​Nella comunicazione quotidiana è consigliabile mantenere lo stesso piano temporale nell'ambito della stessa frase, per non generare confusione. Se, pertanto, si sceglie di usare il presente storico, si dovrebbe mantenere il presente storico per tutta la frase; quindi: "Io gioco una scommessa per 1 a 1 ma finisce 2 a 2", oppure "Io ho giocato una scommessa per 1 a 1 ma è finita 2 a 2". Inoltre, è preferibile non lasciare il soggetto sottnteso se questo non è stato mai introdotto, altrimenti l'interlocutore è indotto a pensare che il soggetto sottinteso coincida con quello precedente o, se non è possibile, come in questo caso, che coincida con l'ultimo referente possibile ("Io gioco una scommessa per 1 a 1 ma la scommessa finisce 2 a 2"); quindi sarebbe meglio "Io gioco una scommessa per 1 a 1 ma la partita finisce 2 a 2". Questa raccomandazione di massima in qesto caso è secondaria, perché si suppone che l'interlocutore sia in grado di recuperare dal contesto il soggetto la partita.
In teoria, è possibile affiancare un presente storico a un passato; ma si dovrebbe limitare questa scelta a contesti letterari, nei quali la scelta si spiegherebbe con l'intento di spiazzare l'interlocutore, presentandogli in rapida sequenza un primo evento come attuale e un secondo come passato. 
Fabio Ruggiano