All'interno di un periodo è ammesso il passaggio dal futuro al presente del modo indicativo per indicare azioni che non hanno evidenti differenze sul piano temporale?
"Quando ti farò l'occhiolino, capirai che è il momento di agire".
"Quando vedrai la luna piena, sappi che è il segno di Cupido per rivelarle i tuoi sentimenti".
"Se noterai la mia auto, significa che dovrai uscire allo scoperto".
È comunque praticabile la scelta di flettere i verbi, che in questi esempi sono al presente, al futuro, o, così facendo, paradossalmente, il rapporto tra reggente e subordinata rischierebbe di essere giudicato di posteriorità (anziché di contemporaneità nel futuro)?
"Quando ti farò l’occhiolino, capirai che sarà il momento di agire".
"Quando vedrai la luna piena, sappi che sarà il segno di Cupido per rivelarle i tuoi sentimenti".
"Se noterai la mia auto, significherà che dovrai uscire allo scoperto".