Il cambiamento semantico delle parole è un fenomeno tanto ineluttabile quanto imprevedibile. Una delle cause possibili di cambiamento semantico è la paretimologia, ovvero la convinzione errata dei parlanti che una parola abbia una certa etimologia, da cui derivi un certo significato. Il caso di bagnasciuga si può interpretare proprio come un caso di paretimologia. La parola, infatti, sembra perfetta per descrivere la zona in cui la terra incontra il mare, soggetta al continuo andare e venire delle onde. Sappiamo che la parola ha un'origine diversa, perché nacque nel Settecento per designare la linea di galleggiamento delle navi, ma ben presto (certamente prima del famoso discorso del bagnasciuga del 1943 di Mussolini) fu usata con il significato ancora oggi corrente.
Un altro principio che muove il cambiamento semantico è l'assonanza, probabilmente alla base dell'evoluzione di flebile. Originato dal latino FLEBILEM (a sua volta dal verbo FLEO 'piangere'), ha significato storicamente 'piagnucoloso, lamentoso, che induce al pianto', ma oggi significa anche  'debole, leggero, evanescente, appena percepibile'. A mio parere, l'assonanza con fiato e afflato, ma anche con fioco e persino fioresfiorare e simili, ha promosso questo spostamento, ulteriormente favorito dalla tipica associazione di questo aggettivo con oggetti effettivamente appena percepibili come il canto degli uccelli.  Addirittura, se flebile ancora conserva anche il significato originario, il suo allotropo popolare fievole ha soltanto il significato secondario. 
Anche l'uso figurato di un termine ne può determinare l'ampliamento semantico, fino a far dimenticare il significato originario. Un caso del genere è l'aggettivo cattivo, che deriva il suo significato attuale dall'uso figurato nell'espressione captivus diaboli 'prigioniero del diavolo', diffusosi nella Chiesa delle origini. In latino, infatti, CAPTIVUS significa 'prigioniero' (mentre cattivo si dice MALUS o IMPRŎBUS) e mai sarebbe potuto passare al significato di 'cattivo' senza il tramite dell'espressione figurata. Un uso figurato è anche alla base del caso di palinsesto di cui ci siamo occupati nella risposta n. 2800425 dell'archivio di DICO. Qui, addirittura, abbiamo un ampliamento del significato sulla base di un significato già figurato, legato alla programmazione televisiva. Se risaliamo indietro al significato originario del nome palinsesto, infatti, scopriamo che è 'antico manoscritto di pergamena, il cui primo testo è stato raschiato via e sovrascritto'. 
Venendo alla sua proposta, nel caso di flebile non ci sono difficoltà, visto che flebile speranza è un'espressione già comunissima. Neanche approccio sardonico è originale. In rete se ne trova qualche decina di esempi, letterari ma anche di contesto medio, come questo: "L'inviato cult Valerio Staffelli, con il suo consueto approccio sardonico e dissacrante, ha consegnato nelle mani del rapper, come da rituale, il famigerato Tapiro d'oro" (ilgiornale.it, 2019). Effluire è effettivamente usato tipicamente in relazione a gas o liquidi, ma la rappresentazione figurata dell'energia come una sostanza fluida è piuttosto credibile, tanto da giustificare, sulla scorta del principio dell'uso figurato, questo ampliamento di ambito.
In conclusione, i suoi tre esempi di ampliamento di ambito d'uso lessicale, con conseguente cambiamento del significato, sono perfettamente accettabili, tanto che due su tre sono già usati. Il cambiamento semantico è davvero tumultuoso, accade sotto i nostri occhi senza che ce ne accorgiamo.
Fabio Ruggiano