Tutte le domande

Categorie: Morfologia, Semantica

QUESITO:

  1. Esiste una varietà di discipline, quali quelle umanistica, artistica e scientifica.

Vorrei sapere se la costruzione è corretta, o se sarebbe consigliato strutturarla in maniera leggermente diversa sul piano della flessione.

  1. Esiste una varietà di discipline, quale quella umanistica, quella artistica e quella scientifica.
  2. Esiste una varietà di discipline, quali quella umanistica, quella artistica e quella scientifica.

 

RISPOSTA:

La 1 e la 3 sono parimenti corrette, mentre la seconda presenta un errore di accordo in quale, che deve concordare con discipline, da cui dipende, e non con quella n√© con variet√†. In verit√†, pur corrette, la prima e la terza frase sono entrambe un po‚Äô faticose e ridondanti, soprattutto la terza, per via della ripetizione di quella. Forse si potrebbe snellire il tutto cos√¨: ¬ęci sono diversi ambiti disciplinari: umanistico, artistico e scientifico¬Ľ. In effetti, pi√Ļ che di disciplina, si sta qui trattando di ambiti disciplinari (ciascuno strutturato, al suo interno, in diverse discipline: la letteratura, la filologia ecc.; la biologia, la fisica ecc.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Le mogli litigano con i mariti.

Le fidanzate ballano con i fidanzati.

Le mamme aspettano i figli all’uscita della scuola.

Vorrei sapere se questi tre esempi (che sono solo alcuni tra i tanti ricavabili nei contesti pi√Ļ disparati) creano, per cos√¨ dire, delle relazioni semantiche ridondanti tra le ‚Äúcategorie‚ÄĚ che citano all’interno della medesima frase.

√ą evidente che una moglie √® tale se e solo se sussiste un marito, e lo stesso dicasi per una mamma in funzione di un figlio, ecc.

Non sarebbe stato sufficiente, e forse anche meno ridondante, citare una categoria pi√Ļ ‚Äúampia‚Äú (una delle due, o quella del soggetto o quella dell’oggetto), senza per questo disperdere la semantica generale della frase?

Le donne litigano con i (propri) mariti.

Le fidanzate ballano con i (propri) fidanzati.

Le donne (le ragazze) aspettano i (propri) figli…

Quali soluzioni suggerireste?

 

RISPOSTA:

L‚Äôeliminazione della ridondanza √® un proposito decisamente salutare nella scrittura, sebbene nessuna lingua possa eliminarla del tutto: il rumore di fondo (cio√® la ridondanza) talora serve a far capire meglio i concetti e a veicolare meglio gli atti comunicativi. Nei casi dai lei proposti mi sembra che il suo giudizio sia forse un po‚Äô troppo severo, e oltre tutto nel secondo caso non propone (forse per mero refuso) alcuna alternativa: ¬ęle fidanzate ballano con i fidanzati¬Ľ (forse voleva intendere le ragazze?). Quello che risulterebbe invece davvero inutilmente ridondante sarebbe ¬ępropri¬Ľ: √® infatti del tutto controintuitivo che le fidanzate ballino con fidanzati altrui, o che le mogli litighino con mariti altrui ecc. Sicuramente, le altre sue alternative sono possibili, e il senso non ne risentirebbe (grazie all‚Äôinferenza semantica del contesto, come lei stessa ben intuisce). Tuttavia, non mi sentirei di affermare che ¬ęle donne litigano con i mariti¬Ľ sia migliore di ¬ęle mogli litigano con i mariti¬Ľ ecc. Anzi, tutto sommato, la seconda alternativa mi sembra pi√Ļ precisa, e dunque preferibile: ¬ęle ragazze aspettano i figli¬Ľ potrebbe addirittura ingenerare l‚Äôequivoco di interpretare ¬ęragazze¬Ľ come ‚Äėbaby-sitter‚Äô (per esempio) che aspettano figli di altre. E simili.

Fabio Rossi

Parole chiave: Coerenza, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Tra i vari usi del condizionale troviamo anche quello, tipico del linguaggio giornalistico, di illustrare un fatto ipotetico, di cui non si ha pertanto elementi che possano attestare il suo essersi verificato.

Ho però notato che talvolta si tende a costruire interi periodi con questo modo verbale, trasformando tutte le azioni descritte come dubbie, anche quelle che, al contrario, sono oggettive.

Mi spiego con un esempio.

‚ÄúTizio avrebbe affermato tutto ci√≤ tra il 2002 e il 2005 quando avrebbe ricoperto il ruolo di assessore.”

Se non √® sicuro che Tizio abbia affermato qualcosa in quel periodo di tempo (di qui l’impiego inappuntabile del condizionale), √® certo che Tizio abbia (o ha) ricoperto, in quegli anni, il ruolo di assessore.

La subordinata temporale non avrebbe dovuto essere costruita con l’indicativo?

 

RISPOSTA:

Ha ragione. I giornalisti abusano del condizionale di distanziamento al punto da estenderlo spesso arbitrariamente anche a contesti nei quali andrebbe usato l’indicativo, dal momento che non v’è alcun dubbio sulla veridicità o oggettività dell’evento riportato.

L‚Äôesempio da lei riportato andrebbe corretto come segue (con l‚Äôimperfetto, per√≤, data la continuit√† nel passato): ¬ęTizio avrebbe affermato tutto ci√≤ tra il 2002 e il 2005, quando ricopriva il ruolo di assessore¬Ľ.

Pi√Ļ che di eccesso di scrupolo e ci cautela, ovvero la volont√† di non sbilanciarsi nel dare per veritiere notizie ancora non provate, direi che agisca qui la forza dell‚Äôabitudine e della stereotipia: il condizionale viene associato (dalle penne meno esperte) cos√¨ stabilmente allo stile giornalistico da divenirne un contrassegno (quasi ipercorrettistico) anche praeter necessitatem.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Semantica, Sintassi

QUESITO:

Desidererei sapere se l’espressione¬†per via di¬†pu√≤ essere usata anche come sinonimo di¬†per merito di,¬†grazie a, oltre che con il significato di¬†a causa di. Ad esempio: “Ha ottenuto un posto di prestigio per via delle sue benemerenze”. Il giudizio veicolato va valutato¬†dal punto di vista del parlante o del soggetto della frase? Se io dico che una persona √® stata promossa perch√© ha goduto di forti raccomandazioni, per me parlante il fatto va visto come negativo; √® stato promosso un soggetto che non lo meritava, con danno per la societ√† e forse anche per me personalmente; al contrario per il soggetto della frase √® stato sicuramente un vantaggio. In questo caso devo usare¬†per via di¬†o¬†a causa di¬†oppure¬†grazie a¬†o¬†per merito di?

 

RISPOSTA:

La locuzione preposizionale¬†per via di¬†indica letteralmente che quanto segue √® la via, il percorso seguito per arrivare a un risultato; √®, quindi, equivalente a¬†per mezzo di. Non √® facile, per√≤, distinguere il percorso dalla spinta iniziale che porta a intraprendere il percorso, ovvero la causa; per questo motivo questa locuzione preposizionale ha finito per essere usata per indicare che quanto segue √® la causa di un fenomeno (quindi come sinonimo di¬†a causa di), non il mezzo con il quale questo si √® manifestato. Le locuzioni¬†per merito di¬†e¬†grazie a¬†rimangono ancora pi√Ļ ambigue tra la causa e il mezzo: non √® possibile stabilirne nettamente il significato. Per quanto, per√≤, queste locuzioni possano indicare che quanto segue √® la causa di un fenomeno, al pari di¬†per via di, la sostituzione di¬†per via di¬†con una di queste altererebbe l’interpretazione complessiva della frase, perch√©¬†per merito di¬†e¬†grazie a¬†veicolano una sfumatura connotativa positiva assente in¬†per via di.

