La soluzione migliore sarebbe: "la neve si sta posando a terra".
Poggiarsi e appoggiarsi, in questo caso, non sono errati, ma lievemente inappropriati, perché lasciano pensare a una volontarietà dell'azione e anche alla presenza di un certo sostegno o appiglio, che sembrano stridere con la leggerezza della neve che cade e si posa a terra senza alcun sostegno o appiglio e senza esplicita e umana volontà.
Inoltre, anche la preposizione per non è del tutto consona al contesto, che richiede preferibilmente a o incade a (o in) terra  e simili, a differenza di frasi fatte, come la conclusione del girotondo: tutti giù per terra. Più che un motivo grammaticale vero e proprio, in questo caso, valgono le sfumature semantiche e la consuetudine dell'uso; sia a, sia in, sia per possono indicare, infatti, il complemento di moto a luogo, ma con modalità e consuetudini differenti: andare al mareandare in montagnaandare per mari e per monti.

Fabio Rossi