Tutte le domande

QUESITO:

I mesi dell‚Äôanno sono in italiano sostantivi, tuttavia pur essendo ‚Äúnomi propri di cosa‚ÄĚ, si scrivono con la lettera minuscola. √ą sbagliato ricondurre l‚Äôuso della lettera minuscola al fatto che vengano intesi come ‚Äúaggettivi‚ÄĚ‚Äô del sostantivo ‚Äúmese‚ÄĚ (anche se sottinteso) come avviene, tra l‚Äôaltro, in latino (dove sono aggettivi)?

RISPOSTA:

In italiano, i nomi dei mesi, cos√¨ come quelli della settimana e delle stagioni, non sono dei veri nomi propri (in latino, molti nomi dei mesi erano derivati da nomi propri: Ianuarius ‘Giano’; Martius ‘Marte ecc.) e non richiedono l’iniziale maiuscola. A parte i casi di personificazione (per esempio in poesia), quelli in cui un nome √® attribuito a una persona (per esempio Domenica, nome proprio di persona), o alcuni casi particolari che indicano una determinata occorrenza (il Sabato Santo, il Marted√¨ grasso ecc.), i nomi dei giorni, dei mesi e delle stagioni non indicano un’unicit√†, ma una periodicit√†, cio√® qualcosa che si ripete sempre. Nell’italiano antico e moderno i nomi che indicano data (come appunto i nomi dei giorni, dei mesi o delle stagioni) sono stati percepiti da un buon numero di parlanti come nomi propri e per questo scritti spesso con la lettera maiuscola. Nell’italiano contemporaneo questa percezione √® venuta meno e l’uso della maiuscola pu√≤ essere ricondotto all’influsso della grafia inglese che, al contrario di quella italiana, prevede l’iniziale maiuscola per questo tipo di nomi.
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sottoporvi un quesito (sperando sia in linea con il tipo di argomenti da voi trattati).
In navigazione si usa il termine ‘doppiare’ quando si vuole esprimere l’azione di superare/passare un capo con un’imbarcazione; ad esempio “doppiare Capo Horn in barca a vela √® pericoloso”.
Il mio dubbio riguarda l’origine della parola italiana: trovo anti-intuitiva la parola ‘doppiare’ che assomiglia (e derivare) da “doppio, due volte” in relazione all’azione che esprime (superare un capo), sopratutto se paragonata all’inglese dove si utilizza il verbo ‘round’ (round girare/passare attorno).

 

RISPOSTA:

Doppiare¬†‘oltrepassare, superare un ostacolo’ √® un tecnicismo marinaresco entrato in italiano in epoca rinascimentale come ampliamento semantico (o prestito semantico) del verbo¬†doppiare, gi√† esistente con il significato di ‘rendere qualcosa due volte maggiore, raddoppiare’. L’origine del prestito √® lo spagnolo¬†doblar, che all’epoca aveva gi√† il significato di ‘oltrepassare un ostacolo’. Spiegare perch√©¬†doblar¬†avesse sviluppato questo significato non √® facile: probabilmente dal significato del latino volgare¬†duplare¬†‘rendere doppio, raddoppiare’ si √® sviluppato il significato ‘piegare’ (perch√© quando si piega una linea si ottengono due segmenti distinti, quindi si raddoppia la linea). Questo significato, per√≤, pu√≤ essere riferito alla rotta necessaria per superare un ostacolo, ma non all’ostacolo stesso: √® la rotta, cio√®, che viene¬†doppiata¬†‘piegata’, non l’ostacolo. Per spiegare l’uso effettivo del verbo (doppiare un ostacolo, non¬†doppiare una rotta), quindi, dobbiamo ipotizzare un ulteriore slittamento semantico, da ‘piegare’ a ‘girare, aggirare’. I verbi¬†to round¬†(inglese) e¬†umschiffen¬†‘circumnavigare, navigare intorno’ (tedesco) conferma, del resto, che l’atto del superare un ostacolo piegando la rotta della nave √® comunemente definito come ‘girare, aggirare’.
A margine va detto che negli sport su pista il verbo¬†doppiare¬†√® usato come estensione del tecnicismo marinaresco, e infatti ha il significato di ‘superare, oltrepassare un concorrente’; non c’√® in questo significato alcun riferimento al ‘raddoppiamento’ (quando si doppia un concorrente non si raddoppiano i giri conclusi, ma semplicemente se ne aggiunge uno).
Fabio Ruggiano
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Ho sempre dato per scontato che la lunghezza fosse verticale e la larghezza orizzontale. E che quindi la longitudine fosse orizzontale e la latitudine verticale, essendo il nostro pianeta pi√Ļ lungo orizzontalmente che verticalmente.
Adesso però ho dei dubbi.
Nel grande romanzo di Dino Buzzati Il deserto dei Tartari, si accenna a un gradone che corre longitudinalmente verso il Nord, che taglia longitudinalmente la pianura. Non capendo come facesse un piano orizzontale a correre in lungo, ho cercato il significato di longitudinale: ¬ęche √® disposto nel senso della lunghezza¬Ľ, ¬ęorizzontale, in lunghezza¬Ľ. Se √® orizzontale, non dovrebbe essere disposto nel senso della larghezza?

