Tutte le domande

QUESITO:

In diversi dizionari on line ho trovato come sinonimo di sinagoga il termine Chiesa.
Il sito Virgilio sapere Sinonimi mette come sinonimo di moschea chiesa musulmana.
Volevo sapere se il termine chiesa può essere usato come sinonimo di sinagoga.

 

RISPOSTA:

N√© sinagoga, n√© moschea possono essere considerati sinonimi di chiesa e nessuno dei principali dizionari dell’uso mette in relazione sinonimica le tre parole. Chiesa, infatti, designa esclusivamente un edificio destinato al culto cristiano, oppure un gruppo di fedeli che professa la religione cristiana; allo stesso modo, sinagogaindica un edificio consacrato al culto ebraico o la comunit√† ebraica. Si differenzia la parola moschea, che indica soltanto l’edificio caratteristico della religione musulmana senza riferirsi alla comunit√† musulmana.
Raphael Merida

Parole chiave: Lingua e società, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho un dubbio sull’analisi grammaticale di un nome. Nella frase “I gatti si riunirono e decisero quale nome dare alla gabbianella”, il sostantivo¬†nome¬†√® concreto o astratto?

 

RISPOSTA:

La distinzione tra nomi concreti e nomi astratti √® quasi sempre problematica e discutibile. In questo caso, poi, il problema √® particolarmente complicato, perch√© il nome¬†nome¬†non solo √® una parola, ma identifica metalinguisticamente una parola. Come ogni parola, quindi, ha una forma concreta, che viene pronunciata e sentita con l’udito, oltre che scritta e letta. D’altra parte, ha un significato, ovvero rimanda a un’idea mentale, a sua volta corrispondente alla persona nominata. Si pu√≤, quindi, concludere che il nome¬†nome¬†√® insieme concreto e astratto. Soprattutto, per√≤, si pu√≤ concludere che la distinzione stessa tra nomi concreti e astratti √® un esercizio logico un po’ ozioso, quando non arzigogolato, e di scarso effetto.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Perché a volte l’articolo si concorda con l’aggettivo (ovvero con la parola che lo segue)? Ad esempio: il tuo amico invece di lo tuo amico, l’ultimo compito da fare invece di il ultimo compito da fare. Si concorda così per evitare la cacofonia?

 

RISPOSTA:

Bisogna distinguere tra l’accordo, che regola la scelta del genere e del numero dell’articolo, e l’armonizzazione della catena fonica, che regola la scelta della forma dell’articolo. L’articolo concorda sempre con il nome; infatti, nei suoi esempi,¬†il¬†e¬†l’¬†sono maschili singolari perch√©¬†amico¬†e¬†compito¬†sono nomi maschili singolari. La forma dell’articolo, poi, cambia a seconda dell’iniziale della parola subito successiva per facilitare la pronuncia dell’intera espressione che contiene l’articolo. L’articolo determinativo maschile singolare, per esempio, ha tre forme:¬†il,¬†lo,¬†l’, ognuna selezionata in base all’iniziale della parola successiva nella frase. Come lei stesso ha notato, del resto, la forma dell’articolo cambia anche se l’articolo √® seguito direttamente dal nome (l’amico, ma¬†il compito); in questo caso, infatti, il nome √® non solo la testa che governa l’accordo, ma anche la parola subito successiva all’articolo.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Il mio notaio √® una donna, ma preferisce essere chiamata¬†notaio¬†anzich√©¬†notaia. Come devo accordare l‚Äôaggettivo quando mi riferisco a lei? √ą corretto dire ‚ÄúIl mio notaio √® bravissimA / preparatissimA‚ÄĚ o devo usare sempre e solo l‚Äôaggettivo al maschile?

 

RISPOSTA:

L’accordo √® un fenomeno grammaticale; √®, quindi, regolato dal genere, non dal sesso. Questo principio funziona senza sbavature quando i nomi designano oggetti inanimati (“La porta √® rossa” / “Il tavolo √® basso”), e non desta particolari problemi neanche con gli animali (“La giraffa maschio √® altissima”, ma “Il maschio della giraffa √® altissimo”). I dubbi, invece, sorgono nei rari casi in cui un nome che designa una categoria di persone ha un genere che non corrisponde al sesso del designato. L’italiano possiede un piccolo numero di questi nomi (che rientrano nel gruppo dei nomi promiscui, insieme a quelli come giraffa,¬†pavone¬†ecc.), quasi tutti femminili ma riferiti tanto a uomini quanto a donne:¬†la guida,¬†la guardia,¬†la persona¬†e pochi altri. Anche a questi nomi si applica la regola dell’accordo, per cui “Mario √® una guida bravissima / una persona generosa” ecc.
I nomi mobili (come¬†amico¬†/¬†amica) adattano il genere al sesso del designato modificando la desinenza; non hanno, quindi, il problema dell’accordo. In questo gruppo, per√≤, rientrano alcuni nomi di professione e carica pubblica usati al maschile anche quando designano referenti femminili (notaio,¬†architetto,¬†il presidente¬†e tanti altri). Questi nomi non fanno eccezione per l’accordo; Il femminile con nomi maschili va considerato scorretto anche in questi casi: non solo, quindi¬†il notaio¬†sar√† sempre¬†bravissimo¬†e mai¬†bravissima, ma anche la frase iniziale della sua domanda dovr√† essere corretta in “Il mio notaio √® una donna, ma preferisce essere¬†chiamato¬†notaio¬†anzich√©¬†notaia).
L’uso di un nome mobile maschile per un designato femminile – ricordiamo – √® scorretto: cos√¨ come non si pu√≤ dire “Il mio amico Maria √® una ragazza simpatica”, non si pu√≤ dire “Il mio avvocato / notaio / architetto… Maria Rossi √® una professionista eccellente”. La maggiore tolleranza per il maschile sovraesteso di nomi come¬†notaio¬†√® un fatto puramente culturale e non riguarda le regole della lingua italiana. Bisogna, certo, ammettere che le regole della lingua sono permeate dalla cultura; per questo motivo, per esempio, alcune parole usate comunemente in una certa epoca divengono inappropriate e persino censurate in un’altra (inutile fare degli esempi). Se, per√≤, l’italiano √® stato modellato dalla cultura nel senso della sovraestensione del maschile dei nomi di professione in un’epoca in cui questo era normale e accettato, per lo stesso principio il femminile di questi nomi deve tornare a essere usato in un’epoca in cui il pensiero comune √® cambiato.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

In qualche reminiscenza della mia memoria era presente la regola per cui in un elenco si debba mettere solo il primo articolo e i successivi si omettono. Pu√≤ essere che fosse riferito solo al caso in cui l’articolo sia il medesimo per tutti i nomi, non ricordo con esattezza. Perci√≤ √® corretta la seguente frase?
Ha il corpo tozzo, gambe corte e coda lunga.
E questa?
Ha la testa tonda, coda lunga e bocca piccola.

 

RISPOSTA:

L’articolo che accompagna il primo nome di un elenco non dovrebbe valere anche per gli altri nomi dell’elenco, ma ogni nome dovrebbe essere accompagnato dal proprio articolo. Una frase come “Ho comprato il martello, regolo e chiave inglese che mi avevi chiesto” √® chiaramente scorretta; si dice, invece, “Ho comprato il martello, il regolo e la chiave inglese che mi avevi chiesto”. Se tutti i nomi dell’elenco sono dello stesso genere e numero la regola non cambia: ciascuno deve avere il proprio articolo.
Ovviamente, l’articolo va inserito se √® richiesto: nei casi in cui il nome non avrebbe l’articolo fuori dall’elenco esso non lo deve avere neanche nell’elenco. Per esempio, cos√¨ come potrei dire “Ho comprato (dei) chiodi” potrei anche dire “Ho comprato un martello, (dei) chiodi e (dei) ganci”.
I suoi elenchi presentano una specificit√† ancora diversa: sono costruiti in modo da ammettere sia la soluzione con sia quella senza articolo per tutti e tre i membri (anche per il primo):¬†avere¬†(e verbi simili, come¬†presentare,¬†mostrare,¬†essere composto da) seguito da un elemento descrittivo, ma soprattutto da un elenco di elementi descrittivi, √®, infatti, un costrutto quasi cristallizzato con il nome o i nomi senza articolo. Si veda, per esempio, la seguente frase tratta dal sito catalogo.beniculturali.it: “L’oggetto ha¬†bocca piccola¬†con doppio bordo in rilievo,¬†collo lungo, due manici ad ansa”. Si potrebbe argomentare che, stante la possibilit√† di omettere l’articolo per tutti i membri di questo tipo di elenco, si dovrebbe fare la stessa scelta per tutti: o “Ha il corpo tozzo, le gambe corte e la coda lunga” o “Ha corpo tozzo, gambe corte e coda lunga”; per quanto, per√≤, questa soluzione sia ragionevole e per questo preferibile in contesti formali, l’inserimento dell’articolo soltanto per alcuni dei membri dell’elenco non pu√≤ essere considerato una scelta scorretta.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

In italiano, se scriviamo la data, per esempio:
Lunedì 18 maggio 2024
dopo lunedì si mette la virgola?

 

RISPOSTA:

Non c’√® una regola codificata per questo caso. Procedendo per analogia, potremmo assimilare la data al nome proprio di una persona:¬†18 maggio 2024¬†equivarrebbe allora al nome e cognome della persona, mentre¬†luned√¨¬†sarebbe un’apposizione, come¬†signor,¬†dottor,¬†avvocata¬†o simili. Come in, per esempio,¬†dottor Mario Rossi, quindi, la virgola in¬†luned√¨ 18 maggio 2024¬†non √® richiesta. Seguendo la stessa analogia, se posponiamo¬†luned√¨¬†la virgola √® necessaria:¬†18 maggio 2024, luned√¨¬†(come¬†Mario Rossi, dottore).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi logica, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

Nel Credo si dice:¬† ¬ęIl quale fu concepito DI spirito santo nacque da Maria Vergine¬Ľ; sono corrette o sbagliate e perch√©? ¬ęFu concepito Di spirito santo¬Ľ, oppure ¬ędello Spirito santo¬Ľ, ¬ęda spirito santo¬Ľ, o ¬ędallo spirito santo¬Ľ?. Inoltre, ¬ęda Maria Vergine¬Ľ o ¬ędalla Maria Vergine¬Ľ, ¬ędi Maria Vergine¬Ľ o ¬ęDella Maria Vergine¬Ľ? Se invece di ¬ęMaria Vergine¬Ľ si usa ¬ęVergine Maria¬Ľ cambia la preposizione?

 

RISPOSTA:

La preghiera del Credo, nella sua versione ufficiale in italiano, recita: ¬ęPer noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si √® incarnato nel seno della Vergine Maria e si √® fatto uomo¬Ľ. Circolano anche versioni pi√Ļ o meno scorrette di questa preghiera, quali ad esempio: ¬ęfu concepito di Spirito Santo¬Ľ, che √® una cattiva traduzione dal latino ¬ęconceptus est de Spiritu Sancto¬Ľ, in cui de indica in questo caso un complemento di agente (e con moto dall‚Äôaltro verso il basso), traducibile in italiano con la preposizione da e non con la preposizione di. Inoltre, la preposizione in questo caso deve essere articolata: ¬ędallo Spirito santo¬Ľ (e non ¬ęda Spirito santo¬Ľ), in quanto si riferisce a un elemento noto e determinato. Per rispondere alle altre domande, ecco i corretti usi preposizionali in italiano: ¬ęfu concepito dallo spirito santo¬Ľ (tutte le altre forme sono sbagliate); ¬ędalla Vergine Maria¬Ľ e ¬ęda Maria Vergine¬Ľ sono entrambe corrette. In ¬ęMaria Vergine¬Ľ la testa del sintagma √® Maria, che √® un nome proprio e come tale non richiede l‚Äôarticolo, mentre in ¬ęla Vergine Maria¬Ľ l‚Äôarticolo √® necessario in quanto richiesto dal sostantivo vergine. Quindi, analogamente, con le preposizioni: ¬ędella Vergine Maria¬Ľ oppure ¬ędi Maria Vergine¬Ľ (ma non ¬ędi Vergine Maria¬Ľ). L‚Äôordine delle parole non influisce sulla preposizione, ma sull‚Äôarticolo, e dunque sull‚Äôuso della preposizione semplice oppure articolata: di o della, da o dalla ecc.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Una frase come “Nessuna parola, fatto o azione mi hanno ferito” √® corretta? Si pu√≤ concordare l’aggettivo indefinito solo con il nome pi√Ļ vicino?

 

RISPOSTA:

L’accordo tra un aggettivo preposto e un soggetto composto di nomi di genere diverso √® problematico, perch√© il nome pi√Ļ vicino all’aggettivo attrae la concordanza. Se, ad esempio, volessimo definire¬†amatissimi¬†il figlio e la figlia di qualcuno potremmo dire¬†gli amatissimi figlio e figlia¬†(con l’aggettivo al plurale maschile “onnicomprensivo”) o¬†l’amatissimo figlio e l’amatissima figlia; il rischio, per√≤, sarebbe di formare¬†l’amatissimo figlio e figlia, per via dell’attrazione dell’accordo operata dal nome pi√Ļ vicino all’aggettivo,¬†figlio. nel suo caso l’accordo al plurale non √® possibile, visto che¬†nessuno¬†non ha la forma plurale, quindi non rimane che “Nessuna parola, nessun fatto o nessuna azione mi hanno ferito”. La concordanza di¬†nessuno¬†con il solo primo nome, comunque, non pu√≤ dirsi un errore grave: non pregiudica, infatti, affatto la comprensione della frase (gli aggettivi non ripetuti potrebbero essere considerati semplicemente sottintesi).
Aggiungo che anche il verbo¬†avere¬†pu√≤ andare al singolare (“Nessuna parola, fatto o azione mi ha ferito” o “Nessuna parola, nessun fatto o nessuna azione mi ha ferito”); il singolare, si badi, √® dovuto non all’accordo con il solo primo soggetto, bens√¨ all’accordo con ciascun soggetto uno alla volta, visto che i tre nomi sono presentati come uno in alternativa all’altro.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho sempre detto, e credo anche scritto sprono, inteso come sostantivo, sinonimo di stimolo. Poi, di recente, un amico mi ha detto che non ha mai sentito sprono ma solo sprone. Ho cercato un po’ dappertutto. In effetti pare che si dica solo sprone. Eppure questa “mia” variante pensavo fosse corretta. Posso credere che sia solo un po’ desueta?¬†

 

RISPOSTA:

No, il sostantivo sprone √® una variante della parola sperone con la quale condivide il significato di ‘arnese per stimolare i fianchi della cavalcatura’; da questo significato, successivamente, sprone ha sviluppato quello figurato di ‘incitamento, stimolo’ (“Il suo √® esempio √® di sprone per tutti noi”). Morfologicamente, quindi, la parola corretta √® sprone e non sprono.

Quest’ultima non √® attestata, se non anticamente e in sporadici casi, stando al Grande dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia. La confusione fra sprone e sprono √® facilmente intuibile per due ragioni: per la particolarit√† dei nomi di III classe, cio√® nomi maschili che terminano in –e al singolare e in –i al plurale (sprone/sproni; occasione/occasioni ecc.); per la possibile attrazione della prima persona singolare del verbo spronare, cio√® sprono.
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ritengo che il termine¬†ipotesi¬†si riferisca ad un contenuto, oggettivamente incerto, che viene dato come puramente possibile anche dal parlante, mentre i vocaboli¬†arbitrario¬†e¬†illazione¬†(che considererei sinonimi) definiscano un’affermazione data erroneamente come certa dal parlante, pur essendo oggettivamente solo possibile. Non essendo sicuro della mia posizione, gradirei un vostro parere al riguardo.

 

RISPOSTA:

Il nome¬†ipotesi¬†indica un presupposto logico che deve essere dimostrato vero o falso. Per esempio, l’ipotesi che il riscaldamento globale attuale sia prodotto in larga parte dalle attivit√† umane √® stata ampiamente provata. Una volta dimostrata, l’ipotesi diviene una tesi; √®, comunque, spesso possibile mettere in discussione le prove a sostegno dell’ipotesi, quindi revocare la certezza della tesi derivante. Da questo significato di base, il nome¬†ipotesi¬†ha sviluppato quello, pi√Ļ comune, di ‘congettura’, che apparentemente √® equivalente a ‘presupposto di un ragionamento’, ma invece presenta una determinante differenza di prospettiva: mentre, infatti, il presupposto innesca un ragionamento finalizzato a provarlo, una congettura potrebbe avere lo stesso valore ma √® pi√Ļ spesso, al contrario, proposta come conclusone incerta di un ragionamento. Per quanto incerta, quindi, la congettura √® rappresentata come un’opinione gi√† formata, non come un’idea ancora da verificare. Con questo secondo significato,¬†ipotesi¬†si avvicina al significato comune di¬†illazione, che √® proprio ‘deduzione, congettura basata su prove incerte’. Rispetto a¬†ipotesi, inoltre, nel significato di¬†illazione¬†√® sottolineata la componente di incertezza, ovvero di insufficienza di prove, che porta con s√© una connotazione negativa. Una illazione √®, cio√®, una congettura decisamente incerta, partigiana, una supposizione presentata come conclusiva ma in realt√† indebita o ingiustificata, spesso introdotta per confondere il ragionamento di altri, o per danneggiare maliziosamente la reputazione di qualcuno.
L’aggettivo¬†arbitrario¬†ha, nel linguaggio comune, il significato di ‚Äėnon necessariamente ben motivato‚Äô o ‚Äėpoco giustificato‚Äô; per questo motivo pu√≤ considerarsi sinonimo di¬†indebito¬†e persino¬†illegittimo. Tanto un’ipotesi quanto un’illazione possono essere arbitrarie, ma se un’ipotesi arbitraria √® un passaggio logico azzardato, un errore in buona fede, l’illazione arbitraria √® una fallacia architettata con dolo.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Aggettivo, Coerenza, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Nella frase “√ą stato il sindaco a raccontare la storia pi√Ļ divertente della serata”, il nome¬†storia¬†√® concreto o astratto?

