Vorrei presentarvi alcune costruzioni per chiedere lumi circa il pronome.
"Poteva anche essere un semplice amico, visto il calore con cui lui / egli / questo l'aveva salutata". A prescindere dalla scelta tra lui / egli / questo - che suppongo libera senza tema di incorrere in un errore -, il pronome è consigliato o facoltativo?
"Domandami se io sono/sia d'accordo". Come sopra. L'inserimento del pronome può avere una funzione enfatica se si opta per l'indicativo presente? Nel caso invece si opti per il congiuntivo, immagino che esso sia obbligatorio per disambiguare il riferimento alla persona.
"Camminando da solo per il parco che lui amava, pensai ai ricordi più vivi di mio padre". L'anticipazione del pronome è corretta?
Infine, mi piacerebbe conoscere quali sono i contesti sintattici in cui l'inserimento del pronome è non già facoltativo o sconsigliato, ma addirittura errato.