 

RISPOSTA:

La longitudine si calcola in orizzontale (cio√®, letteralmente, parallelamente all’Orizzonte), perch√© segna un punto a Est o a Ovest del meridiano di Greenwich. La latitudine, al contrario, segna un punto a Nord o a Sud dell’Equatore, quindi si calcola in verticale (cio√® perpendicolarmente all’Equatore).
Bisogna, per√≤, distinguere tra i nomi longitudine e latitudine e gli aggettivi longitudinale e latitudinale (nonch√© gli avverbi in -mente da essi derivati): i primi hanno un’applicazione esclusivamente scientifica (e sono usati nella lingua comune solo nelle locuzioni avverbiali in longitudine e in latitudine); i secondi sono usati regolarmente anche con un significato estensivo (che recupera il significato etimologico longus ‘lungo’ e latus ‘largo’), e in particolare longitudinale ‘esteso nel senso della lunghezza’, latitudinale ‘esteso nel senso della larghezza’. Di conseguenza, longitudinale diviene, nella lingua comune, equivalente a lungo (per cui longitudinalmente e in longitudine equivalgono a in lunghezza), mentre il meno usato latitudinale diviene equivalente a largo (e latitudinalmente e in latitudine equivalgono a in larghezza). Dal momento che, per convenzione, in una superficie la lunghezza √® la dimensione pi√Ļ estesa e la larghezza quella meno estesa, nell’esempio da lei riportato il gradone descritto √® un oggetto orientato nella stessa direzione della dimensione pi√Ļ estesa dell’area considerata.
Si noti che tanto la lunghezza quanto la larghezza sono dimensioni orizzontali, cio√® parallele al piano dell’Orizzonte; nel caso di oggetti tridimensionali a queste si aggiunge l’altezza, che √® la dimensione verticale, cio√® perpendicolare al piano dell’Orizzonte.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Volevo sapere la differenza tra : di questa e su questa.

Es: ‚Äúnon mi hanno detto nulla di questa cosa‚ÄĚ;

‚Äúnon mi hanno detto nulla su questa cosa‚ÄĚ.

 

RISPOSTA:

 

Dire di o dire su si equivalgono perch√© sia la preposizione di sia la preposizione su introducono un complemento di argomento. L‚Äôoscillazione tra queste due preposizioni √® da sempre presente in italiano, basti vedere alcuni titoli di opere del passato come ‚ÄúSulle guerre di Fiandra‚ÄĚ o ‚ÄúDei sepolcri‚ÄĚ (in quest‚Äôultimo caso la preposizione di ricalca il complemento di argomento latino, costruito con la preposizione DE + ablativo come ‚ÄúDe bello gallico‚ÄĚ).

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quali e quante sono le forme ormai cristallizzate che risulterebbero fuori norma se impiegate senza la ‚Äúd‚ÄĚ eufonica, a parte ad esempio, ad eccezione, ad ogni buon conto?

 

RISPOSTA:

Non esiste una norma precisa che regoli l‚Äôuso della d eufonica. Per esempio, alcune delle locuzioni da lei citate possono scriversi legittimamente senza la d eufonica: a eccezione di e a ogni buon conto (cos√¨ sono riportate anche nei principali vocabolari dell‚Äôuso). Una delle rarissime eccezioni in cui la d eufonica √® quasi sempre presente per via della sua specificit√† √® la locuzione ad esempio, divenuta a tutti gli effetti una formula (insieme a per esempio). Tuttavia, potremmo trovare la locuzione a esempio in una frase tipo: ‚ÄúLa pazienza di Luca viene sempre portata a esempio di virt√Ļ da imitare‚ÄĚ.

In generale, la d eufonica, che in realt√† √® etimologica perch√© risalente a un d o a un t latini in ad, et o aut (da cui a, e, o), ha goduto nel corso del tempo di una certa elasticit√†: molto usata nella lingua antica, ridotta nell‚Äôitaliano moderno. Secondo il linguista Bruno Migliorini, l‚Äôuso della d eufonica dovrebbe essere limitato ai casi di incontro della stessa vocale come in ad Alberto, ed ecco ecc., ma anche in esempi come questi, per via della flessibilit√† dell‚Äôitaliano contemporaneo nei confronti dello iato (cio√® l‚Äôincontro di due vocali di due sillabe diverse), si potrebbe omette la d come in ‚ÄúHo chiesto a Luca e Erica‚ÄĚ.

Insomma, l’uso della d eufonica non ha regole precise ma cammina costantemente con l’evoluzione della lingua e la sensibilità di chi parla o scrive.

Di seguito suggeriamo alcuni casi in cui l’aggiunta di una d sarebbe sconveniente (1 e 2) o da evitare (3 e 4):

 

  1. quando la presenza di una d appesantisce la catena fonica e la vocale della parola successiva √® seguita da d come in ‚Äúedicole ed editoriali‚ÄĚ;
  2. in frasi come ‚Äúsi dice ubbidire od obbedire‚ÄĚ perch√© la presenza della d dopo la vocale o risulterebbe ormai rara e antiquata.
  3. prima di un inciso: ‚ÄúHo chiesto a Luca di uscire ed, ogni volta, risponde di no‚ÄĚ;
  4. davanti alla‚Äôh aspirata di parole o nomi stranieri: ‚ÄúCase ed hotel‚ÄĚ o ‚ÄúSabine ed Halil‚ÄĚ.

 

Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Fossato è un derivato di fosso? Maggiordomo può essere considerato un nome composto? Nomi come Patty o Dany sono nomi alterati?

 

RISPOSTA:

Tra fossato e fosso c’√® un rapporto non di derivazione del primo dal secondo, ma di comune provenienza quasi dallo stesso verbo: fossato √® un nome primitivo, che continua direttamente il latino FOSSATUM, a sua volta participio perfetto del verbo FOSSARE ‘scavare’ (variante intensiva del verbo FODERE ‘scavare’); fosso √® un’evoluzione di fossa, a sua volta participio perfetto (al neutro plurale) proprio del verbo FODERE.

Anche maggiordomo, adattamento del latino MAIOR DOMUS ‘capo della casa’, √® una parola primitiva. In generale, le parole formate per derivazione o composizione in altre lingue (prime tra tutte il latino e il francese) e successivamente entrate in italiano sono, dal punto di vista dell’italiano, primitive.

