Quando si mettono a confronto due avverbi, il secondo è introdotto sempre da che: meglio prima che dopomeglio dopo che primameglio bene che velocemente...
Anche in questo caso si userebbe che se l'avverbio che rappresenta il primo termine di paragone fosse esplicitato: più bella ora che prima. Senza l'avverbio ora si può ancora usare che (più bella che prima), ma la frase suona strana, perché sembra che si stia facendo un confronto, impossibile, tra l'aggettivo bella e l'avverbio prima. La forma più bella di prima permette di evitare questa ambiguità (la preposizione di, infatti, indica una relazione più ampia rispetto a che). Più bella di prima è, quindi, preferibile a più bella che prima
Fabio Ruggiano