 

RISPOSTA:

La distinzione tra nomi concreti e astratti √® una ossessione della grammatica italiana non pienamente giustificata. I concetti di¬†concreto¬†e¬†astratto, infatti, sono di per s√© sfuggenti, ma soprattutto non riguardano la lingua, bens√¨ la realt√†; in altre parole, a essere concreto o astratto non √® il nome¬†storia¬†(o qualsiasi altro nome), bens√¨ il referente del nome stesso, la “cosa” che viene designata con il nome¬†storia¬†(o qualsiasi altra “cosa” designata da altro nome). Fatta questa premessa, comunque, nell’ottica usata dalle grammatiche scolastiche,¬†storia¬†√® in questo caso un nome concreto, perch√© designa un racconto specifico che √® stato pronunciato da un parlante e udito da un pubblico.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

I mesi dell‚Äôanno sono in italiano sostantivi, tuttavia pur essendo ‚Äúnomi propri di cosa‚ÄĚ, si scrivono con la lettera minuscola. √ą sbagliato ricondurre l‚Äôuso della lettera minuscola al fatto che vengano intesi come ‚Äúaggettivi‚ÄĚ‚Äô del sostantivo ‚Äúmese‚ÄĚ (anche se sottinteso) come avviene, tra l‚Äôaltro, in latino (dove sono aggettivi)?

RISPOSTA:

In italiano, i nomi dei mesi, cos√¨ come quelli della settimana e delle stagioni, non sono dei veri nomi propri (in latino, molti nomi dei mesi erano derivati da nomi propri: Ianuarius ‘Giano’; Martius ‘Marte ecc.) e non richiedono l’iniziale maiuscola. A parte i casi di personificazione (per esempio in poesia), quelli in cui un nome √® attribuito a una persona (per esempio Domenica, nome proprio di persona), o alcuni casi particolari che indicano una determinata occorrenza (il Sabato Santo, il Marted√¨ grasso ecc.), i nomi dei giorni, dei mesi e delle stagioni non indicano un’unicit√†, ma una periodicit√†, cio√® qualcosa che si ripete sempre. Nell’italiano antico e moderno i nomi che indicano data (come appunto i nomi dei giorni, dei mesi o delle stagioni) sono stati percepiti da un buon numero di parlanti come nomi propri e per questo scritti spesso con la lettera maiuscola. Nell’italiano contemporaneo questa percezione √® venuta meno e l’uso della maiuscola pu√≤ essere ricondotto all’influsso della grafia inglese che, al contrario di quella italiana, prevede l’iniziale maiuscola per questo tipo di nomi.
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quale di queste due espressioni è corretta:

“Sconcerta il nostro (come esseri umani) dibattersi o dibatterci per cose banali”.

 

RISPOSTA:

Il verbo dibattersi, intransitivo pronominale, viene usato all‚Äôinterno dell‚Äôesempio proposto con la funzione di sostantivo, preceduto da articolo. Entrambe le forme del verbo sono possibili, ma hanno significati diversi: il dibattersi √® impersonale, ed equivale a ‚Äėil fatto che ci si dibatta‚Äô; il dibatterci contiene il pronome di prima persona plurale, quindi potremmo parafrasarlo come ‚Äėil fatto che noi ci dibattiamo‚Äô. L‚Äôaggettivo possessivo nostro produce, pertanto, una precisazione determinante quando si unisce a dibattersi, perch√© personalizza di fatto la forma impersonale (il nostro dibattersi = ‚Äėil fatto che noi ci dibattiamo‚Äô); quando si unisce a dibatterci, invece, produce soltanto un rafforzamento del concetto gi√† espresso dal pronome ci. Tale rafforzamento √® a rigore superfluo, ma √® del tutto ammissibile, specie all‚Äôinterno di un contesto informale, perch√© conferisce alla proposizione una maggiore enfasi, e perch√© √® giustificato proprio dalla presenza di nostro, che √® percepito come semanticamente coerente con ci (laddove la combinazione di nostro e dibattersi √® sentita come insufficiente per esprimere la personalit√† dell‚Äôazione, ovvero chi sia il soggetto logico del dibattersi).

Francesca Rodolico

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Mi accade frequentemente che dei non madrelingua condividano con me i propri dubbi sull’omissione dell’articolo determinativo, desiderosi di trovare una (suppongo inesistente) sistematizzazione definitiva della regola. Oltre ai casi citati da Serianni nella “Grammatica italiana” (IV 72-75) non sono in grado di trovare una sistematizzazione di altri casi in cui l’articolo debba (o possa) venire omesso. La mia domanda √® questa: I casi che non rientrano in quelli “canonici” descritti da Serianni come devono essere considerati? Come omissioni determinate da variazione diastratica/diamesica/diafasica, e quindi che non riguardano l’italiano standard, o come qualcos’altro che non riesco a comprendere cosa sia?
Ad esempio, l’ultimo dubbio che mi √® stato posto riguarda la frase “Come conciliare lavoro e maternit√†?” e “Oggi a pranzo ho mangiato pastasciutta al tonno.”

 

RISPOSTA:

L’omissione dell’articolo √® obbligatoria soltanto in alcuni dei casi elencati da Serianni (con i nomi propri, i titoli di opere d’arte, i nomi di mesi, i vocativi); in altri √® comune ma non obbigatoria: “Il luned√¨¬†√® il mio giorno preferito”, “Dov’√®¬†la mamma?”. In questi casi l’alternanza si spiega con la natura affine ai nomi propri di questi nomi, oppure con la loro alta frequenza d’uso come vocativi. Un’altra categoria di nomi per cui l’omissione √® obbligatoria √® quella dei nomi inseriti in espressioni cristallizzate:¬†con calma,¬†per favore,¬†di fretta,¬†da sballo,¬†a rigore, ma anche¬†a casa,¬†in ufficio,¬†a scuola,¬†a teatro. Con questa categoria il problema √® che la cristallizzazione delle espressioni non √® predicibile; per esempio¬†a teatro¬†ma¬†al cinema,¬†in banca¬†ma¬†alla posta,¬†in ufficio¬†ma¬†allo studio. Per di pi√Ļ, la cristallizzazione √® “in movimento”: per esempio √® gi√† presente nell’uso panitaliano¬†a studio¬†accanto a¬†allo studio¬†(mentre in alcuni italiani regionali esistono¬†a mare,¬†a spiaggia¬†e altre costruzioni simili).
Di l√† da questi casi, l’omissione √® possibile con tutti i nomi comuni al plurale, per indicare oggetti indeterminati non specifici: “Per tutta la vita ho fatto il venditore¬†di automobili” / “Mi piacciono¬†le automobili veloci“. Diversamente, al singolare, l’omissione √® tipica dei nomi massa, come¬†pastasciutta¬†nel suo esempio (ma anche¬†caff√®,¬†oro,¬†acqua¬†ecc.); in questo caso la presenza o assenza dell’articolo modifica fortemente la percezione del nome: “Avete caff√®?” (si riferisce alla merce) / “Abbiamo finito il caff√®” (si riferisce alla riserva conservata in casa) / “Vuoi un caff√®?” (si riferisce a una dose della bevanda). Nel primo caso, quello in cui il nome esprime pienamente la sua natura di sostanza non specifica, si pu√≤ anche optare per¬†del caff√®, con il cosiddetto¬†articolo partitivo.
Come i nomi massa si comportano anche i nomi astratti, come quelli del suo primo esempio: con lavoro e maternità si rappresentano i due nomi come valori astratti; con il lavoro e la maternità si allude alle loro manifestazioni concrete (dover alzarsi presto la mattina, dover rispettare orari, consegne e scadenze, dover reagire prontamente in caso di emergenze ecc.).
Per concludere, nei casi in cui l’omissione dell’articolo √® facoltativa scegliere sulla base della sfumatura che si intende dare alla frase √® arduo: l’unica soluzione per essere sicuri √® chiedere a un madrelingua, che quasi mai avr√† dubbi su quale variante sia preferibile, anche se quasi mai sapr√† spiegare perch√©. I madrelingua, infatti, memorizzano una gran quantit√† di casi, da cui ricavano le regole automaticamente e inconsapevolmente.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Desidererei sapere se la parola competenza pu√≤ essere usata in un contesto come il seguente: “Non √® di mia competenza pagare questa somma”. Il termine competenza farebbe pensare ad ‘abilit√†, conoscenza’ ecc, quindi dovrebbe essere improprio usarlo in una espressione come quella precedentemente citata; tuttavia mi capita frequentemente di sentirlo espresso in simili contesti.

 

RISPOSTA:

Nel contesto da lei presentato la parola competenza √® pienamente legittima. Come giustamente osserva, competenza vuol dire ‚Äėabilit√†, conoscenza‚Äô; questi significati, per√≤, che non sono gli unici e, anzi, rappresentano soltanto uno dei campi semantici di questa parola. Nel suo significato pi√Ļ ampio, competenza indica la ‚Äėcapacit√† di orientarsi in un determinato campo‚Äô (‚ÄúQuella professoressa parla con competenza di ogni aspetto della storia moderna‚ÄĚ); in quello tecnico, invece, cio√® quello legato alla sfera giuridica, designa la ‚Äėlegittimazione di un‚Äôautorit√† o di un organo a svolgere specifiche funzioni‚Äô: ‚ÄúQuesta causa √® di competenza del giudice amministrativo‚ÄĚ. Dal significato tecnico, il campo semantico di competenza si √® esteso per indicare la ‚Äėpertinenza‚Äô, cio√® ci√≤ che spetta a qualcuno (come nel suo esempio). Sempre connesso a questa sfera, il sostantivo plurale competenze indica il compenso: ‚ÄúDobbiamo pagare all‚Äôavvocato le sue competenze‚ÄĚ.

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Alcuni vocabolari riportano la forma grafica “neoassunto”, altri no.
Scrivere “neo assunto” √® comunque corretto?

 

RISPOSTA:

La grafia corretta √® neoassunto, riportata anche dai principali dizionari dell’uso.
Neo-, che significa ‘nuovo, recente’, √® un prefissoide di origine greca; si tratta cio√® di un elemento lessicale dotato di autonomia semantica che pu√≤ essere premesso a parole di qualsiasi origine (si pensi per esempio ad auto- nel significato di ‘da s√©’ da cui si formano parole come autocoscienza, autocritica, automobile). Per queste ragioni, le parole composte con un prefissoide prediligono la forma univerbata a quella staccata.
Raphael Merida

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

So che bene si usa con un verbo, ma non il verbo essere. Esempio: “Sto bene”, ma “La pizza √® buona”. Vorrei sapere se le seguenti frasi siano corrette:

Non è bene fare questa cosa.
Non è buono fare questa cosa.
Non è un bene fare questa cosa.

 

RISPOSTA:

Bene pu√≤ essere avverbio o nome: quando accompagna stare √® usato come avverbio (sto bene = ‘mi sento in salute, a mio agio’); quando accompagna essere √® usato come nome (√® bene = ‘√® cosa giusta, utile, vantaggiosa’, √® un bene ‘√® una cosa giusta, utile, vantaggiosa’). La variante “Non √® buono fare questa cosa” √® anche possibile (come, per esempio, “Non √® onesto evadere le tasse”), ma √® sfavorita proprio per la concorrenza di¬†bene.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho sempre dato per scontato che la lunghezza fosse verticale e la larghezza orizzontale. E che quindi la longitudine fosse orizzontale e la latitudine verticale, essendo il nostro pianeta pi√Ļ lungo orizzontalmente che verticalmente.
Adesso però ho dei dubbi.
Nel grande romanzo di Dino Buzzati Il deserto dei Tartari, si accenna a un gradone che corre longitudinalmente verso il Nord, che taglia longitudinalmente la pianura. Non capendo come facesse un piano orizzontale a correre in lungo, ho cercato il significato di longitudinale: ¬ęche √® disposto nel senso della lunghezza¬Ľ, ¬ęorizzontale, in lunghezza¬Ľ. Se √® orizzontale, non dovrebbe essere disposto nel senso della larghezza?

 

RISPOSTA:

La longitudine si calcola in orizzontale (cio√®, letteralmente, parallelamente all’Orizzonte), perch√© segna un punto a Est o a Ovest del meridiano di Greenwich. La latitudine, al contrario, segna un punto a Nord o a Sud dell’Equatore, quindi si calcola in verticale (cio√® perpendicolarmente all’Equatore).
Bisogna, per√≤, distinguere tra i nomi longitudine e latitudine e gli aggettivi longitudinale e latitudinale (nonch√© gli avverbi in -mente da essi derivati): i primi hanno un’applicazione esclusivamente scientifica (e sono usati nella lingua comune solo nelle locuzioni avverbiali in longitudine e in latitudine); i secondi sono usati regolarmente anche con un significato estensivo (che recupera il significato etimologico longus ‘lungo’ e latus ‘largo’), e in particolare longitudinale ‘esteso nel senso della lunghezza’, latitudinale ‘esteso nel senso della larghezza’. Di conseguenza, longitudinale diviene, nella lingua comune, equivalente a lungo (per cui longitudinalmente e in longitudine equivalgono a in lunghezza), mentre il meno usato latitudinale diviene equivalente a largo (e latitudinalmente e in latitudine equivalgono a in larghezza). Dal momento che, per convenzione, in una superficie la lunghezza √® la dimensione pi√Ļ estesa e la larghezza quella meno estesa, nell’esempio da lei riportato il gradone descritto √® un oggetto orientato nella stessa direzione della dimensione pi√Ļ estesa dell’area considerata.
Si noti che tanto la lunghezza quanto la larghezza sono dimensioni orizzontali, cio√® parallele al piano dell’Orizzonte; nel caso di oggetti tridimensionali a queste si aggiunge l’altezza, che √® la dimensione verticale, cio√® perpendicolare al piano dell’Orizzonte.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

√ą possibile usare i termini: avvocata, architetta, ingegnera¬†ecc.? Rimangono formali in questa maniera?

 

RISPOSTA:

I nomi di professione femminili come quelli da lei elencati, pur scarsamente o per niente usati in passato, sono regolari e possono essere usati in ogni contesto.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Gradirei sapere in quale contesto √® possibile usare il termine aporia Mi risulta che la aporia sia un problema senza soluzione ma di tipo specifico. Se X √® alto e Y √® basso e mi si chiede chi √® il pi√Ļ ricco, non posso certo dire che questo problema sia una aporia bens√¨ un problema irrisolvibile per insufficienza di informazioni. Se invece X √® cardiopatico e l’inattivit√† fisica danneggia il cuore, ma anche l’attivit√† fisica nei cardiopatici pu√≤ causare la morte, allora che possibilit√† ha X di risolvere il suo problema? Nessuna. Questo paradosso che si viene a creare (se faccio sforzi muoio ma se non ne faccio danneggio il cuore gi√† compromesso e muoio ugualmente) io lo definirei aporia. Non essendo certo di ci√≤ chiedo il vostro aiuto.

 

RISPOSTA:

Sì, ha ragione, l’aporia, anche in senso generale, implica comunque una contraddizione che non consente di giungere alla soluzione di un problema, esattamente come l’esempio del cardiopatico, danneggiato sia dal movimento, sia dall’assenza di movimento. Invece il primo caso rientra, caso mai, nell’incoerenza, dal momento che non si possono mettere in relazione altezza e ricchezza, in quanto appartenenti a sfere concettuali diverse.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vi propongo questa frase che ho avuto modo di leggere recentemente: “Il tempo √® una dimensione nell’ambito della quale avviene la trasformazione della materia”. √ą corretto il termine ‚Äúdimensione‚ÄĚ riferito al tempo? Se s√¨, sarebbe altrettanto corretto usare il termine “entit√†” che, nella sua estrema genericit√Ę, dovrebbe contenere anche il concetto di tempo?

 

RISPOSTA:

Da un punto di vista fisico, secondo la teoria della relativit√†, il tempo √® una dimensione, per la precisione la quarta; tuttavia, da un punto di vista pi√Ļ generale, qualunque oggetto o concetto pu√≤ essere definito entit√† (cio√® qualcosa che √®), e dunque anche il tempo. Quindi entit√† √® l‚Äôiperonimo (cio√® il termine pi√Ļ generale), mentre dimensione √® l‚Äôiponimo (cio√® il termine pi√Ļ specifico). Ed √® sempre possibile definire un iponimo con il suo iperonimo: dire di un fiore con le spine che √® una rosa non esclude che sia anche un fiore e prima ancora un vegetale.

Fabio Rossi

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

La ringrazio per aver chiarito il mio dubbio sulla questione delle proposizioni causali/finali.

Lei ha per√≤ sollevato la questione del tema del controllo, su cui non avevo mai fatto pi√Ļ di tanto caso.

Nella frase “spero di redimermi” vi √® una oggettiva implicita, che si lega al verbo sperare, il cui soggetto √® “controllato” dal soggetto della reggente.

Ci sono casi in cui, per√≤, la subordinata implicita pi√Ļ che essere legata direttamente al verbo, fa da modificatore di un sintagma nominale, quest’ultimo legato direttamente al verbo:

  1. a) Non dimenticherò mai il fatto di essere sempre stato leale con tutti voi.
  2. b) Pensavo che questa fosse l’occasione per potermi pentire.

Queste due frasi sono molto idiomatiche, ma da un punto di vista puramente grammaticale (sempre riallacciandoci alla questione che la subordinata implicita non ha un contatto diretto col soggetto della reggente, ma piuttosto tale subordinata è parte del sintagma nominale) possono essere viste come corrette?

In queste due frasi, può effettivamente il soggetto della reggente (io) essere il controllore della subordinata implicita?

C’√® poi un ulteriore costrutto grammaticale, a mio modo di vedere molto idiomatico e utilizzato:

  1. c) Questa è la vostra occasione di/per accorgervi delle qualità di questo giocatore, molto spesso sottovalutate.

In questa frase, abbiamo nuovamente una subordinata implicita (introdotta da “per” o “di”) e che si lega al sintagma nominale, come nei due casi precedenti.

La vera differenza la fa lo stesso sintagma nominale, che è il soggetto grammaticale della reggente.

Quindi ci sarebbe da chiedersi: Perch√© si lega il soggetto della implicita alla seconda plurale “voi”?

Forse l’aggettivo “vostro” controlla il soggetto della subordinata implicita? Secondo lei, potremmo quindi vedere tale aggettivo come soggetto logico della reggente? Il soggetto logico, secondo le grammatiche, pu√≤ controllare il soggetto della subordinata implicita, in quanto √® colui che materialmente fa qualcosa:

“Mi sembra di aver capito”.

“Mi” equivale a “io”, che sarebbe riformulabile in tal modo:

“Io penso di aver capito”.