Il processo di alterazione pu√≤ riguardare anche i nomi propri (Sergione, Annuccia, Giorgino…); in particolare, i nomi propri modificati con suffissi diminutivi o vezzeggiativi sono definiti ipocoristici. Gli esempi da lei portati, per√≤, sono formati con procedimenti diversi dall’alterazione: il primo √® a tutti gli effetti un nome proprio non alterato (non √® possibile, infatti, risalire a una base; se fosse Patrizia l’esito sarebbe Patri o Patry), di origine inglese; il secondo √® l’esito di un accorciamento (lo stesso processo che, per esempio, forma auto da automobile) da Daniele o Daniela. Si noti che l’accorciamento darebbe come risultato Dani: la forma Dany √® influenzata in generale dal modello dei nomi inglesi, in cui una -i finale √® sempre -y (e forse anche dal nome Danny, inglese come Patty).

Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Nelle frasi sotto riportate, l’articolo e la proposizione, a seconda dei casi, posti tra parentesi, sono facoltativi (e quindi corretti) oppure errati?

La loro presenza nel testo, specie nel caso dell’articolo dei primi due esempi, modifica, anche lievemente, il senso generale del messaggio; oppure non c’√® differenza tra le frasi complete e quelle ellittiche?

1) (Il) pensarti mi fa star bene.

2) (Il) leccarsi le ferite è un inutile atteggiamento di autocompatimento.

3) Mi spiace (di) non essere venuta alla festa.

4) Cerco (di) te.

 

RISPOSTA:

Le frasi sono tutte ben formate, sia con l’articolo (o la preposizione), sia senza. Nessuno dei quattro casi è però configurabile come ellissi, perché si tratta di costrutti alternativi e dotati di loro autonomia senza dover ipotizzare la caduta di un elemento. Nei primi due casi, addirittura, la trafila storica è esattamente al contrario: prima nasce la forma senza articolo, poi quella con articolo.

1) e 2) √ą sempre possibile trasformare un infinito in un infinito sostantivato, mediante l‚Äôaggiunta dell‚Äôarticolo. Non c‚Äô√® alcuna apprezzabile differenza semantica tra l‚Äôinterpretazione come infinito sostantivato e l‚Äôinterpretazione come completiva soggettiva; stilisticamente, la variante con l‚Äôinfinito sostantivato √® un po‚Äô pi√Ļ pesante, dunque meno adatta a un contesto formale.

3) Le due frasi sono del tutto equivalenti. In molti casi l‚Äôitaliano presenta alternative nella reggenza verbale, con o senza preposizione. La forma senza preposizione √® la pi√Ļ antica (cio√® come il latino, che non ammetteva la preposizione davanti all‚Äôinfinito), mentre quella con la preposizione √® pi√Ļ recente; quella con la preposizione √® meno formale.

4) La forma con di √® decisamente rara e ha anche una sfumatura semantica diversa: ‚Äėchiedere di qualcuno‚Äô: ¬ęcercano dell‚Äôavvocato Rossi¬Ľ, cio√® chiedono se c‚Äô√® l‚Äôavvocato.

Fabio Rossi

Parole chiave: Preposizione, Registri, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Quale affermazione delle seguenti è corretta?
Piantare in asso.
Piantare in Nasso.
Io penso tutte e due.
La prima si riferisce al gioco della carte.
(l‚Äôasso come carta che in molti giochi ha valore ‚Äúuno‚ÄĚ)
La seconda alla mitologia greca

 

RISPOSTA:

L’unica forma corretta √® “piantare in asso”, che ha per√≤ un’etimologia che non ha nulla a che vedere col gioco delle carte. Essa infatti deriva dal mito di Arianna piantata “in Nasso” da Bacco. L’espressione √® state reinterpretata popolarmente, mediante erronea segmentazione di parole,¬†in nasso > in asso. Oggi, tuttavia, la forma originaria ha del tutto perso il suo valore idiomatico, che √® rimasto soltanto proprio della seconda (cio√® quella originariamente sbagliata).
Quindi, concludendo, oggi NON si pu√≤ dire “piantare in Nasso”, MA si pu√≤ dire SOLO “piantare in asso”, sebbene l’origine della seconda espressione sia la prima. L’etimologia spiega l’origine delle parole MA NON ne giustifica l’uso odierno. Se cos√¨ fosse, oggi il significato di¬†casa¬†sarebbe “baracca” e il significato di¬†duomo¬†sarebbe “casa”, perch√© questi ultimi, in effetti, erano i significati delle antiche parole latine¬†casa¬†e¬†domum. Le parole e le frasi cambiano, come cambiano i loro significati.

Fabio Rossi

Parole chiave: Etimologia
Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

“Non mi preoccupano gli effetti avversi immediati, che dicono ESSERE improbabili, bens√¨ quelli differiti”. Volendo scegliere questa linea espressiva √® corretto l’ uso di quel¬†essere?

 

RISPOSTA:

La costruzione delle proposizioni oggettive e soggettive con l’infinito e senza alcuna preposizione introduttiva ricalca quella delle proposizioni infinitive latine, che avevano proprio la funzione delle completive italiane. Tale costruzione¬†√® ancora contemplata in italiano, sebbene fosse pi√Ļ diffusa nei secoli passati e sia oggi rara e adatta allo scritto tecnico-scientifico e burocratico. Pi√Ļ comunemente si direbbe¬†che dicono siano improbabili¬†(si noti che anche con questa costruzione il¬†che¬†introduttivo della oggettiva √® preferibilmente sottinteso per evitare la ripetizione).
Normalmente, la completiva con l’infinito richiede l’espressione del soggetto (corrispondente al soggetto in accusativo delle infinitive latine):¬†“Gli antichi greci pensavano¬†il fulmine¬†essere un attributo di Zeus”. Nel suo caso, per√≤, il soggetto √® assorbito dal pronome relativo precedente, divenendo superfluo.¬†
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Il termine¬†compagno¬†deriva dal latino miedevale¬†companio¬†(“cum panis”) come √®¬†riportato nell’Etimologico Cortellazzo-Zolli della Zanichelli e in altri¬†dizionari. Tuttavia mi piacerebbe sapere se √® noto quando esattamente √® stato introdotto nel Medioevo e le eventuali fonti pi√Ļ antiche conosciute dove compare la parola.¬†

