Nel suo esempio laddove ha il valore di avverbio, del tutto equivalente a là dove. La proposizione introdotta da questo connettivo spesso esclude il congiuntivo: "Laddove un tempo crescevano solo i fiori del male ora sono stati piantati semi di iris, glicine e narciso" (repubblica.it, 2018). Il congiuntivo è ammesso, sebbene non obbligatorio, quando, come nel suo esempio, la proposizione ha una forte sfumatura eventuale. Quando è usato, esso produce anche un innalzamento della formalità della frase. 
Oltre che da avverbio, laddove può fungere da congiunzione avversativa (analoga a mentre), costruita obbligatoriamente con l'indicativo (fatta salva la possibilità, sempre valida, di sostituire l'indicativo con il condizionale): "ma in alcuni casi questo stesso vizio può portare all'errore esattamente opposto, decretando la pura e semplice insopportabilità del dolore altrui, laddove invece quel dolore non è affatto insopportabile, o non lo è ancora" (Sandro Veronesi, Caos calmo, 2006).
Può, infine, essere una congiunzione condizionale; in questo caso obbligatorio è il congiuntivo (prevedibilmente, visto che quest'uso è raro e altamente formale): "Laddove Luca lo desideri, può raggiungerci più tardi".
Fabio Ruggiano