazia,¬†plutocrazia,¬†tecnocrazia…).
Al contrario, le parole che finiscono con i fonemi /ts/ o /dz/¬†seguiti direttamente dalla desinenza (e ovviamente preceduti da una vocale) hanno tutte la doppia:¬†lezzo,¬†lizza,¬†pazzo,¬†pezzo,¬†pizza,¬†razza,¬†rozzo,¬†vezzo… Attenzione, il suffisso accrescitivo¬†-one¬†(come tutti gli altri suffissi:¬†-oso,¬†-ino,¬†-erello…) applicato a queste parole mantiene la doppia¬†z, quindi¬†pezzone,¬†puzzone¬†ecc. (da non confondere con le parole in¬†-zione¬†come¬†intuizione,¬†pozione,¬†azione,¬†razione,¬†stazione¬†ecc.).
Specularmente, le parole che finiscono in¬†-gione¬†vogliono sempre una sola¬†g:¬†ragione,¬†regione,¬†pigione,¬†prigione,¬†magione,¬†religione,¬†stagione; tra quelle che finiscono in¬†-ggio¬†e quelle in¬†-gio, invece, prevalgono quelle raddoppiate, ma bisogna stare attenti. Per la grafia del fonema /d í/ (corrispondente al grafema¬†g¬†seguito da¬†i¬†o¬†e), infatti, oltre ai latinismi, creano dubbi anche i francesismi; dal francese derivano¬†agio¬†e¬†disagio,¬†malvagio,¬†reg√¨a, ma anche¬†paggio,¬†coraggio,¬†selvaggio,¬†formaggio¬†e, in generale, il suffisso¬†-aggio. Il fonema /d í/, inoltre, √® rappresentato da una¬†g¬†sola anche in¬†bambagia¬†(dal latino BAMBACń¨AM, per effetto della sonorizzazione della /t É/),¬†legittimo¬†(dal latino LEGń¨Tń¨MUM),¬†regio¬†‚Äėregale‚Äô (dal latino REGń¨UM, a cui si contrappone la parola popolare¬†reggia¬†‚Äėdimora del re‚Äô),¬†rigido¬†(dal latino Rń¨Gń¨DUM),¬†rigettare¬†(perch√© il prefisso¬†ri-¬†non produce assimilazione, diversamente dai prefissi che finiscono in consonante, come¬†in-, da cui¬†irrigidire,¬†irrituale,¬†irrevocabile) e simili. Un trucco, per la verit√† soggetto a coincidenze sfortunate, per indovinare con quante¬†g¬†si scriva una parola che termina in¬†-agio¬†o¬†-aggio¬†√® separare quest‚Äôultima parte dalla parte precedente: se rimane una parola di senso compiuto, o che si avvicina a una parola di senso compiuto, la parte finale √® il suffisso¬†-aggio, altrimenti la parola semplicemente finisce in¬†-agio: quindi a¬†vassallo¬†corrisponde¬†vassallaggio, a¬†forma formaggio, al verbo¬†pestare¬†pestaggio¬†e, meno chiaramente, a¬†cuore¬†coraggio, al francese¬†ligne¬†‚Äėdiscendenza‚Äô (a sua volta dal latino¬†LINńĒAM)¬†lignaggio, ancora al francese¬†feurre¬†‚Äėpaglia‚Äô¬†foraggio¬†ecc.;¬†malvagio, invece, √® una parola senza suffisso, cos√¨ come¬†contagio¬†(coincidenza sfortunata:¬†conta-¬†potrebbe sembrare una parola, ma basta osservare che¬†contare¬†non ha niente a che fare con le malattie per riconoscere questo come un falso positivo),¬†magio,¬†naufragio,¬†plagio,¬†presagio¬†(anche per¬†presa-¬†vale la considerazione fatta per¬†conta-¬†a proposito di¬†contagio) ecc. Lo stesso trucco funziona per le parole terminanti in¬†-eggio¬†e¬†-egio:¬†alpeggio¬†(corrispondente a¬†Alpi),¬†maneggio¬†(mano),¬†palleggio¬†(palla), ma¬†ciliegio,¬†collegio¬†(che non ha a che fare con¬†colle),¬†egregio,¬†pregio,¬†privilegio,¬†sacrilegio. Per la verit√†, in quest‚Äôultimo si riconosce la base¬†sacro, come in¬†regio¬†si riconosce¬†re: sono i limiti di questo trucco un po’ arrangiato. Limiti ancora pi√Ļ evidenti quando¬†-ggio¬†e¬†-gio¬†sono precedute dalle altre vocali: in questi casi il trucco perde quasi del tutto valore. Bisogna dire, per√≤, che si tratta di pochissimi casi. C‚Äô√® una sola parola (a parte qualche altro termine raro) che finisce in¬†-iggio:¬†pomeriggio; qualcuna in pi√Ļ finisce in¬†-igio¬†(bigio,¬†grigio,¬†ligio,¬†fastigio,¬†litigio,¬†prestigio,¬†prodigio…). Pochissime anche quelle che finiscono in¬†-oggio:¬†alloggio,¬†appoggio¬†e¬†poggio,¬†moggio,¬†sloggio¬†e poche altre; ancora meno quelle in¬†-ogio:¬†elogio,¬†mogio,¬†necrologio,¬†orologio¬†e poche altre. Non si registrano, infine, parole in¬†-uggio¬†(ma ricordiamo¬†uggia¬†‘noia’), mentre rare sono quelle in¬†-ugio:¬†archibugio,¬†indugio,¬†pertugio,¬†rifugio,¬†segugio,¬†sotterfugio.