 

RISPOSTA:

Le consiglio di fare lei stesso questa ricerca, usando lo straordinario TLIO, a cui può accedere a questo indirizzo: http://tlio.ovi.cnr.it/TLIO/. Vedrà che la parola è ben attestata già dalla metà del XIII secolo, quindi dagli albori della scrittura in volgare, in testi di varia provenienza. 
Se, invece, a lei interessa non la prima attestazione in un volgare romanzo del territorio italiano della parola compagno, ma la prima attestazione in latino medievale della parola conpanio, il luogo da lei cercato è questo: 
 

Si quis in hoste de conpanio de conpagenses suos hominem occiderit, secundum quod in patria si ipso occidisset conponere debuisset in triplo conponat.

Si tratta di un articolo delle¬†novellae¬†della lex salica, di cui √® difficile stabilire il periodo di redazione ma il cui¬†terminus ante quem¬†√® l’inizio del IX secolo.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Vorrei sapere se √® da considerarsi errore l’espressione “pi√Ļ acerrimo” oramai di uso comune e presente anche in opere di Pirandello.

 

RISPOSTA:

La risposta pi√Ļ sintetica √®: s√¨, √® ancora da considerarsi errore, perch√© le grammatiche e i dizionari dell’italiano odierno considerano tuttora¬†acerrimo¬†come superlativo colto (latineggiante) di¬†acre¬†e¬†agro, rispetto al meno colto¬†agrissimo¬†(pure possibile); come tale, non ammette alcuna gradazione (pi√Ļ acerrimo,¬†meno acerrimo,¬†il pi√Ļ acerrimo¬†ecc.).
Ma, come ben sa, la lingua, la grammatica e la linguistica raramente ammettono risposte semplificate e rassicuranti, come ogni fenomeno umano e sociale.¬†Acerrimo¬†√® sempre pi√Ļ spesso avvertito (e da anni: Pirandello: “Il mio pi√Ļ acerrimo nemico”, La rallegrata) come aggettivo autonomo, proprio in virt√Ļ della sua natura anomala rispetto al regolare¬†agrissimo, e come tale si presta ad essere usato come aggettivo non superlativo, anche con¬†pi√Ļ:¬†pi√Ļ/meno acerrimo.
Secondo quanto osserva il glottologo Salvatore Claudio Sgroi, che sul concetto di errore produce tuttora decine di articoli, potremmo dire che su¬†pi√Ļ¬†acerrimo¬†agiscono due regole:
– regola 1, etimologica:¬†pi√Ļ acerrimo¬†non √® ammesso, per via della natura superlativa di¬†acerrimo;
– regola 2, analogica e morfologica:¬†acerrimo¬†si distacca dagli altri superlativi, come tale ha acquisito una sua autonomia, tanto da consentire forme come¬†pi√Ļ/meno acerrimo¬†ecc.
Ciascuno è libero di optare per la regola 1 o 2.
Dato che ogni lingua √® fatta non soltanto di regole ed eccezioni ma anche di percezioni (sociali), al momento la situazione √® pi√Ļ o meno la seguente: sebbene anche autori colti (Pirandello), del passato e del presente, abbiamo usato¬†pi√Ļ acerrimo, la maggioranza dei parlanti italiani colti attuali ritiene discriminante socialmente (cio√® “da ignoranti”) l’uso di una forma come¬†pi√Ļ acerrimo, che quindi ancora oggi √® bene evitare nel contesto scritto formale.
Dato che ogni lingua cambia nel tempo, √® molto probabile che tra pochi anni¬†acerrimo¬†perda completamente la propria trasparenza etimologica e venga dunque considerato un aggettivo non alterato a tutti gli effetti. A quel punto tutte le grammatiche e tutti i dizionari accoglieranno¬†pi√Ļ acerrimo¬†come forma normale e anche noi “reazionari” della lingua ci arrenderemo all’evidenza e scriveremo¬†pi√Ļ acerrimo¬†senza colpo ferire. Ma, finch√© ci√≤ non accadr√†, suggerisco di continuare a evitare forme quali¬†pi√Ļ acerrimo, con buona pace di Pirandello e di Sgroi.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Pronti¬†√® un verbo (participio presente) oppure un aggettivo? In questa frase sembra un participio presente: “i nuovi personaggi contano veramente: perch√®¬†pronti¬†a sacrificare la loro vita per qualcosa di pi√Ļ grande”.
Se √® un participio presente, qual √® l’infinito? Ho trovato la forma verbale¬†essere promente, che non avevo mai sentito, ma esiste?

 

RISPOSTA:

Pronti¬†√® la forma maschile plurale dell’aggettivo¬†pronto. Effettivamente questo aggettivo ha un’origine verbale: continua, infatti, il latino¬†PROMPTUM,¬†participio perfetto del verbo¬†PROMERE. Si badi, comunque, che il participio perfetto latino corrisponde¬†grosso modo¬†al participio passato, non al presente. Un aggettivo (oggi usato quasi esclusivamente come nome) che continua un participio presente latino √®, per esempio,¬†presidente, dal latino PRAESIDENTEM, participio presente del verbo PRAESIDERE.
Si ricordi che i participi presenti italiani finiscono soltanto in -ante (amante) o -(i)ente (ardente, dormiente). 
Oltre che dalla terminazione simile a quella dei participi presenti, l’idea che¬†pronto¬†potesse essere una forma verbale potrebbe essere stata suggerita dalla sintassi della frase:¬†perch√© pronti, infatti, √® una proposizione nominale, cio√® senza verbo. In questo caso, per√≤, √® facile riconoscere che il verbo √®¬†essere¬†sottinteso:¬†perch√© sono pronti.
Per quanto riguarda¬†promente, la forma non √® attestata, cio√® non √® stata mai usata, ma √® teoricamente esistente. Sarebbe il participio presente di¬†promere, il verbo che continua proprio il latino PROMERE, etimologicamente legato anche a¬†pronto, e che significa ‘manifestare’ o ‘estrarre’. Se fosse usato, quindi,¬†promente¬†significherebbe ‘manifestante’ o ‘estraente’. Va detto, comunque, che¬†promere, oltre a essere un verbo difettivo, perch√© √® stato usato soltanto alla terza persona singolare dell’indicativo presente, √® anche molto raro e aulico; non ci sono molte possibilit√†, quindi, che¬†promente¬†venga mai usato.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Esiste un equivalente italiano del proverbio latino sub pondere crescit palma?

