La posteriorità nel passato si esprime con il condizionale passato, dunque, a rigore, la forma corretta del periodo da lei segnalato è la seguente: "Quei profondi occhi castani, che si puntavano dritto nei miei,
sembrava volessero scrutarmi nelle profondità del mio essere per capire se si sarebbero
potuti fidare di me", o, in alternativa, "se avrebbero potuto fidarsi di me", in virtù della doppia possibilità di ausiliare con l'infinito dipendente dal servile potere. Come osserva lei, anche l'imperfetto congiuntivo andrebbe bene ("si potessero fidare"), visto che il rapporto di contemporaneità nel passato non esclude che l'azione si protragga anche nel futuro (del passato).

Fabio Rossi