Nella risposta 2800836, a proposito della frase "Vorrei un'auto che avesse/abbia il cambio automatico" è stato detto che il congiuntivo imperfetto in una proposizione relativa viene giudicato valido solo in riferimento a un'azione/condizione passata. Ma il congiuntivo imperfetto non potrebbe essere interpretato in chiave ipotetica, veicolando non tanto il passato quanto un grado di probabilità del verificarsi dell'evento inferiore a quello che sarebbe stato determinato dal congiuntivo presente?
Congiuntivo imperfetto = meno probabile; congiuntivo presente = più probabile.
Come avviene, grosso modo, nelle subordinate condizionali costruite con qualoranel caso che.
"Nel caso piovesse / piova, resto a casa"; "Qualora non potessi / possa uscire per la pioggia, resterei a casa".
Onestamente, sovente ho scritto o detto "In Italia servirebbe un governo che aiutasse [nel presente e nel futuro, nda] i giovani".
"Guarderei volentieri un film che avesse come protagonista Al Pacino".
"Si potrebbe studiare una soluzione che desse risalto a tutti i problemi finora discussi".
Non ho mai collegato l'imperfetto al passato, ma, come spiegato, ho attribuito alla subordinata un taglio – mi verrebbe da dire – relativo-ipotetico.
Ho sempre sbagliato?