 

RISPOSTA:

Il proverbio latino, pi√Ļ comune nella forma¬†palma sub pondere crescit, pu√≤ essere¬†tradotto ‘la palma cresce sotto il suo peso’ o ‘la palma cresce sotto il peso’. Descrive metaforicamente l’idea che le difficolt√† della vita rendono pi√Ļ forti.
In italiano molti proverbi o frasi celebri latine sono mantenuti e usati in originale, come parte del patrimonio culturale:¬†ad impossibilia nemo tenetur,¬†beati monoculi in terra caecorum,¬†carpe diem,¬†est modus in rebus,¬†risus abundat in ore stultorum¬†e decine di altri; potremmo dire, quindi, che le frasi latine non hanno quasi mai bisogno di un equivalente in italiano. Ironicamente, un equivalente di questa frase potrebbe essere quest’altra, ugualmente latina, che per√≤ circola anche in traduzione:¬†ignis aurum probat, miseria fortes viros¬†‘il fuoco prova l’oro, la sventura gli uomini forti’. L’originale proviene dal¬†De Providentia¬†di Seneca (V, 10).
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Potrebbe cortesemente chiarirmi se in analisi grammaticale il nome solitudine è astratto o concreto e se è derivato da solo?

 

RISPOSTA:

Premetto che la distinzione tra concreto e astratto √® spesso vaga e ambigua e, per quanto tradizionalmente sfruttata nelle grammatiche scolastiche, non aggiunge niente alla conoscenza del lessico. Ferma restando questa premessa, il nome¬†solitudine¬†√® astratto, perch√© la sensazione descritta con questo nome non si pu√≤ percepire attraverso i sensi. Certo, si pu√≤ obiettare che il concetto stesso di¬†sensazione¬†√® legato alla percezione dei sensi, quindi¬†solitudine¬†sarebbe concreto, ma √® appunto in questa contraddizione che si fonda l’idea della vaghezza della distinzione.
Il collegamento tra la radice di¬†solitudine¬†e quella di¬†solo¬†√® evidente, ma bisogna fare una precisazione. Il nome¬†solitudine¬†si √® formato sulla base del nome¬†latino¬†solitudinem, mentre l’aggettivo¬†solo¬†si √® formato¬†sulla base del latino¬†solum. In latino¬†solitudinem¬†deriva da¬†solum, ma le due parole italiane¬†solitudine¬†e¬†solo¬†sono nate autonomamente. Non possiamo dire, quindi, che¬†solitudine¬†derivi da¬†solo, perch√© le due parole in italiano hanno una storia separata; √® chiaro, per√≤, che le due parole sono corradicali.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

La¬†lettera¬†w¬†fa parte dell’alfabeto italiano oppure √® una lettera a parte di¬†origine straniera?¬†

 

RISPOSTA:

Precisiamo innanzitutto che¬†w¬†√® un grafema, cio√® un simbolo che corrisponde a un suono o¬†fonema. Questa precisazione serve perch√© alcuni grafemi, tra cui anche questo, corrispondono a pi√Ļ di un fonema. Il termine¬†lettera, invece, confonde il valore grafico con quello fonetico.
Il grafema¬†w¬†non fa parte dell‚Äôalfabeto italiano, che comprende solo 21 grafemi, ma rientra nell‚Äôalfabeto latino moderno. Fu inventato dagli scrittori anglosassoni del Medioevo per distinguere la¬†u¬†vocale dalla¬†u¬†semiconsonante (quella dell’inglese¬†whisky) o consonante¬†(quella del tedesco¬†wafer). ¬†
Nell‚Äôalfabeto latino classico, infatti, il grafema¬†u¬†(maiuscolo¬†V)¬†aveva allo stesso tempo il valore consonantico della¬†v, quello vocalico della¬†u¬†e quello semiconsonantico della¬†u¬†di¬†whisky; quindi si potevano avere parole come¬†uult¬†(=¬†vult¬†‘lui / lei vuole’).
In italiano,¬†a partire dal XVI secolo il grafema¬†u¬†si stabilizz√≤ con il valore vocalico (luce) e semivocalico / semiconsonantico (uomo); il grafema¬†v¬†con quello di consonante (vino).¬†La¬†w, invece, non fu accolta, ma rimase appannaggio delle lingue germaniche, che pure usano lo stesso alfabeto neolatino di base dell’italiano.¬†
Il grafema w fu introdotto molto tempo dopo per poter scrivere alcuni nomi e parole inglesi o tedeschi (Washington, weltanschauung) e si pronuncia, di solito, come nella lingua di origine del termine, quindi u semiconsonante per parole di origine inglese e v per parole di origine tedesca.
Fabio Ruggiano
Raphael Merida

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

Avrei una curiosit√†: quindi utilizzando “di quanto sia bravo”, se inseriamo
anche (non) il significato non cambia? √ą solo un abbellimento stilistico o
una ridondanza?

