Congiuntivo o condizionale nelle completive

Categorie: Sintassi

QUESITO:

Premetto che tendo a evitare di chiedere chiarimenti su argomenti ampiamente discussi, ma stavolta non posso rinunciarvi: si tratta di un dubbio che mi assilla da tempo (e, evidentemente, non assilla soltanto me). Confido sempre in voi quando mi trovo in tale condizione: siete un solido punto di riferimento.
Detto questo, vengo al dunque.
In vari articoli ‚Äď alcuni dei quali sono piuttosto recenti ‚Äď avete spiegato e ribadito che nelle completive, in particolare nelle oggettive, il condizionale √® ammesso se la protasi √® esplicita.
Mi riallaccio a un esempio già analizzato, introdotto da sarebbe possibile/è possibile.
La mia domanda √® diretta: il condizionale nella proposizione oggettiva √® ammesso come variante accettabile delle soluzioni con il congiuntivo, oppure √® l’unica forma ammessa?
In altre parole, anche quando vi sia una protasi esplicita, o quando essa sia ricavabile dal contesto senza grossi sforzi logici, il parlante può comunque selezionare il congiuntivo?
Le varianti sintattiche (sono tutte corrette?) che un esempio come quello sopra citato potrebbe accogliere sarebbero le seguenti:
a) Sarebbe possibile che arriverebbe, se lo aspettassimo ancora.
b) Sarebbe possibile che arrivi, se lo aspettassimo ancora.
c) Sarebbe possibile che arrivasse, se lo aspettassimo ancora.
d) √ą possibile che arriverebbe, se lo aspettiamo/aspettassimo ancora.
e) √ą possibile che arrivi, se lo aspettiamo/aspettassimo ancora.

Ho sempre privilegiato il congiuntivo nelle oggettive affini a quella che è al centro del quesito (in questo caso, ad esempio, fra tutte le varianti, sceglierei la C e la E, indipendentemente dalla presenza della protasi). Ho inoltre notato, effettuando alcune ricerche su Google Libri, che molti autori, nelle loro opere, hanno seguito la stessa strada.
Chiedo aiuto a voi, come al solito, per dissipare la nebbia intorno a questo argomento.

 

RISPOSTA:

Nessuna delle cinque frasi pu√≤ dirsi errata, anche se quelle meno felici sono proprio la a) e la d), perch√© da una completiva retta da ‚Äúpossibile‚ÄĚ ci si aspetta in primo luogo il congiuntivo. Qui il condizionale ovviamente si giustifica perch√© la completiva √® a sua volta apodosi di periodo ipotetico, per√≤, come ripeto, il congiuntivo √® comunque la scelta preferibile. Sulla consecutio temporum arrivi/arrivasse (entrambe forme corrette), pu√≤ leggere la risposta di DICO Congiuntivo presente o imperfetto in dipendenza da vorrei e altre risposte connesse.

Fabio Rossi

Parole chiave: Analisi del periodo, Verbo
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0