Il problema della prima frase è dovuto forse all'ambiguità dell'espressione per nulla. Questa, infatti, può significare tanto 'per motivi futili, senza una vera ragione', quanto 'affatto, assolutamente no'. Il significato inteso nella frase è certaemente il primo (visto che il secondo si usa quasi esclusivamente in frasi negative): in questo caso nulla è pronome indefinito, sostituibile con nessuna cosa. Nel secondo caso nulla sarebbe, per la verità, sempre un pronome indefinito, che, però, insieme alla preposizione per forma una perifrasi o locuzione avverbiale. In una frase come "Dimmi pure, non mi disturbi per nulla", per esempio, per nulla significa letteralmente 'per nessuna cosa, per nessuna ragione, in nessun modo'; partendo da questo significato, la perifrasi si è cristallizzata dinenendo a tutti gli effetti un avverbio. 
Nulla si può usare come avverbio anche senza per: "Non me ne importa nulla"; anche qui è chiara la funzione di partenza di pronome (= 'non me ne importa nessun aspetto'), che si è cristallizzata trasformando la parola in un avverbio.
Per quanto riguarda i numerali, nella prima frase diciannove è un pronome, e la presenza di ne non cambia la sua natura. Si noti che lo stesso avviene con nulla ("Non me ne importa nulla") e avverrebbe con qualsiasi altro aggettivo/pronome indefinito: ne vorrebbe avere alcuni
Nell'ultima frase, il doppio è ancora pronome numerale. In questo caso, il dubbio potrebbe essere se doppio non sia da considerarsi nome (non può essere, invece, aggettivo, visto che è preceduto dall'articolo e ha chiaramente la funzione di rimandare a un altro referente). La natura quasi nominale degli aggettivi che non accompagnano nomi è già stata discussa nella risposta n. 2800253 dell'archivio di DICO (ma si può vedere anche la 2800269).
Fabio Ruggiano