"Mentre" e la contemporaneità