Il participio passato di un verbo con ausiliare essere dovrebbe concordare sempre con il soggetto. Non è raro l'accordo con il nome del predicato: "La lettura è stata / stato il mio passatempo preferito per molto tempo". 
Nei casi in cui il participio passato fa parte di un tempo composto (come nell'esempio appena fatto da me) l'accordo con il nome del predicato è una forzatura ma non si può considerare un vero e proprio errore.
Nella sua frase, però, il participio passato è autonomo, e rappresenta una proposizione relativa implicita: chiamato = che è chiamato. In questo contesto, la concordanza con valanga è decisamente più raccomandabile (e, di conseguenza, la concordanza con il nome del predicato è sconsigliabile), perché la relativa si aggancia chiaramente al soggetto della reggente, appunto valanga, di cui rappresenta un ampliamento.
Fabio Ruggiano