Quando il presente prende il posto del futuro