L'ambiguità del "tipo"