Vorrei sapere se è da considerarsi errore l'espressione "più acerrimo" oramai di uso comune e presente anche in opere di Pirandello.