La responsabilit√† dell’enunciazione, quindi del modo di rappresentare la realt√† al suo interno, √® sempre dell’emittente (chi parla o scrive). La connotazione positiva o negativa di un fenomeno, quindi, deriva dal punto di vista dell’emittente e dipende da come quest’ultimo sceglie di costruirla (in base, per esempio, alle sue credenze e al contesto in cui si trova). L’emittente, per√≤, pu√≤ scegliere, con un artificio retorico, di rappresentare un punto di vista evidentemente opposto al proprio, per far risaltare quest’ultimo per contrasto.
Spieghiamo meglio. In ogni frase il senso complessivo √® il risultato dell’intreccio dei significati e dei sensi evocati da ciascuna parola o espressione. Nel caso in questione, una frase come “La persona √® stata promossa per via di / a causa di forti raccomandazioni” fa interagire l’implicita inevitabile condanna complessiva (in Italia la raccomandazione √® ufficialmente considerata una pratica scorretta) con l’oggettivit√† di¬†per via di. Questa rappresentazione sarebbe adatta a una denuncia formale (ovvero che vuole essere rappresentata come formale), in cui possibilmente si portino le prove di tali raccomandazioni e si voglia dimostrare con queste che la promozione √® stata un abuso. Se, invece, la denuncia √® informale (uno sfogo emotivo o un’accusa di principio, per esempio), sarebbe pi√Ļ adatta la costruzione “La persona √® stata promossa grazie a / per merito di forti raccomandazioni”, nella quale la locuzione preposizionale connotata positivamente colorisce l’affermazione di una sfumatura di soggettivit√†. Ovviamente, in questo caso la connotazione positiva √® in contrasto con il senso complessivamente negativo della frase, quindi non ci sono dubbi che l’emittente stia usando un artificio retorico per far risaltare,¬†a contrario, la sua posizione. Sta, in altre parole, facendo dell’ironia.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Sarebbe possibile inserire una virgola tra un sostantivo e il suo aggettivo?

“Ha una bella macchina, rossa”

Oppure prima di una preposizione?

“√ą andato via, a casa”

 

RISPOSTA:

S√¨, in certi contesti la virgola pu√≤ dividere in pi√Ļ unit√† informative una struttura semantica altrimenti addensata in una singola unit√† testuale. In questo caso, l‚Äôaggettivo rossa in posizione conclusiva e separato dal nome attraverso la virgola crea un doppio fuoco informativo che mette in rilievo sia il fatto che la macchina √® bella sia il fatto che la macchina √® rossa.

La virgola si inserisce perfettamente anche nel secondo esempio: la separazione del sintagma preposizionale (a casa) dal resto della frase è favorita dalla posizione conclusiva del sintagma. Non avremmo potuto separare, invece, la preposizione dal nome con cui essa costituisce un sintagma (*a, casa).

Raphael Merida  

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sapere se una frase che comincia con “che peccato” abbia bisogno dei puntini di sospensione (tralasciando il punto esclamativo) o possa farne anche a meno. Esempi:

Che peccato dover andarmene cos√¨ presto…

Che peccato sia morto cos√¨ giovane…

 

RISPOSTA:

Che peccato! √® di per s√© una formula esclamativa che pu√≤ indicare dolore, dispiacere o, in alcuni casi, ironia, quindi il segno interpuntivo richiesto √® il punto esclamativo; in frasi che cominciano con che peccato per√≤ √® possibile aggiungere i puntini di sospensione. Aggiungendoli, infatti, il discorso rimane sospeso volontariamente (in questo caso per reticenza o per un sottinteso allusivo) lasciando intendere per√≤ gli impliciti sviluppi. La prima frase pu√≤ essere, per esempio, interpretata cos√¨: ‚ÄúChe peccato dover andarmene cos√¨ presto‚Ķ mi stavo proprio divertendo!‚ÄĚ; la seconda, invece: ‚ÄúChe peccato sia morto cos√¨ giovane‚Ķ era un bravissimo ragazzo!‚ÄĚ. Le stesse considerazioni valgono per ‚ÄúChe peccato‚Ķ‚ÄĚ, che lascia intendere all‚Äôinterlocutore o al lettore qualcosa di non detto.

Raphael Merida

Parole chiave: Interiezione, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

“Era uno slancio limitato, che non era collegato a quelli incondizionati di quando era giovane.”

Vi chiedo se √® corretto l’uso dell’aggettivo (in questo caso “incondizionati”) dopo il dimostrativo “quelli”, che, in tale costruzione, se non vado errata assume la funzione di pronome.

Vi chiedo infine se sia possibile, per ottenere particolari effetti retorici, isolare l’aggettivo tra due virgole, creando cos√¨ un inciso:

“Era uno slancio limitato, che non era collegato a quelli, incondizionati, di quando era giovane.”

“Era uno slancio limitato, che non era collegato a quelli incondizionati di quando era giovane.”

 

RISPOSTA:

La frase √® corretta. Il referente slancio √® singolare ma pu√≤ capitare che un elemento anaforico (in questo caso il pronome quelli) rimandi a un referente con il quale non √® grammaticalmente in accordo, senza che questo si configuri come un errore. L‚Äôaggettivo incondizionati deve accordarsi, naturalmente, con il pronome cui si riferisce, cio√® quelli. Inoltre, l‚Äôaggettivo isolato tra due virgole crea una doppia focalizzazione nella sequenza narrativa. Dei due fuochi (‚Äúquelli‚ÄĚ e ‚Äúincondizionati‚ÄĚ) il pi√Ļ marcato √® il secondo grazie all‚Äôeffetto dell‚Äôisolamento e del lavoro inferenziale a cui questo invita il lettore (gli slanci di una volta non erano semplici slanci; erano incondizionati).

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

mi sarebbe gradito il vostro parere relativamente alla correttezza del termine metafora riferito ad un’opera letteraria. Mi sembra molto pi√Ļ appropriato, in questo caso, l’uso del termine allegoria; per√≤ mi √® capitato frequentemente di imbattermi anche nella prima soluzione. Faccio un esempio: “Quest’opera √® una metafora della vita”.

 

RISPOSTA:

Senza dubbio il termine allegoria sarebbe pi√Ļ appropriato, dal momento che rimanda, usualmente, a un complesso di concetti simbolici, piuttosto che al singolo uso traslato di una singola parola o espressione (come invece fa la metafora). Tuttavia, spesso il termine metafora √® usato nel senso meno tecnico e pi√Ļ lato (e prossimo quindi a quello di allegoria) di ‚Äėuso allusivo, simbolico‚Äô, e dunque si pu√≤ accettare anche ¬ęun‚Äôopera come metafora della vita¬Ľ.

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vi propongo questa frase: “Quell’esame di laboratorio si avvale dell’uso di sostanze radioattive”. Desidererei sapere se il verbo in questione pu√≤ riferirsi ad una procedura oltre che a colui o a coloro che tale procedura pongono in atto.

 

RISPOSTA:

Non sono sicuro di aver ben compreso la sua domanda: vuole sapere se il verbo avvalersi pu√≤ ammettere un soggetto inanimato (quell’esame), oppure soltanto animato (i tecnici di laboratorio)? Se la domanda √® questa, la risposta √® s√¨, il verbo avvalersi, bench√© propriamente riferito a soggetti animati, pu√≤, per metonimia, riferirsi anche a soggetti inanimati che indichino, per traslato, le persone. √ą evidente che con esame di laboratorio si intende qui la persona o le persone che hanno eseguito quell’esame.

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quale delle seguenti frasi è corretta dal punto di vista grammaticale?
1. La sua destinazione? l’Italia.
2. La sua destinazione? Italia.
Oppure sono corrette entrambe?

