Nel primo caso, la distanza dell'antecedente dal punto in cui deve essere inserita la forma anaforica rende consigliabile la ripresa piena; bisogna, quindi, riprendere il sintagma nominale pieno Martina. Eventualmente, se Martina fosse identificabile in altri modi, specificati altrove nel co-testo, potrebbe essere usata la perifrasi corrispondente. Ad esempio, se Valentina e Sara fossero adolescenti e Martina una bambina, al posto di Martina potrebbe essere usato il sintagma la piccola (non la bambina, che potrebbe far pensare a un ulteriore referente, diverso da quelli nominati prima).
A sconsigliare quest'ultima non è l'ambiguità di questa forma pronominale, che è, invece, molto precisa, anche perché mancano altri potenziali referenti, essendo Martina effettivamente l'ultimo oggetto femminile singolare nominato prima dell'anafora. Quest'ultima è straniante perché questa rimanda a un referente molto vicino, mentre Martina si trova ben distante. Potremmo eliminare questa, lasciando soltanto l'ultima, ottenendo una coesione soddisfacente; l'aggettivo ultimo, però, raramente è usato con funzione referenziale senza il pronome questo e il lettore rischia di credere che chiamare l'ultima possa essere un qualche genere di espressione idiomatica. 
Il secondo caso è un po' diverso: di certo non si può usare la stessa, che è adatto a riprendere l'ultimo referente nominato (quindi, qui, denominazione). Per riprendere l'impaginazione in questo contesto, però, la forma migliore è non la ripetizione del sintagma, ma l'espressione il suo salvataggio; l'aggettivo possessivo, infatti, è perfetto per riprendere un soggetto divenuto, nella proposizione o nel periodo successivi, un complemento di specificazione. Lo stesso si potrebbe fare, per la verità, anche cataforicamente: "Il suo profumo era già percepibile; la primavera stava per arrivare".
Si noti, a margine, che eseguita deve diventare eseguito, perché concorda con il salvataggio.
Fabio Ruggiano