Vorrei entrare nel merito dei modi verbali che si possono – o si devono – impiegare nelle subordinate completive, in particolare nelle oggettive. 
Se non sbaglio, in più occasioni avete sottolineato che in un registro formale si possa sempre usare il congiuntivo, benché l’indicativo risulti spesso la scelta più comune e largamente tollerata. Prima di apprendere tali indicazioni, tendevo a suddividere i possibili costrutti di tipo completivo in due categorie: quelli governati da verbi che richiedono l’indicativo e quelli governati invece da verbi che indulgono al congiuntivo. In altre parole, la distinzione che determinavo non seguiva l’asse formalità (congiuntivo) / "colloquialità" (indicativo). 
Pensavo, ad esempio, che la frase "Ho capito che cosa vuoi veramente" fosse preferibile (ma anche più ligia alla grammatica) a "ho capito che cosa tu voglia veramente", come "affermo che avete regione" anziché "affermo che abbiate ragione" ecc. 
Per concludere, vi sarei riconoscente se mi chiariste questi dubbi: 
1. Con la completive oggettive si può sempre usare il congiuntivo, anche se il costrutto affermativo è retto da verbi dichiarativi o di giudizio o percezione, quali, tra gli altri, constataredirericordarerisponderescriveresostenerevedere ecc.?
2. Se, in determinate soggettive e oggettive, si usasse l'indicativo (ad esempio "È evidente che ha sbagliato", "Sostengo che ha smesso di lavorare", "Dico che i colleghi non sono in grado", "Ha dimostrato che i ragazzi erano scappati" ecc.) si svilupperebbe comunque un registro sintattico medio-alto, adatto anche a contesti sorvegliati? (Mi vengono in mente i tanti "Sostiene Pereira che..." seguiti dall'indicativo che ho sempre ritenuto essere un esempio da manuale).