 

RISPOSTA:

Sostanzialmente sì, non cambia nulla. Non sto qui a farle un intricato discorso sulle ragioni, ma è come se confliggessero due punti di vista: 
Sei furbo, non sei bravo
Sei furbo ma sei anche bravo
Sei pi√Ļ furbo di quanto tu sia bravo
Sei pi√Ļ furbo di quanto tu non sia bravo
Il “non” √® ininfluente ai fini del significato dell’enunciato. Per quanto possa sembrare controintuitivo, talora il “non” √® usato, nella storia dell’italiano, in modo del tutto contrario alle attese. Per esempio, sulla stregua del latino TIMEO NE per indicare “temo che qualcosa accada”, nell’italiano antico era possibile dire e scrivere una frase come la seguente: “temo che non mi veda” per intendere, invece “temo che mi veda”. La spiegazione risiede nel fatto che √® come se si costruisse un discorso diretto approssimativamente come il conseguente: “ho un timore ed √® questo: (voglio) che NON mi veda!”, cio√® “non voglio che mi veda”, e dunque: “ho paura che mi veda”. Qualcosa di analogo √® successo con i secondi termini di paragone, in cui il “non” passa dal contrasto con il primo termine (A, NON B), alla sfumatura di gradazione (A, meglio di B).
Un altro esempio analogo √®: “Meglio passare l’estate in Sicilia che in Piemonte”, del tutto identico a “che non in Piemonte”. In questi casi, la negazione √® del tutto ininfluente.
Talora le lingue hanno loro percorsi di coerenza interna, anche semantica, diversi dall’usuale o dal senso comune.

Fabio Rossi

Hai trovato questa risposta utile?
0
0

QUESITO:

In aula, durante una lezione in cui si commentavano i versi finali del coro del quarto atto dell’Adelchi¬†di Manzoni, nel termine¬†colono¬†(v. 119) uno studente coglieva una connotazione “ideologica”, estranea invece al termine¬†contadino: colono, diceva, √® chi lavora alle dipendenze di un padrone, coltivando terreni non di propriet√†. Ne √® nata una vivace discussione…
C’√® del vero in quanto affermava? E qual √® in realt√† la sfumatura che diversifica i due sostantivi?

 

RISPOSTA:

Lo studente mostra una sottile conoscenza del lessico contemporaneo, nel quale, in effetti, con colono si designa un contadino dipendente, cioè un coltivatore di un fondo non suo. Diversa la natura del lessico poetico, spesso rivolto al passato, e in particolare al significato che le parole avevano in latino.
Qui Manzoni (il quale nella prosa si mostra ben pi√Ļ moderno che in poesia, dal punto di vista linguistico) utilizza¬†colono¬†nel significato originario di ‘agricoltore’ (dal verbo¬†c√≤lere¬†‘coltivare’). Si tratta dunque, nel caso dell’Adelchi, di un latinismo semantico, vale a dire di una parola italiana usata tuttavia nel significato della corrispondente parola latina.
Un dibattito siffatto, peraltro, mostra una bella vivacit√† sia degli studenti coinvolti sia del docente, in quanto stimola proprio l’arricchimento lessicale e l’approfondimento diacronico della lingua, colta nelle sue sfumature dagli usi poetici a quelli in ¬†prosa, dallo scritto al parlato, dagli usi arcaici a quelli contemporanei.
Fabio Rossi

Parole chiave: Lingua letteraria
Hai trovato questa risposta utile?
2
0

QUESITO:

Ho sempre problemi con le doppie. Come posso fare?
Grazie

 

RISPOSTA:

