"dire bello a": scelte lessicali e morfosintattiche