Cosa ne pensa lei di questi particolari casi?

 

RISPOSTA:

Certamente le frasi da lei riportate sono corrette (e non sono idiomatiche, né colloquiali, ma del tutto normali in qualunque registro dell’italiano standard). Anche quando le subordinate espandono un sintagma nominale, cioè dipendono da un nome, un aggettivo o un pronome anziché da un verbo (e troverà numerosi esempi di questo sempre nella solita Grande grammatica italiana di consultazione), il soggetto è controllato da un elemento della reggente. Nelle prime due frasi da lei citate, infatti, il soggetto della subordinata è controllato dal soggetto della reggente (io).

Molto giusta la sua intuizione sulle altre frasi: il soggetto della subordinata può essere controllato anche da altri elementi della reggente, ivi compreso un soggetto logico, a senso, generico ecc.:

  1. c) ¬ęQuesta √® la vostra occasione di/per accorgervi delle qualit√† di questo giocatore¬Ľ: il controllore √® sicuramente vostra.
  2. d) ¬ęMi sembra di aver capito¬Ľ: il controllore √® mi (cio√® il benefattivo o esperiente, chi prova una determinata esperienza, ovvero il soggetto logico, in questo caso).

Ma ci possono essere anche casi pi√Ļ complessi sintatticamente, per esempio:

¬ęTi ho dato la scusa per/di andartene¬Ľ: il soggetto della subordinata (tu) √® controllato dal complemento di termine della reggente (ti).

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quale delle seguenti frasi è corretta dal punto di vista grammaticale?
1. La sua destinazione? l’Italia.
2. La sua destinazione? Italia.
Oppure sono corrette entrambe?

 

RISPOSTA:

In italiano i nomi degli Stati richiedono l’articolo determinativo (l’Italia, il Cile, gli Stati Uniti, lo Zambia ecc.). Fanno eccezione Israele, che non vuole l’articolo perch√© √® un nome proprio di persona (infatti la dizione corretta sarebbe lo Stato di Israele), San Marino, per la stessa ragione di Israele, Andorra, che tende a coincidere con una citt√†, e le isole piccole (Cipro, Malta), per la stessa ragione.
La frase 2, comunque, non √® impossibile, ma veicola una sfumatura retorica: in essa Italia suggerisce che nel nome siano comprese implicazioni pi√Ļ ampie di quelle legate allo Stato, che riguardano, per esempio, la vita futura della persona. Possiamo fare un altro esempio con un nome comune, per chiarire il concetto: “- Che cosa desideri? – La pace” / “- Che cosa desideri? – Pace”. Nella seconda risposta il nome pace¬†√® caricato di un valore pi√Ļ pregnante, come se, appunto, il desiderio riguardasse non soltanto la pace, ma anche le conseguenze e le implicazioni della pace stessa.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

L’altro giorno osservavo mia moglie che si stava gustando una salsiccia che mio figlio, di ritorno da Norcia, le aveva portato. La mangiava a piccoli pezzetti per farla durare di pi√Ļ e con pi√Ļ gusto rievocando antichi sapori in quanto da bambina, per sfuggire dai bombardamenti su Roma, era stata ospitata da alcuni lontani parenti che abitavano nei dintorni di Norcia. Nel guardarla ho usato il termine “stai centellinando quella salsiccia da oramai tre giorni…..” e mi √® venuto il dubbio che il termine centellinare potesse essere usato correttamente solo per bevande e non anche in senso figurato per cibo a piccoli morsi anche se l’obiettivo in fondo √® lo stesso: ‘gustare di pi√Ļ’, ‘far durare pi√Ļ a lungo’, assaporare evocando antichi sapori. √ą¬†corretto usare il termine in questo senso?

 

RISPOSTA:

Il verbo centellinare ha come significato principale ‚Äėbere a piccoli sorsi‚Äô (il centellino o centello √® il ‚Äėpiccolo sorso‚Äô) ma pu√≤ essere usato anche in senso figurato per riferirsi al cibo e, pi√Ļ in generale, a tutto ci√≤ che √® connesso alla sfera sensoriale del gusto; non pu√≤ essere usato, invece, nel significato da lei proposto di ‚Äėassaporare evocando antichi sapori‚Äô. Possiamo quindi ‚Äúcentellinare un buon caff√®‚ÄĚ, ‚Äúcentellinare una salsiccia‚ÄĚ, ‚Äúcentellinare un libro‚ÄĚ: se nel primo caso il significato di centellinare sar√† quello di ‚Äėbere a piccoli sorsi per assaporare meglio‚Äô, negli altri due sar√† quello di ‚Äėgustare lentamente qualcosa per trarne il massimo piacere‚Äô. Inoltre, centellinare pu√≤ essere usato in senso figurato anche con il significato di ‚Äėusare con parsimonia‚Äô come nel caso di ‚Äúcentellinare le energie‚ÄĚ.

Raphael Merida

Parole chiave: Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Le espressioni carteggio informatico e carteggio digitale, usate al fine di indicare uno scambio di e-mail, messaggi WhatsApp o sms, possono essere considerate corrette? Se così non fosse, quali altre espressioni potrebbero essere usate in loro vece?

 

RISPOSTA:

Sì, entrambe le espressioni potrebbero essere usate per indicare uno scambio di sms, di messaggi inviati tramite e-mail o servizi di messaggistica istantanea. Per avere il requisito di carteggio (digitale o informatico), però, è necessario che lo scambio di messaggi fra due persone sia continuo nel tempo. Sarebbe possibile usare anche il termine corrispondenza, già adottato nel linguaggio informatico per indicare uno scambio di messaggi che hanno in comune lo stesso destinatario o lo stesso oggetto.

Raphael Merida

Parole chiave: Lingua e società, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Gradasso può essere considerato un sinonimo di spavaldo, visto che entrambi hanno come sinonimo spaccone?

 

RISPOSTA:

In una lingua difficilmente esistono sinonimi perfetti: a ben vedere, tra le parole c‚Äô√® sempre una differenza anche solo sfumata di significato. Nella terna spaccone, spavaldo, gradasso il primo nome ha un significato vicino a quello degli altri due, perch√© condivide con essi il tratto della vanteria eccessiva; in spavaldo, per√≤, √® pi√Ļ forte che negli altri due il tratto dell‚Äôesibizione del coraggio di fronte agli altri.

Tra spaccone e gradasso, invece, la differenza sta nella maggiore arroganza del gradasso rispetto allo spaccone, che risulta pi√Ļ legato all‚Äôesibizione di qualit√† non necessariamente possedute.

Le differenze si notano maggiormente se ricostruiamo le etimologie delle tre parole. Nell‚Äôetimologia di spavaldo, probabilmente dal latino pavor ‚Äėpaura‚Äô + il prefisso s-¬†e il suffisso germanico -aldo, si nota gi√† un riferimento alla mancanza di paura connotato per√≤ negativamente dal suffisso –aldo (come nella parola ribaldo). Il sostantivo gradasso, che caratterizza in negativo una persona che si vanta in modo eccessivo delle proprie qualit√† inesistenti, √® un‚Äôantonomasia formata sul nome del guerriero saraceno Gradasso, un personaggio dell‚ÄôOrlando innamorato e dell‚ÄôOrlando Furioso descritto come impulsivo e arrogante. Spaccone √® un sostantivo derivato dal verbo spaccare pi√Ļ il suffisso accrescitivo –one. A differenza del gradasso, dietro il quale si nasconde un tipo di carattere ben definito, lo spaccone √® colui che, iperbolicamente, vanta la forza di spaccare il mondo (senza per√≤ riuscirci).

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
1
0

QUESITO:

La preposizione di può  essere impiegata nella formazione di complementi di tempo.

Esempio:

“Il panettone si mangia di marted√¨” = ‘ogni marted√¨’.

Forse sarebbe utilizzabile anche davanti a mesi e periodi festivi dell’anno:

“il panettone si mangia sempre di dicembre / ¬†Natale” = ‘ogni dicembre / ¬†Natale’.

In generale, per√≤, l’uso non “dovrebbe”, ma magari mi sbaglio, essere impiegabile nelle interrogative e nelle relative:

“Di quando / di che periodo/ di che mese / di che giorno si mangia il panettone?”

“Questo √® il periodo / mese / giorno di cui si mangia il panettone”.

Ripensando, però, a verbi come ricorrere o cadere, che fanno uso della preposizione di, mi sono sorti dei dubbi.

Ecco una frase tratta da un dizionario:

‚ÄúQuest’anno Pasqua cade di marzo”.

Quello che mi chiedo √® se l’uso e le regole cambino in presenza di simili verbi:

‚ÄúDi quando / di che periodo / di che mese / di che giorno cade / ricorre Pasqua?‚ÄĚ (???)

‚ÄúQuesto √® il periodo / mese / giorno di cui cade / ricorre questa festa‚ÄĚ (???).

 

RISPOSTA:

La preposizione di si pu√≤ usare per formare un complemento di tempo determinato; quando si combina con i nomi della settimana conferisce al sintagma un significato accessorio specifico, riguardante la tendenziale iterazione del processo (‚ÄúCi vediamo di domenica = ‚Äė‚Ķ solitamente la domenica‚Äô / ‚ÄúCi vediamo domenica‚ÄĚ = ‚Äė‚Ķ questa domenica‚Äô ). Di l√† dalla combinazione con i nomi della settimana, la preposizione √® poco usata per questo scopo; a essa vengono preferite in o a, ciascuna preferenzialmente o obbligatoriamente in combinazione con alcune serie di parole (per esempio (in / di / a maggio, ma a Natale, difficilmente di Natale, mai in Natale). Le interrogative che le sembrano innaturali, pertanto, sono semplicemente insolite; l‚Äôunica costruzione effettivamente scorretta √® di quando, perch√© quando¬†esprime gi√† senza preposizione quel significato (di quando √® usato, in uno stile trascurato, soltanto insieme al verbo essere con il significato di ‚Äėa quando risale‚Äô; per esempio: ‚ÄúDi quando √® il pollo che √® in frigo?‚ÄĚ). Le relative, invece, risultano estremamente innaturali, per quanto in linea di principio corrette. Diversamente dalle interrogative (escluse quelle introdotte da quando), che ripropongono il sintagma preposizionale con il nome (di che periodo, di che mese…), le relative spostano la preposizione sul pronome, producendo una combinazione molto complessa, vista la scarsa frequenza d’uso di di con questa funzione. Qualsiasi parlante preferirebbe, in questo caso, in cui.

I verbi cadere e ricorrere ‚Äėcapitare regolarmente‚Äô sono, in forza del loro significato, completati da argomenti costruiti come sintagmi preposizionali introdotti proprio da di, ma anche da in e a, con le stesse precisazioni circa la combinabilit√† con diverse serie di nomi e all’interno di tipi di frasi fatte in precedenza.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Semantica, Sintassi

QUESITO:

Ho dei dubbi riguardo alla possibile collocazione dei modificatori nominali in diversi contesti e situazioni.

Modificatori del nome preceduti da un modificatore verbale:

1a. Ho messo una cosa qui bellissima / di marmo / che potrebbe aiutarmi.

Modificatori del nome dopo il verbo dell’interrogativa:

2a. Quale cosa hai venduto di plastica / plasticosa / che non andava venduta?

3a. Quante ne hai dezuccherate / senza zucchero / che non fanno male alla salute?

4a. Cosa hai osato toccare di colore giallo / di legno / che non andava toccato?

5a. Di quale parte sei della Svezia?

Questione ancora pi√Ļ complicata:

Modificatori del nome, preceduti da un modificatore verbale, collocati dopo il verbo di un’interrogativa:

6a. Quale cosa hai messo qui di colore rosso / rossa / che non apprezzi pi√Ļ di tanto?

7a. Quale cosa hai comprato senza nemmeno avvisarmi di colore rosso / rossa / che ti piace?

Chiaramente tutte le frasi possono essere riformulate in questo modo:

1b. Ho messo qui una cosa bellissima / di vetro / che potrebbe aiutarmi.

2b. Quale cosa di plastica / plasticosa / che non andava venduta hai venduto?

3b. Quante dezuccherate / senza zucchero / che fanno male ne hai?

4b. Cosa di colore giallo / di legno / che non andava toccato hai osato toccare?

5b. Di quale parte della Svezia sei?

6b. Quale cosa di colore rosso / rossa / che non apprezzi hai messo qui?

7b. Quale cosa di colore rosso / rossa / che ti piace hai comprato senza avvisarmi?

La questione potrebbe farsi pi√Ļ intricata se si pensa che in alcune di queste frasi il complemento preposizionale / aggettivo potrebbe essere interpretato come modificatore verbale, pi√Ļ precisamente come complemento predicativo del soggetto / oggetto, non come modificatore nominale, vista la sua posizione postverbale, per la precisione negli esempi da 2 e 4.

Inoltre, l’esempio 7 potrebbe essere ambiguo, in quanto che ti piace¬†potrebbe essere anche inteso come subordinata esplicita del verbo avvisare, dando il senso che qualcuno compra un qualcosa che gli piace, senza per√≤ avvisare qualcun altro.

Chiaramente queste situazioni di ambiguità si possono creare, ma quello che mi chiedo è questo: sintatticamente e grammaticalmente parlando, possiamo parlare di frasi corrette in questi significati e nel senso che vorrei dare? Cioè, i vari modificatori nominali (di legno, che non andava toccato, della Svezia, bellissima ecc.) delle frasi b si possono considerare dei modificatori nominali tanto nelle varianti a quanto nelle varianti b?

 

RISPOSTA:

Qualunque sia la posizione del modificatore, esso sar√† sempre ricondotto al sintagma modificato; anche se interpretiamo i modificatori come complementi predicativi (o predicazioni supplementari), dal punto di vista sintattico e semantico essi modificano ancora i sintagmi nominali a cui si riferiscono. Va, per√≤, detto, che il modificatore √® tipicamente adiacente al modificato, tranne che non ci siano ragioni per allontanarlo (per esempio l‚Äôinserimento di un altro modificatore pi√Ļ strettamente legato al modificatore o la funzione predicativa del modificatore): alcune frasi a, pertanto, risultano innaturali e al limite dell‚Äôaccettabilit√† (per esempio ‚ÄúHo messo una cosa qui bellissima‚ÄĚ, perch√© difficilmente si pu√≤ accettare che l‚Äôaggettivo qualificativo sia legato al sintagma nominale qualificato meno strettamente di un‚Äôindicazione di luogo). La proposizione esclusiva nella frase 7 non √® in nessun caso un modificatore del nome (infatti non pu√≤ essere in alcun modo trasformata in una relativa il cui pronome introduttore riprenda il sintagma nominale o in un aggettivo); modificatori di sintagmi nominali introdotti da senza sarebbero, ad esempio, borsa senza manici (ovvero che non ha i manici), oppure maglietta senza maniche (smanicata).

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

Nella seguente frase, leggere è un verbo o un sostantivo, e ha funzione di complemento oggetto?

“Amo tanto leggere, in particolare mi piacciono i libri fantasy”.

 

RISPOSTA:

Nella frase non √® possibile decidere se l’infinito abbia valore di verbo o di nome: entrambe le analisi sono, pertanto, legittime. Il fatto che la parola non sia preceduta dall’articolo, comunque, fa propendere per l’analisi come verbo; diversamente, in una frase come “Amo tanto il leggere” la parola sarebbe certamente da analizzare come nome. Al contrario, se leggere fosse seguito da un complemento oggetto (per esempio “Amo tanto leggere romanzi d’avventura”) emergerebbe pi√Ļ chiaramente la funzione verbale.

Se leggere è un nome, esso rappresenta il complemento oggetto del verbo amo; se, invece, è un verbo, allora rappresenta una proposizione oggettiva subordinata alla reggente amo tanto.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Fossato è un derivato di fosso? Maggiordomo può essere considerato un nome composto? Nomi come Patty o Dany sono nomi alterati?

 

RISPOSTA:

Tra fossato e fosso c’√® un rapporto non di derivazione del primo dal secondo, ma di comune provenienza quasi dallo stesso verbo: fossato √® un nome primitivo, che continua direttamente il latino FOSSATUM, a sua volta participio perfetto del verbo FOSSARE ‘scavare’ (variante intensiva del verbo FODERE ‘scavare’); fosso √® un’evoluzione di fossa, a sua volta participio perfetto (al neutro plurale) proprio del verbo FODERE.

Anche maggiordomo, adattamento del latino MAIOR DOMUS ‘capo della casa’, √® una parola primitiva. In generale, le parole formate per derivazione o composizione in altre lingue (prime tra tutte il latino e il francese) e successivamente entrate in italiano sono, dal punto di vista dell’italiano, primitive.

Il processo di alterazione pu√≤ riguardare anche i nomi propri (Sergione, Annuccia, Giorgino…); in particolare, i nomi propri modificati con suffissi diminutivi o vezzeggiativi sono definiti ipocoristici. Gli esempi da lei portati, per√≤, sono formati con procedimenti diversi dall’alterazione: il primo √® a tutti gli effetti un nome proprio non alterato (non √® possibile, infatti, risalire a una base; se fosse Patrizia l’esito sarebbe Patri o Patry), di origine inglese; il secondo √® l’esito di un accorciamento (lo stesso processo che, per esempio, forma auto da automobile) da Daniele o Daniela. Si noti che l’accorciamento darebbe come risultato Dani: la forma Dany √® influenzata in generale dal modello dei nomi inglesi, in cui una -i finale √® sempre -y (e forse anche dal nome Danny, inglese come Patty).

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Tutte e tre le varianti sono ammissibili?

“Il fatto non √® dovuto a negligenza / a una negligenza / a una qualche negligenza” (da parte dell‚Äôimputato, ad esempio).

Nello specifico _a qualche_ e _a un qualche_ sono intercambiabili?

“Chiedilo a qualche medico / a un qualche medico”.

