La preposizione più comune con il verbo incidere è su, sia quando il verbo assume il significato di 'influire profondamente' (incidere sul carattere), sia quando prende quella specialistica del diritto di 'gravare negativamente' (incidere sul reddito). La ricerca di "incidere nella sfera" in Internet con il motore di ricerca Google mostra che l'espressione è piuttosto diffusa, ma solamente in ambito specialistico, mentre "incidere sulla sfera" è di gran lunga preferita nella lingua comune ("Fare l'amore allunga la vita e incide sulla sfera lavorativa", titolo di un articolo del Giornale del 13 settembre 2015), con diversi esempi anche specialistici. La preferenza per la preposizione su è coerente con la semantica del verbo, che metaforizza una caduta su una superficie; ricordiamo, infatti, che l'etimologia del verbo è IN + CADERE 'cadere su'. Nel suo caso specifico, poiché il complemento oggetto è rappresentato da un luogo figurato, o meglio ancora da un ambiente figurato, è naturale essere indotti a usare in, perché l'atto dell'incidere si configura, diversamente dal solito, come un ingresso nell'ambiente. 
In conclusione: entrambe le preposizioni sono corrette; tra le due, su è più comune e da preferire nella lingua comune, in è adatta, ma non obbligatoria, all'ambito specialistico.
Da scartare, invece, incidere la sfera, che è frutto della confusione tra i due omografi incidere 'influire' e incidere 'intagliare'. Quest'ultimo, non il primo, regge il complemento oggetto (ad esempio incidere un disco...).
Fabio Ruggiano