I suoi sono problemi pi√Ļ che legittimi, vista l‚Äôimpossibilit√† a ricondurre la grafia delle doppie (o geminate) a una serie di regole semplici e sempre valide. Questo √® stato a lungo un punto debole della norma dell‚Äôitaliano scritto e ancora oggi molti parlanti sono incerti su alcuni casi, per via della discrepanza tra il parlato e lo scritto, perch√© non sempre a un suono rafforzato corrisponde un grafema raddoppiato. I casi problematici sono tanti e, in assenza di un rimedio certo, il primo consiglio che possiamo dare √® allenarsi costantemente alla scrittura e alla lettura, non avendo mai timore o vergogna a usare il dizionario.
Per il resto, possiamo solamente accennare ai fenomeni principali alla base delle incongruenze tra il parlato e lo scritto, e suggerire alcuni accorgimenti pratici. Prima di tutto, osserviamo che le geminate possono occorrere solo tra due vocali o se precedute da una vocale e seguite da r o l (occorrere, attrito, applausi): non è, infatti, possibile raddoppiare una consonante che si trova tra due consonanti (contratto) o tra una vocale e una consonante diversa da r o l (vescovo).
Molte parole che la maggior parte dei parlanti italiani pronunciano con una consonante rafforzata a cui corrisponde un solo grafema (che comunemente √® chiamato¬†lettera) sono latinismi (detti anche¬†parole dotte), ovvero prestiti dal latino, che mantengono, in tutto o in parte, la forma grafica che avevano originariamente (un po’ come i prestiti dall’inglese, che nello scritto si mantengono inalterati, o cambiano di poco, mentre nel parlato si adattano quasi del tutto alla fonetica italiana). Un esempio di latinismo √®¬†vizio¬†(dal latino Vń¨Tń¨UM), che, infatti, da Firenze in gi√Ļ si pronuncia¬†*vizzio. In italiano, i fonemi (o suoni) /ts/ e /dz/, che corrispondono entrambi al grafema¬†z, sono sempre rafforzati quando si trovano tra due vocali, ma se la parola in cui uno dei due occorre √® un latinismo, al fonema rafforzato corrisponde un solo grafema. Per questo motivo abbiamo parole popolari, nelle quali la grafia rispecchia la fonetica, come¬†azzoppare,¬†carrozza,¬†corazza,¬†piazza,¬†pazzia,¬†puzza,¬†spazzare¬†ecc., e latinismi come¬†armistizio,¬†ospizio,¬†abbreviazione,¬†razione,¬†sodalizio,¬†inezia,¬†spezia¬†ecc. Purtroppo, essere consapevoli dell‚Äôesistenza dei latinismi non √® utile nella pratica; non ci consente, cio√®, di prevedere se un fonema si scriva scempio o raddoppiato. Un utile accorgimento, molto noto, √® scrivere sempre scempia la¬†z¬†del suffisso¬†-zione¬†(tipico dei latinismi), ma anche quella della terminazione¬†-zio,¬†-zia,¬†-zie¬†con la¬†i¬†non accentata (ozio,¬†screzio,¬†amicizia,¬†calvizie) e comunque la¬†z¬†seguita dalla¬†i¬†non accentata, a sua volta seguita da un‚Äôaltra vocale (come in¬†prezioso¬†e¬†preziario, anche se alla base c‚Äô√®¬†prezzo). Se la¬†z¬†√® seguita da¬†i¬†accentata le cose si complicano, perch√© abbiamo le parole popolari¬†pazzia¬†e¬†razzia, e le parole dotte¬†abbazia¬†(anche¬†abazia),¬†democrazia¬†e tutti i derivati da¬†-crazia¬†(burocrazia,¬†plutocrazia,¬†tecnocrazia…).
Al contrario, le parole che finiscono con i fonemi /ts/ o /dz/¬†seguiti direttamente dalla desinenza (e ovviamente preceduti da una vocale) hanno tutte la doppia:¬†lezzo,¬†lizza,¬†pazzo,¬†pezzo,¬†pizza,¬†razza,¬†rozzo,¬†vezzo… Attenzione, il suffisso accrescitivo¬†-one¬†(come tutti gli altri suffissi:¬†-oso,¬†-ino,¬†-erello…) applicato a queste parole mantiene la doppia¬†z, quindi¬†pezzone,¬†puzzone¬†ecc. (da non confondere con le parole in¬†-zione¬†come¬†intuizione,¬†pozione,¬†azione,¬†razione,¬†stazione¬†ecc.).
Specularmente, le parole che finiscono in¬†-gione¬†vogliono sempre una sola¬†g:¬†ragione,¬†regione,¬†pigione,¬†prigione,¬†magione,¬†religione,¬†stagione; tra quelle che finiscono in¬†-ggio¬†e quelle in¬†-gio, invece, prevalgono quelle raddoppiate, ma bisogna stare attenti. Per la grafia del fonema /d í/ (corrispondente al grafema¬†g¬†seguito da¬†i¬†o¬†e), infatti, oltre ai latinismi, creano dubbi anche i francesismi; dal francese derivano¬†agio¬†e¬†disagio,¬†malvagio,¬†reg√¨a, ma anche¬†paggio,¬†coraggio,¬†selvaggio,¬†formaggio¬†e, in generale, il suffisso¬†-aggio. Il fonema /d í/, inoltre, √® rappresentato da una¬†g¬†sola anche in¬†bambagia¬†(dal latino BAMBACń¨AM, per effetto della sonorizzazione della /t É/),¬†legittimo¬†(dal latino LEGń¨Tń¨MUM),¬†regio¬†‚Äėregale‚Äô (dal latino REGń¨UM, a cui si contrappone la parola popolare¬†reggia¬†‚Äėdimora del re‚Äô),¬†rigido¬†(dal latino Rń¨Gń¨DUM),¬†rigettare¬†(perch√© il prefisso¬†ri-¬†non produce assimilazione, diversamente dai prefissi che finiscono in consonante, come¬†in-, da cui¬†irrigidire,¬†irrituale,¬†irrevocabile) e simili. Un trucco, per la verit√† soggetto a coincidenze sfortunate, per indovinare con quante¬†g¬†si scriva una parola che termina in¬†-agio¬†o¬†-aggio¬†√® separare quest‚Äôultima parte dalla parte precedente: se rimane una parola di senso compiuto, o che si avvicina a una parola di senso compiuto, la parte finale √® il suffisso¬†-aggio, altrimenti la parola semplicemente finisce in¬†-agio: quindi a¬†vassallo¬†corrisponde¬†vassallaggio, a¬†forma formaggio, al verbo¬†pestare¬†pestaggio¬†e, meno chiaramente, a¬†cuore¬†coraggio, al francese¬†ligne¬†‚Äėdiscendenza‚Äô (a sua volta dal latino¬†LINńĒAM)¬†lignaggio, ancora al francese¬†feurre¬†‚Äėpaglia‚Äô¬†foraggio¬†ecc.;¬†malvagio, invece, √® una