 

RISPOSTA:

In italiano i nomi degli Stati richiedono l’articolo determinativo (l’Italia, il Cile, gli Stati Uniti, lo Zambia ecc.). Fanno eccezione Israele, che non vuole l’articolo perch√© √® un nome proprio di persona (infatti la dizione corretta sarebbe lo Stato di Israele), San Marino, per la stessa ragione di Israele, Andorra, che tende a coincidere con una citt√†, e le isole piccole (Cipro, Malta), per la stessa ragione.
La frase 2, comunque, non √® impossibile, ma veicola una sfumatura retorica: in essa Italia suggerisce che nel nome siano comprese implicazioni pi√Ļ ampie di quelle legate allo Stato, che riguardano, per esempio, la vita futura della persona. Possiamo fare un altro esempio con un nome comune, per chiarire il concetto: “- Che cosa desideri? – La pace” / “- Che cosa desideri? – Pace”. Nella seconda risposta il nome pace¬†√® caricato di un valore pi√Ļ pregnante, come se, appunto, il desiderio riguardasse non soltanto la pace, ma anche le conseguenze e le implicazioni della pace stessa.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Gradirei sapere se dopo le classiche affermazioni poste a fine lettera, per esempio ¬ędistinti saluti¬Ľ, ¬ęcordiali saluti¬Ľ, ¬ęgrazie per l’attenzione¬Ľ eccetera, √® bene far seguire un punto prima del nome (per esempio: ¬ęDistinti saluti.

Mario Rossi¬Ľ) oppure se questo pu√≤ essere omesso (per esempio: ¬ęDistinti saluti

Mario Rossi¬Ľ), oppure se si pu√≤ ricorrere anche alla virgola (per esempio: ¬ęDistinti saluti,

Mario Rossi¬Ľ).

 

RISPOSTA:

La sua domanda affligge molti scriventi, evidentemente ormai disavvezzi alla corrispondenza tradizionalmente intesa. Nella quale sono ammesse tutte e le tre le soluzioni da lei prospettate, anche se quella con il punto √® decisamente la pi√Ļ moderna e mai, o quasi mai, contemplata in passato. Quindi √® anche da ritenersi la meno formale, in quanto meno in linea con la tradizione. Per il resto, oggi si tende all‚Äôuso maggioritario della virgola, che √® anche la soluzione suggerita da vari manuali di bon ton scrittorio (per es. quelli della fortunata coppia di linguisti Valeria Della Valle e Giuseppe Patota). Invece in passato (fino almeno alla met√† del Novecento) la tradizione escludeva qualunque segno di punteggiatura, tra i saluti e la firma, giacch√© il solo a capo con spazio bianco costituiva una evidente separazione tra le due sezioni. E quindi:

Cordiali saluti

Fabio Rossi (senza né virgola, né punto, ma con un solo a capo seguito o no da uno spazio bianco).

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Gradasso può essere considerato un sinonimo di spavaldo, visto che entrambi hanno come sinonimo spaccone?

 

RISPOSTA:

In una lingua difficilmente esistono sinonimi perfetti: a ben vedere, tra le parole c‚Äô√® sempre una differenza anche solo sfumata di significato. Nella terna spaccone, spavaldo, gradasso il primo nome ha un significato vicino a quello degli altri due, perch√© condivide con essi il tratto della vanteria eccessiva; in spavaldo, per√≤, √® pi√Ļ forte che negli altri due il tratto dell‚Äôesibizione del coraggio di fronte agli altri.

Tra spaccone e gradasso, invece, la differenza sta nella maggiore arroganza del gradasso rispetto allo spaccone, che risulta pi√Ļ legato all‚Äôesibizione di qualit√† non necessariamente possedute.

Le differenze si notano maggiormente se ricostruiamo le etimologie delle tre parole. Nell‚Äôetimologia di spavaldo, probabilmente dal latino pavor ‚Äėpaura‚Äô + il prefisso s-¬†e il suffisso germanico -aldo, si nota gi√† un riferimento alla mancanza di paura connotato per√≤ negativamente dal suffisso –aldo (come nella parola ribaldo). Il sostantivo gradasso, che caratterizza in negativo una persona che si vanta in modo eccessivo delle proprie qualit√† inesistenti, √® un‚Äôantonomasia formata sul nome del guerriero saraceno Gradasso, un personaggio dell‚ÄôOrlando innamorato e dell‚ÄôOrlando Furioso descritto come impulsivo e arrogante. Spaccone √® un sostantivo derivato dal verbo spaccare pi√Ļ il suffisso accrescitivo –one. A differenza del gradasso, dietro il quale si nasconde un tipo di carattere ben definito, lo spaccone √® colui che, iperbolicamente, vanta la forza di spaccare il mondo (senza per√≤ riuscirci).

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
1
0

QUESITO:

Nell’espressione ¬ędi tanto in tanto lo sguardo dell’uno sfiora la mano dell’altra, e viceversa¬Ľ √® necessario aggiungere quel ¬ęviceversa¬Ľ per indicare reciprocit√† dell’azione, o si pu√≤ omettere?

 

RISPOSTA:

Si pu√≤ omettere nella gran parte dei casi; in questo, in realt√†, anche aggiungendo ¬ęe viceversa¬Ľ permane qualche margine di ambiguit√†. Procediamo con ordine. In presenza di verbi reciproci (come incontrarsi, salutarsi, toccarsi, sfiorarsi ecc.) sono superflui ¬ęsia l‚Äôun l‚Äôaltro/a¬Ľ (locuzione che indica reciprocit√†) sia ¬ęe viceversa¬Ľ. Nel caso da lei segnalato, tuttavia, neppure la presenza di ¬ęe viceversa¬Ľ consente di capire se l‚Äôaltra ricambia guardando la mano dell‚Äôuno, oppure offrendo la mano allo sguardo dell‚Äôuno. Inoltre, l‚Äôespressione ¬ęlo sguardo sfiora la mano¬Ľ √® davvero molto insolita: lo sguardo di norma non sfiora, semmai si posa, scruta, passa ecc. Se tuttavia le piace questa metafora (che io personalmente trovo infelice, ma √® questione di gusti) allora forse dovrebbe chiarire il senso della reciprocit√†: la donna, insomma, guarda a sua volta la mano dell‚Äôuomo (non vedo altro senso possibile nella metafora ‚Äėsfiorare qualcosa con lo sguardo‚Äô), oppure ¬ęsfiora con la mano lo sguardo dell‚Äôuomo¬Ľ (cio√®, sempre metaforicamente, fa s√¨ che la mano si offra allo sguardo sfiorante dell‚Äôuomo)?

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Gradirei proporvi queste tre parole: pleonastico, ridondante e tautologico. A mio parere si tratta di sinonimi che significano ‚Äėeccessivo‚Äô, ‚Äėsuperfluo‚Äô.

Questi termini hanno a che fare con un aspetto quantitativo, cioè con la ripetizione dello stesso concetto facendo ricorso a parole diverse (es. bella, attraente e fisicamente perfetta) e non qualitativo (es. uso di parole ampollose, eccessivamente ricercate). Inoltre ritengo che i termini pleonastico e ridondante si riferiscano soltanto ad un discorso, mentre il vocabolo tautologico si possa attribuire tanto ad un discorso quanto ad un parlante. Ovviamente non sono sicuro di ciò ed è per questo motivo che mi sarebbe gradita la vostra opinione a riguardo.

 

RISPOSTA:

Tra le tre parole non vi √® un rapporto di sinonimia assoluta (del resto rarissima), bens√¨ di quasi sinonimia. Tautologico si riferisce perlopi√Ļ all‚Äôuso di termini che non aggiungono nulla in pi√Ļ rispetto a quanto gi√† espresso dal significato di altri termini, per es. ¬ęil cantante canta¬Ľ. Tautologico non si riferisce, di norma, a una persona, ma soltanto a un uso linguistico, a un testo, e perlopi√Ļ a una definizione o simili (concetto, ragionamento ecc.).