Anche tra le parole che finiscono in¬†-ggine¬†o¬†-gine¬†queste terminazioni sono quasi sempre precedute dalla vocale¬†a¬†(quindi¬†-aggine¬†o¬†-agine). Poche di queste hanno una sola¬†g:¬†cartilagine,¬†immagine,¬†indagine, ma anche¬†caligine,¬†origine,¬†scaturigine,¬†vertigine. Molte di pi√Ļ sono quelle con la doppia¬†g: si tratta soprattutto di parole che indicano difetti del carattere, come¬†balordaggine,¬†cafonaggine,¬†cocciutaggine,¬†infingardaggine,¬†sbadataggine,¬†sfacciataggine¬†ecc.; accanto a queste troviamo¬†lentiggine,¬†fuliggine,¬†ruggine,¬†testuggine¬†e poche altre.
L‚Äôopposizione tra parole popolari, che rispecchiano nella grafia la pronuncia delle consonanti, e parole dotte si manifesta anche nel raddoppiamento incostante della¬†b: da una parte abbiamo¬†abbiamo¬†e¬†abbia,¬†abbaiare,¬†abbinare,¬†babbo,¬†rabbia,¬†scabbia¬†(anche¬†rabbino, non dal latino, ma dall’ebraico¬†rabbi¬†‚Äėmaestro mio‚Äô) ecc.; dall’altra¬†abietto,¬†abitare,¬†abitudine,¬†inibire,¬†bibita,¬†imbibire,¬†rubino¬†ecc. In un caso, vanno bene entrambe le soluzioni:¬†obiettivo¬†e¬†obbiettivo. Il francese ha dato un piccolo contributo anche in questo ambito, con¬†bobina,¬†cabina¬†(da¬†cabine¬†‚Äėcapanna‚Äô),¬†carabina¬†e¬†carabiniere¬†e qualche altra parola. Ad aumentare la confusione, pu√≤ capitare che la parola base sia popolare, mentre le derivate (o alcune di esse) siano dotte: √® il caso di¬†dubbio, da cui derivano tanto¬†dubbioso¬†quanto¬†dubitare; un caso simile a quello, gi√† visto, di¬†prezzo, legato a¬†prezioso¬†e¬†preziario.
Ricordiamo, infine, le parole univerbate, che hanno la geminata per effetto del raddoppiamento fonosintattico. Questo fenomeno ci porta a rafforzare la consonante iniziale delle parole precedute da alcuni monosillabi (a,¬†da,¬†e,¬†√®,¬†che¬†e altri), pochi bisillabi (ad esempio¬†sopra), e tutte le parole che finiscono con una vocale accentata. Per questo motivo¬†re Carlo¬†si pronuncia (tranne che in alcune regioni del Nord)¬†reccarlo¬†(cosa, tra l‚Äôaltro, utile, perch√© permette di distinguere nel parlato¬†re Carlo¬†da¬†recarlo¬†‚Äėportarlo‚Äô, che si pronuncia come si scrive). Ovviamente, per√≤,¬†re Carlo¬†si scrive cos√¨, con una sola¬†C¬†in¬†Carlo, perch√© in italiano nessuna parola, che non sia un acronimo, pu√≤ cominciare con due consonanti uguali (al contrario, esistono rarissime parole che cominciano con due vocali uguali:¬†aaleniano,¬†iinga,¬†oocito¬†e poche altre).
Alcune espressioni di largo uso nelle quali opera il raddoppiamento fonosintattico, per√≤, con il tempo sono divenute parole uniche, ovvero¬†univerbate, come¬†appena¬†(a¬†+¬†pena),¬†dappoco¬†‚Äėbuono a nulla‚Äô (da¬†+¬†poco),¬†sebbene¬†(se¬†+¬†bene),¬†soprattutto¬†(sopra¬†+¬†tutto),¬†vieppi√Ļ¬†(via¬†+¬†pi√Ļ) ecc. A volte l’univerbazione √® opzionale; infatti si pu√≤ scrivere anche¬†a pena¬†e¬†da poco,¬†a capo¬†e¬†accapo,¬†da capo¬†e¬†daccapo¬†(ma¬†se bene¬†invece di¬†sebbene,¬†sopra tutto¬†al posto di¬†soprattutto,¬†via pi√Ļ¬†al posto di¬†vieppi√Ļ¬†sono decisamente inusuali). Quel che conta, per√≤, √® che quando¬†queste parole si scrivono univerbate, la consonante foneticamente rafforzata si scrive geminata, perch√© rappresenta il raddoppiamento fonosintattico prodottosi quando le parole erano separate.
Un tranello in cui non si deve cadere è unire nella scrittura espressioni che, sebbene del tutto simili ad altre univerbate, si scrivono ancora separate. Così, accanto ad apposta (a + posta) abbiamo a posto, che non si può scrivere *apposto (la parola apposto esiste: è il participio passato del verbo apporre; bisogna stare attenti a non fare confusione), ma anche a volte, che non si può scrivere *avvolte (anche in questo caso, la parola avvolte esiste: è il participio passato del verbo avvolgere), a poco a poco, non *appoco appoco ecc.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Buongiorno,

