​1) Il congiuntivo è sempre possibile, sia in un contesto ipotetico, sia in uno di futuro nel passato. In tutti gli esempi letterari da lei proposti, non a caso, si può sostituire il condizionale con il congiuntivo. 
2) Se la proposizione reggente è una apodosi, la proposizione subordinata introdotta da quando richiede il congiuntivo: "Sono certo che gli avrei detto tutto quando lui fosse venuto" (non *"Sono certo che gli avrei detto tutto quando lui sarebbe venuto"); se, però, l'evento della proposizione al condizionale passato è futuro rispetto al passato, il condizionale nella subordinata torna a essere accettabile, perché la subordinata si interpreta come una temporale con possibile sfumatura ipotetica: "Pensai che gli avrei detto tutto quando fosse / sarebbe venuto". In questo caso, in cui sono possibili entrambi i modi, il congiuntivo è la scelta più formale.
Si noti che in questi casi lo scarto tra protasi e temporale è sottile; a distinguerle è spesso solamente il contesto (negli esempi che ho portato sopra, è il tempo del verbo della proposizione principale).
3) Da quanto appena detto discende che "Quando sarebbe giunta l'alba, l'esercito avrebbe superato il fiume" sia accettabile, sebbene meno formale di "Quando fosse giunta l'alba, l'esercito avrebbe superato il fiume". In ogni caso, il congiuntivo nella proposizione introdotta da quando non ha valore ipotetico: il giungere dell'alba, infatti, è un fatto ineludibile.
Fabio Ruggiano