Pleonastico si usa perlopi√Ļ in riferimento a pronomi o costrutti ridondanti, in quanto rimandano allo stesso referente gi√† designato da un altro sintagma, per es. ¬ęil mare lo vedo¬Ľ (dove lo si riferisce a il mare). In questo senso, pleonastico e ridondante, nella lingua comune, possono essere usati come sinonimi, sebbene ridondante abbia un campo semantico pi√Ļ ampio, mentre pleonastico sia pi√Ļ specifico. Ridondante, di tutti e tre gli aggettivi, √® quello che pi√Ļ si presta a un uso pi√Ļ generale, e dunque si pu√≤ riferire anche, genericamente, a un discorso eccessivamente carico e ampolloso: ¬ętesto ridondante di tecnicismi¬Ľ, ¬ędiscorso ridondante di complimenti¬Ľ (in nessuno dei due casi ridonante pu√≤ essere sostituito da pleonastico o da tautologico), ¬ęstile o prosa ridondante¬Ľ ecc. In questo senso, dunque, ridondante √® l‚Äôunico dei tre aggettivi a potersi riferire anche, qualitativamente, all‚Äôuso di parole ampollose, eccessivamente ricercate.

Fabio Rossi

Parole chiave: Aggettivo, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

In un discorso racconto o poesia,  passare dalla forma impersonale alla seconda persona singolare è corretto?

 

RISPOSTA:

In linea di principio s√¨, √® possibile e non √® scorretto. Se gi√† nelle questioni grammaticali il pi√Ļ delle volte √® bene evitare la rigida dicotomia corretto/scorretto, ci√≤ √® vero tanto pi√Ļ nel terreno della testualit√† e della pragmatica, vale a dire a proposito del modo di rivolgersi ai lettori (cio√® agli interlocutori) di un testo o di un discorso. Sicuramente per√≤, soprattutto nella scrittura formale ma anche in quella narrativa, sarebbe bene evitare troppi salti di persona, anche perch√© ostacolano spesso la comprensione. Pertanto, se si decide di rivolgersi sempre con forme impersonali al destinatario (o narratario) del testo, sarebbe bene continuare a evitare il Tu/Lei/Voi. Certo, quanto pi√Ļ il testo √® lungo, tanto pi√Ļ √® difficile mantenere il controllo della persona, cio√® dei pronomi da usare per rivolgersi al lettore/destinatario/narratario. Anche in un discorso orale, tanto pi√Ļ se formale, sarebbe auspicabile la coerenza negli usi del Tu/Lei/Voi, oppure delle forme impersonali, usando o sempre gli uni (Tu, Lei o Voi) o sempre le altre (le forme impersonali). La scelta meno marcata, cio√® buona un po‚Äô per tutte le occasioni, √® quella dell‚Äôimpersonalit√†, mentre la scelta del Tu/Lei/Voi, pure praticata spesso nel parlato e in poesia (da cui per√≤ di solito il Lei √® bandito), √® decisamente pi√Ļ insolita nella narrativa e nella saggistica. Nei testi poetici, poi, la libert√† (e quindi anche la possibile alternanza tra Tu/Voi e forme impersonali) √® ancora maggiore, per cui √® davvero complicato individuare delle norme o anche soltanto delle linee guida su questo argomento. Per fare un esempio pratico, tutta questa risposta √® scritta in forma impersonale. Si sarebbe potuto scriverla anche tutta dando del Tu o del Lei al lettore (non del Voi perch√© qui sto rispondendo a un lettore o a una lettrice specifico/a, non a un gruppo indistinto di lettori/lettrici), ma sarebbe stato strano alternare le due forme, come per esempio cos√¨:

¬ęIn linea di principio s√¨, √® possibile e non √® scorretto. Se gi√† nelle questioni grammaticali il pi√Ļ delle volte √® bene evitare la rigida dicotomia corretto/scorretto, ci√≤ √® vero tanto pi√Ļ nel terreno della testualit√† e della pragmatica, vale a dire a proposito del modo di rivolgersi ai lettori (cio√® agli interlocutori) di un testo o di un discorso. Sicuramente per√≤, soprattutto nella scrittura formale ma anche in quella narrativa, faresti bene a evitare troppi salti di persona, anche perch√© ostacolano spesso la comprensione. Pertanto, se decidi di rivolgerti sempre con forme impersonali al destinatario (o narratario) del testo, continua a evitare il Tu/Lei/Voi¬Ľ ecc. ecc.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
2
0

QUESITO:

Vorrei proporvi questa frase: “Gli chiese di darle delle lezioni, ma lui prefer√¨ “dirottarla” verso un altro insegnante”. La mia domanda √®: quel dirottarla, posto fra virgolette, √® da considerarsi corretto oppure no?¬†
 

 

RISPOSTA:

Dirottare¬†ha, come accezione metaforica, proprio quella di “convogliare in altra direzione”, quindi va benissimo usarlo senza virgolette, dal momento che si tratta di un uso perfettamente italiano. L’uso delle virgolette, ancorch√© un po’ ingenuo, non √® per√≤ da considerarsi scorretto, per segnalare ulteriormente questo scarto semantico rispetto al significato meno figurato.

Fabio Rossi
 

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sapere se l’espressione “vuoto a perdere” pu√≤ essere usata come sinonimo di “cosa inutile”, “cosa che non serve pi√Ļ”. Io l’ho sempre usata in questo senso, ma ho letto recentemente che il significato corretto √® “cosa di cui non ci si pu√≤ disfare, mentre si vorrebbe farlo”. Il significato che ho finora dato¬† io al termine pu√≤ essere accettato oppure no?

 

RISPOSTA:

Il significato con cui usa lei l’espressione √® quello corrente e va benissimo. Per comprenderlo, bisogna pensare a una vecchia abitudine italiana (io me la ricordo ancora, e ho 55 anni). Essa prevedeva che, in casi di liquidi acquistati in bottiglie di vetro, si potesse optare per due soluzioni: 1) restituire la bottiglia al venditore, avendone indietro una piccola somma di denaro (soluzione detta “vuoto a rendere”); 2) non restituire la bottiglia e dunque non avere indietro alcuna somma di denaro (soluzione detta “vuoto a perdere”). Poteva capitare che i vuoti a perdere (donde il significato metaforico di ‘cosa che non serve a niente’, visto che il vuoto a perdere non comportava alcuna restituzione di denaro) si accumulassero e che ci si trovasse nella fastidiosa condizione di non riuscire a disfarsene, o comunque doversi scomodare per disfarsene, a differenza di quelli a rendere che venivano prontamente restituiti al venditore, col duplice vantaggio del denaro e dello smaltimento. In virt√Ļ di quest’ultima considerazione, √® anche possibile usare l’espressione nella seconda accezione metaforica da lei segnalata, cio√®¬†‘cosa di cui non ci si pu√≤ disfare, mentre si vorrebbe farlo’, che per√≤ non scalza, semmai direi rafforza, la prima: una cosa talmente inutile da diventare un fastidioso accumulo, che alla fine risulta difficile anche da smaltire e che si finisce dunque per lasciare l√¨ a far ingombro e sporco.
Insomma, la metafora è in ogni caso altamente spregiativa, come si può ben vedere nelle varie attestazioni presenti in Google libri e nella magnifica canzone di Noemi Vuoto a perdere (2011).

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
2
0

QUESITO:

Nella penultima strofa della poesia che riporto qui sotto, ho usato il futuro semplice andrò mentre il verbo precedente è al presente. Lo ritenete corretto o sarebbe meglio usare anche lì il presente? 

“…e¬†domani, speriamo bene, /¬†comincio: andr√≤ a bottega /¬†da un certo Verrocchio…”.

 

RISPOSTA:

L’alternanza¬†comincio¬†/¬†andr√≤¬†√® possibile: pu√≤ essere giustificata da una sfumatura semantica intesa dall’autore, da ragioni fonetiche o entrambe le cose insieme.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Retorica, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

l’aggettivo “patologico” pu√≤ essere usato solo a livello scherzoso in questo caso:
“Mario √® patologico”.
Bisognerebbe usare: Mario è affetto da patologia.
Quindi “√® affetto da patologia” corrisponde ad un predicato nominale?
 

