Il "né" che rafforza