 

RISPOSTA:

Per quanto riguarda a negligenza / a una negligenza, la variante senza l’articolo √® generica e non specifica, ovvero si riferisce alla classe designata dal sintagma nominale, mentre la variante con l’articolo indeterminativo √® individuale non specifica, ovvero si riferisce a un esempio non specifico della classe designata dal sintagma. In altre parole, a negligenza rappresenta il referente come astratto e non collegato direttamente alla situazione descritta, a una negligenza lo rappresenta come un elemento qualsiasi integrato nella situazione. Come conseguenza pragmatica, a una negligenza veicola un’intenzione comunicativa di accusa, perch√© identifica una responsabilit√† circostanziale, mentre a negligenza rileva soltanto la circostanza, senza evidenziare alcuna responsabilit√†. Il terzo caso possibile in italiano, quello del referente individuale specifico, √® costruito con l’articolo determinativo o un aggettivo dimostrativo; ad esempio: “La negligenza che hai dimostrato √® grave”, oppure “Quella negligenza mi √® costata cara”. Si noti che il nome negligenza √® astratto quando √® generico, concreto quando √® individuale, perch√© passa a identificare un atto e le sue conseguenze.

La variante un qualche √® ridondante rispetto al solo un; l’aggettivo indefinito non aggiunge alcuna informazione al sintagma costruito con l’articolo indeterminativo, per quanto sia ipotizzabile che sia inserito per aumentarne la non specificit√†, ovvero l’indeterminatezza. Inoltre, qualche rende automaticamente il sintagma logicamente plurale, anche se grammaticalmente √® singolare (qualche dottore = ‘alcuni dottori’), quindi non √® compatibile con l’articolo indeterminativo. Per questi motivi la sequenza un qualche √® da evitare in contesti di formalit√† media e alta, specie se scritti; la ridondanza, e persino la forzatura grammaticale, invece, sono tollerabili nel parlato informale.

Va sottolineato che un qualche dottore non √® equivalente a un dottore qualsiasi / qualunque (possibili, ma meno formali, anche le varianti un qualsiasi / qualunque dottore), che indica l’assenza di qualit√† particolari (o il fatto che l’individuazione di qualit√† particolari sia trascurabile). Ad esempio: “Chiedilo a un qualche medico” = ‘chiedilo a un medico’ / “Chiedilo a un medico qualsiasi” = ‘chiedilo a un medico a prescindere da chi esso sia’.

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sottoporre alla sua attenzione un quesito su quella che forse si potrebbe definire una sostantivizzazione del participio.

1) I morti per covid = la gente che è morta a causa del covid.

2) I Laureatisi in economia = le persone che si sono laureate in economia.

(Verbo intransitivo/participio passato verbale)

3)Gli Infettati da covid = la gente che è stata infettata dal covid.

4)I preoccupati da questa situazione = la gente che viene preoccupata dalla situazione

(Verbo passivo/participio passato verbale)

5)Gli amanti la musica = le persone amanti la musica.

6)I partecipanti al convegno = le persone partecipanti al convegno.

7)Gli aventi diritto = Le persone aventi diritto.

(Participio presente verbale)

8)I laureati in economia = Le persone che sono laureate in economia

9)I preoccupati per questa situazione = le persone che sono preoccupate per questa situazione

(Participio passato con funzione aggettivale)

10)I partecipanti al convegno = Le persone che sono partecipanti al convegno

(Participio presente con funzione aggettivale)

11)Gli infetti da covid = la gente che è infetta da covid.

12)Gli esperti di musica = Le persone che sono esperte di musica.

13) I pieni di rabbia = la gente che è piena di rabbia.

(Aggettivo)

Non penso che tutti i casi in questione siano sostantivi veri e propri, ma che il sostantivo sia racchiuso all’interno di participi passati verbali, participi presenti verbali, participi passati aggettivali, participi presenti aggettivali e aggettivi.

Penso si tratti di sostantivizzazione, altrimenti, basandoci sulla prima frase, avremmo, per esempio:

“Siete dei morti per il covid”, che sarebbe una frase con tutt’altro senso, in quanto il participio passato “morto” in questa specifica frase √® un sostantivo “puro” , ma nell’uso che si fa nella frase “1” non corrisponde alle funzioni che ha come sostantivo puro, ma a quelle del verbo.

In poche parole, nella prima frase dell’elenco mantiene il proprio valore verbale (intransitivo) originario, cio√® di di participio passato verbale di forma intransitiva.

Lo stesso si pu√≤ dire per quanto riguarda il participio presente “amante”.

Per esempio:

Pu√≤ essere un sostantivo puro = “gli amanti della musica”.

Pu√≤ essere un participio presente usato come aggettivo, cio√® un participio presente con funzione aggettivale = “le persone che sono amanti della musica”.

Pu√≤ essere, come nella frase in questione (5), usato come participio presente verbale, o meglio, ne ha tali funzioni nella quinta frase = “le persone amanti la musica”.

Lei cosa ne pensa? Ritiene la mia analisi giusta o sono letteralmente fuori strada?

 

RISPOSTA:

Il participio (presente e passato) si chiama cos√¨, fin dal latino, proprio perch√© ha una natura duplice, sia verbale, sia aggettivale-nominale, come dimostra tra l‚Äôaltro la lessicalizzazione piena di alcune parole, divenute sostantivi a tutti gli effetti: amante, i morti ecc., oppure di partici latini divenuti sostantivi italiani: studente, docente, presidente ecc. Dunque ¬ęI morti per Covid¬Ľ √® un caso di participio sostantivato (ma comprendo la sua osservazione al riguardo, sulla quale torner√≤ alla fine della risposta). ¬ęI laureatisi in economia¬Ľ non √® corretto, perch√© l‚Äôuso sostantivato sarebbe ¬ęI laureati in economia¬Ľ, mentre laureatisi, con la particella pronominale del verbo laurearsi, rende il participio verbale: ¬ęle persone laureatesi in economia¬Ľ va invece bene, ancorch√© pesante; anche in questo caso sarebbe meglio ¬ęle persone laureate in economia¬Ľ.

¬ęGli Infettati da Covid¬Ľ pu√≤ essere considerato sia d‚Äôuso nominale (perch√© ha l‚Äôarticolo) sia verbale (perch√© ha il complemento di causa efficiente).

¬ęI preoccupati da questa situazione¬Ľ: come sopra, sebbene nessuno in un italiano comune e fluido userebbe mai un‚Äôespressione cos√¨ innaturale. Sarebbe molto meglio ¬ęle persone preoccupate per questa situazione¬Ľ.

¬ęGli amanti la musica¬Ľ: come sopra, sia nominale (per l‚Äôarticolo), sia verbale (per il complemento oggetto). Ma sarebbe preferibile l‚Äôuso pienamente nominale: ¬ęGli amanti della musica¬Ľ.

¬ęI partecipanti al convegno¬Ľ: uso nominale.

¬ęGli aventi diritto¬Ľ: sia nominale sia verbale.

¬ęI laureati in economia¬Ľ: nominale.

¬ęI preoccupati per questa situazione¬Ľ: nominale, ma, come detto sopra, meglio ¬ęle persone preoccupate per questa situazione¬Ľ.

¬ęGli infetti da Covid¬Ľ: infetto in italiano non √® participio passato, dunque l‚Äôuso √® ovviamente nominale.

¬ęGli esperti di musica¬Ľ: nominale, perch√© il participio passato di esperire √® esperito, non esperto.

¬ęI pieni di rabbia¬Ľ: nominale, pieno non √® participio. Ovviamente, se in tutti questi casi si premette ¬ęle persone¬Ľ, quanto segue passa dal valore nominale a quello aggettivale.

Il suo ragionamento, ancorch√© un po‚Äô farraginoso, √® in gran parte giusto. Per riassumere: dato che in molti casi il participio continua a reggere un complemento (ovvero un argomento, cio√® un completamento) del verbo (come ¬ęI morti per Covid¬Ľ, ¬ęGli infettati dal Covid¬Ľ ecc.), allora, anche se √® preceduto dall‚Äôarticolo, esso non perde del tutto la sua componente verbale. Il ragionamento √® sensato, per√≤ deve tener presente che in italiano anche aggettivi e nomi possono reggere argomenti, come per es. pieno, disponibile, voglia, paura ecc.: ¬ęla piena di grazia¬Ľ, ¬ęi disponibili all‚Äôincontro¬Ľ, ¬ęho voglia di vacanza¬Ľ, ¬ępaura di morire¬Ľ ecc. Come vede, il confine tra nome (o aggettivo) e verbo √®, a ben guardare, meno rigido di quanto si creda, non soltanto nel caso del participio (presente e passato). Pertanto, in conclusione, la reggenza di complementi come ¬ęper Covid¬Ľ, ¬ęda Covid¬Ľ, ¬ęla musica¬Ľ ecc. non giustifica il fatto che i participi reggenti quei complementi siano soltanto verbali, ma, quantomeno, che siano sia nominali (o aggettivali) sia verbali.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Nell’analisi grammaticale dei nomi collettivi trovo difficile indicare se si tratti di nomi di persona, animale o cosa. In un esercizio scolastico, sarebbe opportuno tralasciare tale dicitura oppure è possibile far rientrare questi nomi in una categoria? Ed eventualmente quale? Ad esempio, gregge può essere definito un nome comune di animale? O un nome comune di cosa? Oppure semplicemente un nome comune, collettivo?

 

RISPOSTA:

Semplicemente nome comune, collettivo: entia multiplicanda non sunt praeter necessitatem.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

L’accrescitivo di scarpa è scarpona, scarpone o entrambe le forme sono corrette?

 

RISPOSTA:

Entrambe le forme sono corrette. A sfavore della prima forma sta che è meno formale e quindi raramente contemplata da dizionari e grammatiche, ma a sfavore della seconda forma sta il fatto che si è lessicalizzata con altro significato (scarponi da montagna, da scii ecc.), tanto da essere fraintendibile come accrescitivo di scarpa (che è, però, il suo significato originario). Quindi, tutto sommato, suggerirei scarpona, con buona pace dei vocabolari e delle grammatiche attardati che ancora non la registrano.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

E’ giusto scrivere: “Quadri orario o quadri orari” , “Moduli orari o moduli orario”?
 

 

RISPOSTA:

Vanno bene entrambe le soluzioni, in italiano. L’una, pi√Ļ tradizionale (quadri orari,¬†moduli orari), tratta il secondo termine come aggettivale e dunque lo accorda col sostantivo precedente, mentre l’altra (pi√Ļ sul modello inglese, e dunque forse meno apprezzata in uno stile pi√Ļ tradizionale) tratta¬†orario¬†come sostantivo con ellissi della preposizione reggente: cio√®¬†quadro orario¬†= quadro dell’orario. I sintagmi con omissione della preposizione (come anche, ad es.,¬†monte ore), ancorch√© ammissibili, hanno spesso un sapore tra il tecnologico e il burocratico sgradito ai palati pi√Ļ raffinati e pertanto, se possibile, potrebbero essere utilmente sostituiti dai costrutti pi√Ļ tradizionali (quadri orari,¬†moduli orari,¬†monte orario¬†ecc.).

Fabio Rossi
 

Hai trovato questa risposta utile?
2
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Gradirei sapere se √® possibile usare i pronomi lui, lei, loro riferendoli a cose o ad animali. Mi suonerebbe piuttosto strano riferirmi ad un gatto usando il pronome esso (o essa ¬†se fosse una gatta) o essi se si tratta di pi√Ļ animali. Lo stesso vale per animali considerati, pi√Ļ o meno a torto inferiori come, per esempio, gli scarafaggi. Cos√¨ pure mi suonerebbe male parlare di un mobile usando il pronome esso¬†anzich√® lui o di pi√Ļ mobili servendomi del pronome essi anzich√® usare loro.

RISPOSTA:

I pronomi esso, essa, essi, esse sono usati preferibilmente in riferimento a oggetti inanimati (anche se non √® escluso l’uso riferito a esseri animati). Il caso degli animali √® problematico, perch√® gli animali sono esseri animati, ma generalmente considerati non come individui, bens√¨ come “copie” dello stesso prototipo (per quanto questa convinzione sia discutibile). La scelta del pronome per gli animali, pertanto, √® delegata alla sensibilit√†¬† del parlante, e non √® soggetta a una regola precisa; spesso i parlanti sono indotti a usare lui, lei, loro in riferimento ad animali domestici, con i quali hanno un legame affettivo, e negli altri casi esso, essa, essi, esse, oppure questo ecc. o, quando possibile, nessun pronome o alternative al pronome, come la ripetizione del nome che definisce il genere dell’animale. Va anche detto che esso ;e varianti sono divenuti in generale rari in italiano, per cui in ogni caso i parlanti cercano modi per evitarli.
L’uso di esso e varianti in riferimento a mobili o altri oggetti inanimati non crea nessun problema, a parte, appunto, l’avversione per il pronome ormai raro, a cui vengono preferite sempre alternative come i pronomi dimostrativi, sintagmi nominali o l’omissione.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi grammaticale, Nome, Pronome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Vorrei chiedere una precisazione¬†sull’analisi grammaticale dei nomi astratti.¬†√ą¬†corretto in analisi grammaticale scrivere… “nome astratto, individuale”?¬†Esempio:¬†tristezza¬†=¬†nome comune di cosa, astratto, individuale etc.
Individuale è solo per i nomi concreti, giusto?

 

RISPOSTA:

I nomi individuali sono tutti quelli che si riferiscono a un singolo individuo di qualsiasi categoria; sono, quindi, tutti i nomi che non sono collettivi. Stando alla definizione, quindi, anche i nomi astratti possono essere distinti in individuali e collettivi. 
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi grammaticale, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Volevo sapere se √® corretto usare l’espressione¬†un vestito da pipistrello¬†al posto di¬†un costume da pipistrello. Mi √® venuto questo dubbio perch√© lo¬†userei come sostantivo e non come verbo, come potrebbe essere in una frase del¬†tipo¬†un uomo vestito da pipistrello.

 

RISPOSTA:

I nomi¬†vestito¬†e¬†costume¬†possono essere usati con uguale efficacia in questo caso:¬†vestito¬†√® un iperonimo di¬†costume, cio√® √® un nome il cui significato comprende quello dell’altro, che √®, a sua volta, iponimo del primo. Si badi che il nome¬†vestito¬†deriva direttamente dal¬†latino¬†vestitus¬†‘vestito’; non √®, come lei ipotizza, il participio passato di¬†vestire¬†sostantivato (vestito¬†nome e¬†vestito¬†participio di¬†vestire¬†sono forme coincidenti, ma con origini diverse, sebbene ovviamente legate). Se anche fosse un participio sostantivato, comunque, potrebbe certamente usarlo come nome: sono molti, infatti, i participi presenti e passati usati comunemente come nomi (comandante,¬†cantante,¬†gelato,¬†candito¬†ecc.).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Etimologia, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Qual è la forma corretta tra insegna all’Università e insegna nell’Università?

 

RISPOSTA:

L’espressione corretta √®¬†insegna all’universit√†¬†(l’iniziale maiuscola √® opzionale). La preposizione¬†a¬†si usa in espressioni di questo tipo per indicare l’ambiente o l’esperienza tipica che un individuo sperimenta in un luogo; al contrario,¬†la preposizione¬†in¬†indica il luogo, fisico o figurato. Per questo si direbbe, per esempio, “la presenza delle donne nell’universit√† √® in crescita”, ma “ho incontrato Luisa all’universit√†”.¬†
Lo stesso rapporto con le preposizioni √® intrattenuto dal nome¬†scuola¬†(“sono a scuola”, ma “bisogna investire nella scuola”). Anche¬†i nomi¬†casa¬†e¬†mare¬†ammettono la doppia costruzione, ma preferiscono¬†in¬†senza preposizione¬†(ad esempio¬†sono a casa,¬†rimango in casa).¬†Richiedono la preposizione articolata se sono accompagnati da un aggettivo o un complemento di specificazione: “il coniuge superstite ha diritto di abitare nella casa familiare”.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi logica, Nome, Preposizione
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Traducevo una frase di un libro in lingua inglese.
Questa √® la frase originale: “Cheng tried to hide overt function. So one sees that inhaling on posture and exhaling on transition seems to preclude application: this conforms to Cheng’s concealing use so that one remained relaxed throughout the form”.
Io l’ho tradotta in questo modo: “Cheng ha cercato di nascondere la funzione palese. Quindi si vede che l’inalazione sulla postura e l’espirazione durante la transizione sembrano precludere l’applicazione: questo √® conforme all’uso occultante di Cheng in modo che si rimanga rilassati per tutta la forma.
In base a quello che si potr√† interpretare, le mie domande sono queste:¬†funzione palese¬†si riferisce alla respirazione?¬†Il verbo¬†use¬†si riferisce all’uso del respiro?¬†
Mi rendo conto sempre pi√Ļ spesso che in tante occasioni per capire quello che una¬†persona scrive si dovrebbe parlare direttamente con l’interessato. A volte tante¬†frasi suonano molto ambigue.

 

RISPOSTA:

L’impossibilit√† di chiedere spiegazioni allo scrivente √® uno dei “difetti” dello scritto. Da questo deriva la necessit√† di cercare la massima chiarezza nello scritto, per prevenire l’ambiguit√†.
Nel suo caso, l’espressione¬†overt function¬†sembra riferirsi al meccanismo della respirazione descritto, come da lei ipotizzato.¬†Use, invece, non √® un verbo, ma un nome (infatti lei l’ha tradotto¬†l’uso) e va considerato insieme all’aggettivo¬†concealing:¬†concealing use¬†sembra definire un sistema generale all’interno del quale si inserisce anche la tecnica di respirazione descritta (che infatti si conforma a quest’uso, o sistema).
Un piccolo avvertimento sulla traduzione:¬†so that one remained¬†sarebbe ‘cos√¨ che si rimanesse’ (non¬†rimanga).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi del periodo, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Leggendo su internet i vari nomi dati alla morte, come Tristo Mietitore o Signora in Nero, mi chiedo se è così che ci si debba regolare nel caso se ne volessero coniare di nuovi. Mi riferisco alle maiuscole, che vengono messe anche alle parole seguenti, ma non alle preposizioni.

