Vanno bene entrambe le soluzioni, in italiano. L'una, più tradizionale (quadri orari, moduli orari), tratta il secondo termine come aggettivale e dunque lo accorda col sostantivo precedente, mentre l'altra (più sul modello inglese, e dunque forse meno apprezzata in uno stile più tradizionale) tratta orario come sostantivo con ellissi della preposizione reggente: cioè quadro orario = quadro dell'orario. I sintagmi con omissione della preposizione (come anche, ad es., monte ore), ancorché ammissibili, hanno spesso un sapore tra il tecnologico e il burocratico sgradito ai palati più raffinati e pertanto, se possibile, potrebbero essere utilmente sostituiti dai costrutti più tradizionali (quadri orari, moduli orari, monte orario ecc.).

Fabio Rossi