 

RISPOSTA:

Patologico¬†di per s√© non ha affatto un significato ironico: vuol dire semplicemente “che si manifesta in condizioni morbose o anomale” e pu√≤ essere riferito sia a uno stato di salute, sia, per estensione, ad altri stati o condizioni, per es. una¬†timidezza patologica. Non pu√≤ essere riferito a una persona, in senso proprio, se non nell’espressione¬†caso patologico:¬†Mario √® un caso patologico = Mario √® affetto da patologia¬†= “Mario ha una qualche forma di malattia” ecc. Il senso ironico di¬†patologico¬†riferito anche alle persone deriva per l’appunto dall’espressione¬†caso patologico, che dal significato proprio passa a quello ironico di “essere senza speranza” ecc. Naturalmente, a seconda del contesto, dell’intenzione degli interlocutori, del loro mondo condiviso, dell’intonazione, dell’espressione facciale, dei gesti ecc. ecc. ogni parola e ogni espressione pu√≤ essere intesa sempre anche in senso ironico. Per cui, ovviamente, anche¬†patologico¬†e anche¬†essere affetto da patologia, sebbene quest’ultima espressione, pi√Ļ tecnica, si presti meno bene di¬†patologico¬†all’impiego ironico.
Quanto all’analisi logica, sia¬†essere patologico, sia¬†essere affetto (da patologia)¬†sono predicati nominali, visto che sono costruiti da copula (essere) + aggettivo. Il secondo caso √® pi√Ļ strano perch√© deriva da un verbo latino (afficere), ma che in italiano si conserva soltanto come aggettivo (affetto) e non come participio passato.
In conclusione: se vuole riferirsi a Mario in senso ironico pu√≤ dire¬†Mario √® patologico; se invece vuol dire semplicemente che il povero Mario √® ammalato pu√≤ dire¬†Mario √® affetto da patologia, anche se l’espressione, fuori dal contesto medico, rischierebbe di suonare un po’ troppo pomposa, e quindi, suo malgrado, anche ironica. Meglio limitarsi a¬†Mario √® malato,¬†Mario ha questa malattia¬†ecc.

Fabio Rossi
 

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

vi scrivo per chiedervi aiuto per aggiungere qualche dettaglio ulteriore a un testo che ho scritto, senza che questo diventi troppo dispersivo. In pi√Ļ, volevo chiedervi gentilmente se si pu√≤ eliminare qualche piccola sbavatura o ripetizione.¬†

Il testo è il seguente:

“Per un po’ mi tieni dentro la tua bocca; poi mi sputi fuori, facendomi finire tra le lenzuola del tuo letto. Poco dopo lasci cadere attorno al mio minuscolo corpicino diverse cascate della tua bianca e densa saliva: in meno di trenta secondi, la pozza della tua bava diventa cos√¨ grande da sembrarmi un oceano.¬†

Volevo scriverlo di nuovo aggiungendo che la ragazza alterna momenti in cui lascia colare la saliva mentre tiene le labbra socchiuse e altri mentre tira fuori ed estende la lingua lungo il mento, solo che non so come inserirlo: temo che spendendo 4/5 frasi in pi√Ļ si possa appesantire il periodo. Oltre a ci√≤, volevo sapere se¬†attorno al mio corpicino¬†fosse posizionato correttamente nella frase, cos√¨ come conoscere dei sinonimi per dire¬†attorno a me¬†oppure¬†attorno al mio corpicino.¬†
Avevo pensato a questa variante, però non so se possa risultare pesante da leggere: 

“Poco dopo lasci cadere diverse cascate della tua saliva attorno al mio minuscolo corpicino, alternando istanti in cui tieni le labbra socchiuse e altri mentre estendi / allunghi¬†[non so quale dei due termini sia pi√Ļ appropriato]¬†la lingua lungo il mento: in meno di trenta secondi, la pozza della tua bava diventa cos√¨ grande da sembrarmi¬†un oceano”.

 

RISPOSTA:

La seconda versione del testo √® ben scritta e non pesante da leggere. Per quanto riguarda¬†attorno al mio corpicino, √® ben posizionato e pu√≤ essere sostituito da varianti come¬†intorno al mio piccolo / minuscolo corpo¬†o simili. Espressioni sostitutive pi√Ļ sofisticate sono sempre possibili (il corpo pu√≤ essere metaforizzato variamente, oppure al posto del corpo si possono nominare, metonimicamente, le braccia, le gambe, la testa), ma sono scelte che modificano lo stile e in parte anche il significato del testo, per cui sono di pertinenza dell’autore. Anche la scelta tra¬†estendi¬†e¬†allunghi¬†non √® decidibile su base grammaticale, ma riguarda la semantica e lo stile:¬†estendere¬†√® proprio di ambiti tecnico-specialistici e in questo contesto sembra un po’ forzato, ma potrebbe essere scelto proprio per questo valore lievemente straniante. Per la sintassi, suggerisco la seguente correzione, che elimina¬†la difficolt√† del collegamente tra¬†altri¬†e¬†mentre:

“Poco dopo lasci cadere diverse cascate della tua saliva attorno al mio minuscolo corpicino, alternando istanti in cui tieni le labbra socchiuse e altri¬†in cui¬†estendi / allunghi¬†la lingua lungo il mento: in meno di trenta secondi, la pozza della tua bava diventa cos√¨ grande da sembrarmi¬†un oceano”.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Registri, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Se dico “E tu non la condividi?” oppure “E tu la condividi?” la domanda ha sempre lo stesso significato?¬†Se rispondo si a queste due domande la risposta ha il medesimo significato?

 

RISPOSTA:

In una domanda che comincia con la negazione, quasi sempre essa ha soltanto funzione retorica, che punta a indirizzare l’interlocutore a rispondere positivamente (quindi a condividere). La risposta alla domanda con negazione, pertanto, sar√† la stessa di quella data alla domanda senza negazione.¬†In altre parole, una domanda come¬†non la condividi?¬†equivale quasi sempre a¬†la condividi, no?¬†A questa domanda, pertanto, si risponder√† allo stesso modo in cui si risponderebbe alla semplice domanda¬†la condividi?, ovvero¬†s√¨¬†nel caso in cui la si condivida,¬†no¬†nel caso in cui non la si condivida.
La possibilit√† che la negazione sia effettiva, e non retorica, √® remota (nel caso i parlanti cercheranno di formulare la domanda diversamente); per evitare ambiguit√†, comunque, si pu√≤ espicitare il senso della risposta, per esempio “S√¨, la condivido” o “No, non la condivido”.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Riconosco di incontrare talvolta un qualche problema nel risalire alla cosa o alla persona cui si riferisce il ne. Un esempio è questo:
1a) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© ne acquisisca il metodo”.
Ecco: chi deve acquisire il metodo di chi?
Supporrei che sia Giulia a dover imparare da Valentina. Nel caso la mia interpretazione sia giusta, se volessimo ribaltare i ruoli, dovremmo escogitare formule pi√Ļ precise (ma meno snelle) come
1b) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© questa acquisisca il metodo di quella” oppure basterebbe
1c) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© quest’ultima ne acquisisca il metodo”?
Mi chiedo inoltre se la grammatica ci dia regole ferree a tal proposito, oppure se ci si possa sempre affidare alla logica.
Porto un altro esempio che mi è capitato di formulare:
2a) “Bisogna associare l’autorimessa all’appartamento, affinch√© ne diventi pertinenza”.
Seguendo la sola logica, la frase √® di immediata comprensione: l’unico immobile destinato a diventare pertinenza pu√≤ essere l’autorimessa. Ma prescindendo dalla logica, la frase √® corretta sotto il profilo sintattico?
Se essa fosse stata costruita diversamente, invertendo le posizioni dei complementi, per ottenere lo stesso messaggio, avremmo potuto scrivere
2b) “Bisogna associare l’appartamento all’autorimessa, affinch√© quest’ultima diventi la sua pertinenza”?