 

RISPOSTA:

Le convenzioni sull’uso della maiuscola sono poco vincolanti quando si tratta di usi non canonici. Nel suo caso possiamo considerare le espressioni da lei citate come nomi propri composti (in questo senso anche¬†Morte¬†pu√≤ essere scritto maiuscolo, se √® usato come nome proprio). I nomi propri formati da pi√Ļ di una parola sono piuttosto rari: esempi del genere sono quelli geografici, come¬†Monte Bianco,¬†Mar Nero¬†e anche¬†L’Aquila,¬†Il Cairo¬†ecc. Per convenzione, tutte le parole che compongono questi nomi si scrivono maiuscole; questa convenzione, per√≤, si scontra con quella, opposta, che sfavorisce la maiuscola per le parole vuote (articoli, preposizioni, congiunzioni). Nel caso di¬†L’Aquila¬†e simili questa eccezione √® aggirata dal fatto che la parola vuota √® iniziale, quindi la maiuscola si giustifica per quest’altra via; in casi come¬†Mare dei Sargassi, invece, si propende senz’altro per la minuscola per le preposizioni.¬†
Il suo caso pu√≤ essere ben assimilato a quello dei nomi geografici, per cui vanno bene¬†Tristo Mietitore¬†(come¬†Mar Nero) e¬†Signora in Nero¬†(come¬†Mare dei Sargassi). Non sono esclusi, per√≤,¬†tristo Mietitore, visto che¬†tristo¬†√® decisamente distinguibile come attributo, mentre¬†Nero¬†di¬†Mar Nero¬†√® pi√Ļ nettamente parte del nome, e¬†Signora in nero, perch√©, similmente,¬†in nero¬†√® una specificazione abbastanza autonoma, laddove¬†dei Sargassi¬†di¬†Mare dei Sargassi¬†√® nettamente parte del nome.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Aggettivo, Nome, Preposizione
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Si dice¬†un ragazzo e una ragazza biondi¬†(perch√© con l’aggettivo, il genere¬†maschile prevale sul femminile¬† quando il numero √® plurale); per√≤, per quanto¬†riguarda il sostantivo, in specie quando si riferisce agli¬† aggettivi numerali¬†ordinali, non √® cos√¨:

Questi sono il primo e il secondo posto.
Terzo e quarto premio assegnato.

Scrivendo il primo e il secondo posti o terzo e quarto premi assegnati si incorrerebbe in forme grammaticalmente errate o soltanto insolite?

 

RISPOSTA:

L’accordo al plurale tra il nome e l’aggettivo √® corretto: √® percepito come inatteso per via del forte legame sintattico che si crea tra l’aggettivo preposto al nome e il nome stesso. Se il nome √® accompagnato anche dall’articolo, per giunta, si crea un paradosso: l’articolo concorda non con il nome ma con l’aggettivo. Impossibile, del resto, sarebbe una frase come *i primo e secondo posti.
Il paradosso e, almeno in parte, la sensazione di stranezza spariscono se si anticipa il nome:¬†i posti primo e secondo;¬†premi terzo e quarto assegnati. Per evitare la costruzione problematica con gli aggettivi preposti al nome √® possibile, oltre che anticipare il nome, ripeterlo:¬†il primo posto e il secondo posto;¬†terzo premio e quarto premio assegnati. Possibile, in fondo, √® anche la costruzione con il nome posposto al singolare, che √® grammaticalmente imperfetta, ma non ambigua e giustificabile (per il gi√† ricordato legame stretto tra l’aggettivo preposto e il nome).
Fabio Ruggiano 

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Sono una studentessa straniera di origine russa all’universit√† per stranieri di
Perugia, sono 4 anni che sto in Italia e ho sempre avuto difficoltà a definire il
genere delle squadre di calcio. Inizialmente pensavo che tutte le squadre fossero
di genere femminile, visto che la parola sottintesa è  la squadra (come ad esempio
nel caso delle macchine: la Fiat,  la Mercedes ecc) e, giustamente, la mia
convinzione è stata subito sciolta appena ho cominciato a seguire il campionato.
Quindi, la mia domanda è perché si dice Lo Spezia, il Napoli ma la Roma e la
Lazio?
 

 

RISPOSTA:

Dipende, di solito, dal sintagma reggente: se il nome della squadra dipendeva (all’epoca della nascita della squadra) da “Football club” allora la squadra √® al maschile (perch√© in italiano¬†club¬†vuole in genere maschile), se dipendeva invece da “Associazione calcistica” o simili (la Roma, la Lazio ecc.) allora √® femminile.

Fabio Rossi 

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Autoimporsi, autoproclamarsi, solo per citare alcuni dei molti verbi costituiti dal prefisso auto- e costruiti con il clitico -si, non rappresentano un mero pleonasmo? Le forme intransitive pronominali o riflessive, a seconda dei casi, non sono sufficienti per esprimere un concetto che, con il prefisso auto-, si intensifica, senza, a mio giudizio, aggiungere niente dal punto di vista semantico?
1) Il politico esposto al pubblico ludibrio, si (auto)impose un esilio ad altre latitudini.
2) Pur avendo fallito nella sua ultima prestazione agonistica, l’ex campione si (auto)proclam√≤ il migliore di tutti i tempi.
Seconda met√† dell’interrogativo.
La funzione sostantivale di parole che abbiano come suffiso¬†-ile¬†o¬†-ole, oppure¬†-arsi,¬†-ersi¬†ecc. √® sempre possibile, anche quando non vi sia una chiara legittimazione d’uso da¬†parte dei dizionari della lingua italiana?
Esempi:
“Siamo ai limiti dell’invivibile, dell’inconsapevole, dell’irragionevole”, “Ho pensato¬†tutto il pensabile”, “Viviamo nella societ√† del mutevole”; “Il disgregarsi delle coste √® un fenomeno geologico”, “Il tuo affannarti non porter√† a niente di buono”, e cos√¨ via.

 

RISPOSTA:

Verbi come¬†autoproclamarsi¬†presentano un rafforzamento del concetto pi√Ļ che un pleonasmo interno. Dal punto di vista del punto di origine dell’azione¬†proclamarsi¬†=¬†autoproclamarsi,¬†ma il prefissoide (prefisso con un chiaro significato lessicale)¬†auto-¬†sottolinea che √® il soggetto a prendere l’iniziativa di compiere l’azione. In¬†autoproclamarsi, quindi, √® pi√Ļ evidente l’autonomia del soggetto nel processo che porta a compiere l’azione, come se fosse ‘proclamarsi per propria iniziativa’. Non si pu√≤ dire che in¬†proclamarsi¬†questa autonomia sia esclusa, ma semplicemente non √® segnalata.
Tutte le parti del discorso possono essere sostantivate (a prescindere dalla loro forma) mediante l’inserimento dell’articolo; i dizionari riportano soltanto i casi pi√Ļ comuni.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Articolo, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Qual √® il genere corretto per¬†l’aggettivo sostantivato¬†live, di ovvia origine anglosassone?

 

RISPOSTA:

Dobbiamo declinare la vostra proposta per mancanza di tempo e risorse. Per qualsiasi curiosità, scrivete pure a DICO e riceverete una risposta.
Per quanto riguarda¬†live¬†bisogna ricordare che in astratto il genere dei nomi (e degli aggettivi sostantivati) presi in prestito da lingue che non hanno a loro volta il genere (come l’inglese) √® il maschile; in pratica, per√≤, questi nomi prendono il genere del nome italiano corrispondente, oppure di un nome assonante. Cos√¨¬†e-mail¬†√® femminile perch√© corrisponde a¬†posta, e¬†band¬†√® femminile perch√© √® assonante con¬†banda¬†(che, per√≤, ha un significato molto diverso). Pu√≤ capitare che un prestito sia attratto da due o pi√Ļ nomi italiani di generi diversi, con il risultato che il genere di quel prestito in italiano √® altalenante. Questo √® il caso di¬†ketchup, che √® maschile per la regola generale del prestito senza genere di partenza, ma per alcuni √® femminile perch√© √® un tipo di¬†salsa.¬†Per¬†live¬†√® forte l’assonanza con¬†spettacolo¬†e¬†concerto, che comporta il genere maschile; qualcuno, per√≤, potrebbe associare questo nome a¬†trasmissione, che √® femminile. La situazione, come si vede, √® simile a quella di¬†ketchup: per quanto non si possa bocciare una delle due forme, si pu√≤ stabilire che quella pi√Ļ comune, quindi preferita dai parlanti, √® quella maschile.¬†In questo ambito,¬†pi√Ļ comune¬†e¬†preferibile¬†√® la soluzione pi√Ļ vicina possibile a¬†pi√Ļ corretta. A conforto di questa posizione ci sono anche i vocabolari: lo Zanichelli registra come maschile¬†sia¬†ketchup¬†sia¬†live¬†come sostantivo.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Semantica, Sintassi

QUESITO:

Nella frase “Ne ho sentito parlare” √® giusto dire che¬†parlare¬†√® complemento¬†oggetto?

 

RISPOSTA:

Non esattamente, ma ci è andata molto vicino. Alcuni verbi, infatti, possono reggere un complemento oggetto oppure una intera proposizione che ha la stessa funzione, e che prende il nome di proposizione oggettiva. Sentire è uno di questi verbi (insieme a dire, pensare, sapere, vedere e molti altri): può reggere un complemento oggetto (ho sentito un rumore) o una proposizione oggettiva (ne ho sentito parlare; ho sentito che ti sei sposato). Come si può vedere, la differenza tra un complemento oggetto e una proposizione oggettiva sta nella composizione: il complemento oggetto è un sintagma nominale, cioè un nome o un gruppo di parole che ruota intorno a un nome (ad esempio un rumore); la proposizione oggettiva è un verbo o un gruppo di parole che ruota intorno a un verbo.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Analisi logica, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Semantica

QUESITO:

Vorrei il vostro parere a proposito della classificazione del nome. In un manuale di grammatica ho trovato la seguente classificazione gerarchica a due livelli:

  • Proprio
  • Comune
    • concreto
    • astratto
    • individuale
    • collettivo

In un altro manuale ho trovato una classificazione differente (a tre livelli):

  • Proprio
  • Comune
    • Concreto
      • individuale
      • collettivo
    • Astratto

In un terzo, infine, si ha una classificazione in cui concreto, astratto, individuale, collettivo sono allo stesso livello di proprio e comune, anziché sottogruppi.
Quale classificazione è la migliore?

 

RISPOSTA:

Classificare un oggetto grammaticale è sempre un problema: si rischia sempre di lasciare fuori dalla classe un elemento, creando la cosiddetta eccezione. Nel caso specifico la classificazione meno problematica è quella meno gerarchizzata, ovvero la terza. I nomi propri, infatti, sono individuali, perché designano elementi singoli (singolari o plurali: Paolo, Italia, Alpi), quindi non dovrebbero essere esclusi da questo tratto, come fanno le prime due classificazioni. Per non parlare del fatto che un nome come Dio è proprio, individuale e astratto (ma il concetto di astrattezza applicato ai nomi è sempre discutibile, quindi meglio non spaccare il capello su questo punto).
La seconda classificazione, inoltre, esclude indebitamente non solo i propri ma anche gli astratti dal tratto individuale / collettivo.
Come si pu√≤ vedere, ogni gerarchizzazione semantica √® una forzatura: i nomi propri possono essere concreti e astratti, individuali e persino collettivi (l’Appennino¬†√® una catena montuosa) al pari dei comuni. L’unica precisazione non problematica nella classificazione √® diadica: i nomi propri sono opposti ai comuni; i concreti agli astratti; gli individuali ai collettivi. Questa √® l’unica precisazione che manca nello schema della terza classificazione, che risulta, pertanto, comunque non ottimale.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Analisi grammaticale, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Recentemente ho pubblicato su facebook un post che diceva: ‚ÄĚHo la sensazione che stiamo per precipitare in un precipizio‚ÄĚ. Sono stata redarguita con la frase: “da un precipizio si puo‚Äô solo cadere”. Effettivamente la mia frase suona davvero male, potevo scrivere: cadere in un precipizio o precipitare in un
baratro, ma non credo sia errata. Precipitare indica un moto a luogo e il precipizio è dove termina l’azione. O sbaglio? Ho 53 anni e i ricordi degli studi di grammatica sono offuscati, ma non mi sembra di aver sbagliato. A meno che il precipizio non si intenda come sinonimo di cornicione, sporgenza, da cui effettivamente il moto può solo partire.

 

RISPOSTA:

La sua frase √® correttissima: infatti il precipizio √® sia un luogo sporgente dal quale si pu√≤ cadere o precipitare, sia un luogo profondissimo e scosceso nel quale si pu√≤ cadere o precipitare. Se si vuole evitare l’effetto cacofonico della ripetizione della radice¬†precipit/z¬†che accomuna¬†precipitare¬†a¬†precipizio, si pu√≤, ma non si deve, sostituire¬†precipitare¬†con¬†cadere. Diffidi sempre dell’oltranzismo intollerante dei grammarnazi, ovvero coloro che son convinti che qualcosa nella lingua non si possa dire n√© scrivere. Raramente le lingue procedono per dogmi si pu√≤/non si pu√≤, giusto/sbagliato, mentre usualmente si tratta di forme pi√Ļ o meno appropriate a quel determinato contesto.

Fabio Rossi
 

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sapere se queste due espressioni sono equivalenti: “Ha commesso un errore ad andare in montagna” (nel senso che sarebbe stato preferibile, per es., se fosse andato al mare) e “Ha commesso un errore andando in montagna”.
Questa seconda formulazione, anche se il significato è facilmente intuibile, fa pensare al fatto che il soggetto abbia commesso un errore non ben precisato mentre si recava in montagna. In ogni caso è corretta anche la seconda espressione?
Desidererei poi sapere se per¬†sinonimo¬†si intende solo una parola che ha lo stesso significato di un’altra o anche, in senso¬† allargato, un’affermazione che corrisponde a un’altra, per esempio “dannarsi l’anima per ottenere un risultato”¬† e “fare i salti mortali per ottenere un risultato”.

 

RISPOSTA:

Il gerundio √® un modo che pu√≤ assumere diverse funzioni e per questo a volte necessita di informazioni aggiuntive per essere correttamente interpretato. Nella frase “Ha commesso un errore andando in montagna” il gerundio potrebbe essere causale (‘perch√© √® andato / andata in montagna’) o temporale (‘mentre andava in montagna’). La prima interpretazione avvicina moltissimo la frase alla prima variante, nella quale la proposizione¬†ad andare in montagna¬†√® proprio una causale implicita; la seconda, al contrario, presume un significato diverso. Va detto che la seconda interpretazione √® piuttosto improbabile, visto che¬†errore¬†fa pensare decisamente a un’anticipazione valutativa dell’evento che sta per essere descritto (andare in montagna): per esprimere il significato di un errore non coincidente con l’andare in montagna qualsiasi parlante opterebbe per una costruzione che separi chiaramente i due eventi, per esempio¬†mentre andava in montagna.
Il sinonimo √® una parola, un’unit√† polirematica (per esempio,¬†carro armato¬†=¬†panzer¬†=¬†tank) o una locuzione che abbia un significato riconducibile a una parola (per esempio¬†dannarsi l’anima¬†=¬†sforzarsi). Nel caso di espressioni, a rigore √® preferibile usare non il nome¬†sinonimo, ma l’aggettivo¬†sinonimico, quindi¬†espressioni sinonimiche.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quando si fa il comparativo con il verbo piacere si usa la preposizione di oppure il pronome che?

 

RISPOSTA:

La parola che introduce il secondo termine di paragone dipende dalla composizione del secondo termine stesso (non da quella del primo termine). Si usa che (che in questo caso è una congiunzione, non un pronome) quando il secondo termine è costituito da un nome o un pronome preceduti da una preposizione, oppure se è un verbo, un aggettivo o un avverbio. In tutti gli altri casi si usa di. Gli aggettivi inferiore e superiore richiedono a (inferiore alla media).
Quindi, per esempio, si dir√†¬†piace ad Andrea pi√Ļ che a Luca¬†(il secondo termine di paragone √® costituito da un nome preceduto da una preposizione),¬†mi piace pi√Ļ sciare che nuotare¬†(il secondo termine di paragone √® costituito da un verbo),¬†quel modello mi piace pi√Ļ rosso che bianco¬†(il secondo termine di paragone √® costituito da un aggettivo) ecc.¬†
Non √® escluso che la congiunzione¬†che¬†si usi anche quando il secondo termine di paragone √® costituito¬†da un nome senza preposizione:¬†mi piacciono pi√Ļ i leoni dei / che i giaguari.¬†
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Nello studio della grammatica di nostra figlia ci siamo imbattuti un una¬†discrepanza tra due libri di testo sull’argomento dei trigrammi che sono quindi a¬†chiedervi di dirimere.
La prima domanda è quindi se i trigrammi siano da considerarsi due o quattro.
Inoltre:
1) in “Grammatica Pratica” di E. Sergio √® scritto che¬†ci¬†e¬†gi¬†seguiti da¬†a,¬†e, o, u sono digrammi. Quindi¬†specie,¬†cieco,¬†cielo,¬†societ√†,¬†superficie,¬†braciere,¬†panciera,¬†grattacielo,¬†igiene¬†e derivati,¬†effigie¬†sono da considerarsi correttamente digrammi?¬†
2) Nella stessa grammatica viene illustrato il caso di sciatore e fruscio e evidenziando che non si tratta di trigrammi. Sono quindi da considerarsi digrammi?
3) In “Datti una Regola” di E. Zordan c’√® una nota sia per i digrammi che per i trigrammi: “nei gruppi¬†ci,¬†gi¬†seguiti da vocali, la¬†i¬†serve solo da segno grafico per rendere dolci i suoni¬†c¬†e¬†g“. Per segno grafico si intende segno diacritico? Ovvero nei digrammi e trigrammi¬†i¬†ed¬†h¬†sono sempre segni diacritici?

