Vi scrivo per risolvere un dubbio di retorica relativo in particolare a due casi in cui la ripetizione di una parola si carica di un significato diverso tra un'occorrenza e l'altra. Cito dal prologo dell'Aminta, pronunciato da Amore: "questo io so certo almen, che i baci miei / saran sempre più cari a le fanciulle, / se io, che son l'Amor, d'amor m'intendo"; e "e se mia madre, / che si sdegna vedermi errar fra' boschi, / ciò non conosce, è cieca ella, e non io, / cui cieco a torto il cieco vulgo appella".
Nel primo caso, la ripetizione di amore, prima come nome proprio, poi come nome comune, oltre alla variazione poliptotica, è corretto parlare di aequivocatio? Oppure quale altra figura retorica potrebbe descrivere adeguatamente l'artificio? Nel secondo caso invece, in cui si passa dall'uso proprio a quello figurato dell'aggettivo cieco, quale figura viene utilizzata?
Potrebbe essere appropriato parlare di diafora in casi come questi?