 

RISPOSTA:

Il collegamento tra i pronomi e i nomi (o gli altri pronomi) a cui questi si riferiscono √® un punto in cui la grammatica incontra la testualit√†. Da una parte, infatti, abbiamo l’accordo morfologico, ovvero l’adattamento del pronome al nome a cui si riferisce (nel caso di¬†ne¬†questo adattamento non si vede, perch√© questo pronome √® invariabile), dall’altra abbiamo la coreferenza, ovvero la capacit√† di pi√Ļ parole di rimandare allo stesso referente. Nella sua frase 1a, per esempio,¬†Valentina¬†e¬†ne¬†rimandano allo stesso referente, che √® la persona di Valentina. La coreferenza richiede sempre un minimo di sforzo interpretativo da parte del ricevente, perch√© non √® di per s√© evidente che, rimanendo al nostro esempio,¬†Valentina¬†e¬†ne¬†rimandino alla stessa persona, visto che sono parole cos√¨ diverse.¬†Nella stessa proposizione finale in cui si trova¬†ne¬†c’√® anche un’altra forma coreferenziale: l’ellissi del soggetto di¬†acquisisca. L’ellissi √® una forma coreferenziale perch√© rimanda a un referente presentato attraverso un nome da qualche parte nella stessa frase (come in questo caso), oppure in un’altra frase del testo. Risalire alla parola con cui l’ellissi √® coreferente √® in teoria molto difficile, proprio perch√© l’ellissi si realizza come la sottrazione di una parola o un gruppo di parole (o sintagma).¬†
Per favorire l’interpretazione coreferenziale da parte del ricevente, ovvero il corretto rimando da un pronome, o da un’ellissi, all’elemento coreferente, l’emittente deve rispettare alcune regole nella costruzione della frase. La coreferenza, quindi, coinvolge anche la sintassi. Nell’esempio, il dubbio sul collegamento tra¬†ne¬†e¬†Valentina¬†potrebbe nascere a causa della presenza, nella proposizione reggente, di due nomi in astratto collegabili a¬†ne:¬†Giulia¬†e¬†Valentina,¬†e dall’ellissi del soggetto del verbo¬†acquisire. In questa situazione, il ricevente potrebbe rimanere nel dubbio su chi sia che deve acquisire il metodo da chi. Tale dubbio √® risolto immediatamente dalla regola secondo cui il soggetto ellittico di una subordinata deve coincidere con il soggetto della proposizione reggente. Ne consegue che il soggetto di¬†acquisisca¬†√® lo stesso di¬†studi, ovvero¬†Giulia. Per esclusione, quindi,¬†ne¬†rimanda a¬†Valentina. Lo stesso vale per la frase 2a: il soggetto di¬†diventi¬†deve essere¬†l’autorimessa, quindi¬†ne¬†rimanda all’appartamento.
Il suo ragionamento sull’inversione dei ruoli sintattici nelle subordinate √® corretto: per farlo bisogna esplicitare il soggetto delle subordinate, attraverso un pronome (come nelle frasi 1b e 2b) o anche attraverso un sintagma nominale, per esempio:¬†“Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√©¬†Valentina¬†acquisisca…”. Una volta esplicitato il soggetto della subordinata, si pu√≤ usare anche¬†ne¬†per rimandare all’altro possibile elemento coreferente, non pi√Ļ ambiguo, come nella frase 1c.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Coerenza, Coesione, Nome, Pronome, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

 

Vorrei chiedere il significato di un modismo: smezziamoci una pizza. Significa che siamo amici?
 

RISPOSTA:

L’espressione “smezzarsi una pizza”, tipicamente romana, √® usata abitualmente nel senso letterale, e non idiomatico, di ‘prendere una pizza in due, mangiandone met√† per uno’.
Nulla vieta di usare l’espressione in accezione metaforica, e dunque idiomatica, con il significato di ‘siamo amici e quindi condividiamo tutto’.
Quella che invece si usa – sempre perlopi√Ļ a Roma e nell’Italia centrale ma per influenza dei media anche nel resto d’Italia – come frase idiomatica √® “smezzarsi la torta”, nel senso di ‘fare a met√† degli utili di qualcosa’, usata perlopi√Ļ in accezione negativa per proventi loschi: “Destra e Sinistra si sono smezzati la torta: se ora il governo cominciasse a far piazza pulita di questo sistema, dovrebbe dare addosso a tantissimi ‚Äúamici e raccomandati‚ÄĚ vicini a QUESTO governo!” (esempio del 2008 colto in Google).

Fabio Rossi
 

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Che cosa significano e quando si usano le seguenti espressioni?
1. Dammi un numero, presto!
2. Hai una domanda di riserva?
3. Non ti passa un giorno. 
4. Sono aperti i negozi oggi? 
5. Quando la bagniamo? 
6. Ben gli sta. 
7. Che taglio, complimenti. 
8. Bentrovato!  

 

RISPOSTA:

Le espressioni 1, 3 e 4 non hanno un significato figurato codificato. 
La 2 è un modo ironico per ammettere di non conoscere la risposta a una domanda, oppure di preferire non rispondere a una domanda.
Nella 5 il verbo¬†bagnare¬†√® usato probabilmente nel senso di ‘inaugurare’ oppure ‘festeggiare un successo’ (dipende dal referente di¬†la). Il verbo¬†bagnare¬†assume questo significato perch√© un elemento tipico dei festeggiamenti e delle inaugurazioni √® il bere convivialmente.
La 6 si dice per criticare qualcuno che ha fatto un danno a s√© stesso per non aver prestato ascolto a un consiglio o per aver fatto un’azione irresponsabile o cattiva. Per esempio quando uno scherzo di cattivo gusto si ritorce contro la persona che lo ha tentato.
La 7 √® probabilmente un complimento per una persona che si √® appena tagliata i capelli. Ricordo anche che a Roma si dice “Che taglio!” con il significato di ‘che bello!, fantastico!’. Questo, per√≤, √® un uso gergale.
Infine, bentrovato è del tutto analogo a bentornato.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Coerenza, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

In tempi relativamente recenti, mi pare che sia invalso l’uso (o l’abuso?) della congiunzione¬†anche¬†in contesti forse impropri (mi riferisco in special modo al primo dei due esempi sotto riportati).
“Ti va di studiare? Anche no”,
“Hai scritto tanto, talmente tanto che anche la met√† bastava”.
Fermo restando che in quest’ultima costruzione si sarebbe potuta migliorare la sintassi del verbo (ho scelto di presentare le frasi come le avevo sentite pronunciare); la congiunzione¬†anche¬†in entrambi gli esempi √® ben impiegata?

 

RISPOSTA:

Non si pu√≤ dire che nelle frasi da lei proposte ci siano degli errori. Si tratta certamente di frasi adatte a contesti informali, in cui non si bada molto alla precisione, ma, al contrario, si cerca di caricare la lingua di espressivit√† emotiva. La congiunzione¬†anche¬†si presta a questo scopo perch√© permette di presentare come alternativa, quindi meno perentoria, una soluzione in realt√† contraria a quella proposta dall’interlocutore. In questo modo la soluzione contraria risulta pi√Ļ cortese, quindi pi√Ļ socialmente accettabile, e si pu√≤ arricchire anche di una sfumatura ironica.¬†
Nel suo primo esempio¬†la congiunzione presenta la negazione decisamente netta¬†no¬†come un’alternativa possibile tra altre: si tratta certamente di un modo per rendere pi√Ļ cortese il rifiuto, ma si intravede, oltre a questo, un intento ironico nel contrasto tra la nettezza della negazione e l’apertura alla possibilit√† garantita dalla congiunzione¬†anche.
Nel secondo esempio l’ironia √® meno percepibile (probabilmente √® assente), mentre rimane chiaro l’intento di moderare la perentoriet√† della proposta alternativa. Senza¬†anche¬†il giudizio sulla quantit√† della scrittura prodotta risulta automaticamente critico; con¬†anche, invece, la soluzione di scrivere la met√† √® presentata come alternativa possibile che non esclude l’altra.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Avverbio, Congiunzione, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Semantica

QUESITO:

Vi scrivo a proposito dell’aggettivo¬†grande:¬†quando √® obbligatorio e quando √® facoltativo il troncamento di questo aggettivo?¬†

