Sono corrette entrambe le frasi. La prima rappresenta lo stato dell'essere bravo come fattuale, la seconda come condizionato a una possibilità non espressa, per esempio "Non è vero che sarebbe bravo come dice (se non lo aiutassero i suoi amici)!". Equivalente alla prima frase, ma più formale, sarebbe anche "Non è vero che sia bravo come dice!".
Fabio Ruggiano