Nella lingua comune, affermareaffermazioneaffermativo e il resto della famiglia sono collegati al polo positivo, tanto che affermativo può essere usato come sinonimo di . In teoria, però, il significato radicale di questa famiglia lessicale non propende verso una polarità, ma indica soltanto la decisione con cui un'opinione è dichiarata (infatti affermare è legato a fermo). Non è, pertanto, impossibile affermare negativamente, o fare un'affermazione negativa. Vista la comune deriva del significato di questa famiglia di parole verso il polo positivo, comunque, l'opportunità di associare uno dei suoi componenti al polo negativo è da valutare caso per caso in relazione al contesto, per non ingenerare confusione. Ovviamente, tale associazione è tanto più accettabile quanto più ci si sposta verso i registri alti, come in questo esempio, tratto da un libro di filosofia: "Se stiamo sostenendo la legittimità morale di certe procedure, ad esempio della libertà e dello scambio, perché il fatto di godere di questi diritti non costituisce un'affermazione positiva, così come il fatto che altri non possano impedirci di godere di tali diritti costituisce un'affermazione negativa?".
Fabio Ruggiano