 

RISPOSTA:

L’apocope, o¬†troncamento, di¬†grande¬†√® uno dei due casi di apocope sillabica esistenti nell’italiano moderno (l’altro √®¬†san(to) Tommaso). Si pu√≤ realizzare, ma non √® obbligatoria, davanti alle parole che cominciano per consonante semplice:¬†gran¬†/¬†grande velocit√†,¬†gran¬†/¬†grande signore,¬†anche plurali e femminili:¬†gran¬†/¬†grandi lettori,¬†gran¬†/¬†grandi lettrici.
La forma¬†gran¬†√® obbligatoria soltanto in alcune espressioni cristallizzate, come¬†a gran voce,¬†di gran lunga,¬†un gran che,¬†una gran cosa,¬†gran parte,¬†gran premio¬†e qualche altra. Per questo motivo, quando viene usata pu√≤ far assumere al sintagma un significato figurato; per esempio:¬†grande signore¬†= ‘persona dalle doti eccezionali’ /¬†gran signore¬†‘persona che vive spendendo molto’.¬†
Davanti a parole che cominciano per consonante complicata (sc-, st-, ps-, gn-) e z- si usa grande: grande scempio, grande stratega, grande psicologo, grande zaino.
Davanti a parole che cominciano per vocale si usa ancora¬†grande¬†oppure la forma elisa¬†grand’:¬†grand’uomo, grand’affare, grand’effetto. La forma elisa pu√≤ essere usata soltanto al singolare; al plurale √® obbligatoria la forma piena¬†grandi:¬†grandi affari,¬†grandi effetti. Soltanto¬†grand’uomo¬†ammette il plurale¬†grand’uomini¬†(comunque raro), perch√© questa espressione √® cristallizzata, tanto che si pu√≤ scrivere anche¬†granduomini.¬†
Fabio Ruggiano
Fabio Rossi

Parole chiave: Aggettivo, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Nella correzione di un testo scritto va bene quanto segue?
– INDICATORE: Completezza delle informazioni.
Il contenuto è completo/abbastanza completo/essenziale, ecc.
– INDICATORE: Organizzazione nella successione logica e nell’ordine¬†crono-spaziale.
L’esposizione risulta articolata/ lineare/frammentaria, ecc.
– INDICATORE: Correttezza ortografica, morfo-sintattica, punteggiatura, coesione.
La forma presenta lievi errori/pochi errori/ gravi errori.
– INDICATORE: Uso del lessico
Il lessico utilizzato è appropriato/ adeguato/semplice, ecc.

 

RISPOSTA:

La domanda esula dal nostro campo specifico, ma proverò comunque a fare qualche osservazione. Il primo indicatore è ben costruito, sia nella descrizione, sia nei livelli, tranne che per ecc., che in generale va evitato, proprio perché gli indicatori servono a dare chiarezza. Si può, semmai, aggiungere un quarto livello:

– INDICATORE: Completezza delle informazioni.
Il contenuto è completo / quasi completo / essenziale / quasi assente

Nel secondo indicatore non si capisce come si possano associare successione logica e ordine crono-spaziale. Ma soprattutto, non è chiaro che cosa si intenda con ordine crono-spaziale (o meglio spaziotemporale). Forse intendeva riferirsi alla successione degli eventi di una storia? In questo caso, si consideri che se per la successione logica si può individuare un modello migliore di un altro, per la successione degli eventi in una storia esistono tante possibilità (quelle che in narratologia sono definite intreccio) tra le quali è difficile stabilire la migliore.
I livelli, inoltre, non sembrano adatti a definire una gradualità di valore: perché, infatti, una organizzazione articolata sarebbe migliore di una lineare?
Ammesso che ordine crono-spaziale abbia il significato che io ho inteso, le propongo, per questo indicatore, questa scala di valore: articolata e lineare / lineare / a tratti imprecisa / fortemente imprecisa.
Il terzo indicatore raccoglie troppi aspetti. Si potrebbe dividere in almeno due indicatori, uno per l’ortografia e uno per la coesione (nel quale si pu√≤ far rientrare anche la punteggiatura e la morfosintassi). Volendo, per√≤, coesione e punteggiatura potrebbero essere separati da morfosintassi.
I livelli non vanno bene neanche in questo indicatore:¬†lievi¬†e¬†gravi¬†sono indicazioni di qualit√†, peraltro piuttosto arbitarie (quale errore ortografico √® pi√Ļ grave o lieve di altri?), mentre¬†pochi¬†indica una quantit√† ed √®, quindi, incongruente con gli altri. Ritengo che la strada migliore nel caso dell’ortografia sia proprio quella della quantit√†, quindi una scala come¬†molti errori¬†/ pochi errori / quasi nessun errore / nessun errore.
Per quanto riguarda la coesione, invece, si può propendere per la qualità, quindi per una scala come pienamente adeguata (allo scopo) / parzialmente adeguata (allo scopo) / appena adeguata (allo scopo) / del tutto inadeguata (allo scopo).
Anche per l’uso del lessico i livelli sono incongruenti: intanto¬†appropriato¬†e¬†adeguato¬†sono quasi sinonimi, quindi non rappresentano una distinzione chiara.¬†Semplice, inoltre, non individua per forza un difetto, quindi non √® adatto a rappresentare il grado pi√Ļ basso del giudizio. Potrebbe usare per questo indicatore la stessa scala che ho proposto per la coesione.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vi scrivo per risolvere un dubbio di retorica relativo in particolare a due casi in¬†cui la ripetizione di una parola si carica di un significato diverso tra un’occorrenza¬†e l’altra. Cito dal prologo dell’Aminta, pronunciato da Amore: “questo io so certo¬†almen, che i baci miei / saran sempre pi√Ļ cari a le fanciulle, / se io, che son¬†l’Amor, d’amor m’intendo”; e “e se mia madre, / che si sdegna vedermi errar fra’¬†boschi, / ci√≤ non conosce, √® cieca ella, e non io, / cui cieco a torto il cieco vulgo¬†appella”.
Nel primo caso, la ripetizione di¬†amore, prima come nome proprio, poi come nome comune,¬†oltre alla variazione poliptotica, √® corretto parlare di aequivocatio?¬†Oppure quale altra figura retorica potrebbe descrivere adeguatamente l’artificio? Nel¬†secondo caso invece, in cui si passa dall’uso proprio a quello figurato dell’aggettivo¬†cieco, quale figura viene utilizzata?
Potrebbe essere appropriato parlare di diafora in casi come questi? 

 

RISPOSTA:

I due casi sono riconducibili alla stessa figura, la diafora, ovvero la ripetizione dello stesso termine a breve distanza con un significato diverso. Lo scarto tra il nome proprio e il nome comune ricorda l’uso che della figura fa Manzoni nei¬†Promessi sposi: “La mattina seguente Don Rodrigo si dest√≤ Don Rodrigo”, in cui il secondo¬†Don Rodrigo¬†funge pi√Ļ da sintagma nominale comune che da nome proprio e si interpreta come ‘la solita persona’, ‘la persona che era sempre stata’. Nel secondo caso, il significato dell’aggettivo passa da quello figurato (cieca) a quello¬†proprio (cieco¬†detto di Amore) nuovamente a quello¬†figurato (cieco¬†detto del popolo).
La aequivocatio √® un caso estremo di paronomasia, nel quale due parole omografe sono usate nella stessa frase, ad esempio: “L’uomo √® solito amare le cose amare”, o “Salutare le persone cordialmente √® salutare (‘giovevole alla salute’)”.
‚ÄčFabio Ruggiano

Parole chiave: Lingua letteraria, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Semantica

QUESITO:

Una frase come “I cristiani sono chiamati ad attraversare le ‘gioiose¬†sofferenze’ della vita per conquistare il paradiso √® corretta”? Vi spiego il mio¬†dubbio. Il motivo della conquista √® la lotta contro le sofferenze della vita. Ma √®¬†pur vero che la sofferenza si trasforma in gioia in vista del paradiso. Quindi,¬†visto che la sofferenza √® “gioiosa”, la conquista diviene per cos√¨ dire “facile”.¬†Ma il vocabolario spiega il termine¬†conquista¬†con ‘l’ottenimento di un qualcosa¬†attraverso difficolt√†’. Quindi chiedo se in virt√Ļ di quanto esplicato la frase √®¬†corretta, e se lo fosse come si chiama in italiano la tecnica utilizzata (penso¬†sia l’ossimoro).

