​Ha immaginato bene: il participio passato dei tempi composti dei verbi transitivi può essere invariabile ("Ho stretto la mano della regina") oppure concordare con il complemento oggetto ("Ho stretta la mano della regina"). La variante concordata è oggi rara ed è percepita come arcaica o letteraria. Se, però, il complemento oggetto è costruito con una particella pronominale (che precede il verbo), l'accordo con il participio passato diviene obbligatorio: "C'è Lucia, l'hai vista?", "Se non li hai mai incontrati, ti presento i miei fratelli" e simili.
Con i verbi intransitivi la concordanza del participio passato con il complemento oggetto non è possibile, semplicemente perché questi verbi non reggono il complemento oggetto. Bisogna, però, distinguere tra i verbi intransitivi che hanno l'ausiliare essere e quelli che hanno l'ausiliare avere: i primi prevedono la concordanza del participio passato con il soggetto ("I miei fratelli sono arrivati ieri"); i secondi hanno sempre il participio passato invariabile, come nel suo esempio con credere ("Ho creduto alle tue parole", ma anche, per aggiungere un ulteriore esempio, "I miei fratelli hanno lavorato tutta la vita"). Nel caso di un verbo che ammetta la doppia costruzione, transitiva e intransitiva, il participio sarà invariabile, o concordato con il soggetto, nella costruzione intransitiva, invariabile o concordato con il complemento oggetto nella costruzione transitiva. È il caso proprio di credere: "Non ho creduto alle sue parole", ma "Ho creduto / credute fin da subito vere le sue parole"; e, sul versante dei verbi con ausiliare essere, di correre: "I miei fratelli sono corsi ad aiutarmi", ma "I miei fratelli hanno corso / corsi molti rischi". In questi casi, comunque, la forma concordata con il complemento oggetto ("Hanno corsi molti rischi"), possibile in astratto, è ancora meno comune e da considerare obsoleta. 
Fabio Ruggiano