Le costruzioni implicite con l’infinito presente possono sostituire anche le coniugazioni al futuro delle costruzioni esplicite o sono invece contestualizzabili solo nella contemporaneità?
"Credo di venire" corrisponde all'agrammaticale "credo che io venga" o a "credo che verrò"?
Quindi: le due costruzioni sotto riportate sono equivalenti e ugualmente accettabili?
"Egli ha fatto ciò che aveva promesso che avrebbe fatto";
"Egli ha fatto ciò che aveva promesso di fare".