Più volte abbiamo lamentato l'inadeguatezza delle categorie dell'analisi logica per spiegare le relazioni sintagmatiche, e soprattutto per spiegare come usarle per comporre il testo in modo chiaro ed efficace. Detto questo, però, cerchiamo di usare al meglio questo quadro interpretativo, ancora dominante nella scuola.
Nessuno dei complementi da lei ipotizzati calza con questo caso. Se considerassimo per intenditori complemento di limitazione la frase significherebbe che il vino esiste solamente per quanto è a conoscenza degli intenditori, qualcosa come "Per gli intenditori, questo vino esiste" (e si noti che senza l'articolo gli davanti a intenditori non è proprio possibile formulare questa ipotesi. Se lo considerassimo complemento di vantaggio avremmo come conseguenza che il vino sarebbe a vantaggio degli intenditori; una bizzarria logica. L'assenza dell'articolo, inoltre, rende difficile anche questa interpretazione. 
Bisogna rilevare, invece, che per intenditori equivale a un aggettivo (raffinatosofisticatocomplesso o simili): il sintagma va, pertanto, equiparato a un nome del predicato, che, insieme al verbo essere in funzione di copula, forma un predicato nominale. L'assenza dell'articolo davanti a intenditori suggerisce proprio che l'espressione si sia cristallizzata, cioè sia diventata un tutt'uno, quasi una singola parola (i linguisti chiamano queste parole fatte di più parole unità polirematiche).
Se invece di per intenditori avessimo per gli intenditori, il sintagma sarebbe meglio descritto come complemento di fine, come se la frase significasse 'questo vino è fatto per essere apprezzato dagli intenditori (e probabilmente solo da loro)'.
Fabio Ruggiano