Certo, in un ambito in cui la correttezza non sia netta, ma graduale, è possibile che un uso sia più corretto di un altro. Nel campo della lingua, per esempio, molte volte le scelte dipendono dai vari gradi di formalità e dai contesti; un uso più corretto di un altro indica, quindi, che entrambe le soluzioni esistono e che una è preferibile all’altra. Riallacciandomi alle sue parole, più corretto equivale a più adeguato o preferibile
Raphael Merida