cortesemente siete in grado di aiutarmi a scoprire se esiste un significato per il nome di una ragazza conosciuta giorni fa? Il nome √®¬†MAVILLA; secondo la ragazza significa ‘prediletta’.

 

RISPOSTA:

Mavilla¬†√® un cognome italiano, piuttosto raro (ma comunque meno raro del nome proprio), presente soprattutto in provincia di Ragusa e in provincia di Parma. Potrebbe rientrare nel gruppo dei cognomi derivanti da toponimi, di varia origine, composti con¬†villa¬†‘fattoria, tenuta di campagna’ oppure ‘citt√†’ (nei derivati francesi). Ve ne sono con¬†villa¬†nella seconda parte (Altavilla,¬†Biancavilla,¬†Francavilla…) o nella prima¬†(Villanova,¬†Villarosa,¬†Villasanta…). Per quanto riguarda il costituente¬†Ma-, troppo facile sarebbe l’identificazione con l’aggettivo francese¬†ma¬†‘mia’, che darebbe a¬†Mavilla¬†il significato complessivo di ‘la mia citt√†’ (ma ville); in alternativa si pu√≤ pensare che¬†Ma-¬†sia una deformazione di un costituente originariamente pi√Ļ lungo, che, per√≤, non sono in grado di ipotizzare.
Proprio la difficolt√† a identificare l’origine del primo costituente (ma anche il fatto che non risultano citt√†, villaggi o contrade con questo nome) fa pensare che¬†Mavilla¬†non sia da accostare ai cognomi/toponimi con base¬†villa, ma sia, bens√¨,¬†un’altra delle tante varianti¬†di un cognome molto diffuso in tutta Italia,¬†Mabilia,¬†Mobili,¬†Mobilia,¬†Mobilio, attestato fin dal Medioevo come nome proprio di donna, nella forma¬†Mobilia¬†(la¬†o¬†al posto della¬†a¬†pu√≤ essere l’esito di una dissimilazione provocata dalla vocale finale),¬†e plausibilmente evoluzione del nome latino *AMABILIA, legato all’aggettivo AMABILEM¬†‘amabile, degno di essere amato’ (vicino al significato supposto¬†di ‘prediletta’). Non ho trovato attestazioni di AMABILIA nel mondo romano antico, ma l’esistenza di¬†Mobilia¬†giustifica l’ipotesi che esistesse un antenato AMABILIA, da cui, con una trafila diversa rispetto a quella che ha prodotto¬†Mobilia, si √® sviluppato¬†Mavilla.
L’evoluzione da¬†AMABILIA¬†a¬†Mavilla¬†si spiega con una serie di passaggi: la caduta (aferesi) della vocale iniziale, provocata dalla confusione con la vocale finale delle parole precedenti (casi come¬†cara Amabilia, che si pronuncia¬†caramabilia, hanno prodotto alla lunga¬†cara Mabilia); la spirantizzazione della labiale intervocalica (ovvero la trasformazione della [b], quando si trova tra due vocali, in [v]), come in¬†habere¬†>¬†avere,¬†debere¬†>¬†dovere,¬†caballum¬†>¬†cavallo). La terminazione¬†-lla¬†invece che¬†-lia¬†(come in¬†Mobilia), infine,¬†pu√≤ essere stata indotta dall’analogia con il suffisso¬†-illa¬†di altri nomi femminili antichi come¬†Commodilla,¬†Domitilla,¬†Priscilla, forse rafforzata dalla somiglianza con il suffisso¬†-ella, tipico, per varie ragioni, dei nomi femminili¬†(Antonella,¬†Gabriella,¬†Gisella…). Anche¬†Mavilia¬†√®, comunque, attestato, soprattutto in Veneto.
Per quanto io parteggi per quest’ultima etimologia, riporto anche una terza possibilit√†, registrata dal dizionario¬†I nomi di persona in Italia, di Alda Rossebastiano e Elena Papa (UTET, 2005): Mavilla potrebbe essere, secondo questa opzione, una variante del nome non latino (dal significato oscuro) Mavilo, legato, tra l’altro, a un martire cristiano del secondo secolo.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Etimologia, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Salve gentili linguisti. Il mio dubbio è: in linguistica che cosa sono i tratti intersegmentali? Potete spiegarmi che cosa riguardano? Che cosa sono? Che ruolo hanno? E la fonotassi ha a che fare con i fenomeni intersegmetali?