 

RISPOSTA:

I trigrammi in italiano sono 2, gli (come in aglio) e sci (come in sciocco). I digrammi, invece, sono sette: gl davanti a i (figli); gn davanti a vocale (compagno); ch davanti a e e i (chiedere); gh davanti a e e i (margherita); sc davanti a e e i (scena); ci davanti a a, o, u (camicia); gi davanti a a, o, u (valigia). Il caso dei gruppi ci e gi seguiti da e è oggetto di dibattito, perché qui la i non corrisponde a un fonema né ha funzione diacritica; continuiamo a scriverla soltanto per mantenere la somiglianza grafica delle parole con la loro base etimologica (ad esempio effigie < effigiem, panciera < pancia + -iera, camicie < camicia ecc.). Se eliminiamo questa i il suono della parola non cambia affatto (infatti alcune di queste parole si possono scrivere anche senza i, come pancera o effige). Effettivamente, però, anche in questo caso abbiamo due grafemi (c + i e g + i) che rappresentano un unico fonema, quindi possiamo considerarli digrammi.
Chi¬†e¬†ghi¬†non sono trigrammi, ma l’unione di due digrammi,¬†ch¬†e¬†gh, con la vocale (o la semivocale)¬†i. Si noti, infatti, che in¬†aglio¬†e¬†sciocco¬†i gruppi di grafemi¬†gli¬†e¬†sci¬†rappresentano ognuno un unico suono, mentre in¬†chiedere¬†e¬†ghiro¬†i gruppi¬†chi¬†e¬†ghi¬†rappresentano due suoni, rispettivamente¬†ch-i¬†e¬†gh-i.¬†
La¬†i¬†segno diacritico (o segno grafico, cio√® senza valore fonetico) √® quella che serve a indicare che il grafema precedente deve essere pronunciato come palatale (o dolce) e non come velare (o duro). Per esempio nella parola¬†sciatto¬†la¬†i¬†indica che il fonema corrispondente al digramma¬†sc¬†√® palatale. Dal momento che il grafema¬†i¬†√® funzionale alla pronuncia del digramma¬†sc¬†lo consideriamo un tutt’uno con esso, per cui otteniamo il trigramma¬†sci. Se in questa parola togliamo il grafema¬†i¬†otteniamo una parola diversa,¬†scatto, nella quale abbiamo¬†due fonemi distinti, quello corrispondente al grafema¬†s¬†e quello corrispondente al grafema¬†c¬†velare (oltre agli altri che completano la parola). La¬†i¬†√® un segno diacritico nei digrammi¬†ci¬†e¬†gi¬†e nei trigrammi; ha, invece,¬†valore fonetico, cio√® corrisponde a un fonema autonomo, quando √® accentata (come in¬†fruscio, in cui abbiamo il digramma¬†sc¬†seguito dal fonema corrispondente a¬†i)¬†oppure quando non √® preceduta da¬†sc,¬†c,¬†g¬†o¬†gl¬†(attivit√†). La parola¬†sciare¬†√® un caso isolato, perch√© non si pronuncia¬†sci√†re, quindi con il trigramma¬†sci, ma quasi¬†sc√¨√†re, con la¬†i¬†autonoma. Per capire meglio questa particolarit√† basta confrontare la pronuncia di¬†sciare¬†con quella di¬†sciara¬†(‘la scia della lava depositata sui fianchi di un vulcano’), in cui¬†sci¬†√® un trigramma.
Anche l’h¬†√® un segno diacritico, che indica il contrario della¬†i, ovvero che il fonema precedente deve essere pronunciato come velare e non come palatale.¬†In italiano l’h¬†non ha mai valore fonetico (√® “muta”), ma¬†pu√≤ servire 1. come segno diacritico; 2. a distinguere graficamente due parole omofone (ad esempio¬†ha¬†e¬†a); a rappresentare una particolare emissione della voce nelle onomatopee¬†ah!,¬†oh!¬†e simili.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Titoli come avvocato, professore ecc., se non accompagnati dal cognome, vanno maiuscoli?  
Come si comportano i titoli con il sesso delle persone? Sindaco e sindaca? Architetto e architetta? 

 

RISPOSTA:

Non c’√® alcuna ragione per scrivere con lettera maiuscola i titoli di professione, anche quando non siano seguiti dal nome della persona. Il maiuscolo pu√≤ essere usato (ma non √® obbligatorio neanche in questo caso) quando il titolo √® usato per antonomasia per riferirsi a una persona specifica:¬†l’Avvocato¬†(Giovanni Agnelli),¬†il Professore¬†(Romano Prodi).¬†I titoli di professioni comunemente ritenute prestigiose (Onorevole, ma anche¬†Presidente,¬†Papa,¬†Direttore…) sono spesso scritti con la maiuscola, per sottolinearne il valore distintivo, anche se non √® affatto necessario farlo. Quindi, se scrivere l’Avvocato¬†fa pensare a una persona specifica, ovvero l’avvocato Giovanni Agnelli, scrivere¬†l’Onorevole¬†pu√≤ rimandare a qualunque onorevole che sia stato nominato precedentemente.
I nomi di professione femminili sindaca e architetta sono ben formati e perfettamente legittimi; è preferibile, quindi, usarli quando ci si riferisce a professioniste. Sui nomi di professione femminili rimando a questo articolo pubblicato in DICO.
Nell’articolo √® inserito anche il link alla guida¬†Giulia, a cura di Cecilia Robustelli, che spiega dettagliatamente tutti i casi dubbi (il link √® questo: https://accademiadellacrusca.it/sites/www.accademiadellacrusca.it/files/page/2014/12/19/donne_grammatica_media.pdf).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Lingua e società, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Riconosco di incontrare talvolta un qualche problema nel risalire alla cosa o alla persona cui si riferisce il ne. Un esempio è questo:
1a) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© ne acquisisca il metodo”.
Ecco: chi deve acquisire il metodo di chi?
Supporrei che sia Giulia a dover imparare da Valentina. Nel caso la mia interpretazione sia giusta, se volessimo ribaltare i ruoli, dovremmo escogitare formule pi√Ļ precise (ma meno snelle) come
1b) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© questa acquisisca il metodo di quella” oppure basterebbe
1c) “Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√© quest’ultima ne acquisisca il metodo”?
Mi chiedo inoltre se la grammatica ci dia regole ferree a tal proposito, oppure se ci si possa sempre affidare alla logica.
Porto un altro esempio che mi è capitato di formulare:
2a) “Bisogna associare l’autorimessa all’appartamento, affinch√© ne diventi pertinenza”.
Seguendo la sola logica, la frase √® di immediata comprensione: l’unico immobile destinato a diventare pertinenza pu√≤ essere l’autorimessa. Ma prescindendo dalla logica, la frase √® corretta sotto il profilo sintattico?
Se essa fosse stata costruita diversamente, invertendo le posizioni dei complementi, per ottenere lo stesso messaggio, avremmo potuto scrivere
2b) “Bisogna associare l’appartamento all’autorimessa, affinch√© quest’ultima diventi la sua pertinenza”?

 

RISPOSTA:

Il collegamento tra i pronomi e i nomi (o gli altri pronomi) a cui questi si riferiscono √® un punto in cui la grammatica incontra la testualit√†. Da una parte, infatti, abbiamo l’accordo morfologico, ovvero l’adattamento del pronome al nome a cui si riferisce (nel caso di¬†ne¬†questo adattamento non si vede, perch√© questo pronome √® invariabile), dall’altra abbiamo la coreferenza, ovvero la capacit√† di pi√Ļ parole di rimandare allo stesso referente. Nella sua frase 1a, per esempio,¬†Valentina¬†e¬†ne¬†rimandano allo stesso referente, che √® la persona di Valentina. La coreferenza richiede sempre un minimo di sforzo interpretativo da parte del ricevente, perch√© non √® di per s√© evidente che, rimanendo al nostro esempio,¬†Valentina¬†e¬†ne¬†rimandino alla stessa persona, visto che sono parole cos√¨ diverse.¬†Nella stessa proposizione finale in cui si trova¬†ne¬†c’√® anche un’altra forma coreferenziale: l’ellissi del soggetto di¬†acquisisca. L’ellissi √® una forma coreferenziale perch√© rimanda a un referente presentato attraverso un nome da qualche parte nella stessa frase (come in questo caso), oppure in un’altra frase del testo. Risalire alla parola con cui l’ellissi √® coreferente √® in teoria molto difficile, proprio perch√© l’ellissi si realizza come la sottrazione di una parola o un gruppo di parole (o sintagma).¬†
Per favorire l’interpretazione coreferenziale da parte del ricevente, ovvero il corretto rimando da un pronome, o da un’ellissi, all’elemento coreferente, l’emittente deve rispettare alcune regole nella costruzione della frase. La coreferenza, quindi, coinvolge anche la sintassi. Nell’esempio, il dubbio sul collegamento tra¬†ne¬†e¬†Valentina¬†potrebbe nascere a causa della presenza, nella proposizione reggente, di due nomi in astratto collegabili a¬†ne:¬†Giulia¬†e¬†Valentina,¬†e dall’ellissi del soggetto del verbo¬†acquisire. In questa situazione, il ricevente potrebbe rimanere nel dubbio su chi sia che deve acquisire il metodo da chi. Tale dubbio √® risolto immediatamente dalla regola secondo cui il soggetto ellittico di una subordinata deve coincidere con il soggetto della proposizione reggente. Ne consegue che il soggetto di¬†acquisisca¬†√® lo stesso di¬†studi, ovvero¬†Giulia. Per esclusione, quindi,¬†ne¬†rimanda a¬†Valentina. Lo stesso vale per la frase 2a: il soggetto di¬†diventi¬†deve essere¬†l’autorimessa, quindi¬†ne¬†rimanda all’appartamento.
Il suo ragionamento sull’inversione dei ruoli sintattici nelle subordinate √® corretto: per farlo bisogna esplicitare il soggetto delle subordinate, attraverso un pronome (come nelle frasi 1b e 2b) o anche attraverso un sintagma nominale, per esempio:¬†“Bisogna che Giulia studi con Valentina, affinch√©¬†Valentina¬†acquisisca…”. Una volta esplicitato il soggetto della subordinata, si pu√≤ usare anche¬†ne¬†per rimandare all’altro possibile elemento coreferente, non pi√Ļ ambiguo, come nella frase 1c.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Coerenza, Coesione, Nome, Pronome, Retorica
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Andare in pallone è un errore? Soltanto andare nel pallone è corretto?

 

RISPOSTA:

Le espressioni idiomatiche (come¬†andare nel pallone¬†‘confondersi, perdere l’orientamento’) hanno una forma rigida. Nel caso di¬†andare nel pallone¬†l’unico cambiamento che si pu√≤ fare (che non √® veramente un cambiamento) √® coniugare il verbo:¬†io¬†sono andato¬†nel pallone,¬†lui¬†andrebbe¬†nel pallone,¬†non¬†andare¬†nel pallone¬†ecc. La parte¬†nel pallone, invece, non si pu√≤ cambiare, altrimenti si perde il senso della frase idiomatica.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Semantica

QUESITO:

Perché si dice maschera per la persona che lavora nel cinema? Le maschere hanno portato o messo delle maschere un tempo in passato? E se sì, perché?

 

RISPOSTA:

L’etimologia della parola¬†maschera¬†√® discussa: l’ipotesi pi√Ļ accreditata √® che la parola base sia il latino tardo MASCA ‘strega’. Il significato originario di ‘finto volto che nasconde i veri lineamenti della persona’¬† gi√† nel Cinquecento si allarga per indicare anche la persona che porta una maschera. A questo significato risale quello di ‘inserviente di un teatro o di un cinema che svolge vari servizi di accompagnamento degli spettatori’. Nel Settecento, soprattutto a Venezia, infatti, tali inservienti portavano una maschera (quindi erano delle¬†maschere) per nascondere la propria identit√† e potere quindi decidere con libert√† a quale spettatore dare ragione in caso di dispute (in un periodo in cui i teatri erano ambienti meno regolati e formali di oggi).
Fabio Ruggiano 

Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Mi √® capitato di scrivere questo messaggio: “Lei √® un amore”. Pensando al soggetto¬†della frase, femminile, mi √® sorto un dubbio sull’uso dell‚Äôapostrofo. Quindi¬†chiedo:¬†amore¬†√® sempre maschile e quindi accompagnato da¬†un? O nel caso ci si¬†riferisca a persone pu√≤ variare in base al genere?

 

RISPOSTA:

I nomi che si riferiscono a cose inanimate in italiano hanno un genere dato, che non può variare, e un numero variabile, perché possono essere singolari e plurali. Ne consegue che *una amore non è possibile, perché il nome amore è maschile, mentre è possibile gli amori (o semplicemente amori), perché il nome amore può essere singolare e plurale. Anche se amore nella sua frase è usato per definire una persona, il significato del nome rimanda comunque a una cosa (in senso lato), quindi rimane unicamente maschile.
Diversamente dai nomi di cosa, i nomi che si riferiscono a esseri viventi possono cambiare di genere in base al sesso dei referenti. Nel cambiare di genere quasi tutti cambiano in parte la loro forma (l’amico¬†/¬†l’amica,¬†l’imprenditore¬†/¬†l’imprenditrice), pochi rimangono uguali:¬†l’artista¬†(lo) /¬†l’artista¬†(la); pochi cambiano totalmente:¬†l’uomo¬†/¬†la donna.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Analisi logica, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

√ą corretto dire che¬†fotografia¬†e¬†fotosintesi¬†sono parole che contengono il¬†prefissoide¬†foto-¬†derivato dal greco, mentre invece¬†fotogenico¬†o¬†fotomontaggio¬†sono composti la cui prima parte¬†foto-¬†√® una forma nominale abbreviata?

 

RISPOSTA:

√ą un modo corretto di descrivere la differenza tra i due tipi di parola, nei quali da una parte abbiamo¬†foto-¬†come componente morfologico isolato che entra in composizione con altri morfemi (si ricordi che anche le parole formate con affissoidi sono composte) e dall’altro abbiamo l’accorciamento di¬†fotografia¬†che entra in composizione con altre parole. Da questa descrizione, si badi, emerge che¬†fotogenico¬†deve essere associato a¬†fotografia¬†e¬†fotosintesi, perch√© √® il risultato della unione di due affissoidi,¬†foto-¬†e¬†-genico.¬†
La stessa distinzione vige tra parole come¬†automatico, in cui¬†auto-¬†√® il prefissoide originario, e¬†automunito, in cui¬†auto-¬†√® l’accorciamento di¬†automobile.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho qualche dubbio in merito alla seguente affermazione. Il¬†vogliate¬†che spesso si usa all’interno di questa frase non mi convince:
“Nel caso in cui aveste ricevuto questo mail per errore, vogliate avvertire il mittente al pi√Ļ presto a mezzo posta elettronica e distruggere il…”

 

RISPOSTA:

La forma √® pienamente legittima, sebbene adatta a contesti molto formali o burocratici. Si tratta del congiuntivo presente, seconda persona plurale, del verbo¬†volere, qui con la funzione esortativa, ovvero finalizzato a indurre il ricevente a fare una certa azione. Il congiuntivo esortativo √® la forma che sostituisce l’imperativo in contesti formali; l’alternativa a¬†vogliate avvertire, infatti, √®¬†avvertite, decisamente pi√Ļ diretta e aggressiva.
L’accordo al maschile con il nome¬†mail¬†(ma in realt√† dovrebbe essere¬†e-mail, o¬†email) √® al limite dell’accettabilit√†. Il nome¬†e-mail¬†√® comunemente femminile, per cui ci si aspetterebbe¬†questa e-mail, non¬†questo mail. Il maschile non si pu√≤ definire un errore in assoluto, visto che il genere dei prestiti dall’inglese √® soggetto a oscillazione, ma visto che questo nome √® saldamente femminile, il maschile appare discutibile.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho un dubbio sulla corretta forma scritta di un aggettivo (es. agitato) con i suffissi super-, ultra- ecc.
Quali di queste forme sono considerate corrette: superagitato, super-agitato o super agitato?

 

RISPOSTA:

Super-,¬†ultra-,¬†extra-,¬†mega-¬†e simili non sono suffissi, ma prefissi, perch√© si aggiungono sempre prima della parola (mentre i suffissi si aggiungono dopo). I prefissi e i suffissi, che raggruppiamo nell’unica categoria degli affissi, non possono essere usati da soli, perch√© non sono parole, ma solo parti di parole; non a caso, quando li scriviamo isolati li facciamo seguire o precedere da un trattino (super-,¬†-o), a segnalare che manca una parte di parola.¬†
Alcuni affissi (detti¬†affissoidi; categoria nella quale¬†possiamo annoverare¬†super-¬†e gli altri dal significato simile) sono speciali, perch√© hanno un significato pi√Ļ complesso rispetto agli altri, come se fossero parole a tutti gli effetti. La scelta su come scrivere le parole che contengono questi affissoidi dipende da diverse considerazioni: se la parola √® acclimata nella sua forma univerbata (extrafondente,¬†supermercato,¬†iperspazio…) non c’√® motivo di scriverla diversamente; se, invece, non c’√® una tendenza nell’uso comune, √® consigliabile usare il trattino. La grafia separata √® sicuramente possibile con alcuni affissoidi di questo gruppo, visto che si possono usare anche come aggettivi:¬†una spesa extra,¬†un vino super. Per gli altri √® discutibile:¬†un concerto mega¬†(?),¬†una cena ultra¬†(?) ecc., ma la vicinanza con gli altri rende giustificabile anche questi casi.¬†
Su questo stesso argomento si pu√≤ vedere anche la risposta Come si scrive e di che grado √® “extrafondente”? dell’archivio di DICO.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
1
0
Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

Quale delle due frasi è corretta?
1. L’esercito Romano √® stata l’entit√† militare pi√Ļ potente di tutti i tempi.
2. L’esercito Romano √® stato l’entit√† militare pi√Ļ potente di tutti i tempi.¬†

 

RISPOSTA:

La regola generale √® che l’accordo sia tra il soggetto e il verbo, quindi la frase corretta √® la 2. L’accordo con il nome del predicato nel caso in cui quest’ultimo abbia un genere o un numero diverso dal soggetto (come nella frase 1.) non √® esattamente un errore, ma √® piuttosto un’imprecisione.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Dopo cento e uno è possibile dire cento e due, cento e tre, cento e tredici eccetera?
Si dice centouno favole / libri (plurale) però cento e una favola / cento e uno libro (singolare)?
E con mille vale la stessa regola? Mille e due, mille e tredici, mille e trecentodue, e poi milleuno favole, mille e una favola?
Lo stesso vale per un milione e novantunmila, due milioni e centocinquemila, quattrocentoottantottomila e novecentocinquantuno. Dopo milione, miliardo, mila si mette la e?
Ancora, si scrive¬†anni ’80¬†o¬†anni 80,¬†nel 45¬†o¬†nel ’45?
E quando si scrivono insieme e attaccati i numeri grandi?

