In alcune delle vostre recenti risposte, avete parlato di costruzione implicita ed esplicita, elencando una serie di casi in cui la prima è obbligatoria. 
"Ho scelto il vestito affinché io potessi indossarlo", "Ho dubitato spesso che io potessi farcela", "Non so se io possa partire", "Credo che mi sia sbagliato" sono da considerarsi sbagliate, anche se la specificazione del pronome, a parte l'ultimo esempio, fuga ogni dubbio riguardo alla persona cui si riferisce il verbo? 
Relativamente alla penultima frase, se sostituissimo il congiuntivo con il futuro indicativo, si migliorerebbe la qualità del linguaggio?
"Non si può escludere di dover prendere provvedimenti" o "Non si può escludere che dovremo prendere provvedimenti"?
"Non dobbiamo dimenticarci che non sappiamo mai abbastanza" è giusta o anche in questo caso sarebbe meglio la costruzione implicita?
"Non c’è motivo che io parli” o “non c’è motivo per/di parlare"?
"I ragazzi erano sul pianerottolo che aspettavano (o ad aspettare?) l’ascensore".