E per capire meglio gradirei cortesemente qualche esempio se fosse possibile. Chiedo gentilmente lumi. Grazie mille

 

RISPOSTA:

Pi√Ļ che di tratti intersegmentali, dovremmo parlare di¬†fenomeni intersegmentali. Si tratta di quelle modificazioni subite dai singoli fonemi in relazione al contesto nel quale si vengono a trovare. Sebbene, infatti, sia possibile separare in astratto i fonemi gli uni dagli altri, nella realt√†, quando parliamo produciamo una catena fonica continua e ci√≤ ci porta ad adattare¬†i singoli fonemi a quelli che precedono e a quelli che seguono, spostando leggermente il loro luogo di articolazione. Questa caratteristica della fonazione √® detta anche¬†coarticolazione, perch√© l’adattamento dei fonemi dipende dalla propagazione dei tratti articolatori associati ai fonemi ai fonemi circostanti. La coarticolazione √® alla base della fonazione, per cui ogni volta che parliamo produciamo esempi di questo fenomeno. Giusto per ricordarne alcuni pi√Ļ evidenti per l’italiano: tutte le consonanti non occlusive sono pronunciate mentre le labbra sono gi√† disposte nella posizione tipica della vocale seguente (si osservi la posizione delle labbra mentre si pronuncia la¬†l¬†di¬†li¬†e mentre pronuncia la¬†l¬†di¬†lo); il luogo di articolazione della nasale [n] si sposta dai denti al velo palatino (differenza che, in italiano, non ha valore fonologico), a seconda che il fonema sia seguito da una consonante dentale, palatale o velare (si consideri la posizione della lingua nel momento in cui si pronuncia la¬†n¬†di¬†interiore,¬†ingenuo,¬†incurabile). Per quanto riguarda l’influsso del fonema precedente sul successivo, si osservi la posizione delle labbra durante la pronuncia della¬†o¬†di¬†nord¬†e durante la pronuncia della [o] di¬†collera: in¬†nord¬†si mantiene¬†la protrusione dovuta alla nasale precedente.
Tutti i fenomeni assimilativi, del resto, possono essere ricondotti alla coarticolazione, che porta due fonemi contigui a coincidere per facilitare l’articolazione della catena fonica continua (si pensi a casi come¬†coctum¬†>¬†cotto¬†o al siciliano¬†vinniri¬†per¬†vendere). Anche¬†nella dissimilazione la coarticolazione pu√≤ avere un ruolo, anche se in questi casi i fonemi appartengono a sillabe diverse:¬†arborem¬†>¬†albero;¬†militalis¬†>¬†militaris.
La fonotassi non è intaccata dalla fonetica intersegmentale. Ovviamente, però, avviene il contrario: la fonotassi influenza anche la fonetica intersegmentale, perché indica quali sono le sequenze fonematiche (sillabe, sequenze consonantiche e vocaliche) ammesse in una lingua, quindi indica quali fonemi possono trovarsi in sequenza (e, di conseguenza, interferire tra loro) e quali no.
Per riprendere completamente la sua vecchia domanda (si veda la FAQ¬† – Fonotassi e fonosintassi), i fenomeni fonosintattici sono s√¨ di natura intersegmentale; il fatto che avvengano non all’interno della parola, ma tra parole √® poco rilevante, perch√©, nella catena fonica, il confine tra le parole √® spesso impercettibile.
Fabio Ruggiano 

