Il verbo dire può ben indicare l'atto del pensiero esplicito, nel quale la persona formula pensieri ben definiti, ma senza esternarli né vocalmente né per iscritto. Questo atto avviene sia nella propria mente, sia in silenzio.
Nell'espressione dite tra voi c'è un'altra possibile ambiguità. I pronomi personali sono tutti anche riflessivi, tranne lui / lei e loro, che diventano  nella forma riflessiva. Per questa ragione, i sintagmi tra noi e tra voi possono essere interpretati come reciproci o come riflessivi. Nel primo caso, una frase come dite tra voi "pensiero" significa 'dite pensiero l'uno all'altro' (evidentemente ad alta voce); nel secondo caso, la stessa frase significa 'dite pensiero ognuno nella propria mente' (evidentemente in silenzio).
In presenza di più di una persona, tra voi risulterebbe ambiguo tra queste due interpretazioni, ma nel caso specifico, relativo alla meditazione, l'interpretazione riflessiva è senz'altro quella corretta.
Fabio Ruggiano