La proposizione finale per usare un eufemismo lascia chiaramente intendere che l'uso dell'eufemismo non sia fine a sé stesso, come lei suggerisce, ma sia a sua volta il mezzo per ottenere uno scopo ulteriore, che è quello di non offendere esplicitamente la persona di cui si sta parlando (facendo, quindi, capire che si intende offenderla).Se così non fosse, non ci sarebbe alcuna ragione di precisare lo scopo dell'uso lessicale.
La sua osservazione si ferma al piano del significato superficiale e trascura il senso che l'espressione assume nel contesto in cui è usata; un senso allusivo, implicato. La sua variante della proposizione, si noti, non sposta di molto la questione; se, infatti, interpretassimo la sua proposizione soltanto dal punto di vista del significato otterremmo una descrizione metalinguistica dell'aggettivo folcloristico, del tutto ingiustificata nel contesto (al pari della proposizione finale). L'unico modo per giustificare la sua precisazione è supporre che essa abbia un secondo fine, che torna a essere quello implicato dalla proposizione finale. 
Fabio Ruggiano