Mi viene in mente un problema ricorrente nelle tesi (e non solo) e cioè l'uso di “ne” pronome (col valore di complemento di specificazione, di argomento, partitivo etc.). Soprattutto l'uso pleonastico (per es.: “di questo ne abbiamo già parlato”; “di gelati ne ho mangiati due”; “non ne abbiamo bisogno del tuo aiuto” e simili) è spesso incontrollato, proprio perché viene usato abitualmente in riferimento a elementi della frase già espressi: appesantisce il dettato e credo che nella lingua scritta non debba essere usato.