La sua curiosità non mi pare trovi conferma nell'uso reale dell'italiano; come dimostrano gli esempi da lei riportati ("Appartengo a 'la Chiesa di…'", "Sono diventato parte de 'la Chiesa di…'". "Mi è arrivata una lettera da 'l'Agenzia delle Entrate'"), l'articolo determinativo è richiesto anche davanti ai nomi di organizzazioni, a meno che queste non siano designate da titoli assimilati a nomi propri (ad es.: "A Natale sarà presentato il nuovo telefonino di Apple", che non esclude, comunque, l'articolo), oppure non sia necessario distinguere il nome dell'organizzazione dal sintagma comune (ad es.: "Medici senza frontiere ha lanciato una campagna", non "I medici senza frontiere hanno lanciato una campagna"). Per quanto riguarda le preposizioni articolate, tra l'altro, non c'è alcun problema nello scrivere dell'Agenzia delle Entratedella Chiesa evangelica o simili, visto che l'articolo non fa parte del nome dell'organizzazione. Diversamente, qualche dubbio possono suscitare le preposizioni che entrano in conflitto con articoli integrati nei nomi, come avviene, ad esempio, nei titoli di romanzi o altre opere. In questo caso, alcuni propendono per la separazione tra la preposizione e l'articolo: "Ho letto un saggio su I promessi sposi"; si tratta, però, di un'operazione artificiosa, che produce un'inesistente sequenza preposizione + articolo. Risulta, pertanto, preferibile sacrificare l'unitarietà del titolo unendo, come di norma, la preposizione e l'articolo: "Ho letto un saggio sui Promessi sposi". Tale consiglio vale per tutti i casi del genere: "Ho ascoltato un disco dei Nomadi" ecc.
Fabio Ruggiano