 

RISPOSTA:

Dal punto di vista grammaticale la frase √® corretta. Il suo dubbio semantico √® legittimo, ma lei stesso d√† una spiegazione che supera il problema in modo convincente. L’ossimoro, la figura retorica da lei usata, serve proprio a superare l’evidenza dell’esperienza per far emergere sfumature nascoste negli eventi, nelle situazioni, nelle relazioni umane. Il suo¬†gioiose sofferenze¬†(cio√® ‘sofferenze finalizzate a un fine gioioso, che le rende accettabili’) funziona al pari del comune¬†silenzio assordante¬†(ovvero ‘silenzio su un tema delicato, che rivela l’impotenza, o la colpevolezza, di chi lo pratica’), o dell’altrettanto comune¬†lucida follia¬†(cio√® ‘comportamento anticonvenzionale derivato non da irrazionalit√†, ma da calcolo’) ecc.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Vorrei capire meglio come certi sostantivi pur essendo al singolare hanno un significato plurale, esempio:Giovanni 1:29 Il giorno seguente, Giovanni vide Ges√Ļ che veniva verso di lui e disse: ¬ęEcco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!
Il peccato nel verso sopra indicato pur essendo al singolare, ha un significato plurale, cioé : I peccati.Altro esempio, il frutto! Galati 5:22 Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo.
Anche in questo verso il frutto al singolare ha un significato plurale.Come vengono denominati in italiano questi sostantivi che sono al singolare ed hanno un significato plurale.Vengono denominati forse plurali irregolari?

 

RISPOSTA:

No, in realt√† non si tratta di plurali irregolari, perch√© sono regolari sia nella forma sia nel significato. Si tratta dii un uso estensivo, quasi sempre possibile in italiano, di un singolare inteso in senso collettivo, ovvero dell’uso di un singolare in luogo del plurale, secondo una figura retorica (ma, data la sua frequenza in qualunque tipo di testo, sarebbe forse meglio definirla una strategia comunicativa) detta¬†sin√®ddoche, che rientra nella pi√Ļ generale figura detta¬†meton√¨mia. Si ha metonimia ogni qual volta si usi un termine in luogo di un altro di significato contiguo, come, che so, il contenitore per il contenuto (“bere un bicchiere”, che ovviamente si riferisce al contenuto del bicchiere) o l’autore per l’opera (“leggere Manzoni”, che ovviamente si riferisce all’opera di Manzoni). Analogamente, se si usa il singolare per il plurale o il plurale per il singolare, si sta usando la la parte per il tutto, o il tutto per la parte, secondo il particolare tipo di metonimia detto appunto¬†sin√®ddoche. La sineddoche √® molto diffusa nel linguaggio poetico, politico, sentenzioso, oratorio, religioso (da cui i suoi esempi evangelici), ma anche nel discorso comune. I poeti ne fanno un uso frequentissimo, per es. quando Petrarca usa “crin”, ovviamente non intendendo un solo capello ma tutti i capelli, la capigliatura, o quando il libretto della Tosca recita: “Tu azzurro hai l’occhio, Tosca ha l’occhio nero”, riferendosi ovviamente ad entrambi gli occhi.

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Come si dice: comprare una cassa d’acqua o confezione di bottiglie d’acqua?

 

RISPOSTA:

Le due espressioni sono perfettamente equivalenti e vanno bene per tutte le situazioni comunicative. Sicuramente la seconda (“confezione di bottiglie d’acqua”) √® pi√Ļ formale (ma anche, direi, eccessivamente pomposa e un po’ burocratica), ma la prima (“cassa d’acqua”) √® del tutto corretta e adatta anche agli usi formali. Immagino che il motivo della sua richiesta sia dovuto alla supposizione che la prima espressione (“cassa d’acqua”) possa sembrare a taluni eccessivamente generica, imprecisa e informale, per via del fatto che, materialmente, l’acqua non √® disposta in una vera e propria cassa, bens√¨ in bottiglie tenute insieme da un foglio di plastica. Ebbene, tale critica √® insussistente, dal momento che la lingua (qualunque lingua, non soltanto quella italiana) non funziona secondo una logica astratta e il rispetto pedissequo dell’etimologia e del significato letterale delle parole, ma in base a usi e funzioni concrete e consolidate. Pertanto, in virt√Ļ degli usi figurati (metonimia), cos√¨ come possiamo dire “ho bevuto un bicchiere di Pinot”, piuttosto che “ho bevuto una certa quantit√† di vino di tipo Pinot contenuta in un bicchiere”, altrettanto felicemente possiamo dire “cassa d’acqua”, intendendo, per metonimia, con cassa ‘contenuto di una cassa o di contenitore analogo, di forma pi√Ļ o meno di parallelepipedo’, e con acqua, sempre per metonimia, ‘bottiglia contenente dell’acqua’. Se vuole saperne di pi√Ļ sulla metonimia, legga questo quesito.

Purtroppo molti parlanti e scriventi pretendono di guardare alla lingua secondo astratti meccanismi razionalistici, come se le lingue non mutassero nelle forme e nei contenuti in base al tempo, allo spazio, e alle situazioni comunicative. Ma, se così fosse, ancora parleremmo latino, o addirittura la lingua di Adamo!

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Sineddoche o metonimia?

Nei versi “ma misi me per l’alto mare aperto/sol con un legno e con quella
compagna” (Dante, Inferno, Canto XXVI, versi 100-101) legno √® metonimia o
sineddoche?
 
 
RISPOSTA:

Metonimia. Anche se tra le due figure retoriche c’√® spesso, nelle trattazioni, molta ambiguit√†, e vengono usate ora come interscambiabili, ora come l’una un sottotipo dell’altra, sarebbe bene limitare il valore di sineddoche a uno scambio di parole sull’asse della contiguit√† semantica di tipo quantitativo (il tutto per la parte o la parte per il tutto, il singolare per il plurale e viceversa: per es. quando si usa “le mie stanze” per ‘camera mia’, o “l’italiano” per ‘gli italiani’); mentre la metonimia indica sempre uno scambio di parole sull’asse della contiguit√† semantica, per√≤ stavolta di tipo qualitativo: l’autore per l’opera (“ho letto Manzoni” in luogo di ‘ho letto I promessi sposi“), il materiale per l’oggetto prodotto (come nel suo esempio¬†legno¬†per ‘barca’, oppure¬†ferro¬†per ‘spada’) ecc. Tuttavia, dato che anche alcuni usi figurati basati sulla contiguit√† di tipo qualitativo possono essere considerati dal punto di vista quantitativo (cio√® procedendo dal pi√Ļ al meno o viceversa), il suo esempio dantesco pu√≤ essere correttamente definito anche come sineddoche, dal momento che il materiale (legno) √® pi√Ļ generico del prodotto (barca), e dunque questa √® una sineddoche dal generale al particolare. Insomma: pu√≤ classificare il suo esempio tanto come metonimia quanto come sineddoche.
Per tentare di fare chiarezza su questi termini e concetti giustamente complicati (la retorica √® molto affascinante, perch√© non si limita a spiegare gli usi poetici, ma tenta anche di spiegare certi meccanismi cognitivi), le suggerisco le ottime voci (metonimia,¬†sineddoche¬†e molte altre di figure retoriche, fenomeni linguistici ecc.) dell’Enciclopedia dell’italianoTreccani, ora accessibile anche gratuitamente online nel sito¬†www.treccani.it

Fabio Rossi

Parole chiave: Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0