Per quanto riguarda il significato comune la sua proposta è in linea con quello che scrivono i vocabolari. Il significato proprio, invece, è un po' distante da quello che lei ipotizza, sebbene 'necessario' rientri tra le qualità proprie del metafisico. La metafisica è l'ambito del reale che non si può percepire con i sensi, quindi è immutabile, certo e, appunto, necessario. Se la realtà fisica è il regno della mutevolezza, dell'instabilità, della varietà, la realtà metafisica è lo sfondo assoluto che rende possibili le qualità della realtà fisica. Il suo esempio del calciatore, quindi, non ha niente di metafisico, perché sia l'essere atletico sia l'essere biondo sono qualità fisiche, fenomeni. Problemi metafisici sono la natura dell'essere, l'esistenza e la natura di Dio, lo scopo della vita, l'immortalità dell'anima.
Fabio Ruggiano