Il confine sottile tra impersonale e passivato