parola senza suffisso, cos√¨ come¬†contagio¬†(coincidenza sfortunata:¬†conta-¬†potrebbe sembrare una parola, ma basta osservare che¬†contare¬†non ha niente a che fare con le malattie per riconoscere questo come un falso positivo),¬†magio,¬†naufragio,¬†plagio,¬†presagio¬†(anche per¬†presa-¬†vale la considerazione fatta per¬†conta-¬†a proposito di¬†contagio) ecc. Lo stesso trucco funziona per le parole terminanti in¬†-eggio¬†e¬†-egio:¬†alpeggio¬†(corrispondente a¬†Alpi),¬†maneggio¬†(mano),¬†palleggio¬†(palla), ma¬†ciliegio,¬†collegio¬†(che non ha a che fare con¬†colle),¬†egregio,¬†pregio,¬†privilegio,¬†sacrilegio. Per la verit√†, in quest‚Äôultimo si riconosce la base¬†sacro, come in¬†regio¬†si riconosce¬†re: sono i limiti di questo trucco un po’ arrangiato. Limiti ancora pi√Ļ evidenti quando¬†-ggio¬†e¬†-gio¬†sono precedute dalle altre vocali: in questi casi il trucco perde quasi del tutto valore. Bisogna dire, per√≤, che si tratta di pochissimi casi. C‚Äô√® una sola parola (a parte qualche altro termine raro) che finisce in¬†-iggio:¬†pomeriggio; qualcuna in pi√Ļ finisce in¬†-igio¬†(bigio,¬†grigio,¬†ligio,¬†fastigio,¬†litigio,¬†prestigio,¬†prodigio…). Pochissime anche quelle che finiscono in¬†-oggio:¬†alloggio,¬†appoggio¬†e¬†poggio,¬†moggio,¬†sloggio¬†e poche altre; ancora meno quelle in¬†-ogio:¬†elogio,¬†mogio,¬†necrologio,¬†orologio¬†e poche altre. Non si registrano, infine, parole in¬†-uggio¬†(ma ricordiamo¬†uggia¬†‘noia’), mentre rare sono quelle in¬†-ugio:¬†archibugio,¬†indugio,¬†pertugio,¬†rifugio,¬†segugio,¬†sotterfugio.
Anche tra le parole che finiscono in¬†-ggine¬†o¬†-gine¬†queste terminazioni sono quasi sempre precedute dalla vocale¬†a¬†(quindi¬†-aggine¬†o¬†-agine). Poche di queste hanno una sola¬†g:¬†cartilagine,¬†immagine,¬†indagine, ma anche¬†caligine,¬†origine,¬†scaturigine,¬†vertigine. Molte di pi√Ļ sono quelle con la doppia¬†g: si tratta soprattutto di parole che indicano difetti del carattere, come¬†balordaggine,¬†cafonaggine,¬†cocciutaggine,¬†infingardaggine,¬†sbadataggine,¬†sfacciataggine¬†ecc.; accanto a queste troviamo¬†lentiggine,¬†fuliggine,¬†ruggine,¬†testuggine¬†e poche altre.
L‚Äôopposizione tra parole popolari, che rispecchiano nella grafia la pronuncia delle consonanti, e parole dotte si manifesta anche nel raddoppiamento incostante della¬†b: da una parte abbiamo¬†abbiamo¬†e¬†abbia,¬†abbaiare,¬†abbinare,¬†babbo,¬†rabbia,¬†scabbia¬†(anche¬†rabbino, non dal latino, ma dall’ebraico¬†rabbi¬†‚Äėmaestro mio‚Äô) ecc.; dall’altra¬†abietto,¬†abitare,¬†abitudine,¬†inibire,¬†bibita,¬†imbibire,¬†rubino¬†ecc. In un caso, vanno bene entrambe le soluzioni:¬†obiettivo¬†e¬†obbiettivo. Il francese ha dato un piccolo contributo anche in questo ambito, con¬†bobina,¬†cabina¬†(da¬†cabine¬†‚Äėcapanna‚Äô),¬†carabina¬†e¬†carabiniere¬†e qualche altra parola. Ad aumentare la confusione, pu√≤ capitare che la parola base sia popolare, mentre le derivate (o alcune di esse) siano dotte: √® il caso di¬†dubbio, da cui derivano tanto¬†dubbioso¬†quanto¬†dubitare; un caso simile a quello, gi√† visto, di¬†prezzo, legato a¬†prezioso¬†e¬†preziario.
Ricordiamo, infine, le parole univerbate, che hanno la geminata per effetto del raddoppiamento fonosintattico. Questo fenomeno ci porta a rafforzare la consonante iniziale delle parole precedute da alcuni monosillabi (a,¬†da,¬†e,¬†√®,¬†che¬†e altri), pochi bisillabi (ad esempio¬†sopra), e tutte le parole che finiscono con una vocale accentata. Per questo motivo¬†re Carlo¬†si pronuncia (tranne che in alcune regioni del Nord)¬†reccarlo¬†(cosa, tra l‚Äôaltro, utile, perch√© permette di distinguere nel parlato¬†re Carlo¬†da¬†recarlo¬†‚Äėportarlo‚Äô, che si pronuncia come si scrive). Ovviamente, per√≤,¬†re Carlo¬†si scrive cos√¨, con una sola¬†C¬†in¬†Carlo, perch√© in italiano nessuna parola, che non sia un acronimo, pu√≤ cominciare con due consonanti uguali (al contrario, esistono rarissime parole che cominciano con due vocali uguali:¬†aaleniano,¬†iinga,¬†oocito¬†e poche altre).
Alcune espressioni di largo uso nelle quali opera il raddoppiamento fonosintattico, per√≤, con il tempo sono divenute parole uniche, ovvero¬†univerbate, come¬†appena¬†(a¬†+¬†pena),¬†dappoco¬†‚Äėbuono a nulla‚Äô (da¬†+¬†poco),¬†sebbene¬†(se¬†+¬†bene),¬†soprattutto¬†(sopra¬†+¬†tutto),¬†vieppi√Ļ¬†(via¬†+¬†pi√Ļ) ecc. A volte l’univerbazione √® opzionale; infatti si pu√≤ scrivere anche¬†a pena¬†e¬†da poco,¬†a capo¬†e¬†accapo,¬†da capo¬†e¬†daccapo¬†(ma¬†se bene¬†invece di¬†sebbene,¬†sopra tutto¬†al posto di¬†soprattutto,¬†via pi√Ļ¬†al posto di¬†vieppi√Ļ¬†sono decisamente inusuali). Quel che conta, per√≤, √® che quando¬†queste parole si scrivono univerbate, la consonante foneticamente rafforzata si scrive geminata, perch√© rappresenta il raddoppiamento fonosintattico prodottosi quando le parole erano separate.
Un tranello in cui non si deve cadere è unire nella scrittura espressioni che, sebbene del tutto simili ad altre univerbate, si scrivono ancora separate. Così, accanto ad apposta (a + posta) abbiamo a posto, che non si può scrivere *apposto (la parola apposto esiste: è il participio passato del verbo apporre; bisogna stare attenti a non fare confusione), ma anche a volte, che non si può scrivere *avvolte (anche in questo caso, la parola avvolte esiste: è il participio passato del verbo avvolgere), a poco a poco, non *appoco appoco ecc.
Fabio Ruggiano

Hai trovato questa risposta utile?
0
0