Il congiuntivo passato può indicare anteriorità rispetto a un evento futuro e posteriorità rispetto all'enunciazione, rappresentando un'azione come se fosse certa e a suo modo definita, benché non ancora avvenuta? In altre parole, se il punto di vista dell'emittente è proiettato nel futuro, il congiuntivo passato - al pari del passato prossimo - è sintatticamente valido?
"Tra sei mesi mi accerterò se / che abbiano potuto sfrattarmi".
(L'emittente saprebbe già che dal momento dell'enunciazione alla fine dei prossimi sei mesi sarà sfrattato).
L'emittente potrebbe inoltre disporre di alternative verbali in grado di sostituire il congiuntivo passato?