Ho scorto in letteratura questi esempi, scritti peraltro da autori di grande caratura:
"Dopo che fummo usciti dalla stanza, ella si portò in sala da pranzo".
"Dopo che abbiamo parlato, è accaduto un fatto strano".
"Dopo che ci eravamo salutati, l’ispettore mi mise a parte di una confidenza".
"Dopo che eravamo entrati nel locale, ho detto al barman…"
"Dopo che sua moglie fu estromessa dall'eredità, Giulio ha perso la testa".

Come vedete, ho raccolto con l'aiuto di mio figlio tutti gli incroci (per così dire) possibili, tra passato remoto e passato prossimo nelle principali e i trapassati nelle secondarie. Ho letto le discussioni con cui avete affrontato l’argomento, in particolare la 2800183, ma mi sono permesso ugualmente di avanzare la richiesta di ulteriori chiarimenti. Apprezzerei molto la vostra opinione sui suddetti esempi.
Un'ultima curiosità: in un noto testo grammaticale, per illustrare l’uso di dopo che nelle temporali si trova questo periodo: "di intese programmatiche si discuterà dopo che gli alleati prenderanno atto…". Do per scontato che il costrutto sia corretto; ma per esemplificare la regola standard, non sarebbe stato meglio propendere al futuro anteriore avranno preso atto?