 

RISPOSTA:

I composti con¬†cento,¬†mille¬†e¬†-mila¬†si possono scrivere attaccati, senza¬†e¬†o staccati, con la congiunzione; sono, quindi, corretti, sia¬†centotredici¬†sia¬†cento e tredici, sia¬†milletredici¬†sia¬†mille e tredici, sia¬†duemila e novantanove¬†sia¬†duemilanovantanove. Molto pi√Ļ comune oggi, comunque, √® la forma unita.¬†Si noti che la decina¬†ottanta¬†perde l’iniziale in composizione con¬†cento:¬†centottanta,¬†centottantuno¬†(oppure¬†cento e ottanta,¬†cento e ottantuno) ecc. Quindi non¬†quattrocentoottantottomila¬†ma¬†quattrocentottantottomila.
Centouno e centouna sono per forza plurali, visto che indicano un gruppo numeroso di elementi. Quando si scrivono separati può sembrare strano concordare uno e una con un nome plurale, ma è ancora possibile: mille e una case, cento e un libri. Diviene possibile, però, anche concordarli al singolare: mille e una casa, cento e un libro.
Milione e miliardo si scrivono sempre separati dalle altre cifre, con la congiunzione e: un milione e novantunmila (non un milionenovantunmila), due milioni e centocinquemila (non due milionicentocinquemila).
I decenni e gli anni si scrivono sempre con l’apostrofo quando viene omesso il migliaio corrispondente al secolo:¬†gli anni ’80¬†(=¬†gli anni 1980),¬†il ’45¬†(=¬†il 1945). Possibile anche riferirsi a decenni di altri secoli, specificando il secolo:¬†gli anni ’80 dell’Ottocento.
Queste regole coprono tutti i casi possibili.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Se¬†Dio¬†√® un nome proprio, non √® sbagliato se io lo uso senza riferirmi al dio¬†del paradiso e dell‚Äôinferno, ma riferendomi a un dio qualunque? Se dico: “Non so¬†se Dio esiste” non mi sto riferendo a UN DIO in particolare. O no?

 

RISPOSTA:

Il nome dio può adattarsi a qualunque divinità. Senza articolo e con lettera maiuscola è usato come nome proprio, riferito al dio di una religione monoteistica, mentre per gli dei che hanno nomi si usa come nome comune, quasi sempre in funzione di apposizione (il dio Apollo, il dio Ganesh). In questi casi, quando non accompagna il nome proprio può essere sostituito da la divinità.
Di solito, con¬†Dio¬†senza ulteriori attributi o modificatori si intende il dio cristiano; sebbene questa identificazione non sia giustificata sul piano linguistico, ma dipenda da ragioni sociali e culturali, non si pu√≤ fingere che non sia attiva. Una frase come quella da lei proposta, pertanto, sar√† facilmente interpretata come ‘non so se il dio cristiano esista’, piuttosto che ‘non so se esista alcun dio’. Servir√†, quindi, una ulteriore specificazione se con¬†Dio¬†si intende ‘qualsiasi dio’¬†(a meno che non si ricerchi volutamente l’ambiguit√†).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

se scrivo a proposito di Mario : “Quella persona (Mario) √® un¬†ipocrita”. Dovrei scrivere¬†un’ ipocrita¬†con l’apostrofo (persona¬†√® femminile)¬†oppure, essendo Mario un uomo, senza l’apostrofo? Propendo per il femminile, quindi con l’apostrofo. Del resto, se dicessi, sempre a proposito di Mario, che un falso, dovrei dire “Quella persona √® falsa” (al femminile) e non¬†“Quella persona √® falso”.¬†

 

RISPOSTA:

I suoi due esempi (“Quella persona √® un¬†ipocrita” e¬†“Quella persona √® falsa”) non si equivalgono, perch√© nel primo la parte nominale √® rappresentata da un nome (un ipocrita), nel secondo √® rappresentata da un aggettivo (falsa). Questa differenza √® determinante: l’aggettivo, infatti, concorda con il nome a cui si riferisce in numero e genere (quindi¬†Mario √® falso¬†ma¬†la persona √® falsa); il nome concorda soltanto in numero.¬†
In questo caso specifico c’√® una difficolt√†:¬†ipocrita¬†√® un nome di genere comune, che pu√≤ essere sia maschile che femminile, rimanendo invariabile. In teoria i nomi che hanno sia il maschile che il femminile possono essere concordati anche nel genere con l’altro nome a cui si riferiscono, come propone lei. In pratica, per√≤, questo non avviene, perch√© il soggetto logico (nel suo caso¬†Mario) √® pi√Ļ strettamente collegato al nome che funge da parte nominale di quanto non sia collegato all’aggettivo. La frase, pertanto, viene di norma costruita con¬†un ipocrita. Questo √® un caso in cui la logica vince sulla grammatica.
Il caso di¬†ipocrita¬†le sembra particolarmente dubbio perch√© questo nome pu√≤ essere usato come aggettivo; ma se proviamo a confrontarlo con ci sono altri nomi di genere mobile che non lasciano dubbi: “Quella persona (Mario) √® un giornalista” (e non *”Quella persona (Mario) √® una giornalista”).
Lo stesso dubbio relativo a¬†ipocrita¬†potrebbe valere¬†per alcuni nomi mobili (quelli che cambiano la desinenza a seconda del genere):¬†“Quella persona (Mario) √® un amico” o “Quella persona (Mario) √® un’amica”? Inevitabilmente, se si scegliesse la seconda soluzione si darebbe l’impressione che¬†la persona¬†sia una donna. Al contrario:¬†“Mario √® una persona amica”, perch√© qui¬†amica¬†√® usato come aggettivo. Nessun dubbio con un nome mobile come¬†maestro¬†/¬†maestra:¬†“Quella persona (Mario) √® un maestro”, e non *”Quella persona (Mario) √® una maestra”.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Potrebbe cortesemente chiarirmi se in analisi grammaticale il nome solitudine è astratto o concreto e se è derivato da solo?

 

RISPOSTA:

Premetto che la distinzione tra concreto e astratto √® spesso vaga e ambigua e, per quanto tradizionalmente sfruttata nelle grammatiche scolastiche, non aggiunge niente alla conoscenza del lessico. Ferma restando questa premessa, il nome¬†solitudine¬†√® astratto, perch√© la sensazione descritta con questo nome non si pu√≤ percepire attraverso i sensi. Certo, si pu√≤ obiettare che il concetto stesso di¬†sensazione¬†√® legato alla percezione dei sensi, quindi¬†solitudine¬†sarebbe concreto, ma √® appunto in questa contraddizione che si fonda l’idea della vaghezza della distinzione.
Il collegamento tra la radice di¬†solitudine¬†e quella di¬†solo¬†√® evidente, ma bisogna fare una precisazione. Il nome¬†solitudine¬†si √® formato sulla base del nome¬†latino¬†solitudinem, mentre l’aggettivo¬†solo¬†si √® formato¬†sulla base del latino¬†solum. In latino¬†solitudinem¬†deriva da¬†solum, ma le due parole italiane¬†solitudine¬†e¬†solo¬†sono nate autonomamente. Non possiamo dire, quindi, che¬†solitudine¬†derivi da¬†solo, perch√© le due parole in italiano hanno una storia separata; √® chiaro, per√≤, che le due parole sono corradicali.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Nella frase “Ha seguito un percorso di alfabetizzazione della¬†lingua italiana (,) conseguendo buoni risultati” √® necessario inserire la virgola¬†prima del gerundio?

 

RISPOSTA:

La virgola √® facoltativa e influisce sul senso generale della frase. Senza la virgola, la frase risulta un’unit√† informativa unica, con il focus sul conseguimento di buoni risultati; con la virgola, l’unit√† informativa viene separata in due focus, la frequenza del corso, con una sua importanza autonoma, e il conseguimento di buoni risultati, ugualmente rilevante.
Sottolineo che il sintagma¬†alfabetizzazione della lingua italiana¬†non √® ben formato, sebbene sia piuttosto diffuso nello “scolastichese”. La diffusione di questa espressione √® dovuta al suo depotenziamento semantico, che la assimila a¬†insegnamento della lingua italiana¬†o, in modo ancora pi√Ļ approssimativo, a¬†apprendimento della lingua italiana.
Ovviamente, c’√® una sostanziale differenza tra¬†insegnamento¬†e¬†alfabetizzazione, mentre davvero impossibile √® confondere l’alfabetizzazione, che procede dall’insegnante verso l’apprendente, con l’apprendimento, che procede al contrario.
Soprattutto, per√≤, il nome¬†alfabetizzazione¬†ha un comportamento sintattico particolare.¬†Come il verbo¬†alfabetizzare¬†non pu√≤ reggere il complemento oggetto dell’ambito del processo (nessuno direbbe mai *alfabetizzare¬†la lingua italiana),¬†ma pu√≤ reggere il complemento oggetto del destinatario del processo (alfabetizzare gli stranieri), cos√¨ il nome derivato dal verbo,¬†alfabetizzazione, non ammette il complemento di specificazione dell’ambito,¬†della lingua italiana, mentre ammette il complemento di specificazione del destinatario: “La scuola deve farsi carico dell’alfabetizzazione degli stranieri”.
Questa restrizione riguarda tutti i verbi in -izzare e i nomi in -izzazione con base nominale:
–¬†sponsorizzare¬†una squadra¬†(non *sponsorizzare¬†un contributo per le magliette) e¬†sponsorizzazione di una squadra¬†(non *sponsorizzazione di un contributo per le magliette);¬†
–¬†parcellizzare gli sforzi¬†(non *parcellizzare le piccole quantit√†)¬†e¬†parcellizzazione degli sforzi¬†(non *parcellizzazione delle piccole quantit√†);¬†
–¬†categorizzare i propri amici¬†‘dividere in categorie’ (non *categorizzare¬†le classificazioni) e¬†categorizzazione dei propri amici¬†(non *categorizzazione delle classificazioni);
ecc.
Come si vede, questi verbi indicano la realizzazione della propria base:¬†alfabetizzare¬†‘insegnare l’alfabeto’,¬†sponsorizzare¬†‘attribuire un finanziamento’ ecc.; non possono, quindi, ammettere un complemento oggetto che ribadisca la base: *alfabetizzare la lingua italiana¬†‘insegnare l’alfabeto la lingua italiana’. I nomi derivati¬†da questi verbi, come appunto¬†alfabetizzazione,¬†trasferiscono al complemento di specificazione questa restrizione relativa al complemento oggetto.
I verbi¬†in¬†-izzare¬†e i nomi in¬†-izzazione¬†con base aggettivale si comportano esattamente al contrario, perch√© indicano la qualit√† che apportano al complemento oggetto:¬†estremizzare la tensione¬†‘far diventare la tensione estrema’¬†(estremizzazione della tensione),¬†realizzare un progetto¬†‘far diventare un progetto reale’¬†(realizzazione di un progetto),¬†concretizzare le idee¬†‘far diventare le idee concrete’ (concretizzazione delle idee),¬†ufficializzare una decisione¬†‘far diventare una decisione ufficiale’ (ufficializzazione di una decisione)¬†ecc.
Alfabetizzazione della lingua italiana¬†deve essere, quindi, evitato.¬†Alfabetizzazione¬†si pu√≤ tranquillamente lasciare senza specificazione, oppure accompagnare con l’aggettivo¬†linguistica¬†(alfabetizzazione linguistica) o, al limite, con un complemento di limitazione:¬†alfabetizzazione in lingua italiana.¬†
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Nome, Tema e rema, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
2
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Nell’analisi grammaticale un nome falso alterato pu√≤ essere definito anche come¬†primitivo? E un nome semplicemente alterato?¬†I nomi in questione sono¬†salvietta¬†e¬†musetto.

 

RISPOSTA:

I falsi alterati possono essere primitivi, come il suo¬†salvietta¬†(adattamento del francese¬†serviette) o derivati con suffissi polifunzionali, come, per esempio,¬†ciabattino, che non √® una piccola ciabatta ma un artigiano che ripara le scarpe. Qualche problema di classificazione pongono i nomi formati per alterazione che oggi sono percepiti come primitivi, come¬†bambino¬†(da¬†bambo¬†+¬†-ino) o¬†cucciolo. Molti di questi¬†sono nati con¬†significati specifici, o li hanno assunti nel tempo, anche molto distanti da quelli dei nomi base:¬†pinolo,¬†poltrona,¬†libretto,¬†cannone,¬†lunotto…¬†
A questi nomi possono applicarsi entrambe le etichette, a seconda che li si guardi in prospettiva storica o sincronica. Dal punto di vista morfologico, però, sono innegabilmente derivati. 
I nomi alterati, come¬†musetto¬†‘piccolo muso’, sono, in quanto alterati, non primitivi. Ricordo che i suffissi alterativi non sono diversi dagli altri suffissi dal punto di vista morfologico: i nomi (ma anche gli aggettivi, gli avverbi e i verbi) alterati sono, pertanto, una sottocategoria dei derivati.
Fabio Ruggiano 

Parole chiave: Analisi grammaticale, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Mi √® sorto un dubbio relativamente alla parola¬†gelato. √ą un nome primitivo o derivato da¬†gelo? In quest‚Äôultimo caso come vanno considerati i nomi¬†gelataio,¬†gelateria,¬†gelatiera¬†ecc.: derivati anch‚Äôessi da¬†gelo¬†o da¬†gelato?

 

RISPOSTA:

Gelato¬†√® il participio passato del verbo¬†gelare¬†ed √® usato comunemente come aggettivo.¬†√ą usato anche come nome, soltanto con il significato di ‘cono gelato’.
Etimologicamente, si potrebbe pensare che¬†gelare¬†derivi da¬†gelo¬†per suffissazione, ma il dizionario GRADIT ci ricorda che il verbo √® stato accolto in italiano gi√† formato, direttamente dal latino GELARE, indipendentemente da¬†gelo, che continua il latino GELUM (o GELU). Esso √®, pertanto, una parola primitiva. Una volta entrato in italiano, per√≤, i parlanti lo hanno interpretato come derivato di¬†gelo, tanto che ne hanno costruito la coniugazione sul modello dei verbi regolari della prima classe¬†a partire dalla base (o tema)¬†gel(o)-. Definirlo derivato di¬†gelo, pertanto, non sarebbe un errore. Pi√Ļ precisamente si potrebbe definire¬†pseudoderivato.
Per quanto riguarda¬†gelataio,¬†gelatiera¬†e¬†gelatiere,¬†gelateria, essi sono derivati di¬†gelato, che infatti si riconosce alla base di tutte questa parole (gelat(o)-aio¬†ecc.). Dalla base¬†gelat(a)-, invece (femminile di¬†gelato¬†nel senso di ‘formazione di ghiaccio’), deriva¬†gelatina. Da quest’ultima parola abbiamo avuto¬†gelatinare,¬†gelatinizzare,¬†gelatinoso.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Etimologia, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Chiedo il vostro aiuto per sapere qual √® la preposizione giusta da mettere davanti al nome di un’associazione che si chiama¬†Lortobio,¬†volutamente scritto tutto attaccato.
Quale delle seguenti forme é corretta? venite a Lortobio o venite al Lortobio?

RISPOSTA:

Se consideriamo l’articolo come parte del nome, dobbiamo smettere di considerarlo articolo, per cui il nome Lortobio diviene a tutti gli effetti assimilabile a, per esempio,¬†locale. Ne consegue che si dir√†¬†venite al Lortobio¬†(come si direbbe¬†venite al locale).
L’altra soluzione non √® impossibile, ma √® molto improbabile: sarebbe valida soltanto se si considerasse Lortobio alla stregua di un nome di citt√†, come¬†Londra. In quel caso, ovviamente, avremmo¬†venite a Lortobio¬†(come¬†venite a Londra). Osservando come si comportano i nomi propri di aziende (la Fiat), istituzioni (l’INPS), associazioni di vario genere (la CGIL,¬†il CONI), la soluzione con l’articolo √® senz’altro la migliore.
Non √®, invece, possibile considerare l’articolo separato dal nome, se lo si scrive univerbato con il nome, perch√© graficamente¬†Ortobio¬†richiederebbe l’articolo apostrofato, quindi¬†venite all’Ortobio.¬†
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vi propongo due questioni riguardanti la scelta tra i modi indicativo e condizionale.
Prima questione.

1a. Spero che lei sia indisposta, altrimenti non vengo / verrò alla festa.
1b. Spero che lei sia indisposta, altrimenti non verrei alla festa.

Le frasi sono entrambe ben costruite?
Ci sono casi in generale in cui sia debba usare obbligatoriamente soltanto uno dei due modi (indicativo o condizionale) in frasi introdotte dalla congiunzione altrimenti?
Seconda questione.

2. Non ho intenzione di vendere la mia casa al mare. Se lo facessi, l’acquirente entrerebbe in possesso di un immobile che avrei ristrutturato da poco.

Il condizionale passato (avrei ristrutturato) potrebbe essere interpretato meramente come azione precedente a quella dell’entrare in possesso da parte dell’acquirente, oppure, sulla scorta del classico periodo ipotetico, porta con sé soltanto l’irrealizzabilità dell’evento?
Provo a snebbiare un po’ la domanda esplicando la base logica della frase: in questo contesto mi sentirei di adottare il condizionale passato per creare un rapporto temporale tra le due azioni (entrerebbe in possesso e avrei ristrutturato) distinguendole appunto sul piano della successione cronologica e non su quello semantico. L’azione eventuale del ristrutturare sarebbe difatti precedente a quella dell’entrare in possesso. Con un altro condizionale presente (ristrutturerei) tale stacco per me non sarebbe evidenziabile.
Avevo valutato anche due tempi dell’indicativo (passato prossimo e futuro anteriore), che però non mi sembrano adeguati al messaggio da trasferire all’interlocutore. Scegliendo tali forme verbali, a patto che siano valide, in che modo cambierebbe la semantica?

