"Mi sono emozionato nel vederlo"
"Mi sono emozionato nell'averla vista"
Differiscono solamente per il fatto che la seconda, diversamente dalla prima, indica l’anteriorità dell’evento rappresentato dall'infinito passato, ma sono entrambe corrette?
Senza discostarmi dall'oggetto della domanda, vi chiedo se si possono riscontrare dei contesti in cui l’infinito presente e il passato siano intercambiabili, escludendo qualunque distinguo di carattere semantico.
Mettiamo il caso che ci si voglia congedare da un collega che ha appena presentato le dimissioni; si potrebbe dire indifferentemente
"È stato un piacere lavorare con te"
"È stato un piacere aver lavorato con te"?