Ho un dubbio circa la seguente costruzione:
"Michele ascoltò la storia della sua adolescenza vista dall'esterno: in quelle parole, lucide, c'era tutto lui stesso".
È corretto scrivere (o dire) lui stesso, o si sarebbe dovuto propendere per se stesso?