 

RISPOSTA:

Tutte le frasi sono legittime. Nella 1, la proposizione disgiuntiva introdotta da¬†altrimenti¬†pu√≤ essere costruita con il presente indicativo (vengo), il futuro semplice (verr√≤) e il condizionale presente (verrei). La scelta fra le tre opzioni √® determinata da fattori semantici e diafasici: l’indicativo presente e il futuro¬†rappresentano l‚Äôalternativa come un fatto certo nel futuro immediato o lontano. Il presente √®, a questo scopo, meno formale del futuro. Il condizionale rappresenta la stessa alternativa¬†come una conseguenza condizionata da un altro evento. In assenza di altre indicazioni, tale evento sarebbe automaticamente fatto coincidere dal ricevente con l’indisposizione di lei: “Spero che lei sia indisposta, altrimenti (se lei non fosse indisposta) non verrei alla festa.
Nella frase 2, come ha giustamente notato lei, il valore del condizionale passato √® relativo alla consecutio temporum, non al grado di possibilit√† della conseguenza di un evento. Il condizionale passato, cio√®, indica che l’evento del ristrutturare √® passato rispetto a quello di riferimento, cio√® la vendita, ma futuro rispetto al momento dell’enunciazione, che √® ora. Non va dimenticato, per√≤, che il condizionale veicola sempre una sfumatura di potenzialit√†; dalla frase, infatti, traspare, per via del condizionale, che la ristrutturazione non sia stata ancora decisa.¬†
Si noter√† che il momento dell’enunciazione √® considerato passato nella frase, perch√© √® osservato dalla prospettiva futura del momento di riferimento; per questo si giustifica l’uso del condizionale passato, che, come √® noto, esprime il futuro nel passato, cio√® un evento futuro rispetto a un altro evento passato (qui coincidente, per l’appunto, con il presente). Non √® necessario spostare il centro deittico, cio√® il punto di vista, al futuro per costruire correttamente la frase: √® possibile anche mantenere quello del momento dell’enunciazione. In questo modo, il momento in cui avviene la ristrutturazione √® futuro rispetto al presente, ma passato rispetto alla vendita, ovvero √® futuro anteriore:¬†l‚Äôacquirente entrerebbe in possesso di un immobile che avr√≤ ristrutturato da poco. Con l’indicativo, per√≤, si perderebbe la sfumatura potenziale veicolata dal condizionale e la ristrutturazione apparirebbe concreta, gi√† decisa.
Il condizionale presente (ristrutturerei) al posto del passato cambia il senso della frase perch√© la funzione temporale preminente nel condizionale passato sarebbe in questo caso esclusa ed emergerebbe soltanto quella potenziale:¬†l‚Äôacquirente entrerebbe in possesso di un immobile che ristrutturerei (se potessi). Il condizionale presente, inoltre, impedisce l’uso della locuzione¬†da poco, visto che indica un‚Äôazione ancora da venire (forse).
Con il passato prossimo (ho ristrutturato) la frase sarebbe ancora corretta, ma la ristrutturazione sarebbe rappresentata come gi√† avvenuta al momento in cui l’emittente sta parlando.
Fabio Ruggiano
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Sono il segretario di una Associazione nazionale di professionisti di una¬†disciplina del benessere denominata Wa… Il nome √® un¬†marchio registrato, ma identifica ormai comunemente la nostra professione e¬†disciplina. Stiamo realizzando il nuovo logo dell’associazione sotto il quale dobbiamo¬†usare la parola¬†Professionisti¬†e¬†Wa…¬†√ą¬†stato proposto¬†Professionisti del¬†Wa…, ma alcuni lo ritengono grammaticalmente scorretto perch√© prima di un nome¬†proprio, come ritengono essere¬†Wa…, andrebbe semmai la preposizione¬†di.¬†Suggeriscono, quindi,¬†Professionisti di Wa…¬†Altri invece ritengono¬†Wa…¬†il nome comune¬†della disciplina e utilizzerebbero senza problemi la preposizione articolata.¬†
Anche l’articolo da utilizzare crea dubbi. Dobbiamo scrivere¬†il Wa…¬†o¬†lo Wa…?

 

RISPOSTA:

Il nome della disciplina dovrebbe essere allineato con altri nomi di sport come¬†calcio,¬†tennis,¬†aquagym¬†ecc. Dovrebbe, quindi, essere comune, non proprio. Detto questo, ricordiamo che anche i nomi comuni singolari, che¬†di norma sono preceduti da un articolo, possono non avere l’articolo; ma solo ad alcune condizioni. Rimanendo nell’ambito dei nomi di sport, notiamo che essi sono spesso senza articolo quando sono preceduti dalle preposizioni¬†di¬†o¬†da, a loro volta rette da alcuni nomi o aggettivi (esperto di calcio,¬†tifoso di calcio,¬†squadra di calcio,¬†scarpette da calcio…).¬†La caduta dell’articolo si pu√≤ avere anche dopo¬†a¬†retta da alcuni verbi:¬†giocare a calcio.
Dopo¬†professionisti di¬†di solito l’articolo √® mantenuto (professionisti del calcio,¬†del tennis,¬†della pallavolo); molto forte, per√≤, √® l’attrazione di¬†esperti di, che, invece, di solito non ha l’articolo (esperti di calcio): ne deriva la possibilit√† di scegliere liberamente tra le due varianti, considerando, per√≤, che quella con l’articolo √® la pi√Ļ regolare.
L’articolo da scegliere √® anche una questione aperta. In italiano il suono [w] (corrispondente alla vocale¬†u¬†seguita da un’altra vocale) √® preceduto da¬†lo, che, per√≤, √® sempre apostrofato:¬†l’uomo,¬†l’uovo¬†(molto innaturale¬†lo uomo¬†ecc.). Davanti alle parole straniere inizianti per¬†w, per√≤, √® invalsa l’abitudine di usare¬†il¬†(il w√ľrstel,¬†il wasabi), sebbene il suono della lettera¬†w¬†coincida perfettamente con [w]. Paradossalmente, la scelta pi√Ļ corretta,¬†l’w-, √® percepita come scorretta dalla maggioranza dei parlanti, che propende per¬†il w-¬†(ma¬†l’u-). Chiaramente, la ragione per cui i parlanti non accettano¬†l’wasabi¬†√® che graficamente il nome comincia per consonante (sebbene foneticamente, che √® ci√≤ che conta, cominci per vocale). A dimostrazione di questo, il nome di un gruppo musicale famoso qualche anno fa,¬†One direction, era quasi sempre preceduto da¬†gli, sebbene¬†one¬†si pronunci [wa-] (come¬†wasabi).
In conclusione, il mio consiglio √®¬†professionisti del Watsu¬ģ, ma tutte le altre opzioni sono pi√Ļ o meno valide.¬†
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome, Preposizione
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Come si dovrebbe scrivere il plurale di pomodoro ciliegino oppure pomodoro datterino, semplicemente pomodori ciliegino e pomodori datterino?

 

RISPOSTA:

Ciliegino¬†e¬†datterino¬†sono due nomi, quindi, quando sono usati da soli, si declinano al plurale normalmente:¬†ciliegini¬†e¬†datterini. Quando sono in composizione con la base¬†pomodoro, per√≤, costituiscono con quest’ultima delle parole uniche (che possono essere definite¬†parole composte¬†o¬†composti, oppure possono rientrare nella categoria delle¬†unit√† polirematiche, come¬†stanza da letto¬†e¬†occhiali da sole), come¬†buono sconto,¬†casa albergo,¬†parola chiave,¬†pausa pranzo¬†ecc. Al pari di¬†buoni sconto,¬†case albergo,¬†parole chiave,¬†pause pranzo, quindi, anche¬†pomodori ciliegino¬†e¬†pomodori datterino¬†declinano solamente la testa, ovvero la parola delle due che domina sull’altra.
‚ÄčFabio Ruggiano

Parole chiave: Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Buongiorno,

cortesemente siete in grado di aiutarmi a scoprire se esiste un significato per il nome di una ragazza conosciuta giorni fa? Il nome √®¬†MAVILLA; secondo la ragazza significa ‘prediletta’.

 

RISPOSTA:

Mavilla¬†√® un cognome italiano, piuttosto raro (ma comunque meno raro del nome proprio), presente soprattutto in provincia di Ragusa e in provincia di Parma. Potrebbe rientrare nel gruppo dei cognomi derivanti da toponimi, di varia origine, composti con¬†villa¬†‘fattoria, tenuta di campagna’ oppure ‘citt√†’ (nei derivati francesi). Ve ne sono con¬†villa¬†nella seconda parte (Altavilla,¬†Biancavilla,¬†Francavilla…) o nella prima¬†(Villanova,¬†Villarosa,¬†Villasanta…). Per quanto riguarda il costituente¬†Ma-, troppo facile sarebbe l’identificazione con l’aggettivo francese¬†ma¬†‘mia’, che darebbe a¬†Mavilla¬†il significato complessivo di ‘la mia citt√†’ (ma ville); in alternativa si pu√≤ pensare che¬†Ma-¬†sia una deformazione di un costituente originariamente pi√Ļ lungo, che, per√≤, non sono in grado di ipotizzare.
Proprio la difficolt√† a identificare l’origine del primo costituente (ma anche il fatto che non risultano citt√†, villaggi o contrade con questo nome) fa pensare che¬†Mavilla¬†non sia da accostare ai cognomi/toponimi con base¬†villa, ma sia, bens√¨,¬†un’altra delle tante varianti¬†di un cognome molto diffuso in tutta Italia,¬†Mabilia,¬†Mobili,¬†Mobilia,¬†Mobilio, attestato fin dal Medioevo come nome proprio di donna, nella forma¬†Mobilia¬†(la¬†o¬†al posto della¬†a¬†pu√≤ essere l’esito di una dissimilazione provocata dalla vocale finale),¬†e plausibilmente evoluzione del nome latino *AMABILIA, legato all’aggettivo AMABILEM¬†‘amabile, degno di essere amato’ (vicino al significato supposto¬†di ‘prediletta’). Non ho trovato attestazioni di AMABILIA nel mondo romano antico, ma l’esistenza di¬†Mobilia¬†giustifica l’ipotesi che esistesse un antenato AMABILIA, da cui, con una trafila diversa rispetto a quella che ha prodotto¬†Mobilia, si √® sviluppato¬†Mavilla.
L’evoluzione da¬†AMABILIA¬†a¬†Mavilla¬†si spiega con una serie di passaggi: la caduta (aferesi) della vocale iniziale, provocata dalla confusione con la vocale finale delle parole precedenti (casi come¬†cara Amabilia, che si pronuncia¬†caramabilia, hanno prodotto alla lunga¬†cara Mabilia); la spirantizzazione della labiale intervocalica (ovvero la trasformazione della [b], quando si trova tra due vocali, in [v]), come in¬†habere¬†>¬†avere,¬†debere¬†>¬†dovere,¬†caballum¬†>¬†cavallo). La terminazione¬†-lla¬†invece che¬†-lia¬†(come in¬†Mobilia), infine,¬†pu√≤ essere stata indotta dall’analogia con il suffisso¬†-illa¬†di altri nomi femminili antichi come¬†Commodilla,¬†Domitilla,¬†Priscilla, forse rafforzata dalla somiglianza con il suffisso¬†-ella, tipico, per varie ragioni, dei nomi femminili¬†(Antonella,¬†Gabriella,¬†Gisella…). Anche¬†Mavilia¬†√®, comunque, attestato, soprattutto in Veneto.
Per quanto io parteggi per quest’ultima etimologia, riporto anche una terza possibilit√†, registrata dal dizionario¬†I nomi di persona in Italia, di Alda Rossebastiano e Elena Papa (UTET, 2005): Mavilla potrebbe essere, secondo questa opzione, una variante del nome non latino (dal significato oscuro) Mavilo, legato, tra l’altro, a un martire cristiano del secondo secolo.
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Etimologia, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia, Semantica

Sublime¬†ha comunemente il significato di ‘eccelso, nobilissimo’; √®, quindi, pleonastico farne il¬†superlativo (il pi√Ļ sublime¬†equivale, appunto, a *il pi√Ļ nobilissimo). Quando accompagna alcuni nomi, per√≤, l’aggettivo prende la sfumatura filosofica di ‘relativo al sublime’, cio√® legato alla sensazione di elevazione spirituale e intellettuale comunicata da un’opera d’arte o da un’esperienza particolarmente intensa; in questi casi il superlativo relativo √® accettabile (il superlativo assoluto, *sublimissimo¬†o *molto sublime, √® comunque impossibile). Tra i nomi che accettano il superlativo relativo di¬†sublime¬†ci sono¬†sentimento,¬†atto,¬†opera d’arte,¬†significato. Qualche esempio:¬†“La noia √® in qualche modo il pi√Ļ sublime dei sentimenti umani. Non che io creda che dall’esame di tale sentimento nascano quelle conseguenze che molti filosofi hanno stimato di raccorne, ma nondimeno il non potere essere soddisfatto da alcuna cosa terrena, n√©, per dir cos√¨, dalla terra intera […] pare a me il maggior segno di grandezza e di nobilt√†, che si vegga della natura umana” (Giacomo Leopardi,¬†Pensiero¬†LXVIII);¬†“Il pittore o lo scultore, il cui genio √® tale che riescono a ritrarre l’anima nel corpo, esprimono senza moti veementi il pi√Ļ sublime dei sentimenti” (Piero Giordanetti e Maddalena Mazzocut-Mis,¬†I luoghi del sublime moderno, 2005, p. 77); “Allora ‘l’opera d’arte pi√Ļ sublime’, quando essa, come dall’altro lato il crimine classico, si avvicina mimeticamente alle cose, rappresenta un medium cognitivo attraverso il quale possono essere acquisite non concettualmente conoscenze sulla realt√†” (Axel Honneth,¬†Critica del potere. La teoria della societ√† in Adorno, Foucault e Habermas, 1986);¬†“Nel suo significato pi√Ļ sublime, l‚Äôarte √® l‚Äôespressione estetica dell‚Äôinteriorit√† umana” (http://libreriamo.it/arte/che-cose-unopera-darte/, 5 febbraio 2015); “Nell’adorazione, compiamo l’atto pi√Ļ sublime, pi√Ļ miracoloso del creato” (Luca Asprea,¬†Il previtocciolo, 2003, p. 336).
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Aggettivo, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Vorrei sapere se √®¬†corretto usare il termine “durata”, come sostantivo, al plurale (es. durate diverse).

 

RISPOSTA:

Scorretto non √®, nel senso che l’italiano prevede il plurale anche per questo sostantivo. Certo, il pi√Ļ delle volte non c’√® ragione di usarlo al plurale, visto che sono gli eventi, semmai, ad essere plurali, pi√Ļ che la loro durata. O le loro durate… Insomma, una qualit√† astratta mal si presta al numero plurale, sebbene sia sempre possibile intenderla, con una sorta di metonimia, come qualit√† al posto dell’oggetto o del fenomeno cui si riferisce. Stessa sorte hanno altri sostantivi che esprimono qualit√† astratte: lunghezza, larghezza, bellezza ecc.: “tronchi di diversa lunghezza”, “donne di diversa bellezza” ecc. Ma posso pur sempre dire: “al mondo vi sono diverse bellezze di donna (o donne)” o “donne di diversa bellezza”.
Insomma, sempre tenendo conto dei contesti (o del contesto…), quasi sempre meglio il singolare, ma il plurale non pu√≤ essere definito errato.

Fabio Rossi

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

Buongiorno! Vi scrivo perch√© c’√® un dubbio che mi attanaglia ogni volta che
ordino le pizze: si dice “2 margherite” o “2 margherita”? Grazie per
l’attenzione. Cordiali saluti

 

RISPOSTA:

Vanno bene entrambe le forme, dal momento che il singolare si giustifica come nome proprio (“due macchine Panda”), mentre il plurale si giustifica (per metonimia e per antonomasia) come passaggio da nome proprio a nome comune (“due coche”, da Coca Cola). Suggerirei il plurale perch√©, bench√© meno formale, √® decisamente pi√Ļ comune. Sono abbastanza convinto che il cameriere che si sentisse ordinare “due margherita” rimarrebbe spiazzato al punto da chiederle: “quante? una o due?”.
Un’altra possibilit√†, anch’essa formale, √®: “Due pizze margherita” (migliore di “Due pizze margherite”), magari addirittura con la maiuscola, “Margherita”, che salva capra e cavoli: il plurale e il rispetto del nome proprio.

Fabio Rossi

Parole chiave: Accordo/concordanza, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Perch√© alcune regioni hanno l’articolo maschile e altre l’articolo femminile
visto che il sostantivo “regione” √® comunque femminile ?? ( es. Il Piemonte,
la Lombardia) Stesso dubbio sui fiumi… il Po, la Senna. Grazie.

 

RISPOSTA:

La scelta dell’articolo dipende unicamente da ragioni storiche e di tradizione etimologica: per es., il Piemonte deriva dal ‘piede del monte’, cio√® ai piedi delle Alpi. Il Friuli deriva da ‘forum Iulii’, cio√® ‘il foro di Giulio (Cesare)’, antico nome di Cividale. Lo stesso vale per i fiumi e per tutti i nomi di luogo (l’etimologia di Po √® assai controversa, ma evidentemente √® sempre stata percepita al maschile). In molti casi, sicuramente ha influito anche la desinenza finale: una -a finale incoraggia l’articolo femminile, a differenza della -o finale. Quindi alla base della scelta dell’articolo non c’√® il nome generale (regione, o fiume, ecc.) bens√¨ l’etimologia (solitamente latina) del nome di luogo.

Fabio Rossi

Parole chiave: Articolo, Etimologia, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0
Categorie: Morfologia

QUESITO:

C’√® un supermercato che si chiama Famila, e vorrei sapere se per dire che sto andando l√¨, bisogna dire “Sto andando al Famila” o “Sto andando alla Famila”.

 

RISPOSTA:

Il genere dell’articolo dipende, ovviamente dal genere del nome da esso accompagnato. Nel caso di un nome proprio, il genere grammaticale si ricava dal sesso della persona designata dal nome, per questo in alcune variet√† di italiano regionale settentrionale si dice il Paolo, la Giovanna ecc. Quando il nome proprio non designa una persona, ma un oggetto inanimato, le cose si complicano: in questo caso l’articolo si accorda con il nome comune sottinteso, quindi il (monte) Cervino, il (mar) Mediterraneo, il (fiume) Tevere, la (autostrada) Torino-Milano, la (corsa) Liegi-Bastogne-Liegi ecc. Nel caso dei supermercati, il nome comune sottinteso √® proprio supermercato, per cui l’articolo che accompagna il nome proprio √® maschile. Le poche eccezioni a questa regola sono dovute all’interferenza di altri fattori: ad esempio la Coop dipende da la cooperativa, la Rinascente sottintende Italia (il nome fu coniato da Gabriele D’Annunzio associando il grande magazzino alla rinascita nazionale dopo la Prima guerra mondiale). Un altro fattore che pu√≤ interferire con la regola √® l’assonanza del nome proprio con un nome comune femminile, come nel suo caso: famila-famiglia.

Tirando le somme, l’articolo maschile √® pi√Ļ fondato e per questo preferibile, ma non √® il caso di essere troppo rigidi su questo punto: il femminile, frutto dell’assonanza, √® discutibile ma non da censurare.

Fabio Ruggiano

Parole chiave: Articolo, Nome
Hai trovato questa risposta utile?
0
0