Accordo con un ente astratto

Categorie: Morfologia, Sintassi

QUESITO:

Per motivi di lavoro mi trovo spesso a dovermi rivolgere a enti, istituzioni, aziende e simili.
L’impostazione iniziale √® quindi al singolare; puntualmente, durante la stesura della comunicazione formale, mi viene naturale volgere la concordanza al plurale. In parole povere, aggettivi e pronomi in particolare si ricollegano alle seconda o alla terza persona plurale. Sia che mi rivolga a un ente sia che mi rivolga a un’azienda, so infatti di avere a che fare con un gruppo di persone, non con un qualcosa di inanimato (e singolare).

¬ęSpettabile associazione, [‚Ķ] mi permetto di suggerire una modifica della vostra iniziativa. [‚Ķ] vi ringrazio per la vostra attenzione¬Ľ; ¬ęvi invito a porgere i miei ringraziamenti alla giuria per il loro lavoro¬Ľ.

Qual è la concordanza consigliata: singolare o plurale?

 

RISPOSTA:

La concordanza al singolare in questi casi risulterebbe grammaticamente corretta, ma comunicativamente inaccettabile. Ovviamente, infatti, non ci si rivolge all’ente, ma ai suoi membri: sarebbe ben strano suggerire una modifica o ringraziare un ente astratto. La concordanza al plurale, quindi, √® un’infrazione formale inevitabile e del tutto giustificata. L’alternativa (un po’ innaturale) che consente di ristabilire la correttezza grammaticale √® intestare la lettera non all’ente ma direttamente ai destinatari effettivi:¬†Gentili rappresentanti / membri / responsabili…
Fabio Ruggiano

Parole chiave: Accordo/concordanza
Hai trovato questa risposta utile?
Thumbs Up Icon 0
Thumbs Down Icon 0