​La frase non è ben formata. La proposizione ipotetica incidentale "qualora diventassi ricco" non è la protasi del periodo ipotetico, ma è subordinata alla protasi (e non sintatticamente necessaria), che è "Se facessi del bene al prossimo". Quindi, innanzitutto, il condizionale farei va sostituito con il congiuntivo imperfetto facessi. Noto anche che la protasi con il congiuntivo imperfetto è subordinata a una apodosi con l'indicativo presente, significa. Questo non può essere considerato un errore, ma è certamente una scelta insolita, visto che l'indicativo esprime la certezza del parlante su quanto sta dicendo, mentre la protasi al congiuntivo imperfetto esprime la possibilità che qualcosa avvenga. Insomma, il modello sottostante alle frase così formulata è: 'se si verificasse un evento ciò comporta una conseguenza'. La formulazione più comune in questo caso sarebbe, invece, "Se, qualora diventassi ricco, facessi del bene al prossimo, significherebbe che, di base, la mia natura è buona"; con il condizionale significherebbe si esprime con chiarezza che la conseguenza è, appunto, condizionata dalla possibilità che si verifichi l'evento indicato nella protasi. La proposizione oggettiva "che, di base, la mia natura è buona", infine, può essere costruita anche con il congiuntivo ("che, di base, la mia natura sia buona"), se si vuole elevare il registro dell'intera frase.
Fabio Ruggiano