Come giustamente ricorda Lei, sebbene l'accordo grammaticale richieda il femminile con l'allocutivo di cortesia Lei, l'italiano comune prevede che, per gli aggettivi connessi a un destinatario maschile, si violi l'accordo preferendo il maschile al femminile. Tuttavia questo non può accadere per l'accordo del participio passato, dal momento che l'accordo al maschile lascerebbe intendere, erroneamente, che ci si riferisse, non deitticamente, a qualcuno diverso dall'allocutario. Infatti, nell'esempio da Lei fornito, “Signor Verdi l’avrei chiamata" è l'unica forma corretta per rivolgersi all'uomo cui ci si sta rivolgendo, laddove, invece, "l’avrei chiamato" si riferirebbe ad altro uomo esterno alla conversazione. Naturalmente, in caso di allocutaria, il fraintendimento rimane, sebbene nel contesto dialogico l'interpretazione preferenziale sia sempre quella del riferimento alla persona cui si sta dando del Lei: "Signora l'avrei chiamata". Ovviamente sarebbe la stessa forma anche se il "chiamata" si riferisse ad altra persona: "L'avrei chiamata, sua figlia".

Fabio Rossi