L'espressione indica i fonemi, ovvero i suoni, che si trovano intorno, prima e dopo, a quello considerato, che possono modificarlo per approssimazione, provocando per esempio assimilazione o dissimilazione.
Fabio Ruggiano