Autoimporsi, autoproclamarsi, solo per citare alcuni dei molti verbi costituiti dal prefisso auto- e costruiti con il clitico -si, non rappresentano un mero pleonasmo? Le forme intransitive pronominali o riflessive, a seconda dei casi, non sono sufficienti per esprimere un concetto che, con il prefisso auto-, si intensifica, senza, a mio giudizio, aggiungere niente dal punto di vista semantico?
1) Il politico esposto al pubblico ludibrio, si (auto)impose un esilio ad altre latitudini.
2) Pur avendo fallito nella sua ultima prestazione agonistica, l'ex campione si (auto)proclamò il migliore di tutti i tempi.
Seconda metà dell'interrogativo.
La funzione sostantivale di parole che abbiano come suffiso -ile o -ole, oppure -arsi-ersi ecc. è sempre possibile, anche quando non vi sia una chiara legittimazione d'uso da parte dei dizionari della lingua italiana?
Esempi:
"Siamo ai limiti dell'invivibile, dell'inconsapevole, dell'irragionevole", "Ho pensato tutto il pensabile", "Viviamo nella società del mutevole"; "Il disgregarsi delle coste è un fenomeno geologico", "Il tuo affannarti non porterà a niente di buono", e così via.