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Salve, vi scrivo per chiedervi gentilmente delucidazioni. Sto conducendo uno studio personale e mi sono imbattuto in questi due termini: “Fonosintassi” e “Fonotassi”. La domanda √® : se dico “fonosintassi” e se dico”fonotassi” si intende la stessa cosa oppure sono due cose completamente diverse? Confondo un po’ e mi servirebbe gentilmente un chiarimento.¬†La trascrizione di un suono in parole, ad esempio un cinguettio, il miagolio, l’abbaglio del cane, ecc. fa parte della fonotassi?
Grazie

 

RISPOSTA:

Nonostante il nome simile, i due oggetti sono molto diversi. La fonosintassi √® un complesso di processi linguistici che coinvolgono sia la fonetica sia la sintassi, ovvero coinvolgono la fonetica nel momento in cui le singole parole si “toccano” all’interno della frase (questo avviene perch√© nella pronuncia le parole non sono separate, ma il confine finale della precedente si fonde con quello iniziale della seguente). Per fare qualche esempio, in italiano l’avverbio¬†a volte¬†si pronuncia [a’v:…Ēlte], con una [v] intensa, per un fenomeno noto come raddoppiamento fonosintattico (per questo¬†le persone meno abituate a scrivere scrivono l’avverbio *avvolte, riproducendo l’effettiva pronuncia del termine). Un altro processo tipico della fonosintassi italiana √® la labializzazione della [n] davanti a un fonema labiale, come in¬†con poco, che si pronuncia [kom’p…Ēko].¬†
La fonotassi, invece, è una branca della fonologia (cioè dello studio dei fonemi caratteristici di una lingua). Questa disciplina indica quali sono le sequenze fonematiche (sillabe, sequenze consonantiche e vocaliche) ammesse in una lingua, e quali non sono ammesse. In italiano, per esempio, non è ammessa una sequenza consonantica del tipo [bll], cioè consonante seguita da consonante geminata. Tutte le parole di una lingua sono soggette alle restrizioni fonotattiche; nelle parole onomatopeiche, in particolare, queste restrizioni, insieme a quelle morfologiche, regolano il processo di trasformazione dei suoni naturali in parole. 
Una nota: il verso del cane in italiano non √® l’abbaglio, ma l’abbaio, l’abbaiamento o l’abbaiare.¬†
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0

QUESITO:

Gliaca, frazione del Comune di Piraino, si pronuncia con la g gutturale o dolce?

 

RISPOSTA:

La pronuncia corretta √® [‘őĽaka], con la laterale palatale (come in scoglio, per intenderci). La pronuncia [‘gljaka], con la occlusiva velare (come in¬†glicemia), si √® diffusa probabilmente per la rarit√† del fonema [őĽ] ad inizio di parola in italiano.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0